Home > "altri" animali > Bocconi avvelenati e cani morti a Calasetta.

Bocconi avvelenati e cani morti a Calasetta.


Calasetta, Cussorgia, povero cane morto per avvelenamento

Nei giorni scorsi sono stati ritrovati alcuni cani morti per avvelenamento nelle campagne di Cussorgia, in Comune di Calasetta (CI).

Dopo lunghe ricerche fra vigne, macchia mediterranea e pascoli, sono stati ritrovati dai loro proprietari.

Il veterinario, coinvolto in diversi casi, ha potuto solo confermare i motivi dei decessi: avvelenamento.

E’ stato avvisato anche il Servizio veterinario della A.S.L. n. 7.     Ma non basta, perché sembra che l’uso dei bocconi avvelenati sia una pessima consuetudine nelle campagne di Calasetta e anche in quelle della contigua S. Antioco, dove le locali guardie zoofile avrebbero recentemente ritrovati ben sette cani morti avvelenati.

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico, Lega per l’Abolizione della Caccia e Amici della Terra hanno, quindi, inoltrato (29 ottobre 2012) una specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale e adozione degli opportuni interventi ai sindaci di Calasetta e S. Antioco, al Corpo forestale e di vigilanza ambientale, ai Carabinieri del N.O.E., informandone, per gli ambiti di competenza, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari.

Sono quantomeno opportuni approfonditi controlli e attività di vigilanza per accertare le responsabilità di queste pratiche barbare quanto idiote, visto che possono porre in pericolo anche bambini troppo curiosi.

Gruppo d’Intervento Giuridico, Lega per l’Abolizione della Caccia e Amici della Terra

(foto per conto GrIG)

Annunci
  1. Mara
    ottobre 29, 2012 alle 8:50 am

    Le pratiche sono barbare e idiote. Chi le commette è uno schifoso, bastardo, vigliacco. Un poco di carcere, con obbligo di lavanda gastrica settimanale, potrebbe farlo riflettere. A quando una petizione nazionale per inasprire le ridicole pene comminate a chi commette queste odiose “pratiche”???

    • amico dei cani
      ottobre 30, 2012 alle 9:49 pm

      certamente si può capire e correlare il fatto che i cani randagi o liberi causino dei danni al bestiame lasciato incustodito durante le ore notturne,si può palesemente coniugare il periodo delle morti con il periodo che i nomadi proprietari delle greggi tornano con le loro pecore in tali zone ,questo loro lo chiamano (bonifica) praticata ormai da anni sopratutto in località di sant’antioco,(su pranu. stagno cirdu,.su fattori e s’arriaxiu).Lo sano tutti e tutti non fanno nulla perchè si ha paura e c’e da compromettersi .PS io il bocconcino lo farei ingoiare a ………………..lo sanno e non fanno il loro dovere?????capite

  2. ottobre 29, 2012 alle 8:21 am

    E’ una cosa vergognosa!

  3. icittadiniprimaditutto
    ottobre 29, 2012 alle 9:26 am

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  4. ottobre 29, 2012 alle 8:25 pm

    da Sardegna Oggi, 29 ottobre 2012
    “Cani avvelenati a Calasetta”: http://www.sardegnaoggi.it/Cronaca/2012-10-29/19818/Cani_avvelenati_a_Calasetta.html

    da CagliariPad, 29 ottobre 2012
    Strage di cani avvelenati a Calasetta: http://www.cagliaripad.it/it/news/ottobre/29/cani-avvelenati/

    da Sardinia Post, 29 ottobre 2012
    Calasetta, cani uccisi con bocconi avvelenati: http://www.sardiniapost.it/cronaca/1176-calasetta-cani-uccisi-con-bocconi-avvelenati

  5. ottobre 29, 2012 alle 9:47 pm

    splendido esempio di giornalismo, complimenti a Marta Milia.

    da Casteddu online, 29 ottobre 2012
    Bocconi avvelenati uccidono cani a Calasetta: la denuncia dei padroni: http://www.castedduonline.it/index.php/43816-cani-scomparsi-ritrovati-dai-padroni-morti-avvelenati-a-calasetta-controlli-nelle-campagne/

  6. barbara
    agosto 31, 2013 alle 10:13 pm

    A S.Antioco in via risorgimento 26/a i proprietari di una cagnetta di piccola taglia di nome briciola hanno deciso di tenerla fuori nell orto questa cagnetta passa tutto il tempo a piangere e’ straziante potete fare qualcosa per questa piccolina bionda grazie

    • settembre 1, 2013 alle 9:53 am

      ciao Barbara, dalla tua segnalazione non si comprende che cosa possa causare sofferenza alla cagnetta, che ha anche a disposizione uno spazio verde (l’orto).
      Forse è lasciata troppo tempo da sola?

      • barbara
        settembre 1, 2013 alle 4:08 pm

        La cagnetta era abituata in casa poi ieri e’ rimasta sotto la pioggia tutto il giorno loro sono tornati amezzanotte e non ha mai smesso di piangere poi non si e’ piu sentita

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: