Home > biodiversità, coste, difesa del territorio, giustizia, paesaggio, pianificazione, sostenibilità ambientale > Stop alla speculazione immobiliare sul litorale di Villa Rey (Castiadas).

Stop alla speculazione immobiliare sul litorale di Villa Rey (Castiadas).


Castiadas, cantiere ristrutturazione e ampliamento Hotel Villa Rey (2007)

Castiadas, cantiere ristrutturazione e ampliamento Hotel Villa Rey (2007)

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha effettuato, grazie al prezioso operato dell’avv. Rosalia Pacifico del Foro di Cagliari, un intervento ad opponendum davanti al T.A.R. Sardegna avverso i ricorsi n. 967/2012 e n. 536/2013 della società immobiliare romana Le Palme s.r.l. riguardo i dinieghi di autorizzazione paesaggistica in sanatoria degli organi periferici del Ministero per i beni e attività culturali all’ampliamento del complesso turistico-edilizio “La Villa del Re” (già Hotel Villa Rey), sul litorale di Castiadas (CA), in base alla legge regionale n. 4/2009 e s.m.i. (il c.d. piano per l’edilizia).

All’udienza del 5 febbraio 2014 l’Avvocato dello Stato Giandomenico Tenaglia ha chiesto che vengano acquisiti gli atti del procedimento penale in corso relativo ai lavori del cantiere edilizio avviato alcuni anni or sono. 

Castiadas, ex Hotel Villa Rey, fronte spiaggia

Castiadas, ex Hotel Villa Rey, fronte spiaggia

Infatti, varie ipotesi di reato sono contestate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari all’ex Soprintendente per i beni architettonici e paesaggistici di Cagliari Gabriele Tola, al dirigente del Servizio comunale urbanistica Giuseppe Floris, al presidente del Consiglio di amministrazione e legale rappresentante della società committente Le Palme s.r.l. Stefano Gagliardi, al direttore dei lavori Luigi Giglio, al procuratore dell’impresa esecutrice Cepram s.r.l. Innocenzo Zaccheddu.  Oltre all’accusa inerente le violazioni paesaggistiche e urbanistiche, il tecnico comunale Floris dovrà rispondere di abuso d’ufficio e il procuratore Zaccheddu di violazione di sigilli.

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, in seguito alle indagini svolte dal N.I.P.A.F. del Corpo forestale e di vigilanza ambientale, aveva ottenuto il sequestro preventivo (marzo 2008) tuttora vigente di parte del cantiere del complesso turistico-edilizio “Villa Rey”.

Le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico avevano inoltrato in relazione ai lavori edilizi a due passi dal mare due specifici esposti (28 giugno 2007, 12 settembre 2007) inviati anche alle amministrazioni pubbliche e alla magistratura competenti.     Tale intervento immobiliare risulterebbe fornito di aumento di volumetrie in deroga con deliberazione Consiglio comunale n. 20 del 13 marzo 2006 e di permesso di costruire n. 49 del 24 maggio 2006.

Castiadas, ex Hotel Villa Rey, pineta retrodunale

Castiadas, ex Hotel Villa Rey, pineta retrodunale

In proposito, il Servizio tutela del paesaggio di Cagliari aveva comunicato (nota prot. n. 863/RE del 10 agosto 2007) di non aver “rilasciato alcuna autorizzazione paesaggistica per i lavori” di ristrutturazione del complesso turistico-edilizio “Villa Rey”, precisando che “l’ufficio con nota prot. n. 1819 del 25/01/2007 in merito al progetto in questione ha espresso parere sfavorevole”.

L’area è tutelata con specifico vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), in quanto fascia costiera con ambiti dunali e macchia mediterranea, mentre la fascia dei mt. 300 dalla battigia marina è tutelata anche con vincolo di conservazione integrale (legge regionale n. 23/1993).

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ritiene che sia fuori luogo qualsiasi pretesa edificatoria in area di massima salvaguardia ambientale in presenza di un procedimento penale in corso e di provvedimenti cautelari adottati.

 Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Castiadas, litorale di Villa Rey

Castiadas, litorale di Villa Rey

(foto per conto GrIG)

  1. capitonegatto
    febbraio 6, 2014 alle 9:49 am

    Fate vedere come e’ cambiata la fisionomia dell’ex costruzione , per capire che chiudere la stalla dopo che le pecore sono scappate e’ azione tardiva, e non fa che il tutto passi in cavalleria.

  2. Riccardo Pusceddu
    luglio 1, 2014 alle 6:18 am

    quanto dovremo aspettare ancora per vedere cemento venire sottratto sulle coste invece che aggiunto o mantenuto sottoforma di ulteriori case e alberghi costruiti o ampliati o ristrutturati in qualsivoglia modo nelle zone sottoposte a vincolo paesaggistico?

  3. maggio 23, 2019 alle 11:12 am

    assoluzione.

    da L’Unione Sarda, 27 marzo 2014
    Castiadas, apre l’hotel “Villa del re”.
    Nessun abuso edilizio: tutti assolti.
    I lavori di ristrutturazione erano stati bloccati nel 2008. (Veronica Nedrini): https://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_sardegna/2014/03/27/castiadas_apre_l_hotel_villa_del_re_nessun_abuso_edilizio_tutti_assolti-6-360439.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: