Home > "altri" animali, alberi, biodiversità, difesa del territorio, difesa del verde, paesaggio, società, sostenibilità ambientale, trasporti > Nessuna autorizzazione per il taglio della vegetazione a Bondeno.

Nessuna autorizzazione per il taglio della vegetazione a Bondeno.


Bondeno, Senetica taglio vegetazione (fine apr. 2020)

A pensar male si fa peccato, però…..

Sono pervenute le prime risposte all’istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti inviata (2 maggio 2020) dall’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus per verificare la legittimità o meno dei tagli della vegetazione lungo tratto fra Senetica e Vigarano Pieve, in Comune di Bondeno (FE), presso la ferrovia F.E.R. (ex Suzzara – Ferrara) e il Canale di Cento.

il Comune di Bondeno – Settore Tecnico ha comunicato (nota prot. n. 14054 dell’8 maggio 2020) “che, relativamente all’attività in oggetto, non risultano depositate agli atti di questo Comune richieste di autorizzazione o comunicazioni preventive da parte della Ditta esecutrice o della committente FER, né risulta che sia stato preso alcun contatto telefonico con il personale dell’ente“.

Bondeno, Senetica, taglio vegetazione (fine apr. 2020)

Evidentemente solo in seguito alla notizia dell’esposto e delle vibrate contestazioni,  la Società ferroviaria FER ha ritenuto opportuno comunicare al Comune (n. 13560 del 4 maggio 2020) di aver effettuato i tagli della vegetazione per motivi di sicurezza ferroviaria nel periodo 19 marzo – 20 aprile 2020.

Il Comune ha fatto, inoltre, sapere che “i Carabinieri Forestali stanno effettuando indagini” sulla vicenda.

La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Bologna ha comunicato (nota prot. n. 9779 del 7 maggio 2020) “che a tutt’oggi  non sono pervenute comunicazioni, richieste di pareri o di autorizzazioni da parte della società FER o dal Comune di Bondeno, relative agli interventi in oggetto” e che “un tratto di ferrovia compreso tra la località di Vigarano Pieve e Torre Senetica è situato a fianco di un corso d’acqua“, conseguentemente tutelato con vincolo paesaggistico (art. 142, comma 1°, lettera c, del decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.).

In parole povere, i tagli non erano autorizzati.

Complice la pressoché totale assenza di occhi indiscreti causata dalle disposizioni di confinamento per il contrasto al coronavirus COVID 19, è stato più agevole far fuori alberi e arbusti senza tante spiegazioni.

Lo scenario che si presenta oggi è da Tabula rasa.

Secondo quanto reso noto dalla Società ferroviaria FER, il taglio della vegetazione è avvenuto per ragioni di sicurezza ferroviaria (artt. 52 e 55 del D.P.R. n. 753/1980), che impone il taglio della vegetazione lungo le linee ferroviarie, ma qualsiasi intervento dev’essere legittimamente autorizzato e il periodo non pare proprio in linea con legge e buon senso.

Infatti, nel periodo primaverile ed estivo sono vietati tutti gli interventi che possano disturbare la riproduzione dell’avifauna selvatica (art. 5 della direttiva n. 2009/147/CE sulla tutela dell’avifauna selvatica, esecutiva in Italia con la legge n. 157/1992 e s.m.i.,). Il disturbo/danneggiamento/uccisione delle specie avifaunistiche in periodo della nidificazione può integrare eventuali estremi di reato, in particolare ai sensi dell’art. 544 ter cod. pen.

Ora si aspettano le conclusioni degli accertamenti in corso da parte dei carabinieri Forestale e i conseguenti provvedimenti.

Il Gruppo d’intervento Giuridico onlus sta conducendo in tutta Italia una vera e propria campagna per la correttezza della gestione del patrimonio forestale e del verde pubblico urbano.  E c’è davvero molto da fare…

Gruppo d’intervento Giuridico onlus

Merlo (Turdus merula)

(foto da Più Web Alto Ferrarese, S.D., archivio GrIG)

  1. G.Maiuscolo
    maggio 11, 2020 alle 9:26 am

    E’ vero che stiamo vivendo una situazione molto complicata e difficile, e che la popolazione, per i motivi a tutti noti, sta pensando a come salvare la vita e a come sbarcare il lunario: molti stanno rientrando al lavoro ma tanti altri il lavoro l’hanno perduto e questo complica assai di più l‘esistenza già di per sé complicata.

    Ma è davvero difficile da credere che anche la società più forte e più…”ferrata” in tagli” della vegetazione per ragioni di sicurezza ferroviaria (artt. 52 e 55 del D.P.R. n. 753/1980), possa operare senza le autorizzazioni necessarie e soprattutto decise dagli organi competenti.
    Da una piccola e rapida indagine ( personale e anche piacevole…) si evince che la (…) “Società ferroviaria FER, dal 2012 con la separazione societaria, è il gestore dell’infrastruttura ferroviaria di proprietà della Regione Emilia Romagna” e ancorché il taglio fosse necessario per ragioni di sicurezza (tutto da verificare), come è giusto che sia, ci si chiede, come mai la regione non abbia voluto o non abbia potuto informarne il comune di appartenenza della zona interessata al taglio, visto che (…) qualsiasi intervento dev’essere legittimamente autorizzato”.

    Questo dimostra ancora una volta come tra le varie istituzioni ed i vari Enti NON ci sia alcuna SINCRONA trasmissione di informazione e di comunicazioni ma anzi dimostra che ognuno fa quel che decide di fare, senza tener conto della priorità e della scelta decisionale di chi è preposto per farlo, in barba al dettato…
    (…) “il Comune di Bondeno – Settore Tecnico ha comunicato (nota prot. n. 14054 dell’8 maggio 2020) “che, relativamente all’attività in oggetto, non risultano depositate agli atti di questo Comune richieste di autorizzazione o comunicazioni preventive da parte della Ditta esecutrice o della committente FER, né risulta che sia stato preso alcun contatto telefonico con il personale dell’ente“.

    ECCO…proprio come volevasi dimostrare…
    E mi fermo perché non c’è altro da aggiungere.

    Saluti amari

  2. Rosalba Pereira
    maggio 11, 2020 alle 10:27 am

    Mi piange il cuore! Un danno profondo alla natura. Questi vigliacchi devono pagare sia quelli che hanno ordinato il disastro che quelli che hanno tagliato gli alberi. Poveri giganti! Grande dolore! Ma perchè?

  3. maggio 11, 2020 alle 5:41 pm

    da Estense.com, 3 maggio 2020
    Ferrovia e alberi abbattuti. (Dario Valentini): https://www.estense.com/?p=850334

    ————-

    Alberi abbattuti per sicurezza della ferrovia. (F.E.R.): https://www.estense.com/?p=850791

  4. maggio 11, 2020 alle 7:28 pm

    da Più Web Alto ferrarese, 11 maggio 2020
    Senetica (Fe) – Taglio vegetazione Ferrovia F.E.R. – Al comune nessuna richiesta: https://www.piuweb.net/alto-ferrarese/bondeno-e-dintorni/senetica-fe-taglio-vegetazione-ferrovia-f-e-r-al-comune-nessuna-richiesta/

    _____________

    da Estense.com, 12 maggio 2020
    Indagine in corso sul taglio della vegetazione lungo la ex linea Suzzara-Ferrara.
    L’informazione data dal Comune di Bondeno all’associaizone ambientalista Gruppo d’intervento giuridico che ha fatto un’accesso agli atti sulla legittimità dell’intervento di Fer: https://www.estense.com/?p=851971

  5. Srdn
    maggio 12, 2020 alle 9:25 am

    Corona virus………. Se non c’era avrebbero fatto lo stesso. Il sistema é Italia, ne abbiamo del tempo a far sventolare bandiere tricolore. Come disse già qualcuno “loro non cambiano”

  1. No trackbacks yet.

Rispondi a gruppodinterventogiuridicoweb Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: