Home > beni culturali, Europa, Italia, società > L’Arte non è pornografia.

L’Arte non è pornografia.


Firenze, Piazza della Signoria, David di Michelangelo (copia dell’originale custodito nell’Accademia)

La realtà supera sempre la fantasia.

Una preside di una scuola americana, in Florida, è stata costretta alle dimissioni per aver osato cercare di migliorare le conoscenze di una classe di ragazzini con l’arte rinascimentale.

Per alcuni genitori degli alunni il David di Michelangelo sarebbe pornografia.

Niente da fare, il bigottismo ignorante di questi genitori fa il degno paio con la docente universitaria che pretende la demolizione di tutte le opere del razionalismo in quanto fasciste.

Molto da fare, per provare a educare ‘sta gente: se gli Stati Uniti mettessero in palio ogni anno mille viaggi culturali in Italia per i propri cittadini farebbero solo bene.

Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG)

Firenze, Piazza della Signoria, Perseo con la testa di Medusa di Benvenuto Cellini. Bigotti, beccatevi un altro po’ di Arte.

da La Nazione, 24 marzo 2023

Florida, preside licenziata per aver mostrato il David di Michelangelo agli studenti: “È pornografia”.

Lo riporta il New York Post: la dirigente Hope Carrasquilla della Tallahassee Classical School costretta a lasciare il posto dopo le proteste di alcuni genitori.

Storie dell’altro mondo. In Florida, Stati Uniti d’America, una preside è stata costretta a lasciare il lavoro perché alcuni genitori si sono lamentati del fatto che durante una lezione di storia dell’arte rinascimentale è stato fatto vedere ai propri figli, studenti di prima media, il David di Michelangelo. A detta di qualche genitore adirato, quel capolavoro è “pornografia”. 

La vicenda è stata raccontata oggi dal New York Post che riporta e cita un articolo del Tallahassee Democrat. La dirigente Hope Carrasquilla della Tallahassee Classical School si è dimessa questa settimana dopo le proteste di alcuni genitori per quella lezione e – riferisce la dirigente stessa – dopo le pressioni del consiglio della scuola. 

Secondo quanto riportato dal New York Post tre genitori si sarebbero lamentati di quella lezione di storia dell’arte rinascimentale fatta vedere ai loro figli. Due genitori hanno detto che volevano essere informati della lezione prima che avesse luogo e un altro genitore l’ha definita espressamente “pornografica”, ha detto Carrasquilla.

La dirigente scolastica ha riferito di quanto accaduto anche all’HuffPost. Nell’articolo, la preside ha parlato di un “genitore sconvolto” secondo il quale “suo figlio non avrebbe dovuto vedere quelle opere d’arte”. Sì perché oltre al David, è stata mostrata agli studenti anche la Creazione di Adamo. E anche in questo caso il nudo presente nell’affresco di Michelangelo è stato ritenuto “inadatto” a una lezione per studenti di prima media. 

Barney Bishop, presidente del consiglio scolastico, ha confermato l’ultimatum rivolto alla preside. Ma a detta di Bishop, quella lezione di arte rinascimentale sarebbe stato solo l’ultimo dei problemi con la dirigente Carrasquilla, ma non ha spiegato cos’altro sarebbe successo. 

In base a una regola della scuola, approvata il mese scorso, i genitori devono essere avvisati con almeno due settimane d’anticipo prima di insegnare qualsiasi cosa che possa essere “potenzialmente controverso” per gli studenti. Così ha affermato il presidente del consiglio scolastico Bishop. 

Carrasquilla dunque è ora senza lavoro. “Mi rattrista – questo il suo commento al New York Post – che il mio tempo qui sia dovuto finire in questo modo”. 

da The New York Post, 23 marzo 2023

Tallahassee Classical School principal forced out after complaints over ‘pornographic’ art lesson.

A Florida principal was forced out of her job after parents complained about a Renaissance art lesson that featured a historic sculpture by Michelangelo — with one parent even calling it pornographic.

School leader Hope Carrasquilla resigned from Tallahassee Classical School this week after she was told to either step down or face termination, the Tallahassee Democrat reported.

Carrasquilla, who was at the charter school for less than a year, told the newspaper the school board’s chair, Barney Bishop, offered the ultimatum, and she believes it was tied to the art lesson that included Michelangelo’s “David” and his “Creation of Adam” fresco painting. 

Bishop confirmed to the publication that he did give her an ultimatum, but declined to explain why on advice of the school’s lawyer.

“It saddens me that my time here had to end this way,” Carrasquilla said.

While Tallahassee Classical is reportedly required to teach about Renaissance art in the 6th grade, three parents spoke up about the lesson’s contents and claimed it upset their children.

Two parents said they wanted to be notified about the lesson before it took place and another parent slammed it as pornographic, Carrasquilla said.

She told HuffPost one parent was “point-blank upset” and “felt her child should not be viewing those pieces.”

Bishop told the news outlet the art lesson was one of several issues with Carrasquilla, but did not elaborate.Carrasquilla conceded a message should have gone out about the art lesson, but a breakdown in communication prevented that, the Tallahassee Democrat reported.

“David” is one of the most famous sculptures in the world and was created between 1501 and 1504. It stands 14 feet high and depicts the Biblical hero David.

A new rule passed last month by the school board would mandate that parents are alerted two weeks before any curriculum is taught that is “potentially controversial,” Bishop said. Parents will also have the chance to look over the curriculum and photos connected to it.

“Parental rights are supreme, and that means protecting the interests of all parents, whether it’s one, 10, 20 or 50,” Bishop told the newspaper.

The charter school opened three years ago and is a Hillsdale College curriculum school, which is a private conservative college based in Michigan. 

Firenze, Galleria degli Uffizi, la Primavera di Sandro Botticelli. Chissà come la vede un bigotto americano.

 

(foto S.D., archivio GrIG)

Pubblicità
  1. Andrìa
    marzo 27, 2023 alle 8:35 am

    Solo una delle tante incongruenze nella nazione dei “portatori di libertà e democrazia”.
    E, nella società odierna, neanche da questa parte del mondo è semplice essere insegnanti a causa di alcuni genitori (e di come condizionano le/i proprie/i figlie/i) nel rapporto con l’ente scolastico.

    Inoltre, si cuoce nel brodo delle proprie scelte elettorali con le conseguenze riflesse in settori sensibili come istruzione, cultura, libertà di espressione, (aggiungo sanità).

    Ovunque.

  2. Angelo Gelmini
    marzo 27, 2023 alle 8:59 am

    Mi sembra che questi segnali di regressione culturale e imbarbarimento siano in aumento un po’ ovunque nel mondo .
    In altri tempi si sarebbe detto “una risata vi seppellira’” ora non ne sarei più sicuro.
    A noi resta il compito , per quantio possibile , di osteggiare questa deriva liberticida e oppressiva .

  3. Porico.
    marzo 27, 2023 alle 1:06 PM

    Piccolo episodio che la dice lunga sulle nuove dottrine che coltivano l’istupidimento delle masse.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: