Home > "altri" animali, biodiversità, caccia, difesa del territorio, parchi naturali, pianificazione, società, sostenibilità ambientale > Riunione interlocutoria sul futuro dei Daini del Parco naturale regionale di Porto Conte.

Riunione interlocutoria sul futuro dei Daini del Parco naturale regionale di Porto Conte.


instagramcapture_f3e1f44a-81af-4c00-bafb-91052f722694

Alghero, Isola Piana

Si è tenuta l’8 marzo 2018 presso l’Assessorato della difesa dell’ambiente della Regione autonoma della Sardegna una riunione sul futuro dei Daini (Dama dama) nel Parco naturale regionale “Porto Conte”.

Vi hanno preso parte il Capo Gabinetto dell’Assessorato dott. Franco Corosu, funzionari dell’Assessorato, del Corpo forestale e di vigilanza ambientale, tecnici dell’Agenzia Forestas, i vertici del Parco naturale regionale “Porto Conte”, i rappresentanti del Comune di Iglesias, del Consorzio per il Parco del Monte Arci, del Comune di Alghero, ricercatori dell’Università degli Studi di Sassari e rappresentanti di WWF, Legambiente, Italia Nostra e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus.

Daini (Dama dama)

Daini (Dama dama)

Com’è noto, la densità eccessiva del Daino nell’area di Porto Conte – Porto Ferro (secondo l’ultimo censimento curato dal Parco nel 2017 vi sarebbero 386 esemplari) ha causato un crescente numero di incidenti stradali e di danni all’agricoltura.

Il piano quinquennale di contenimento della fauna selvatica predisposto dopo lunga analisi scientifica dalla Provincia di Sassari insieme al Parco e con la collaborazione dell’Università degli Studi di Sassari prevede, con parere favorevole dell’I.S.P.R.A. e parere favorevole del Comitato regionale faunistico, l’abbattimento di un certo numero di esemplari di Daino (dovrebbero essere 58 nel 2018).

Nel corso delle riunione è emerso che la prima proposta verteva sul trasferimento degli esemplari in eccesso, ma avrebbe trovato il parere negativo dell’I.S.P.R.A. sulla base delle Linee guida per la gestione degli Ungulati (2013, pagg. 127-128) e del fatto che il Daino – pur presente dall’epoca fenicia e romana –  non sarebbe considerato autoctono ai sensi del D.M. 19 gennaio 2015.

Sarebbe un banale migrante extracomunitario, insomma.

Tuttavia – come sostenuto con forza dal Gruppo d’Intervento Giuridico onlus – le doppiette non sono l’unica soluzione, anzi, gli esemplari ritenuti in eccesso possono essere catturati e trasferiti in altre Foreste demaniali della Sardegna.

E’ necessaria la volontà e il buon senso.

costa-di-punta-cristallo

Alghero, costa di Punta Cristallo

Infatti, il Daino è attualmente presente in Sardegna soltanto nel parco naturale regionale “Porto Conte” e in poche altre Foreste demaniali della Regione autonoma della Sardegna (Pixina Manna, Neoneli, Limbara) con un numero estremamente contenuto di esemplari (circa 700)[1].      Nel Parco naturale regionale “Porto Conte” c’è la massima densità in Sardegna, perché per troppi anni non è stato affrontato il problema con la necessaria visione d’insieme con riferimento all’intero territorio regionale.

La stessa Carta delle vocazioni faunistiche della Sardegna (pagg. 256-259, 2005, revisione 2012) indica varie aree naturali (Goceano, Marghine, Limbara, Barbagia, Monte Arci, ecc.) per la potenziale reintroduzione e un numero di 17.360 esemplari quale sopportabile dal territorio isolano.

I pareri espressi dall’I.S.P.R.A. in materia di gestione faunistica (artt. 18-19 della legge n. 157/1992 e s.m.i.) sono, per giurisprudenza costante, obbligatori, ma non vincolanti, così come le Linee guida: in buona sostanza, è possibile discostarsi con provvedimenti motivati sotto il profilo tecnico-scientifico, in questo caso determinato dall’esiguità della popolazione sarda e proprio dalla Carta delle vocazioni faunistiche della Sardegna.

La cattura e il trasferimento dei Daini in eccesso in altre Foreste demaniali sarde dovrebbe essere la scelta prioritaria da parte della Regione autonoma della Sardegna, basta il semplice buon senso.

Alghero, Capo Caccia

Alghero, Capo Caccia

Ma il buon senso e la sensibilità ambientale, per fortuna, sono comunque diffusi: il sindaco di Morgongiori e presidente del Consorzio per l’istituzione del parco naturale del Monte Arci Renzo Ibba ha confermato la disponibilità ad accogliere i Daini in esubero, confermata anche la disponibilità espressa dall’Amministrazione comunale di Iglesias per la Foresta demaniale del Marganai.

Dal Parco e dalla Provincia di Sassari è stata analogamente espressa la massima disponibilità a soluzioni incruente, così come l’Assessorato regionale della difesa dell’ambiente ha manifestato la necessità di coinvolgere le Province del Sud Sardegna e di Oristano per la predisposizione di piani alternativi di gestione del Daino.

E’ semplicemente assurdo e un po’ ridicolo che la presenza di soli 700 Daini in tutta la Sardegna possa costituire un problema.

Qualche segnale positivo, comunque, il resto si vedrà nei prossimi tempi.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

___________________________

[1] Si ricorda che il Daino in Sardegna, introdotto in epoca fenicia e romana, si estinse proprio a causa della caccia (nel 1968 venne uccisa l’ultima esemplare a S’Arcu e su Cabriolu, sul Massiccio dei Sette Fratelli).  Venne in seguito reintrodotto con esemplari provenienti in buona parte della Tenuta presidenziale di San Rossore.

 

Daino

Daino (Dama dama)

(foto S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. ottobre 15, 2018 alle 5:00 pm

    a Teulada.

    A.N.S.A., 15 ottobre 2018
    Salvato daino impigliato in recinzione.
    Dopo immobilizzazione,palco è stato districato da rete metallica: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2018/10/15/salvato-daino-impigliato-in-recinzione_2292c7d7-4dbb-4bcb-8ee3-4a46039d12d3.html

  1. ottobre 19, 2018 alle 10:47 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: