Più attenzione per lo stagno di Sal’e Porcus.


Airone bianco maggiore (Ardea alba)

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inoltrato (4 luglio 2017) un atto di intervento nel procedimento di valutazione ambientale strategica (V.A.S.) relativa al piano di gestione della zona di protezione speciale (Z.P.S.) “Stagno di Sal’e Porcus (codice IT034007), una delle zone umide più importanti sul piano naturalistico di tutto il territorio nazionale.

Diverse le richieste:

* l’eliminazione della previsione della realizzazione di isolotti artificiali nella zona umida contenuta nella tabella 1 dell’elencoschede azione del piano di gestione (scheda IA01) “Costruzione di isolotti artificiali per la nidificazione di differenti specie di laridi, sterne, trampolieri e limicoli…”.    Esistono già tre isolotti naturali, sede di nidificazione di specie avifaunistiche, mentre ulteriori isolotti di natura artificiale incrementerebbero i posatoi per i Cormorani (Phalacrocorax carbo) con indubbia crescita delle frizioni con i pescatori. L’obiettivo dell’incremento della nidificazione di specie avifaunistiche sarebbe agevolmente raggiungibile con le azioni della successiva scheda IA02, azioni di autentica tutela ambientale degli oltre dieci chilometri di fascia perimetrale, a oggi in completo abbandono alle condotte di agricoltori irresponsabili che arrivano persino ad arare centinaia di metri di sponde;

Stagno e nuvole (foto di Cristina Verazza)

* l’eliminazione di quanto previsto nella scheda IA06 “riconfigurazione del collegamento storico tra lo stagno di Is Benas e lo stagno di Sale ‘e Porcus”, perché non corrispondente allo stato di fatto: il livello del mare e della superfice dell’acqua nello Stagno di Is Benas è più basso di circa un metro rispetto al fondo di Sal’e Porcus, con il ripristino del collegamento oggi interrotto dalla strada provinciale n. 10  – pur auspicabile – l’acqua defluirebbe da Sal’e Porcus verso Is Benas (non il contrario), determinando prolungamenti delle secche estive;

* l’ampliamento dell’area interdetta alla caccia, che, attualmente, può esser effettuata lungo le sponde della zona umida.

Richieste finalizzate a una migliore gestione della pregevolissima zona umida d’importanza internazionale di cui il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus auspica l’accoglimento.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

Airone bianco maggiore, Fenicottero rosa, Garzetta

da L’Unione Sarda, 6 luglio 2017

San Vero Milis, gli ambientalisti chiedono più tutela per lo stagno di Sal’e Porcus.

Più attenzione per lo stagno di Sal’e Porcus, nel territorio di San Vero Milis. (Sara Pinna)

Chi chiede la tutela di uno delle zone umide più importanti di tutto il territorio nazionale è l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico.

Gli ambientalisti chiedono alla Regione e al Comune di San Vero Milis di modificare il piano di gestione adottato nel 2015 dagli amministratori sanveresi.

Le richieste, prima dell’approvazione definitiva, sono tante. La prima è l’eliminazione della previsione della realizzazione di isolotti artificiali. Secondo Stefano Deliperi, responsabile del Gruppo di intervento, “esistono già 3 isolotti naturali, sede di nidificazione di specie avifaunistiche, mentre ulteriori isolotti di natura artificiale incrementerebbero i posatoi per i cormorani”.

Altra richiesta: l’eliminazione della riconfigurazione del collegamento storico tra lo stagno di Is Benas e quello di Sale’e Porcus, “perché non corrispondente allo stato di fatto – continua Deliperi – visto che il livello del mare e della superficie dell’acqua nello stagno di Is Benas è più basso di circa un metro rispetto al fondo di Sal’e Porcus. Con il ripristino del collegamento oggi interrotto dalla strada provinciale 10 l’acqua defluirebbe da Sal’e Porcus verso Is Benas, determinando prolungamenti delle secche estive”.

Infine viene richiesto l’ampliamento dell’area interdetta alla caccia, che, attualmente, può essere effettuata lungo le sponde della zona umida.

 

Tarabusino (Ixobrychus minutus)

(foto Cristiana Verazza, C.B., S.D., archivio GrIG)

 

Annunci
  1. Mara
    luglio 8, 2017 alle 8:51 am

    Ottimo, GRIG. Anche alcuni altri stagni temporanei dell’oristanese sono in pericolo perché gli agricoltori ne stanno rosicchiando poco a poco la superficie, una pratica assurda: distruggono un habitat solo per un pugno di terra in più. I controlli latitano…

    • Porico
      luglio 8, 2017 alle 11:23 am

      Con poca spesa, usando i tecnici d’ufficio ,sia la Regione che il demanio dello Stato potrebbero far fronte ai loro doveri .Foto aeree e restituzione cartografica ,ripristino dei confini e multe, come per legge, a chi ha occupato abusivamente aree pubbliche.

  2. luglio 9, 2017 alle 12:01 pm

    sa solo il Cielo dove abbiamo detto “no ai Cormorani”…

    da Link Oristano, 4 luglio 2017
    Stavolta anche gli ambientalisti dicono no ai cormorani.
    Il Gruppo di intervento giuridico chiede modifiche al piano per lo stagno di Sal’e Porcus e una maggiore tutela: http://www.linkoristano.it/prima-categoria/2017/07/04/stavolta-anche-gli-ambientalisti-dicono-no-ai-cormorani/#.WWH-jNSLRkh

  3. luglio 9, 2017 alle 12:05 pm

    non vanno “limitati” i Cormorani, vanno “limitati” i posatoi nel bel mezzo dello Stagno e così le occasioni di “frizione” con la pesca 😉

    da La Nuova Sardegna, 7 luglio 2017
    Sal’e Porcus, no ad isolotti: i cormorani vanno limitati.
    Il Gruppo di intervento giuridico propone modifiche al Piano di gestione «Altrimenti si rischia un arrivo ancora più massiccio di uccelli nello stagno». (Michela Cuccu): http://www.lanuovasardegna.it/oristano/cronaca/2017/07/07/news/sal-e-porcus-no-ad-isolotti-i-cormorani-vanno-limitati-1.15589807

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: