Home > "altri" animali, biodiversità, caccia, difesa del territorio, società, sostenibilità ambientale > La Regione Lombardia è in pieno marasma Covid-19 e vuol far sparare ai Cardellini.

La Regione Lombardia è in pieno marasma Covid-19 e vuol far sparare ai Cardellini.


Cardellini (Carduelis carduelis)

La Lombardia, purtroppo, è una delle regioni europee con il più alto numero di persone colpite (e decedute) dalla pandemia di coronavirus Covid-19.

E’ tuttora in balìa di sistematiche carenze, talvolta veri e propri disastri, nel contrasto a una delle peggiori emergenze dei tempi recenti.

Quella Lombardia del sistema sanitario tanto osannato quale campo di eccellenze quanto campo d’elezione di alcuni fra i peggiori scandali degli ultimi anni.

la Regione Lombardia pretende la caccia notturna alla Volpe, agogna al massacro dei Cardellini, degno livello istituzionale di una classe politica che merita sempre più ampia disistima da parte dei cittadini che ancora pensano con la propria testa.

Gruppo d’Intervento Giuridico odv

Isola della Cona (foce dell’Isonzo), Volpe e Nutria (foto Luca Iancer)

In Regione Lombardia si prospetta il più massiccio attacco alla fauna selvatica di tutti i tempi. Impedimento dei controlli, norme a favore del bracconaggio, caccia in deroga anche al cardellino.

Giorno dopo giorno uno sparuto gruppo di politici regionali che rappresenta una minoranza irrilevante dei lombardi lavora per emanare leggi e delibere in palese e conclamata violazione delle norme di tutela dell’ambiente e degli animali, Direttive UE comprese, per tutelare gli interessi privati delle frange più estremiste di cacciatori “sparatutto”.  Deroghe per uccidere i piccoli uccelli protetti, norme che favoriscono il bracconaggio e il commercio illegale di specie protette, e l’approvazione pochi giorni fa di una Delibera per continuare a consentire la caccia degli uccelli migratori nei valichi montani che per legge devono essere vietati alla caccia. Il tutto calpestando e disprezzando le leggi e le plurime sentenze di giustizia amministrativa.

“Inaccettabile questo servilismo nei confronti di una lobby venatoria pronta a chiedere di violare la legge pur di uccidere sempre di più. I legislatori sanno benissimo, ad esempio,  che la protezione nei valichi non è una facoltà ma un obbligo derivante dalla legislazione comunitaria e dalla Legge 157 del 1992 sulla protezione della fauna e regolamentazione della caccia. Eppure in Lombardia ancora si compiono massacri di uccelli in luoghi che sono passaggi obbligatori durante la loro migrazione e trent’anni di battaglie da parte delle Associazioni ambientaliste e di sentenze non sono bastati a renderli, come dovrebbe essere, luoghi di protezione assoluta.

Come se non bastasse le associazioni venatorie, firmatarie di una lettera unitaria indirizzata alla Regione,  esercitano forti pressioni per chiedere alla Giunta di modificare le norme che regolano il possesso di richiami vivi per la caccia, agevolando così il commercio illegale di uccelli e il bracconaggio. Per le Associazioni venatorie lombarde i controlli delle forze dell’ordine “provocano sconcerto e forte insicurezza” tra i loro affiliati, come se questa fosse una ragione accettabile per limitarli; le modifiche richieste agevolerebbero un mercato illegale che genera profitti per milioni di euro.

Fringuello (Fringilla coelebs) e cartuccia

All’ordine del giorno un’altra raffica di modifiche alla Legge Regionale 26/93, la Legge probabilmente più “manipolata” della storia, sempre con l’intento di stravolgere il necessario equilibrio tra la necessità di tutela della fauna selvatica e l’attività venatoria.

Per finire la volontà di riaprire gli impianti di cattura con le reti (roccoli) e sparare in deroga ai piccoli uccelli protetti. Sulla caccia in Deroga arriva la proposta del Consigliere e cacciatore Floriano Massardi (Lega Nord) di permettere la caccia al cardellino, verdone, lucherino, fringuello, peppola, frosone, pispola, storno e tordela.

Un’eventualità del genere ci riporterebbe indietro di 50 anni, permettendo l’uccisione di piccoli uccelli canori, le cui popolazioni sono in costante declino.

Lumezzane, “trincea” di bunker e capanni di caccia

Sparare al cardellino, uccello  tra i più conosciuti ed amati, simbolo della Passione (la leggenda narra che il cardellino si fosse messo ad estrarre le spine dalla corona di Cristo e ferito rimase per sempre macchiato del Suo sangue), raffigurato in moltissime­­ opere d’arte a partire dal medioevo (tra le più famose basti citare la “Madonna del cardellino” di Raffaello), di cui Antonio Vivaldi cercò di imitare il melodioso canto nel concerto per flauto “Il Gardellino”, èun’offesa per la maggioranza dei lombardi stanchi di essere ostaggi di proposte vergognose e uno schiaffo alle politiche dell’Unione Europea  e alla recente sentenza della Corte di Giustizia Europea (sulle catture in Francia) che rappresenta una pietra tombale sulla questione.

“Ci appelliamo veramente a chi, per il ruolo istituzionale che rappresenta, dovrebbe lavorare per il rispetto delle leggi: i consiglieri, i dirigenti e i funzionari ai quali chiediamo il ritorno alla legalità, ognuno per il proprio ruolo. Dopo anni di sudditanza nei confronti dell’estremismo venatorio, la regione Lombardia metta al centro della sua azione le politiche ambientali e sulla tutela della fauna, bene indisponibile dello Stato, e non accontenti uno sparuto gruppo di cittadini, portatori di interessi privati, e allergici alle regole e alla civiltà”.

Associazione Vittime Caccia – CABS – CAI LOMBARDIA – ENPA – GAIA – GOL – Gruppo Intervento Giuridico – LAC – LAV – LEAL – LEGAMBIENTE – LEIDAA – LIPU – PRO NATURA – WWF

Cardellino (Carduelis carduelis)

(foto Luca Lancer, L.A.C., S.D., archivio GrIG)

  1. Donatella
    marzo 26, 2021 alle 11:23 am

    Un giorno il Signore decise di dipingere, coi colori più belli, le piume degli uccelli.

    I più ambiziosi gli svolazzavano intorno impazienti di essere colorati; chi voleva avere le piume tutte gialle, chi le voleva tutte nere, chi verdi, chi rosse…

    Un cardellino, umile e grazioso, se ne stava da una parte e aspettava pazientemente il suo turno.

    Quando tutti furono serviti, non restò che quell’uccellino.

    – Sei stato il più modesto – gli disse il Signore – Per te non c’è rimasto più colore!

    – Pazienza – cinguettò l’uccellino – Resterò come sono. Mi contento anche così!

    Ma il Signore volle premiare la modestia di quel caro uccellino.

    Prese tutti i pennelli e li ripulì sulle sue piume…

    Meraviglia! Quei colori mescolati resero il cardellino l’uccellino più grazioso della creazione.

    PS Nessun virus, nemmeno il Covid, si uccide a fucilate

  2. LaGiraffa
    marzo 26, 2021 alle 12:18 PM

    Parafrasando il GrIG, si potrebbe parlare di Lombardistàn. Altro che modello da seguire..

  3. marzo 26, 2021 alle 10:08 PM

    da Radio Lombardia, 26 marzo 2021
    16 associazioni contro “l’attacco alla fauna selvatica”: https://www.radiolombardia.it/2021/03/23/16-associazioni-contro-lattacco-alla-fauna-selvatica/

    ________________

    da Il Manifesto, 25 marzo 2021
    La Regione Lombardia spara ai cardellini. (Dante Caserta): https://ilmanifesto.it/la-regione-lombardia-spara-ai-cardellini/

    _________________

    da Il richiamo della foresta, 24 marzo 2021
    La Lombardia vuole sparare al cardellino. (Margherita D’Amico): https://richiamo-della-foresta.blogautore.repubblica.it/2021/03/24/la-lombardia-vuole-sparare-al-cardellino/

    _______________

    da Qui Brescia, 23 marzo 2021
    Caccia: “Così alcuni politici preparano in Regione l’attacco alla fauna selvatica”.
    Un gruppo di associazioni mette in guardia contro “uno sparuto gruppo di politici regionali che rappresenta una minoranza irrilevante dei lombardi”: https://www.quibrescia.it/ambiente/2021/03/23/caccia-cosi-alcuni-politici-preparano-in-regione-lattacco-alla-fauna-selvatica/580467/

  4. Mara machtub
    marzo 27, 2021 alle 9:44 PM

    Uno sparuto gruppo di imbecilli? Speriamo siano davvero una minoranza.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: