Home > biodiversità, coste, difesa del territorio, mare, paesaggio, pianificazione, società, sostenibilità ambientale > Requiem per il progetto speculativo South Beach sulla costa molisana?

Requiem per il progetto speculativo South Beach sulla costa molisana?


Giglio di mare (Pancratium maritimum)

Dopo la prima risposta all’istanza rivolta (11 aprile 2021) dall’associazione ecologista Gruppo d’intervento Giuridico odv in merito all’assurdo il progetto immobiliare “Project Southbeach” lungo il litorale molisano di Montenero di Bisaccia (CB), pervenuta dal Ministero della Transizione Ecologica – Direzione generale per il Patrimonio naturalistico, è la volta della Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Molise.

E stavolta sembra proprio che sia stata posta una pietra tombale sul progetto speculativo proposto dal canadese George Cohen con finanziamenti cinesi.

La Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Molise ha, infatti, affermato (nota prot. n. 3949 del 20 aprile 2021):

E’ pervenuta a questa Soprintendenza la deliberazione della Regione Molise – Giunta Regionale n. 67 del 29.03.2021 con la quale si riconosce l’interesse regionale del progetto in oggetto evidenziato e contestualmente si istituisce un Tavolo Tecnico finalizzato all’Accordo di Programma. Alla predetta deliberazione risulta allegata, tra l’altro, la relazione di presentazione del progetto South Beach.

Allo stato nessuna ulteriore comunicazione risulta inviata a questo Ufficio.  Tuttavia al fine di illustrare quali siano i vincoli di tutela paesaggistica gravanti sull’area interessata dal progetto si forniscono le seguenti informazioni.

Montenero di Bisaccia, litorale

Dalla lettura della relazione citata si è potuto rilevare che l’area interessata dal progetto è ubicata in località Marinelle del Comune di Montenero di Bisaccia, tra la foce del Fiume Trigno a nord la foce del Torrente Mergolo a sud e tra il mare Adriatico ad est e l’Autostrada E55 Bologna-Bari Taranto ad ovest. L’estensione catastale di detta area è pari a circa 156 ettari e fronteggia la spiaggia per quasi 2800 metri inoltrandosi da quest’ultima verso l’interno per circa 500 metri.

Allo stato il sito così come individuato è oggetto di tutela sia sotto l’aspetto archeologico in quanto attraversato dal tratturo L’Aquila-Foggia, che sotto l’aspetto paesaggistico di cui alla Parte III del Codice dei beni culturali e del paesaggi, nei termini previsti dall’art. 142 del Codice e nei termini sotto riportati:

1. Decreto Ministeriale 02 febbraio 1970 “Dichiarazione di notevole interesse pubblico della fascia costiera molisana sita nei territori comunali di Petacciato, Termoli, Campomarino e Montenero di Bisaccia” pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 161 del 30.06.1970;

2. Decreto Ministeriale 21 settembre 1984 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 265 del 26.09.1984;

3. Decreto Ministeriale 18 aprile 1985 pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 43 alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 118 del 21.05.1985;

4. Piano Territoriale Paesaggistico-Ambientale di Area Vasta n. 1 “Basso Molise” redatto ai sensi della L.R. 01.12.1989 n. 24 ed approvato con delibera del Consiglio Regionale n. 253 del 01.10.1997, che equivale a dichiarazione di notevole interesse pubblico sotto il profilo paesaggistico ai sensi dell’art. 8 della citata L.R. n.24/1989, ove nella tavola P1 “Carta della trasformabilità del territorio” l’area risulta classificata A2N1 per tutto il fronte mare e A2C nella fascia immediatamente a ridosso dell’Autostrada E55 Bologna-Bari-Taranto.

Mare

Le N.T.A. allegate al P.T.P.A.A.V. N. 1 per le aree così come sopra individuate prescrivono:

  1. A2N1 Fasce litoranee fortemente caratterizzate per elementi naturali – sono aree ad alta sensibilità alla trasformazione dove vi è una prevalenza di valori eccezionali ed elevati, per le quali è prevista l’applicazione prevalente delle modalità A1 e A2. Le modalità di tutela e della valorizzazione A1 consistono nella conservazione, miglioramento e ripristino delle caratteristiche costitutive degli elementi con mantenimento dei soli usi attuali compatibili, quindi nella realizzazione di opere di manutenzione di miglioramento e ripristino delle caratteristiche costitutive e degli usi attuali compatibili nonché degli interventi volti all’eliminazione di eventuali usi incompatibili ovvero di detrattori ambientali. Le modalità di tutela e della valorizzazione A2 consistono nella conservazione, miglioramento e ripristino delle caratteristiche costitutive degli elementi con mantenimento dei soli usi attuali compatibili e con parziali trasformazioni per l’introduzione di nuovi usi compatibili, quindi nella realizzazione di opere di manutenzione, di miglioramento e ripristino delle caratteristiche costitutive, nonché degli interventi volti all’introduzione di nuovi usi che non alterino dette caratteristiche oltreché degli interventi per l’eliminazione di eventuali usi incompatibili ovvero di detrattori ambientali. In definitiva gli usi compatibili nell’area A2N1, sempre all’esterno della fascia di mt.50 misurata dalla battigia sono: per le strutture edilizie esistenti è ammessa solo la manutenzione e restauro con esclusione di qualsiasi opera che comporti alterazione delle caratteristiche visive e paesaggistiche dell’ambito.
  2. A2C Aree archeologiche di rilevo – Tratturi –Modalità di tutela A1 che consistono nella conservazione, miglioramento e ripristino delle caratteristiche costitutive degli elementi con mantenimento dei soli usi attuali compatibili, quindi nella realizzazione di opere di manutenzione di miglioramento e ripristino delle caratteristiche costitutive e degli usi attuali compatibili nonché degli interventi volti all’eliminazione di eventuali usi incompatibili ovvero di detrattori ambientali.

La Soprintendenza ha ricordato che “Le modalità di tutela e della valorizzazione A1 consistono nella conservazione, miglioramento e ripristino delle caratteristiche costitutive degli elementi con mantenimento dei soli usi attuali compatibili”, mentre “in definitiva gli usi compatibili nell’area A2N1, sempre all’esterno della fascia di mt.50 misurata dalla battigia sono: per le strutture edilizie esistenti è ammessa solo la manutenzione e restauro con esclusione di qualsiasi opera che comporti alterazione delle caratteristiche visive e paesaggistiche dell’ambito”.

Insomma, nulla di quanto previsto nel progetto immobiliare speculativo “Project Southbeach” può essere legittimamente autorizzato e, conseguentemente, realizzato.

In precedenza, era stato il Ministero della Transizione Ecologica – Direzione generale per il Patrimonio naturalistico a far presente (nota prot. n. 39547 del 16 aprile 2021) che allo stato “non dispone di elementi o informazioni, né di documentazione” e ha chiesto urgenti delucidazioni alla Regione Molise “considerato … che il progetto immobiliare segnalato potrebbe interessare il Sito SIC IT7228221 ‘Foce Trigno – Marina di Petacciato’, con conseguenti possibili ricadute sugli habitat ivi presenti, e tenuto conto della necessità di ottemperare all’espletamento della Valutazione di incidenza secondo di quanto previsto dall’art. 6, par. 2, della Direttiva 92/43/CEE ‘Habitat’”.

Fratino (Charadrius alexandrinus)

Si tratta degli effetti della richiesta rivolta dal Gruppo d’intervento Giuridico odv ai Ministeri della Transizione Ecologica e della Cultura, alla Regione Molise, al Comune di Montenero di Bisaccia, alla Soprintendenza per archeologia, belle arti e paesaggio del Molise per inibire qualsiasi sottoscrizione di qualsiasi accordo di programma o altro atto di assenso in assenza delle varie autorizzazioni ambientali.

Tre miliardi di euro per cinque milioni di metri cubi su centocinquanta ettari di costa adriatica fra la foce del Fiume Trigno e la foce del Torrente Mergolo.

Diciassette ville di lusso, undici delle quali sul mare, venticinque “palazzi” da 8 piani, ventidue da 10 piani, venticinque da 12 piani e ben sedici “torri” da 15 piani, altre ventitre da 20 piani e infine sedici da 25 piani.

Duecento ristoranti, quattro alberghi di lusso da 8 piani per un totale di 25.000 metri quadrati, un centro polifunzionale da 15.000 metri quadrati con un grande centro commerciale, un auditorium oltre a centri benessere, cliniche estetiche e altri centri specialistici.

Una rete di canali navigabili per poter ormeggiare imbarcazioni a ridosso delle residenze, mentre diciotto concessioni demaniali occuperebbero 84 mila metri quadri di spiaggia per i fortunati abitanti del falansterio speculativo.

Questo il progetto immobiliare “Project Southbeach” lungo il litorale molisano di Montenero di Bisaccia.

Su richiesta del Comune, la Giunta regionale del Molise, con deliberazione n. 67 del 29 marzo 2021, ha deciso di istituire un “tavolo tecnico” finalizzato alla stipula dell’accordo di programma che consentirebbe l’approvazione del mega-piano speculativo immobiliare (qui gli atti del Project Southbeach).

l’area costiera è, in ogni caso, tutelata con specifico vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) e interessail sito di importanza comunitaria (S.I.C.) “Foce Trigno (Marina di Petacciato)”(codice IT7228221), ai sensi della direttiva n. 92/43/CEE sulla salvaguardia degli habitat naturali e semi-naturali. La spiaggia ricade nel demanio marittimo (artt. 822 e ss. cod. civ, 28 cod. nav.), mentrenel vigentepiano territoriale paesistico e ambientale di area vasta (PTPAAV) n. 1 “Basso Molise” sono previste discipline puntuali di salvaguardia territoriale.

Un simile faraonico piano speculativo dev’essere comunque sottoposto a preventivo e vincolante procedimento di valutazione ambientale strategica – V.A.S., qualora sia presa in considerazione quale “piano o “programma” (direttiva n. 42/2001/CE) ovvero ad un unico procedimento di valutazione di impatto ambientale – V.I.A. (direttive n. 85/337/CEE e n. 97/11/CE e successive integrazioni) qualora sia considerata quale “opera” unitaria.

Si tratta di uno dei peggiori e più devastanti progetti immobiliari mai proposti in Italia, che palesemente confondono edilizia con turismo, in assenza di qualsiasi logica di salvaguardia ambientale e buona gestione del territorio.

Forse sta per esser consegnato all’elenco delle pessime cose di dubbio gusto chiuso nel cassetto. Per fortuna.

Gruppo d’intervento Giuridico odv

Gheppio (Falco tinnunculus)

(foto per conto GrIG, S.D., archivio GrIG)

  1. Mara machtub
    aprile 24, 2021 alle 8:11 am

    AMEN. Viva il GRIG!

  2. aprile 24, 2021 alle 9:06 am

    Grazie infinitamente al Grig e a tutti i volontari che vi operano.

  3. aprile 24, 2021 alle 1:18 PM

    da RAI News – TGR Molise, 23 aprile 2021
    Progetto South beach: prima bocciatura, ma per il Comune resta da valutare.
    In una nota, la Soprintendenza al Paesaggio del Molise sottolinea i vincoli esistenti. Per la sindaca di Montenero di Bisaccia Simona Contucci si deve attendere il tavolo tecnico e prima di esprimersi bisogna conoscere tutti gli elementi: https://www.rainews.it/tgr/molise/video/2021/04/mol-ambiente-Montenero-di-Bisaccia-progetto-south-beach-b853bbd6-8646-4d43-81f7-6a2e68af024b.html

    __________________________

    da Primo Numero, 23 aprile 2021
    Miami in Molise, tra sogno e incubo. Sovrintendenza fissa i vincoli ambientali, ma sul piatto ci sono 6mila posti di lavoro.
    Il faraonico progetto dell’imprenditore e filantropo George Cohen con investimento cinese da 3 miliardi continua a far discutere e diventa un caso nazionale. Da un lato ambientalisti, associazioni ecologiste gridano alla speculazione, dall’altro la Regione annuncia un Tavolo tecnico e si concentra sulle ricadute occupazionali e sulle ipotesi di sviluppo: 6 mila posti di lavoro in fase di realizzazione e 2mila quando il complesso residenziale sarà a regime: https://www.primonumero.it/2021/04/1530664614/1530664614/

    ________________________

    da Is News, 22 aprile 2021
    Maxi investimento edilizio sulla costa di Montenero di Bisaccia. altolà della Soprintendenza: https://www.isnews.it/politica/78771-maxi-investimento-edilizio-sulla-costa-di-montenero-di-bisaccia-altola-della-soprintendenza.html

    _________________

    da Montenero Notizie, 22 aprile 2021
    L’associazione ecologista Gruppo d’intervento Giuridico torna sul South Beach: https://www.monteneronotizie.net/notizie/attualita/868/lassociazione-ecologista-gruppo-dintervento-giuridico-torna-sul-south-beach

    ___________________

    da Histonium.net, 22 aprile 2021
    Stop della Soprintendenza al progetto “South Beach” a Montenero di Bisaccia.
    Contrarietà al maxi investimento edilizio per la tutela e preservazione del patrimonio archeologico e ambientale: https://www.histonium.net/notizie/attualita/54796/stop-della-soprintendenza-al-progetto-south-beach-a-montenero-di-bisaccia

    ______________________

    da Officina dei Giornalisti, 21 aprile 2021
    South Beach, il ministero chiede lumi.
    Il progetto South Beach da realizzare a Montenero di Bisaccia finisce sotto la lente della Direzione Generale per il Patrimonio Naturalistico del ministero della Transizione Ecologica che ha chiesto chiarimenti in merito alla Regione Molise: https://officinadeigiornalisti.com/2021/04/21/south-beach-il-ministero-chiede-lumi

  4. Porico
    aprile 24, 2021 alle 6:19 PM

    A tempo di record. Bene .

  5. Maggio 19, 2021 alle 2:44 PM

    Il Comune di Montenero di Bisaccia (nota prot. n. 5690 del 5 maggio 2021) ha comunicato che “non ha adottato alcun atto autorizzativo”, ma unicamente “una lettera di richiesta di convocazione del Tavolo Tecnico inoltrata alla Regione Molise”.

  6. Maggio 31, 2021 alle 2:44 PM

    ..mistero buffo…

    da Primo Numero, 18 maggio 2021
    L’accordo per i terreni e gli investitori cinesi che non ci sono. South Beach, l’ora dei dubbi.
    Il Tavolo tecnico in Regione frena sul progetto faraonico invitando a un forte ridimensionamento, ma intanto la società cinese indicata da George Cohen come potenziale partner non ha mai risposto all’invito del Comune di Montenero. Mentre la storia di quei terreni ha un passato burrascoso. (Stefano Di Leonardo, Monica Vignale): https://www.primonumero.it/2021/05/laccordo-per-i-terreni-e-gli-investitori-cinesi-che-non-ci-sono-south-beach-lora-dei-dubbi/1530668692/

    ————————

    21 maggio 2021
    Mister Cohen o señor Haligua? La doppia identità, gli interessi e i segreti dell’uomo di South Beach
    Dal Canada allo Yucatan fino a Montenero di Bisaccia: George H. Cohen, imprenditore filantropo che ha fatto realizzare una pagina su wikipedia per costruirsi una reputazione sul web è anche Georges Haligua, un curriculum fitto di problemi con la giustizia e uno strano attentato a colpi di pistola nel suo passato. Dal Sud Dakota ai paradisi fiscali di Santa Lucia fino a Mafalda e alla Steel Investment: affari, relazioni e conoscenze dell’uomo chiave che sta dietro al faraonico progetto di trasformazione residenziale sulla costa molisana. (Stefano Di Leonardo, Monica Vignale): https://www.digita.org/2021/05/21/mister-cohen-o-senor-haligua-la-doppia-identita-gli-interessi-e-i-segreti-delluomo-di-south-beach/

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: