Home > biodiversità, coste, difesa del territorio, dissesto idrogeologico, giustizia, Italia, mare, paesaggio, pianificazione, società, sostenibilità ambientale > Ville abusive sotto sequestro penale sulla costa di Golfo Aranci.

Ville abusive sotto sequestro penale sulla costa di Golfo Aranci.


I Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Cagliari, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tempio Pausania, hanno posto sotto sequestro preventivo (art. 321 cod. proc. pen.) una lottizzazione abusiva nel complesso Ville del Golfo, sul litorale di Terrata, in Comune di Golfo Aranci (SS).

Undici lussuose ville con piscina, alcune delle quali realizzate nell’alveo di un corso d’acqua tombato, con radicali modifiche rispetto a quanto in origine autorizzato.

Indagate diciassette persone fra progettisti, acquirenti, funzionari pubblici, accusate di ipotesi penalmente rilevanti quali lottizzazione abusiva, abuso d’ufficio e realizzazione di opere in assenza del titolo abilitativo valido.

Il GrIG sostiene e appoggia l’attività di controllo del territorio e del ripristino della legalità ambientale svolta da magistratura e polizia giudiziaria.

Se si giungerà a dibattimento penale, presenterà istanza di costituzione di parte civile a sostegno delle ragioni di tutela ambientale.

Gruppo d’intervento Giuridico odv

Olbia, Tavolara, sequestro preventivo (sett. 2019)

A.N.S.A., 8 giugno 2021

Sequestrate ville sul mare a Golfo Aranci, “tutte abusive”.

Indagate 17 persone tra dirigenti comune, progettisti, compratori.

Undici ville lussuose a due passi dal mare, alcune con piscina, per un valore complessivo di 10 milioni di euro, sono state sequestrate dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Cagliari all’interno del complesso “Ville del Golfo”, in località Terrata a Golfo Aranci, in Gallura. Il provvedimento è stato richiesto dalla Procura di Tempio Pausania, che ha iscritto nel registro degli indagati 17 persone, tutte accusate a vario titolo di lottizzazione abusiva, abuso d’ufficio e realizzazione di opere in assenza del titolo abilitativo valido.

Spiccano il responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune di Golfo Aranci, il progettista, l’amministratore della società di costruzioni, i direttori dei lavori che si sono susseguiti negli anni, ma anche i compratori: 4 cittadini tedeschi e sette italiani che abitano in Lombardia, Lazio e Puglia.

L’indagine, denominata “Paesaggio violato”, è partita nel 2019 quando i carabinieri del Nucleo tutela patrimonio hanno effettuato un controllo sulla lottizzazione in costruzione, scoprendo numerose irregolarità: in alcuni delle ville i piani interrati dichiarati come cantine o locali di sgombero erano stati trasformati in appartamenti, mentre in altri le aree che dovevano rimanere aperte, ad esempio i patii, erano state chiuse per realizzare nuove stanze.

Non solo. Dalle successive verifiche, a cui hanno preso parte anche i funzionari della Soprintendenza di Sassari e consulenti tecnici specializzati sotto il profilo urbanistico e idrogeologico, è emersa una vera e propria lottizzazione abusiva “consistente nella realizzazione di un complesso edilizio radicalmente diverso da quello inizialmente programmato e autorizzato – spiegano i carabinieri – con conseguente trasformazione urbanistica di un territorio di particolare pregio e per questo tutelato da vincolo paesaggistico”.

cartello sequestro preventivo

ALCUNE COSTRUITE SULL’ALVEO DI UN TORRENTE TOMBATO – Non solo patii chiusi per diventati stanze e cantine trasformate in appartamenti, ma interi villini costruiti in aree a rischio. È quanto emerso dagli accertamenti effettuati dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio di Cagliari che oggi, insieme ai colleghi di Firenze e del Reparto Territoriale di Olbia, hanno sequestrato, su disposizione del procuratore di Tempio Pausania, Gregorio Capasso, 11 ville di lusso realizzate nella lottizzazione Terrata – Sottomonte di Golfo Aranci, area dichiarata di notevole interesse poiché caratterizzata da un susseguirsi di quadri naturali creati da promontori granitici emergenti dal mare e dalla flora mediterranea.

Dall’analisi dei documenti si è appreso che alcune delle ville, in barba alle norme edilizie e paesaggistiche, erano state costruite nell’alveo di un torrente tombato e deviato. “Con riferimento a quest’ultimo aspetto – spiegano i carabinieri – sono state ipotizzate responsabilità penali anche per il rilascio ad opera della pubblica amministrazione delle autorizzazioni edilizie in assenza di uno studio di compatibilità idraulica regolarmente approvato o nella fascia di inedificabilità”. Le indagini degli specialisti dell’Arma iniziate nel 2019 con il riscontro delle irregolarità, sono proseguite negli ultimi due anni, sia con ulteriori sopralluoghi che con le analisi documentali, ma anche prestando attenzione agli annunci: dalla consultazione dei siti internet è emerso che alcuni dei locali interrati, e trasformati in appartamenti, venivano regolarmente affittati durante i mesi estivi.

ginepro, mare, cielo

(foto A.N.S.A., S.D., archivio GrIG)

  1. Annamaria Coen
    giugno 9, 2021 alle 5:55 am

    Evviva

    Scarica Outlook per Android

    ________________________________

  2. Mara machtub
    giugno 9, 2021 alle 7:36 am

    Naturalmente chi ha autorizzato in origine i manufatti NON ha controllato. Sempre la solita storia. Che nausea.

  3. Infinito
    giugno 9, 2021 alle 10:57 am

    Ormai costruiscono con pacchetto ”tutto compreso” piscina e denuncia penale incluse nel prezzo.

  4. Donatella Mercatelli
    giugno 9, 2021 alle 2:15 PM

    grazie GriG!

  5. Giovanni Vaccalluzzo
    giugno 9, 2021 alle 2:41 PM

    Arrestare, demolire, e ripristino ambientale.

  6. giugno 9, 2021 alle 8:03 PM

    da Sardinia Post, 9 giugno 2021
    Le 11 ville abusive di Golfo Aranci, Grig: “Siamo pronti a costituirci parte civile”: https://www.sardiniapost.it/cronaca/le-11-ville-abusive-di-golfo-aranci-grig-noi-pronti-a-costituirci-parte-civile/

    __________________________________

    da Il Fatto Quotidiano, 9 giugno 2021
    Sardegna, cantine che diventano appartamenti e cortili chiusi per ricavare nuove stanze: maxi-sequestro per abusi edilizi a Golfo Aranci.
    Le irregolarità non risparmiavano neanche il profilo urbanistico e idrogeologico, trattandosi di un complesso in parte ricadente nella zona dell’alveo di un torrente e per questo pericolosa. In altre parole, l’intero complesso era “radicalmente diverso da quello inizialmente progettato e autorizzato”: https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/06/09/sardegna-cantine-che-diventano-appartamenti-e-cortili-chiusi-per-ricavare-nuove-stanze-maxi-sequestro-per-abusi-edilizi-a-golfo-aranci/6224794/

    ____________________________

    da La Nuova Sardegna, 10 giugno 2021
    Sequestrate 11 ville con piscina.
    Terrata-Sottomonte, sigilli dei carabinieri a beni per 10 milioni di euro. La Procura indaga 17 persone. (Tiziana Simula): https://www.lanuovasardegna.it/olbia/cronaca/2021/06/09/news/sequestrate-11-ville-con-piscina-1.40373282

    ————-

    Società venditrice e costruttrice: «È tutto in regola»: https://www.lanuovasardegna.it/olbia/cronaca/2021/06/09/news/societa-venditrice-e-costruttrice-e-tutto-in-regola-1.40373157

  7. luglio 9, 2021 alle 10:03 am

    senza parole.

    da La Nuova Sardegna, 9 luglio 2021
    Sgombero a villa Nizzi: il sindaco di Olbia lascia la casa di Terrata.
    La villa di Golfo Aranci finita sotto sequestro per presunti abusi edilizi: https://www.lanuovasardegna.it/olbia/cronaca/2021/07/08/news/sgombero-a-villa-nizzi-il-sindaco-lascia-la-casa-di-terrata-1.40478586

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: