Mucche e buoi dei paesi tuoi.


mare e coste (foto Benthos)

Piccola, ma bella notizia dalle coste galluresi.

All’Isola (in realtà, una penisoletta) di Coluccia, ritornerà la mandria di bovini allo stato brado che da decenni avevano reso caratteristico quel tratto della costa di S. Teresa di Gallura (SS).

Così come lungo la baia di Piscinnì (Domus de Maria, SU), oggetto di sogni cementizi per troppi anni.

Gli eredi della mandria di ziu Angiuleddu Sanna, allora proprietario dell’area, che conservò gelosamente, rifiutando compensi miliardari (in lire) dall’Aga Khan, Donà delle Rose e Ranieri di Monaco.

Morto a 94 anni nel 1996, le vacche di ziu Agnuleddu cercano di mantenere la libertà, ma vengono quasi tutte uccise a pallettoni, perché ritenute pericolose (2015). 

Nel 2017 acquista Coluccia Marco Boglione, proprietario di importanti marchi di moda, con l’intento di tutelarla e di riportarla allo stato originario, coltivazioni e vacche comprese.

E ora, con la collaborazione del Comune di S. Teresa di Gallura e del Servizio veterinario competente, ritornano anche i bovini allo stato brado.

Un pezzo di paesaggio agrario costiero gallurese che rinasce.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

bovini in spiaggia

da La Nuova Sardegna, 1 ottobre 2020

Il Grig: «È un bene che le mucche di Coluccia ritornino a casa». (Walkiria Bandinelli)

SANTA TERESA. Gli ambientalisti appoggiano la decisione del Comune e dell’azienda agricola proprietaria da tre anni dell’isola di Coluccia di adottare le mucche di zio Agnuleddu. Con un’ordinanza del sindaco Stefano Pisciottu è partito l’iter per la cattura dei bovini cresciuti allo stato brado da 25 anni, che girovagano nella frazione di Porto Pozzo e lungo la statale che attraversa il borgo. Una proposta condivisa con il servizio veterinario della Assl di Olbia che prevede una profilassi per la quindicina di capi, tra cui cinque vitelli e due tori. E la successiva disposizione dell’ente locale, terminata la fase sanitaria, di donare gli animali alla Biru srl, la società agricola proprietaria di Coluccia. «È una scelta positiva – afferma il presidente del Gruppo di intervento giuridico, Stefano Deliperi –. Far tornare la mandria che discende da quella storica di ziu Agnuleddu sull’isola di Coluccia è positivo per l’ambiente, il benessere di residenti, visitatori e turisti. Con questo provvedimento sindacale i bovini inselvatichiti torneranno nella “loro terra”. Essi stessi torneranno a essere una caratteristica di Coluccia. Un plauso al nuovo proprietario e all’amministrazione per la scelta alternativa a quella dell’abbattimento». Dopo 25 anni la mandria torna quindi sull’isola super tutelata. Le operazioni si svolgeranno alla presenza del personale dell’azienda sanitaria e della polizia locale. La presenza dei bovini è un pericolo continuo per gli automobilisti. 

Domus de Maria, Piscinnì, spiaggia
Domus de Maria, Piscinnì, spiaggia con bovini allo stato brado

(foto Benthos, S.D., archivio GrIG)

  1. G.Maiuscolo
    ottobre 2, 2020 alle 9:05 am

    Che bella notizia!…
    Mi riporta a lontani ricordi, quando lungo la costa del “mio” territorio, si frequentava un tratto di mare di straordinaria e “solitaria” ed incontaminata bellezza ( non ci fiada nemmusu…tanto per intenderci) e proprio in quel tratto, un piccolo rio sfociava al mare.

    Tra la piccola foce e la spiaggia …un folto gruppo di mucche, curiose e rispettose, abituate al silenzio e alla serenità del luogo, accettavano la presenza umana, seppur irrilevante. ALLORA. Oi in di’ (oggi) spacciau bobboi… ( la pacchia è finita)

    Bravi gli amministratori galluresi (“con la collaborazione del Comune di S. Teresa di Gallura e del Servizio veterinario competente, ritornano anche i bovini allo stato brado.”)

    Tziu Angiuleddu Sanna ( che sorriderà da dove si trova…) sarà orgoglioso dei suoi figlioli che hanno saputo tener duro. Quando era necessario.

    Le mucche vi saranno grate, come grati siamo noi.

    🐮🐮🐮

  2. Berenice De Matteis
    ottobre 2, 2020 alle 9:25 am

    È una piccola notizia, ma bellissima, un plauso a Marco Boglione e al Comune di S. Teresa di Gallura, con il suo servizio veterinario. E al Gruppo di intervento giuridico per la diffusione di queste notizie!

  3. ottobre 2, 2020 alle 8:44 pm

    Bella notizia! Di questi tempi fa davvero piacere sentirla!

  4. Lucia Tanas
    ottobre 4, 2020 alle 7:57 pm

    Un plauso immenso a chi è riuscito in un altro miracolo!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: