Operai forestali e bracconieri.


CFVA, sequestro bracconieri, aprile 2018

sequestro trofei e altri corpi di reato a bracconieri (aprile 2018, foto C.F.V.A.)

Importante operazione della Magistratura cagliaritana e del Corpo forestale e di vigilanza ambientale.

Secondo l’accusa, sarebbe stata scoperta una vera e propria accolita di operai dell’Agenzia regionale Forestas in attività nelle foreste demaniali del Sulcis dedita al bracconaggio e al commercio di carne di Cervo sardo e di Cinghiale.

Foreste demaniali come riserve di caccia private.

L’indagine penale è ancora in corso e si attendono sviluppi.  Si sospettano forniture illecite a ristoranti del Cagliaritano.

Il nostro pieno sostegno a Magistratura e Corpo forestale e di vigilanza ambientale.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Lega per l’Abolizione della Caccia

 

Cervo sardo (Cervus elaphus corsicanus)

Cervo sardo (Cervus elaphus corsicanus)

 

A.N.S.A., 18 aprile 2018

Operai Forestas bracconieri nel parco.

Sette indagati, uccidevano cervi e cinghiali e rubavano legna.

CAGLIARI, 18 APR – Avevano il compito di vigilare, di controllare il perimetro del parco regionale di Gambarussa, nel territorio tra Capoterra e Assemini, per salvaguardare gli animali dai bracconieri e la vegetazione. Invece, secondo quanto accertato dagli uomini del Nucleo investigativo regionale del Corpo forestale, sette operai dell’agenzia Forestas praticavano il bracconaggio per poi rivendere al mercato nero la carne di daini, cervi e cinghiali.
Ma non solo. I sette avrebbero anche rubato della legna dal parco. Gli operai sono stati iscritti nel registro degli indagati con le accuse di furto, peculato e ricettazione.
Questa mattina circa cinquanta uomini del Nucleo investigativo del Corpo forestale regionale con l’aiuto dei colleghi delle Stazioni dell’ispettorato di Cagliari hanno perquisito nel dettaglio le abitazioni degli indagati, recuperando complessivamente 12 tra corna e teschi di cervo, ma anche un quintale di carne e numerose trappole, lacci, reti e tagliole utilizzate per uccidere le prede.
Le indagini del Corpo forestale non sono ancora concluse. Gli investigatori stanno lavorando per capire a chi veniva venduta la legna e soprattutto la selvaggina, se solo a privati o se finisse anche sui tavoli di qualche ristorante.

 

Cinghiali (Sus scrofa meridionalis)

Cinghiali (Sus scrofa meridionalis)

 

da La Nuova Sardegna, 18 aprile 2018

Operai di Forestas bracconieri nel parco di Gutturu Mannu.

Dopo le indagini del Corpo forestale in sette accusati di furto, peculato e ricettazione.

 

trappola per ungulati

trappola per ungulati

 

da L’Unione Sarda, 18 aprile 2018

Caccia di frodo e peculato: nei guai sette operai di Forestas. (Andrea Manunza)

Circa un quintale di carne di cinghiale e cervo sequestrato, sette persone alle quali la Procura potrebbe contestare la caccia di frodo, il peculato, il furto e la ricettazione: è l’esito dell’operazione cominciata questa mattina a Capoterra, e tutt’ora in corso, da parte del Nucleo investigativo regionale della Forestale con le stazioni dell’ispettorato di Cagliari per un’ampia compravendita di selvaggina cacciata abusivamente e rivenduta, con un apposito prezziario, a clienti del paese e del circondario.

I ranger, coordinati dal commissario Ugo Calledda, hanno eseguito numerose perquisizioni a carico di operai dell’agenzia Forestas e sequestrato lacci e tagliole, fil di ferro, carne, trofei di caccia (teste di cervo con le corna).

L’azione di bracconaggio, secondo la ricostruzione della Procura, avveniva all’interno del parco regionale di Gambarussa, ai margini di Monte Arcosu, nei territori di Capoterra e Assemini. Un’attività in corso da tempo durante la quale gli indagati, dei quali ancora non sono stati resi noti i nomi per via delle attività non ancora terminate, avrebbero anche rubato legna (ginepro compreso).

I dipendenti avrebbero avuto il compito di tutelare il patrimonio faunistico del parco e invece, in base alle attuali accuse, andavano a cacciare durante l’orario di lavoro.

Tra loro ci sarebbe anche un capo perimetro. La vicenda è seguita dal pm Alessandro Pili.

 

Cervo sardo (Cervus elaphus corsicanus)

Cervo sardo (Cervus elaphus corsicanus)

 

aggiornamento (21 aprile 2018): ecco chi sono gli indagati.

L'Unione Sarda, 21 aprile 2018

L’Unione Sarda, 21 aprile 2018

(foto C.F.V.A., J.I., S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. Mara machtub
    aprile 20, 2018 alle 7:47 am

    SCHIFOSI.

    • teresa
      aprile 21, 2018 alle 1:20 pm

      Condivido!

  2. aprile 20, 2018 alle 2:46 pm

    sarebbe ora.

    da Sardinia Post, 20 aprile 2018
    Operai Forestas e presunti bracconieri, la Regione: “Possibili licenziamenti”: http://www.sardiniapost.it/politica/operai-forestas-presunti-bracconieri-la-regione-possibili-licenziamenti/

  3. Patrizia Pili
    aprile 27, 2018 alle 12:21 am

    Felicissima che abbiano scoperto questo traffico. E trovo vergognoso che persone con regolare contratto di lavoro si siano macchiate di bracconaggio invece di salvaguardare la fauna dei nostri territori. E spero che siano punita in modo esemplare .

  1. aprile 20, 2018 alle 12:21 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: