Home > acqua, alberi, biodiversità, coste, difesa del territorio, difesa del verde, paesaggio, sostenibilità ambientale > Perché tagliare la vegetazione lungo le sponde del Rio Geremeas?

Perché tagliare la vegetazione lungo le sponde del Rio Geremeas?


Quartu S. Elena, Rio Geremeas, lavori sponda sinistra (feb. 2017)

Quartu S. Elena, Rio Geremeas, lavori sponda sinistra (feb. 2017)

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inoltrato (21 febbraio 2017) una specifica richiesta di informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti riguardo i lavori di asportazione della vegetazione riparia lungo la sponda sinistra del Rio Geremeas, nel tratto a un centinaio di metri dalla foce, in Comune di Quartu S. Elena (Area metropolitana di Cagliari).

Le sponde del corso d’acqua sono ricche di vegetazione e di fauna selvatica e già in passato (2012) sono state interessate – nei tratti a monte – da lavori di messa in sicurezza poco coordinati fra loro.

Sono stati interessati la Direzione generale Pianificazione Territoriale e Vigilanza Edilizia della Regione autonoma della Sardegna, la Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Cagliari, il Comune di Quartu S. Elena, il Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus auspica che venga fatta chiarezza su ambito e finalità dei lavori svolti, soprattutto con la speranza che non costituiscano il preludio per nuovi scempi ambientali.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

 

L'Unione Sarda, 24 febbraio 2017

L’Unione Sarda, 24 febbraio 2017

(foto J.I., archivio GrIG)

Advertisements
  1. kurosawa
    febbraio 22, 2017 alle 9:39 am

    Perchè la vegetazione (in taluni casi) negli argini può innescare meccanismi di dissesto negli stessi.

  2. febbraio 22, 2017 alle 7:01 pm

    da Cagliaripad, 22 febbraio 2017
    Rio Geremeas, Gruppo d’Intervento Giuridico onlus: “Basta scempi ambientali”.
    Le sponde del Rio Geremeas sono ricche di vegetazione e di fauna selvatica e già in passato sono state interessate – nei tratti a monte – da lavori di messa in sicurezza: http://www.cagliaripad.it/news.php?page_id=45676

    • kurosawa
      febbraio 22, 2017 alle 10:15 pm

      è una prassi tecnicamente acquisita: in tutti i manuali di costruzioni idrauliche (da Deppo, ad es.) è spiegato cosa, la vegetazione, può arrecare se insiste sul corpo dell’argine.

      • febbraio 22, 2017 alle 11:54 pm

        il suo è un concetto chiaro, non è necessario ripeterlo più volte.
        Nè lei nè noi sappiamo, però, se questo sia il caso e come stiano veramente le cose.
        Proprio per sapere se vi siano autorizzazioni e quali siano i motivi dei lavori abbiamo presentato l’istanza di informazioni ambientali.
        Anche perchè l’eliminazione della vegetazione riparia attualmente riguarda solo un tratto di alcune decine di metri e su una sola sponda.

        Stefano Deliperi

      • kurosawa
        febbraio 23, 2017 alle 7:57 am

        mi sembra di vedere che in sx idraulica ci sia una leggera curvatura (tratto in erosione e quindi opere di difesa spondale) nonchè una strada da proteggere

      • Juri
        febbraio 23, 2017 alle 11:49 am

        Si tratta di un’area di elevato valore ecologico e paesaggistico e verificare che un intervento così impattante abbia ricevuto tutte le necessarie autorizzazioni mi sembra davvero il minimo.
        Poi a seguire si possono fare tutte la valutazioni che vogliamo sul bilancio tra utilità e danni arrecati da un simile intervento.
        Io, per esempio, penso che se anche autorizzato un simile intervento sia deleterio perchè fa tabula rasa dell’ecosistema dello splendido tratto di foce del rio Geremeas (già fortemente compromesso dalle folli lottizzazioni degli anni 80 realizzate in alveo).

  3. febbraio 24, 2017 alle 5:48 pm

    In cosa rientra? In regimentazione spondale o fluviale? Regolazione delle specie spondale o sostituzione di specie? Queste domande sono fondamentali per capire se rientra in un progetto di sistemazione fluviale giustificato? Altrimenti diventa un semplice e orrido disboscamento.

  4. marzo 6, 2017 alle 2:52 pm

    con nota prot. n. 8266/TP/CA-CI del 2 marzo 2017 il Servizio Tutela paesaggistica di Cagliari della Regione autonoma della Sardegna ha comunicato che il Servizio “non ha riscontrato nel proprio archivio la presenza di pratiche riconducibili ai lavori oggetto della segnalazione”.
    Ha chiesto al Comune di Quartu S. Elena e all’Assessorato della Difesa dell’Ambiente della Regione autonoma della Sardegna “di comunicare ogni informazione utile al riguardo”.

  1. febbraio 22, 2017 alle 11:23 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: