Il Sulcis merita un futuro migliore.


S. Antioco, costa e mare

Il comitato Porto Solky, Italia Nostra Sardegna, WWF e Gruppo di Intervento Giuridico onlus hanno presentato (10 febbraio 2019) al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (CS LL.PP.) un atto di “osservazioni“ per ottenere la rimodulazione dei 57,5 milioni di euro, oggi previsti per l’inutile e dannoso nuovo ponte di S. Antioco, a favore della messa in sicurezza delle principali arterie del Sulcis, nonchè per la realizzazione del nuovo porto polifunzionale di Sant‘Antioco che permetterebbe una reale ricaduta nella cantieristica e nel turismo.

Il nuovo ponte, in realtà è un viadotto di 2 km e 25 piloni, connesso alla nuova circonvallazione.

Si tratta anche di anacronistiche opere portuali previste 60 anni fa, che stanno compromettendo la pianificazione del nuovo porto, e le preoccupanti criticità a carico delle aree ex Sardamag sulle quali dovrebbe nascere la ricettività di più alto livello tramite il recupero delle sue volumetrie industriali (35.000 metri cubi per strutture ricettive e 15.000 metri cubi per la realizzazione di un complesso residenziale).

Mare

Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (CS LL.PP.) a breve dovrà esprimersi in merito alla fattibilità delle opere, quindi il comitato Porto Solky congiuntamente a Italia Nostra Sardegna, WWF e Gruppo di Intervento Giuridico onlus, hanno presentato le loro „osservazioni“ al CS LL.PP. affinchè si possano bloccare definitivamente le opere contestate e rendere così rimodulabili i 57.5 milioni di euro a favore di opere effettivamente utili per la rinascita del Sulcis:

Porto polifunzionale di Sant’Antioco – golfo di Palmas

Messa in sicurezza della SS 126 tra Sirai e San Giovanni Suergiu

Realizzazione dell’anello di raccordo tra la rotatoria di is Cordeddas (ex Calcidrata)-Matzaccara-Portoscuso- Sirai

Le osservazioni inoltrare al CS LL.PP. saranno inviate formalmente anche a tutti i Sindaci interessati dal Piano Sulcis per una auspicabile condivisione in modo tale da rafforzare le posizioni già espresse dal Comune di Sant’Antioco e formare un fronte unico.

 Una sinergia fra amministrazioni pubbliche, Comitato e Associazioni ambientaliste può portare a un futuro migliore per il Sulcis, evitando gli ennnesimi sprechi di soldi pubblici per opere inutili quando non dannose.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

S. Antioco, ponte romano (foto Comune di S. Antioco)

(foto Comune di S. Antioco, C.B., archivio GrIG)

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: