Home > diritti civili, Europa, guerra, Italia, società > La guerra continua…..

La guerra continua…..


La guerra in Europa è ritornata in gran stile un anno fa.

A Est, non tanto lontano, fra Russia e Ucraina.  Per ora.

Come immaginato, non è finita e non finirà presto.

Morte, sciagure, tragedie senza fine per milioni di persone, poveri figli di Dio e di nessuno.

E non s’intravvedono uomini di pace all’orizzonte.

Stefano Deliperi, Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG)

bersaglio

A.N.S.A., 23 febbraio 2023

Ucraina: la guerra un anno dopo. Il 24 febbraio 2022 l’invasione.

Sono trascorsi 12 mesi di morte, distruzioni, atrocità ed escalation. E non si vede la fine. (Alessandro Logroscino)  

I sogni, a volte, possono morire anche prima dell’alba.

La notte fra il 23 e il 24 febbraio di un anno fa, quando il mondo ha saputo che sì, la Russia di Vladimir Putin aveva davvero scatenato un’invasione vecchia maniera su larga scala in Ucraina, è morto ciò che restava del sogno – o del miraggio – dei cantori della fine della storia.

Da allora sono trascorsi 12 mesi di morte, distruzioni, atrocità ed escalation; e di quella guerra – ribattezzata in principio “operazione militare speciale” nella neolingua orwelliana del Cremlino – non si vede la fine. Se non nella prospettiva (o nelle velleità) di una qualche resa incondizionata del fronte nemico che nessuno, a rigor di logica fattuale e auspici a parte, riesce a spiegare come sia possibile pensare di ottenere evitando di dover giocare prima o poi a dadi con lo spettro di un’apocalisse nucleare.

Qualcosa che l’immaginario collettivo mainstream dell’Occidente aveva sotterrato fra le vaghe memorie degli incubi degli anni ’50 e ’60 del XX secolo almeno a partire dalla stagione suggellata dai proclami di vittoria per l’epilogo della Guerra Fredda all’ombra dell’ammainabandiera sovietico. Epilogo scambiato da molti per una vittoria militare vera, rivendicato come la pretesa di un che di definitivo. Ma in realtà mai consolidato in nulla di condiviso fra i vincitori dichiarati e i presunti sconfitti. E in fin dei conti foriero di malintesi pericolosi. In un quadro di sentimenti assai diversi fra ovest ed est del mondo (intesi come spazi sia geografici sia culturali o di mentalità) dinanzi ai progetti di “nuovo ordine mondiale democratico”: evocati dagli uni con le semplificazioni di un autocompiacimento baldanzoso; dagli altri tra recriminazioni, frustrazione, regressioni autoritarie, sospetti a tratti ossessivi. Un panorama di cui oggi restano le scorie, innaffiate dal sangue dei campi di battaglia dell’Ucraina in un panorama che fa sfumare in secondo piano persino gli incubi freschissimi dell’epocale pandemia planetaria da Covid. E le macerie di troppe illusioni.

In Occidente le illusioni alimentate dalla convinzione che la Guerra Fredda potesse essere archiviata ancora una volta come una “war to end all wars”, secondo l’infausta retorica wilsoniana (ripresa da H.G. Wells e tragico inganno del primo conflitto mondiale): “una guerra per mettere fine a tutte le guerre” destinata a partorire come per volere del fato la pace sotto dettatura della democrazia liberale. In Oriente quelle di chi, come Putin, logorato da quasi 25 anni di potere autocratico, ha scommesso infine tutto su un preteso diritto di regolare al dunque i conti geopolitici a costo di sfidare alla fondamenta i principi della legge internazionale; aggrappandosi magari al wishful thinking di riuscire a far implodere le contraddizioni interne ad un asse Usa-Europa che per ora si è semmai compattato.

La storia, in ogni caso, sembra aver girato pagina di nuovo. E solo il tempo potrà dire se verso qualcosa di meno peggio dei sinistri scenari odierni dopo una lunga parentesi di violenza, o verso un terrificante buco nero. Nell’attesa, a pagare il prezzo più alto continuano a essere gli ucraini: protagonisti nei loro confini d’una resistenza coraggiosa in questi mesi, superiore alle aspettative di Mosca e non solo; ma al contempo pedine d’una partita a scacchi (se non ancora d’uno scontro diretto) che li sovrasta in dimensione globale.

La sintesi di quest’anno 1 è una trama di lacrime e sangue, di bombardamenti e mobilitazioni, di denunce di crimini bellici efferati e bollettini di propaganda inevitabili in un contesto di guerra nel quale – come è arcinoto – prima vittima è sempre la verità: macinata dalla macchina della propaganda degli aggressori, e qualche volta pure dagli aggrediti, tra disinformazione, istinto di sopravvivenza, pressione sulla trincea interna, tentativi di condizionamenti incrociati con Paesi amici. Una trama disegnata nelle prime settimane dall’azzardo di un’invasione su più fronti; poi dall’avanzata russa fermata alle porte di Kiev (e macchiata fin da subito, fallimento o diversione che fosse, da brutali atti di ferocia come a Bucha); dalla presa di Mariupol fra le devastazioni dell’Azovstal; dalla sorprendente controffensiva ucraina a Kherson; dall’escalation missilistica del generale Surovikin su infrastrutture strategiche anche civili; dalla parallela escalation degli aiuti militari degli alleati Nato alle forze del presidente Volodymyr Zelensky; e dalla transizione da una strategia militare in parte di manovra a una guerra di attrito inesorabile (nelle intenzioni di Mosca) come 80 o 100 anni fa.

Sullo sfondo di un innalzamento della posta per gli attori in campo fino alla sopravvivenza stessa di leadership, territori e Stati che minaccia i margini d’un qualsiasi compromesso futuro.
Mentre la “terza guerra mondiale a pezzi” evocata a suo tempo da papa Francesco sembra trasformarsi nella profezia di uno spaventoso mosaico in via di composizione, cullata da scampoli di narrativa a fumetti che – dalla politica, ai media, a frotte d’ignari avventori del bar sport dei social – paiono talora rompere gli argini di ogni tabù. Tanto da indurre gli scienziati del Bulletin of the Atomic Scientists, custodi di una certa idea di disarmo e pacifismo sempre più fuori moda, a spostare le lancette del loro orologio dell’Armageddon (il Doomsday Clock) da 100 a 90 secondi “alla mezzanotte”: mai così vicino, dal 1947 in avanti, alla buia ora X di un potenziale olocausto dell’umanità.

La Transnistria sospesa tra Chisinau e Mosca.

1.500 soldati russi e armi nella striscia di terra moldava.

L’ultima mossa che arriva dal Cremlino è la revoca del decreto del 2012 in cui si metteva tra gli obiettivi la “soluzione del problema della Transnistria” basandosi “sul rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale” della Moldavia.

Così, il rischio di uno scontro aumenta e una striscia di terra grande 3 volte e mezzo l’area di Roma potrebbe diventare determinante nella guerra tra Russia e Ucraina.

L’autoproclamata repubblica di Transnistria si trova all’interno dei confini della Moldavia, lungo la frontiera con l’Ucraina sud-occidentale. Nel 1990 il Paese si dichiarò indipendente in modo unilaterale con un referendum che ottenne quasi il 90% delle preferenze: era il preludio della guerra. Le autorità di Tiraspol rivendicavano di essere il vero Stato moldavo e quando, nel 1991, la Moldavia divenne indipendente dall’Unione Sovietica, inserendo tra i suoi possedimenti anche il territorio della repubblica separatista, lo scontro ci mise poco a divampare. Il conflitto scoppiò nei primi mesi del 1992: Tiraspol, con il determinante aiuto dei russi, sconfisse presto Chisinau. Il cessate il fuoco venne mediato da Mosca, con la conseguente formazione di forze di peacekeeping con contingenti misti di Moldavia, Russia e Transnistria. La tregua raggiunta nel luglio del 1992 stabilì de facto non solo la separazione dei due Paesi, ma anche la permanenza di 1.500 soldati russi nella base militare del villaggio di Cobasna. Qui sono immagazzinate armi che potrebbero rivelarsi fondamentali in un eventuale attacco verso la Moldavia. O verso l’Ucraina..

guerra fra Russia e Ucraina

Nonostante la vicinanza con Mosca, la repubblica separatista non confina direttamente con il territorio sotto il controllo del Cremlino e le sue relazioni con la Moldavia hanno trovato un punto di equilibrio, soprattutto a seguito di tre avvenimenti. Primo, la sconfitta alle elezioni del 2011 del candidato filo-russo Anatoly Kaminsky che, in accordo con il Cremlino, sosteneva un percorso di indipendenza sia dalla Russia sia dalla Moldavia. Poi, dopo l’annessione russa della Crimea nel 2014, la richiesta di Tiraspol di essere integrata nella Federazione Russa, rifiutata da quest’ultima. Infine, l’elezione alla presidenza di Vadim Krasnoselsky, votato per la prima volta nel 2016 e riconfermato nel 2021. Questi fatti hanno in parte avvicinato la Transnistria alla Moldavia e all’Ue. I cittadini hanno quasi tutta la doppia (o tripla) cittadinanza, essendo la popolazione divisa quasi equamente tra ucraini, moldavi e russi, e possono attraversare il confine con la Moldavia. Anche dal punto di vista economico la relazione rimane forte: circa il 70% dell’export di Tiraspol si dirige verso l’Ue grazie agli accordi tra Bruxelles e Chisinau (Dcfta).

Questo non significa che Mosca abbia perso tutta la sua influenza sull’area: dalla Russia arriva la maggior parte delle rimesse e il Paese ha un ruolo centrale nella fornitura di energia elettrica e di gas. Ma Mosca non ha mai riconosciuto l’indipendenza della Transnistria: la strategia del Cremlino prevedeva il reintegro della regione nella Moldavia, uno status speciale per la repubblica separatista e il mantenimento della presenza militare russa nel Paese. Una soluzione ovviamente rifiutata da Chisinau. Dopo l’allarme sul possibile attacco di Mosca alla Moldavia, lanciato dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky e confermato dalla presidente europeista moldava Maia Sandu, i recenti avvenimenti aumentano il rischio di uno scontro.

(foto)

Pubblicità
  1. Juri
    febbraio 25, 2023 alle 7:19 PM

    L’analisi di Logroscino purtroppo è monca di parti essenziali della realtà dei fatti, senza le quali non è possibile comprendere davvero cosa la tragica vicenda.
    Affermare che la guerra sia iniziata il 24 febbraio 2022 è un sostanziale falso storico con il quale si tacciono i dirimenti fatti pregressi.
    L’inizio della guerra data 2014 con la strage di Odessa e il colpo di stato teleguidato dagli USA, la cui esistenza è dimostrata dalle intercettazioni dell’allora Segretaria di Stato indaffarata nel trovare il fantoccio da piazzare al vertire dell’Ucraina, con tanto di si fotta all’ Unione Europea https://www.ilfattoquotidiano.it/2014/02/06/lunione-europea-si-fotta-laudio-della-diplomatica-che-imbarazza-gli-usa/872285/).

    Si tacciono poi l’impegno disatteso di non espansione verso est della NATO; gli orrendi crimini compiuti dal battaglione nazista ucraino Azov in Donbass; il fatto che l’Ucraina sia una nazione che nel suo pantheon celebra nazisti come Banderas; i deliberati bombardamenti, ancora oggi in corso, contro obiettivi unicamente civili in Donbass da parte dell’esercito ucraino; i tratti molto oscuri di Zelenski, titolare di un inspiegabile patrimonio personale milionario e talmente spregiudicato da aver tentato di far scoppiare la terza guerra mondiale accusando la Russia di aver lanciato missili contro la Polonia, ben sapendo che i missili li aveva lanciati l’Ucraina.

    Il fatto è che “tra schifosi si tratta” come disse qualcuno in riferimento a Putin e Zelenski e alla necessità di trattare fin dall’inizio.
    Spacciare questi eventi come la follia improvvisa di un autocrate che una mattina si sveglia e decide di invadere l’Ucraina penso sia l’ennesimo tassello che conferma come in Italia (e non solo) l’informazione sia spesso dedita a manipolare la realtà che a informare correttamente.

    https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2023/02/24/scemi-di-guerra-4/7075674/

    • Mario
      febbraio 25, 2023 alle 9:06 PM

      ” i deliberati bombardamenti, ancora oggi in corso contro obiettivi unicamente civili in Donbass da parte dell’esercito ucraino” ma non ti vergogni? ma devi essere davvero cosi cieco per farti permeare da questa propaganda e non vedere la realtà di oggi

      • Juri
        febbraio 26, 2023 alle 8:55 PM

        La realtà è quella di cui ho scritto nel commento.
        I bombardamenti ucraini su obiettivi unicamente civili sono un fatto pacifico, purtroppo, ampiamente documentato.

        E siccome non siamo allo stadio, ma davanti a un tragica realtà, sarebbe bene non ragionare da tifosi.

        https://www.youtube.com/@VNRangeloni/videos

      • Mario
        febbraio 27, 2023 alle 12:23 PM

        tifosi?
        cioè putin ha invaso uno stato sovrano, l’Ucraina, sparano fino a 50000 proiettili di artiglieria al giorno contro ogni cosa anche case civili e citta, sparano razzi balistici (cioè dove va va) e tu mi metti il filmatino dei troll russi che gridano al complotto “noi russi poverini siamo le vittime”
        MA SEI SENZA VERGOGNA PROPRIO

    • Mario
      febbraio 25, 2023 alle 9:36 PM

      infatti un altra bugia di orsini (e dei suoi adepti come tu ti riveli di essere) è quella di dire che nell’opinione pubblica la difesa dell’Ucraina sia mainstream mentre ormai i sondaggi dicono che la maggioranza è filo-putin e quindi quelle teorie farneticanti sulla difesa della russia sono il vero mainstream

    • Mario
      febbraio 26, 2023 alle 4:09 PM

      il grig ha censurato a quanto pare un mio commento (invece di fermare i complottisti filo-putiniani che sono la vergogna di internet)

      comunque, la russia ha invaso la crimea nel 2014, la crimea è territorio UCRAINO, questa è la verita, la russia gia da anni aveva mandato nel dombass i cosiddetti “omini verdi” cioè soldati russi dei corpi d’elite che operavano senza insegne e senza mostrine a fomentare la guerra civile dei pochi e minoritari miliziani separatisti, questa è la verita
      in Ucraina sono/erano praticamente quasi tutti russofoni, la balla dei russofoni vessati è pietosa, la gente Ucraina non vuole stare con la russia, ci fu un referendum nel 1991 come DOVRESTI sapere
      https://it.wikipedia.org/wiki/Referendum_sull%27indipendenza_dell%27Ucraina#:~:text=Al%20referendum%20votarono%2031.891.742,Parlamento)%20Presidente%20dell’Ucraina.
      PERSINO IN CRIMEA vinse il si all’indipendenza!! … nel 1991 !
      ma di cosa stai parlando? vergognati

      • febbraio 26, 2023 alle 5:57 PM

        il GrIG non ha censurato nulla, è invitato ad abbassare i toni e a non inviare commenti a ripetizione sempre sullo stesso punto.

  2. capitonegatto
    febbraio 26, 2023 alle 11:41 am

    Comunque la si pensi, interessante ascoltare un giornalista non fazioso : https://fb.watch/iGOAZ5kx5Q/

    • Mario
      febbraio 26, 2023 alle 3:57 PM

      ???

  3. Mario
    febbraio 27, 2023 alle 12:27 PM

    @juri
    non so, vediamo se ti ci riconosci, che spese hanno all’ambasciata russa?
    https://formiche.net/2023/02/soldi-russi-ambasciata/

  4. febbraio 27, 2023 alle 3:00 PM

    comunque, la guerra continua.

    A.N.S.A., 27 aprile 2023
    Cremlino, non ci sono condizioni per sviluppi pacifici della situazione in Ucraina.
    ‘Quindi l’operazione russa continuerà’. Mosca intende studiare il piano cinese, ma sarà un ‘processo lungo’. Così il portavoce del Cremlino, Peskov. Il ritorno della Crimea all’Ucraina è ‘impossible’ perché è una ‘parte integrante della Russia’: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2023/02/27/cremlino-e-impossibile-che-la-crimea-torni-ucraina-_a1eee7dd-e6f3-4ba0-97b3-2bd9fe43411a.html

  5. Juri
    febbraio 28, 2023 alle 1:17 PM

    L’Ucraina e la nebbia della propaganda

    L’accerchiamento della Nato alla Russia dura da anni. Il primo errore di Vladimir Putin è stato quello di fidarsi delle promesse Usa. Il secondo quello di attaccare militarmente Kiev. Al momento del disfacimento del Patto di Varsavia (1990), l’assicurazione, non formalizzata […]

    (DI LUCIANO CANFORA – Il Fatto Quotidiano) – Al momento del disfacimento del Patto di Varsavia (1990), l’assicurazione, non formalizzata in accordo scritto (formulata dal Segretario di Stato degli Stati Uniti James Baker a Gorbaciov), da parte statunitense e a nome della Nato, era stata che la Nato non avrebbe cercato di estendersi verso Est.

    https://infosannio.com/2023/02/28/lucraina-e-la-nebbia-della-propaganda/

    • Mario
      marzo 1, 2023 alle 12:43 PM

      ah beh se la tua fonte di approvvigionamento è il fatto quotidiano di travaglio conte grillo stiamo messi bene…

      intanto chi ha fatto questo e altre decine di villaggi come questo?

      dai che ce la fai a dire “l’esercito russo invasore”

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: