Home > biodiversità, coste, difesa del territorio, mare, paesaggio, società, sostenibilità ambientale > Lido di Dante: cementificata anche la foce del Fiumi Uniti. Storia di un capanno ricostruito in mezzo al mare.

Lido di Dante: cementificata anche la foce del Fiumi Uniti. Storia di un capanno ricostruito in mezzo al mare.


Ravenna, foce Fiumi Uniti, capanno ricostruito (ott. 2021)

Lido di Dante, la fragilissima area golenale e la relativa foce del Fiumi Uniti hanno una nuova veste, qualcosa che è un po’ palizzata e un po’ trabucco alla romagnola… un ponte verso l’Oriente nella migliore delle tradizioni della cultura della Ravenna Capitale.

Di tutti i capanni costruiti sulle sponde del Fiumi Uniti dagli anni ’50 in poi, uno, il più bello, il primo affacciato sul mare, di autorevoli frequentatori, è da sempre uno dei simboli della località, fotografato e ammirato: costruito intorno agli anni ’50, con accesso diretto dalla spiaggia, perché a quei tempi la linea di costa era a circa 50 mt. più avanti, con due cordoni dunosi a protezione della zona golenale.

La golena, la foce e la linea di costa sono mutabili tanto quanto fragili e in particolare qui, dove la natura ancora ha un peso, questa fragilità è stata vincolata e protetta con provvedimenti di salvaguardia ambientale della Comunità Europea (SIC e ZPS per citarne alcuni).

Fratino (Charadrius alexandrinus) sul nido

Con l’arretramento della linea di costa quel capanno, quello dei “vip”, ha nel tempo perso terreno, trovandosi in pieno spazio marino, al centro della foce, fino a quando una violenta mareggiata lo ha definitivamente cancellato insieme a metri e metri di costa che ogni anno cambia la sua geografia e il suo equilibrio.

Oggi la forte volontà dei legittimi proprietari ha ottenuto la ricostruzione di quel capanno sul mare anzi, in mezzo al mare, come la famosa “rotonda”; e mentre la musica suona tornano alla mente tanti ricordi e nascono molte domande. L’accesso al capanno deve ovviamente avvenire in totale sicurezza per evitare pericoli per i fruitori e quindi robusti pilastri in acciaio e ferro sono i materiali migliori; e in ferro sono anche tutta la passerella, la piattaforma e l’intera struttura del capanno: allora è questa la corretta interpretazione del termine “ingegneria naturalistica” che si impone negli articoli del Regolamento Capanni del Comune di Ravenna, attualmente in vigore e che nessuno ha mai compreso (art. 06.01)?

A proposito di piattaforma: nella nostra memoria il vecchio capanno era sprovvisto di ballatoio perimetrale…se doveva essere ricostruzione allora non doveva forse essere “fedele ricostruzione”?

La fedele ricostruzione, nel rispetto preciso della forma, avrebbe forse consentito, in deroga al Regolamento, il mantenimento delle dimensioni del capanno crollato, che erano ben maggiori di quelle ammesse dal regolamento (art.06.02). Ma il nuovo capanno non sembra essere in linea né con la fedele ricostruzione né con le dimensioni massime indicate dal Regolamento Capanni per le nuove costruzioni (28 mq. art. 06.02).

Cormorano (Phalacrocorax carbo)

Il risultato non è né l’uno né l’altro, è uno strano ibrido che sembra tanto più a favore dei futuri frequentatori che del rispetto dell’ambiente circostante e delle regole in cui è inserito il manufatto.

E ancora: per garantire una maggiore stabilità delle opere a mare, la passerella poggia su una sassaia, ampia, pesante, rigida…ma dov’è finita la naturale flessibilità della linea di costa e della foce (art.07.07)?

E poi c’è lo scarico delle acque (di tutti i tipi)… Non potendo scaricare in mare (speriamo), sono state predisposte enormi vasche di raccolta proprio sulla riva del fiume, sulla foce, a fianco ad altre due recentemente realizzate a servizio di un altro capanno “ricostruito”; forse con le forti correnti che si formeranno queste vasche non sono poi neanche tanto al sicuro e rischiano di finire in mare sottoforma di macerie.

E proprio delle macerie del vecchio capanno crollato vorremmo avere notizie: sono state smaltite o servono anche queste a creare una sorta di “barriera soffolta” per la protezione dall’ingressione marina?

L’unica opzione che ci sovviene e che giustificherebbe tutte queste deroghe è che quel capanno possa essere di “pubblico interesse”, una sorta di BENE COMUNE, uno spazio speciale e un punto di vista privilegiato per chiunque voglia goderne.

Volgendo lo sguardo verso monte, alla ricerca di qualcosa di naturale percorriamo per circa 100 mt. lo stradello che costeggia la riva del fiume, immersi in un ambiente quasi incontaminato…fino a quando non ci imbattiamo in una piazza; un enorme spazio completamente ricoperto da macerie sapientemente tritate e livellate, affacciato sul fiume ben oltre la linea naturale della riva, quasi una balconata che restringe la sezione del fiume proprio in prossimità della sua foce creando forti correnti.

E’ forse la fondazione per un nuovo ponte di collegamento con la sponda nord e con Lido Adriano???

In ogni caso, il risultato di tutto ciò è una foce totalmente artificiale, rigida, pesante (alla faccia dello sprofondamento di 2 cm/anno a cui è sottoposta la costa di Lido di Dante).

Dobbiamo proprio cementificare l’ultimo tratto di costa ravennate ancora (forse per poco) naturale?

Gruppo di Intervento Giuridico odv – Ravenna

Italia Nostra – sezione di Ravenna

Legambiente Ravenna Circolo Matelda

Garzetta (Egretta garzetta)

(foto F.S., S.D., archivio GrIG)

  1. donatella
    ottobre 3, 2021 alle 9:06 am

    servirà di riparo ai Fratini in inverno? O come trampolino di lancio per insegnare ai Cormorani a volare?
    Possibile che si debba, voglia, sciupare proprio tutto?

  2. ottobre 3, 2021 alle 5:09 PM

    da Il Resto del Carlino, 2 ottobre 2021
    “Lido di Dante: cementificata anche la foce dei Fiumi Uniti”.
    Le associazioni ambientaliste puntano il dito contro la ricostruzione di un capanno: https://www.ilrestodelcarlino.it/ravenna/cronaca/lido-di-dante-cementificata-anche-la-foce-dei-fiumi-uniti-1.6870526

    _________________________

    da Ravenna Today, 2 ottobre 2021
    “Cementificata la foce dei Fiumi Uniti. Un capanno ricostruito in mezzo al mare”: https://www.ravennatoday.it/social/segnalazioni/cementificata-la-foce-dei-fiumi-uniti-un-capanno-ricostruito-in-mezzo-al-mare.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: