Home > coste, diritti civili, Europa, Italia, mare, società > I migranti, sulle spiagge sarde.

I migranti, sulle spiagge sarde.


Sardegna, costa sud, abbigliamento e resti di imbarcazione (25 giugno 2016)

Sardegna, costa sud, abbigliamento e resti di imbarcazione (25 giugno 2016)

Eccoli.

Sono i resti di uno sbarco di migranti.

Parola dai mille significati, ma che in sostanza rimanda a poveri disgraziati che fuggono da un presente di fame (nella gran parte dei casi) e/o di guerre (in una parte di casi).

Le loro storie sono tante, diverse.

Il fenomeno delle migrazioni clandestine – ma sotto gli occhi e fra gli interessi di governi, signori della guerra, trafficanti – è complesso, con molte facce,  e meriterebbe libri degni del dovuto approfondimento. Non certo queste quattro righe.

Una cosa è certa: sono orgoglioso d’essere cittadino di un Paese, l’Italia, che cerca di salvarli dalla morte in mare e dalla fame quando arrivano a terra.    Chiamiamola civiltà, se ci pare.

Stefano Deliperi

 

costa di Teulada

costa di Teulada

(foto S.D., archivio GrIG)

 

Advertisements
  1. Occhio nudo
    giugno 26, 2016 alle 9:23 am

    Siamo ancora umani.

    • Arpia
      giugno 29, 2016 alle 1:52 pm

      Alcuni sono ancora umani, altri sono complici di un sistema marcio, mentre i morti sono un numero enorme che se fossero bianchi farebbero notizia ma perché sono africani o medio orientali fanno numeri che non toccano nessuno. La mia opinione e’ uguale nel tempo a Lampedusa alcuni si fanno il mazzo mentre altri nel paese in Eu e nel mondo se ne fregano e sono coloro i quali corrompono e sfruttano con le bandiere tricolore o a strisce o con stelle. Siamo noi ad avere colonizzato, sfruttato corrotto molte parti del globo e ad aver bombardato dando basi per esempio. Inutile lamentarsi per la venuta di gente che e’ costante dagli anni ’60 anche se viene ingrandita o diminuita a seconda che faccia comodo o meno. Il 20% circa sono rifugiati il resto migranti economici come voluto da Germania ecc. per lavoro a basso costo. I lavoratori messi globalmente in concorrenza per chi vince il premio per essere sfruttato di piu’, la schiavitu’ e i padroni sono ben vivi e attivi al contrario di cio’ che si pensi e se dei carichi di merce! Si perdono in mare chi se ne frega, questo e’ l’atteggiamento. Se vogliamo aggiungere sviolinate possiamo farlo, ma la verita’ e’ ben diversa e i morti e la tragedia umana e ben cruda e dura per chi ha la sensibilita’ di sentirla sul proprio stomaco. Inutile raccontarsi storielle. La mia filosofia e’ sempre stata un morto innocente e’ sempre un morto innocente il colore della pelle o la nazionalita’ o non nazionalita’ sul passaporto e’ irrilevante. Nulla a che fare con la pieta’ ma con una sensibilita’ e morale che tanti sembrano aver perso o vogliano manipolare.

      • giugno 30, 2016 alle 1:11 am

        Quindi tu se c’e’ da aiutare un’africano o un sardo, non fa differenza? Perché adesso e’ relativamente facile aiutare entrambi ma aspetta la prossima crisi vera e poi vediamo chi ricambia di più. Mi fai sentire un razzista a parlare così e magari lo sono ma nel senso buono. Io tengo più ai miei fratelli Europei che agli estranei che vengon qui illegalmente. E non odio gli immigrati particolarmente ma disprezzo chi li sfrutta solo come merce e disapprovo il buonismo di chi crede di far del bene e finisce per creare i presupposti di un nuovo olocausto in Europa anche se stavolta su scala molto più vasta. Io sono contro la violenza, sempre e comunque. Ma quando ci sarà da autodifenderci allora saro’ pronto a stare dalla parte dei miei fratelli anche se sarà dura appoggiarli nelle loro azioni violente. Spero solo che non si arrivi a questo e ci sia una deportazione pacifica, come sarebbe dovuto accadere per gli Ebrei che cercavano di sbarcare in Israele e che invece venivano spediti indietro dai britannici, preoccupati di tener buoni i loro amici giordani e arabi in generale.

  2. Mara
    giugno 26, 2016 alle 9:24 am

    Giusto. Sarei ancora più orgogliosa se non ci fossero immondi scarafaggi che approfittano della situazione per lucrarci su.

  3. Lino
    giugno 26, 2016 alle 9:50 am

    Giusto Deliperi, salvare chi rischia di morire in mare, ma ricordiamo che c’è pure l’inciviltà di una paese che fa disperare i propri giovani i quali non vengono salvati affatto da un destino nefasto, stato che fa scappare migliaia di persone in cerca di un posto dove si possa campare, chissà, magari negli USA, Australia, Canada, per poi ricevere un bel calcio nel sedere in quanto le leggi sull’immigrazione clandestina, in quei paesi, è estremamente severa. In questo nostro civilissimo stato malgrado ci si faccia il mazzo, studiando e specializzandosi, lavorando precariamente, non si riesce più a soddisfare i bisogni primari (magari almeno quelli); forse sbaglio, ma a me questo stato sembra sempre più una madre che non fa trovare un piatto di minestra in tavola, ai propri, figli perchè troppo intenta a stare in giro per fare le opere di bene altrove. Pazienza, intanto passerò l’ennesima domenica a studiare e lavorare, per provare ostinatamente di stare nel (forse) mio e tuo stato.

    • giugno 26, 2016 alle 10:57 am

      sono d’accordo. Le tante ingiustizie devono essere affrontate con decisione e non impediscano la nostra civiltà.

      Stefano Deliperi

    • giugno 26, 2016 alle 2:22 pm

      Sono d’accordo con Lino. Io son dovuto venire qui in Inghilterra proprio a causa di quella madre snaturata che pensa più ai figli altrui che a quelli propri. Pero ci sono venuto legalmente e non spendendo tutti i miei averi per pagarmi un viaggio che avrebbe forse finito con l’uccidermi. E prima di partire ho lottato con le unghie e coi denti per crearmi un lavoro in Sardegna. E se in Sardegna scoppiasse una guerra, non scapperei certo come fanno i migranti dell’articolo. Starei li a combattere per la parte giusta.
      Ma certamente che e’ giusto salvarli dall’annegamento ma dopo li si riporta in patria, non li si accoglie in Europa. Accoglierli provocherà nel futuro delle guerre civili e degli stermini di massa come ci insegna la storia della Germania nazista, del Kossovo e dell’Ucraina.
      Accogliere i rifugiati politici, anche quelli autentici non fa che esacerbare il problema visto che in Africa ci saranno nel 2100 4 miliardi di persone invece del miliardo attuale. Ci saranno inevitabilmente delle guerre interne ai paesi che la compongono o civili come quelle in atto già ora. Che facciamo? Gli accogliamo tutti? Immaginiamo se una guerra dovesse scoppiare in Nigeria. I cento milioni dei suoi abitanti dovrebbero di fatto essere considerati tutti rifugiati politici. Purtroppo a volte a fare del bene si finisce per fare più male che bene, soprattutto a lungo termine.

      • Arpia
        settembre 14, 2016 alle 8:17 pm

        In Nigeria e’ logico che ci sara’ la guerra, fatta dai soliti, paese ricco e con la piu’ larga popolazione in Africa, un privato americano con mercenari in Novembre doveva gia’ metterci mano. Non tocchera’ l’Italia ne la Sardegna ma i Nigeriani, saranno i Nigeriani a vedere il loro sangue colare e a piangere i loro morti, come durante la guerra in Biafra, gli occidentali e la loro politica creano spessissimo le guerre. Poi c’e’ gia’ stata la propaganda dei gruppi pericolosi, in Nigeria, chissa’ chi li paga e li arma e per quali interessi?!
        La politica di Bill si di nuovo lui, inviterei chi fosse interessato a capire cosa fanno e hanno fatto gli occidentali in Nigeria.

        L’orrore del Congo, vogliamo dimenticarlo, questi giorni se ne parla tanto, dove la vita non conta nulla, dove un governo corrotto da Canada, si ci sono anche loro, us, ecc. prendono le risorse naturali di cui e’ ricchissimo il paese e la gente muore o ammazzata da chi armano o di poverta’, impossibile combattere.

        Secondo me c’e’ gente che segue la propaganda dei media principali che hanno tutti gli stessi interessi e accordi e non capisce le dinamiche e gli interessi.

        Credo ci sia molta confusione e quando la gente preferisce seguire la confusione invece di vedere oltre al fumo diventa vittima della propaganda.

        Ukrain e ex- Yugolsvia , chi le ha volute armate e perché?
        E il N. Africa , rimarra’ cosi’ o vorranno che entrino in guerra i vari paesi?
        Uranio in Algeria come in Afganistan oltre alle altre risorse.

        Se uno e’ disperato non deve pensare ai documenti, c’e’ gente che muore nel deserto messicano e altri in aereo che entrano con documenti falsi e altri con documenti regolari e rimangono, infatti sono la maggior parte degli immigranti.

        In eu sono solo il 6% del totale mondiale.

        Su 60milioni nel mondo e i dati Eu ufficiali sono inventati, lo ha ammesso chi ha fatto il lavoro, ha dichiarato 8milioni anni fa’ ma sono circa la meta’, 4milioni circa, nulla per la ricchezza e la popolazione eu.

        La cosa piu’ preoccupante come arriva ad alta voce dalla Grecia che si e’ appena svegliata, politici dico, che non vuole un nord europa che domina e un sud impoverito e sottomesso. Non vuole? Bhe’ pare sia chiaro che e’ cio’ che succede da anni, come un domino il sud eruopa dovra’ strozzarsi per ingrassare il nord europa e se non sara’ in grado dovra’ vendere e privatizzare i propri beni, Yugoslavia e’ stato un esempio.
        Se si ascoltano i tedeschi questo e’ il mantra.

        Non diamo la colpa alle vittime e in particolare quando sono le politiche a creare queste propagande e questi conflitti.

        Se l’economia va’ male sono gli incapaci, i ladri e i giocolieri che hanno la colpa.
        L’Italia ha dei debiti che sta’ posticipando ma che i cittadini dovranno pagare.
        Se il denaro pubblico si usa a pagare i giochi sporchi e i danni delle banche per es. e’ normale che aumenti la poverta’. Ma la politica neoliberal da’ ai ricchi e toglie ai poveri. Ora anche IMF dice che ha fatto un errore, dopo i morti i suicidati e il declino sociale causato, per la loro malattia di avere sempre piu’ ricchezza, ripeto nelle mani di pochissimi, con la complicita’ dei politici che se ne fregano di dare in pasto i cittadini nel loro paese o all’estero, pur di avere sempre piu’ ricchezza per se.
        IMF, inviterei a vedere i danni fatti nel mondo e la loro storia.
        Imf e world bank non caritatevoli ma banche private con il profitto al primo posto non importa i danni.

        http://www.globalresearch.ca/the-dirty-work-of-the-international-monetary-fund-lays-the-groundwork-for-worldwide-financial-conquest/5498234?ct=t%
        28newsletter_28_12_1512_28_2015%29&mc_cid=40a0f888a2&mc_eid=4cced26058

        http://www.globalresearch.ca/us-military-uses-imf-and-world-bank-to-launder-85-of-its-black-budget/5469097

        Io scapperei e lo hanno fatto anche gli ebrei durante la seconda guerra mondiale, se uno non ha scelta scappa, non credo che uno stia pensando al fatto regolare irregolare.
        Basta vedere la gente che disperata manda i bambini da soli e che tanti bambini grazie alle politiche vergognose, vanno nelle mani di criminali, di tutti i tipi.
        Gli ebrei sono scappati in Egitto dai mussulmani tanto criticati oggi, che li hanno accolti. Ne conosco io personalmente che sono andati in Egitto durante la guerra.

        I Siriani avevano un bellissimo paese e centro della cultura tanti Arabi di altri paesi sceglievano la Siria per gli studi. Se la Russia non fosse li con circa 4mila soldati chissa’ ora che macelleria ci sarebbe.

        L’Italia invece di chinarsi all’us dovrebbe ricordarsi che l’esercito tedesco e’ stato distrutto al 75% dalla Russia che ha pagato col sangue e non fissarsi con il servilismo verso us!

        Mi pare che stia tirando una bizzarra aria con questo coinvolgimento di tanti troppi paesi eu, il ruolo dell’italia sa’ di Surströmming!

  4. capitonegatto
    giugno 26, 2016 alle 10:15 am

    E poi…..li sfruttiamo sulle spiagge con le mercanzie piu’varie , nella raccolta degli ortaggi, e sulle presenze fantasma su cui incassare milioni di euro. NON BASTA SALVARLI.

    • Riccardo Pusceddu
      giugno 29, 2016 alle 9:39 am

      Sottoscrivo. Vanno “salvati” nel loro paese, anzi vanno aiutati a salvarsi nel loro paese. Altrimenti hanno ragione quelli che pensano che i neri siano inferiori.

      • Arpia
        settembre 14, 2016 alle 8:45 pm

        WHAT?
        A volte hanno ragione quelli che dicono che i neri sono inferiori!

        Che commento e’ questo? Sinceramente non lo capisco.

        Poi cosa parli sei in UK, un paese multiculturale, te ne potevi andare in un altro posto in Italia se pensi che la gente debba stare nel proprio paese.

        I Sardi sono vittime di razzismo da sempre e devo sentire certe uscite.

        Infatti vengono chiamati mediterranei in UK, che include la fascia del mediterraneo e non per motivi esotici!

        Ma se gli Italiani non riescono a togliersi dalle palle e qua lo devo dire una massa di marci e la mafia che mista galoppa da decenni e decenni, come mai pensiamo che un continente come l’Africa , con i leaders corrotti e sfruttati anche dall’Italia in guerre perenni, create dall’occidente riesca a rialzarsi, cosi’. Manco Mandela e’ stato capace di far rimettere in sesto anni di dominazione in S.Africa che ancora esiste.

        Congo 7milioni di morti, solo i morti, 7milioni!!!!!!!!!! Riflettiamo un po’. Non i feriti e non quelli che sono dovuti scappare 7milioni caput. Come fa uno a difendersi da un genocidio?

        Leggere, vedere documentari parlare con gli africani e se possibile viaggiare in Africa. Poi fare commenti!

        L’Africa e’ un continente pieno di risorse con la gente che ha la capacita’ di sopportare e che a volte non ha scelta, basta non sfruttarli e pensare che tanti prodotti che noi usiamo e buttiamo sono fatti con materiale rubato e sporco di sangue Africano.
        Es. Cellulare , pc, ecc.

        Il petrolio che usiamo avra’ sangue Africano e di altri paesi?
        Tante cose che consumiamo sono prodotte da schiavi?
        In Africa e in Asia es. Frutti di mare e pesce?
        O pensiamo che sia tutto pulito e etico?

        La prostituzione usata dagli Italiani e’ fatta da persone libere, maggiorenni o no?

        Sappiamo bene che siamo in torto marcio e che siamo degli sfruttatori, inutile girare la frittata.

        Come si fa a dire che si deve aiutare un continente quando lo si sfrutta dalla notte dei tempi, le divisioni in africa sono state fatte dall’occidente e tutto il casino che si vede e’ a maggioranza creato dagli occidentali.

      • Riccardo Pusceddu
        settembre 15, 2016 alle 1:33 am

        Accoglierli in Europa significa come dare per scontato che sono inferiori perche’ non riescono a fare qualcosa di buono nel loro paese. E’ un processo lungo quello di diventare un paese civile e in Italia ancora non ci siamo pienamente riusciti pero’ non siamo mai fuggiti in massa durante una guerra. Abbiamo lottato e la popolazione e’ stata decimata, invece in Africa ovunque c’e’ una guerra la popolazione non smette di aumentare. Vatti a vedere quanti abitanti faceva il Congo 50 anni fa e guarda adesso. E di guerre ce ne sono sempre state in Congo, come quella del Katanga del 60, tanto per fare un esempio. La verita’ e’ che non imparano mai gli Africani. Piu’ stanno male e piu’ figli fanno. Piu’ guerre ci sono e piu’ aumentano. Nel 2100 le previsioni sono di 4 miliardi di Africani invece del miliardo attuale, senza contare quelli che riusciranno a emigrare in Europa o altrove nel mondo. E poi questa storia (vera) che noialtri li sfruttiamo: che non si facciano sfruttare allora anziche’ venire a piangere da noi! La verita’ e’ che li fa comodo perche’ cosi possono venire. Ma li hai visti i rifugiati che arrivano? La maggiorparte sono uomini in eta’ lavorativa e hanno tutti lo smartphone! Senza contare tutti i soldi che avranno speso per pagare quei bastardi dei trafficanti! E protestano pure quando non gli diamo degli alloggi che gli piacciono. Che se ne tornino in Africa a lottare per il loro paese come abbiamo fatto noi in Italia durante le due guerre mondiali. E quando le guerre dalle quali scappano sono finite, mai uno che decida di tornarsene a casa per ricostruire il paese distrutto. Mica sono scemi, lo sanno che qui c’e’ il paradiso con tutto questo buonismo. Se penso che io me ne sono dovuto andare in Inghilterra perche’ lo stato non m’ha mai dato niente, mi viene da vomitare!

  5. Carlo Forte
    giugno 26, 2016 alle 11:07 am

    Che buonista Deliperi,da anni leggiamo storie sui campi profughi non certo degne di una nazione civile.Quello che ci propinano in tv è propaganda,la realtà è distante anni luce.Ci fanno vedere gli arrivi,gli abbracci,i bambini salvati,perchè non si vede mai un campo all’interno?Se non ci fosse il business de gandu……..

    • giugno 26, 2016 alle 12:18 pm

      chi lo nega? La realtà è fatta anche di migliaia di disgraziati salvati in mare e nutriti a terra.
      O no?

      Stefano Deliperi

      • giugno 26, 2016 alle 2:34 pm

        Vanno salvati e nutriti nel loro paese. E poi io a questa cosa che sono poveri ci credo in parte. Sappiamo tutti che spendono delle piccole fortune per pagarsi il viaggio. Ho letto cifre che neanche io potrei permettermi al momento attuale.
        Pero’ se vogliono che li aiutiamo devono smetterla di fare tutti quei figli. Adesso i mezzi per farlo ci sono.
        Quelli irresponsabili non vanno aiutati assolutamente. Si manda anche un messaggio sbagliato che l’irresponsabilità viene premiata. Così come la codardia di lasciare il loro paese in guerra e la loro rassegnazione di migliorare i loro paesi dall’interno, come hanno fatto i nostri padri e i nostri nonni. Quelli che sono partiti, lo hanno fatto legalmente e con il benestare dei paesi che li hanno accolti, perché serviva la mano d’opera, ecc. ecc. Ma non voglio dilungarmi troppo, credo di aver reso già l’idea.
        Qualcun’altro qui la pensa come me?

      • Carlo Forte
        giugno 26, 2016 alle 4:03 pm

        Che la gente vada salvata non c’è dubbio,ma il momento non è dei migliori per l’inserimento sociale.Si creano nuove forme di assistenzialismo in una terra già segnata da questa piaga,che già sottrae reddito a quei pochi che lavorano.

      • giugno 26, 2016 alle 4:41 pm

        hai ragione, il momento é dei peggiori.

        Stefano Deliperi

  6. Mara
    giugno 26, 2016 alle 3:57 pm

    a Lino e Riccardo: questo dell’emigrazione è un argomento terrificante che certo non risolveremo (né fermeremo) noi del blog. Credo che Deliperi volesse solo parlare della generosità degli italiani che ogni giorno impediscono altre atroci morti in mare. E’ chiaro che si dovrebbe impedir loro di partire aiutandoli a casa loro, ma qualcuno di voi se la sente di immaginarsi mentre volta le spalle a un immigrato che sta per annegare? Io non credo. Mi spiace tantissimo per voi: Lino che è costretto a lavorare e studiare (di domenica…) e Riccardo che ha dovuto lasciare l’Isola e i propri affetti. Mi spiace davvero. Non posso fare nulla se non cercare di votare per governanti onesti, se ancora ne esistono… Vi abbraccio.

    • giugno 26, 2016 alle 4:42 pm

      😊

    • giugno 26, 2016 alle 5:03 pm

      Mara, la generosita’ a volte uccide più della durezza. L’Australia e’ stata teatro di affogamenti continui sofferti da parte dei cosiddetti Boat People, provenienti da tutta la penisola indocinese e dall’Indonesia. Poi ha smesso col buonismo e credo che abbia anche affondato qualcuna di quelle navi cariche di migranti illegali. Alcuni sono morti per mano degli Australiani e non solo a causa del mare mosso o dei battelli fatiscenti che li portavano. Ecco che allora l’esodo si e’ arrestato. Risultato: anziché morti continue dilazionate nel tempo, grazie (paradossalmente) a pochi incidenti iniziali tesi a inviare il messaggio che l’immigrazione clandestina e illegale non sarebbe più stata tollerata, le morti sono cessate del tutto. Consideriamo il caso del Giappone. Morti in mare per arrivarci non ce ne sono perché il Giappone alle barche di migranti ci spara sopra, quindi quelli non si azzardano.
      Mara, non si tratta di voltare le spalle ad un immigrato che annega. Si tratta di salvarlo e rimandarlo a casa sua, non accoglierlo. Se li accogli ci sarà bisogno di salvarne ancora e ancora e ancora. Mara, quanti sei disposti ad accoglierne? Ci saranno 4 miliardi di persone in Africa nel 2100, in un pianeta in preda al riscaldamento globale e alla mancanza di energia per tutti. Ci saranno conflitti a catena e milioni di rifugiati politici. Li accogliamo tutti o gli mandiamo il messaggio che devono lottare a casa loro e smetterla di farsi sfruttare da noi Occidentali? Senza contare gli scarafaggi, come li ha definiti qualcuno qui (senza offesa per gli scarafaggi) che si arricchiscono con le morti di tutta questa gente.
      Mara, il Regno Unito e’ uscito dall’Unione Europea soprattutto a causa della politica di accoglienza adottata dai tedeschi e dagli italiani. Non vogliono che tutta questa gente diventi europea e si possa stabilire nel loro paese. E adesso hanno fatto di tutta l’eba un fascio e considerano anche noi italiani qui dei poveri migranti, alla stregua di gente che con l’Europa non ha nulla a che fare. Tanto per fare un’esempio di cosa succede ad essere troppo buoni.

      • Arpia
        ottobre 3, 2016 alle 4:21 am

        La storia dell’Australia vattela a leggere bene perché cio’ che scrivi e alla buona. Il fatto che Uk e’ uscito dall’eu il motivo che tu dici e’ quello propagandisco le realta’ sono ben altre. Cerca di capire che esce da eu non dal mondo e l’immigrazione sara’ ancor piu’ dalle ex colonie, quindi il discorso fa acqua da tutte le parti. Secondo me tu pensi che siamo tutti ignoranti e mal informati!
        Come fanno a sapere chi e’ illegale da lontano se vi e’ una procedura da seguire, illegale se vai a guardare bene non e’ proprio come pensi tu.
        Essere criminali e sparare agli immigranti non mi pare un esempio positivo. Non lo vedi tu , ma cosa ti fa pensare che non accada da questa parte del mondo?
        L’Australia poi paese di galeotti mandati a forza perché piene le prigioni, distrutta la popolazione locale come pure in Tasmania dove e’ stata annientata, non so come si possa applicare la parola legale.
        C’era una foto di aborigeni con a scritta che diceva tipo, se non volete stranieri in Australia iniziate a ritornarvene voi a casa, cosa verissima.
        Se si dice che emigra legalmente chi occupa un paese ammazzando la popolazione siamo messi bene, ovviamente molto piu’ legale di uno che arriva per lavorare senza sterminare nessuno! Madre de Dios , cosa devo leggere!

      • Riccardo Pusceddu
        ottobre 4, 2016 alle 4:52 am

        Gli inglesi che hanno votato per uscire dall’Unione Europea sono contro polacchi e rumeni ma sono molto piu contro i nigeriani e gli indiani/pachistani! Per non parlare dei mussulmani! Se gli immigrati vogliono con la forza arrivare in Europa contro la volonta della maggiorparte degli Europei allora bisogna impedirglielo, anche sparandoci sopra!
        Gli australiani si sono meritati il diritto di essere australiani perche erano superiori agli aborigeni che quindi si sono meritati di essere rimpiazzati dai galeotti inglesi che poi sarebbero diventati gli australiani di oggi. E la stessa cosa che e’ successa a noi quando i nostri antenati si sono spostati dall’Africa e hanno annientato i neanderthals, altrimenti adesso non saremmo mica cosi intelligenti io e te! Te ne devi fare una ragione, Arpia. Le cose buone a volte scaturiscono dalla violenza e dalla morte diretta o indiretta dei meno adatti, e non c’e’ niente di piu vero di cio della selezione naturale che ci ha prodotti, noi e tutti gli esseri viventi che popolano questo pianeta. Fino a quando non riusciremmo a modificare questo meccanismo, ce lo dobbiamo tenere invece che sputare sul piatto in cui si mangia come fai te.

    • Pasqualino
      giugno 26, 2016 alle 6:34 pm

      il problema è che scappano giovani uomini, e le donne e i bambini? e qui che faranno poi? perchè dobbiamo intervenire solo “noi mediterranei”? aggiungo, ed è ovvio, che non sono le logiche terzomondiste (= solita lagna alla Boldrini e company secondo i quali l’occidente gli ha affamati e quindi la mia generazione sfigata ha l’obbligo di gestirli, ecc ecc) a risolvere il problema, bisogna andare a bussare dove i poteri forti si spartiscono quei luoghi, occorre mettere al bando definitivamente la vendita di armi, occorre eliminare il debito pubblico di quei paesi ed aiutare i fratelli musulmani affamati a vedere nella loro religione l’amore per Dio e non uno strumento di riscatto micidiale. Detto ciò, che ci risparmino, i signori della CGIL, le loro genialate che hanno come unico scopo, per loro, nuovi iscritti, e per noi, l’obliterazione di un tessuto storico identitario preziosissimo.

      • giugno 26, 2016 alle 9:49 pm

        Pasqualino, sottoscrivo tutto quello che hai scritto con la sola aggiunta che devono essere anche e soprattutto coloro che stanno male a risolvere i problemi senza aspettare che a risolverglieli siano sempre gli altri, colpevoli di averli sfruttati o no. Devono tirarsi su le maniche e combattere come abbiamo fatto noi occidentali. Ma non ce l’hanno un po di dignità che stare sempre a piangere e ad aspettare che gli altri li aiutino a tirare su i troppi figli che fanno?

  7. Carlo Forte
    giugno 26, 2016 alle 4:16 pm

    Questi esodi Riccardo sono causati oltre che dalla fuga dalle guerre,dallo sfruttamento intensivo dei loro beni o fonti di sostentamento,pesca distruttiva in primis.L’Africa è ricchissima smettiamo di sfruttarla e qualcosa potrà migliorare.La guerra è una merda fanno bene a scappare,non dimentichiamo che I nostri padri e I nostri nonni a torto o ragione si sono comportati da sterminatori non lesinando l’uso di armi chimiche.

    • giugno 26, 2016 alle 5:15 pm

      Se ti riferisci alle colonie sono d’accordo. Ma adesso le colonie non ci sono più quindi che abbiano le palle per smettere di farsi sfruttare da noi! Che si organizzino come abbiamo fatto noi, con la democrazia, seppure imperfetta che ci ritroviamo in Italia. Io non voglio che l’Italia diventi uno stato africano. O arabo, o Pakistano o Indiano o chi più ne ha più ne metta. Il nostro posto e’ in Europa, con i nostri fratelli europei. Tutti compresi, anche russi e ucraini. Purtroppo tutto questo buonismo sta facendo crollare anche questo sogno, che avrebbe evitato se attuato un secolo fa, ben 2 guerre mondiali e un’infinita’ di altri conflitti locali e tensioni e guerra fredda. Il mondo sarebbe stato diverso e migliore. Ma siamo ancora in tempo se riordiniamo le idee e ci aiutiamo fra noi anziché aiutare più gli altri che i nostri simili.

      • Mara
        giugno 26, 2016 alle 6:19 pm

        Riccardo: ma loro SONO nostri simili. Anzi siamo parenti stretti, se studi un po’ la storia dei flussi migratori discendiamo TUTTI dallo stesso ceppo di Sapiens. Da secoli e nei secoli siamo una sola razza che fa di tutto per autodistruggersi. Amen

      • giugno 26, 2016 alle 10:10 pm

        Non e’ così che funziona l’evoluzione per selezione naturale, Mara. Ma certamente che discendiamo tutti da antenati comuni vissuti in Africa alcuni milioni di anni fa e che poi si sono diffusi nel resto del globo ma le specie si evolvono non solo tramite la collaborazione e l’armonia fra i propri membri ma anche tramite la distruzione di quelli meno adatti, sia diretta tramite le guerre che indiretta per mezzo di carestie e altri eventi ambientali critici. Questo meccanismo potrà non piacerti ma senza di esso non saremmo nemmeno qui, io e te, a discutere di questi stessi problemi, nel senso che l’Homo sapiens sapiens, la specie alla quale apparteniamo (e’ erroneo dire “razza”) non si sarebbe mai evoluta senza di esso. Anzi, l’innumerevole numero di forme di vita di questo pianeta non avrebbe mai avuto luogo e tutto sarebbe rimasto al livello di molecole organiche incapaci di riprodursi.
        Loro sono certamente nostri simili ma gli altri italiani e europei sono più simili a noi di quanto lo siano loro e se permetti io preferisco aiutare i miei simili, quando non posso aiutare entrambi e non delle persone che vengono da un’altro continente, che hanno una lingua diversa dalla mia, dei principi diversi dai miei, e soprattutto un’atteggiamento profondamente diverso dal mio. Anche tutti i bambini sono nostri simili ma allora perché ognuno di noi tiene più ai propri che a quelli degli altri?

      • Carlo Forte
        giugno 28, 2016 alle 11:40 am

        Siamo in Africa da un pezzo,basta osservare con occhi non offuscati……

      • Riccardo Pusceddu
        giugno 29, 2016 alle 9:36 am

        Gli occhi offuscati sarebbero i miei? Lo sanno anche i bambini che lo sfruttamento dell’Africa, sia delle sue risorse naturali che della gente che ci vive continua anche oggi. Io dicevo un’altra cosa. Dicevo che ora lo sfruttamento non e’ più imposto con la forza militare come lo era ai tempi delle colonie. Dicevo che gli africani devono prendere in mano il loro destino e smetterla di piangersi addosso e fare 5 figli per donna, che mi pare sia la crescita demografica media africana. Dicevo che quando c’e’ una guerra dovrebbero stare li e combattere per il loro paese anziché fuggire. E questo vale per tutti, indiani, pakistani, quelli del Bangladesh, latino americani, indocinesi, filippini, ecc. ecc.

      • Carlo Forte
        giugno 29, 2016 alle 10:28 am

        Non i tuoi,quelli della gente del sud…..Non ci riusciamo nei paesi “civili”,figurati dove le bande armate seminano il terrore.Oh Riccardo,riprovaci a vivere in italia…..

      • giugno 30, 2016 alle 1:22 am

        Carlo Forte, non sono sicuro di aver capito. Se ti riferisci alle bande armate nei paesi africani e mediorientali sono sempre le popolazioni di quei paesi che le tollerano. Perché noi in Europa non ce le abbiamo? Ce le avevamo anche noi nel passato (basta leggere i promessi sposi) ma nessuno ci ha aiutato a liberarcene. Ci sono voluti secoli ma alla fine siamo cresciuti adottando la democrazia, l’eguaglianza tra uomini e donne, ci siamo affrancati dal fanatismo religioso e così via.
        Io avrei un idea: dovremmo farli entrare ma solo per un’anno, così potrebbero magari accorgersi perché le società in cui vivono loro sono ancora così arretrate. Poi via: che si rimbocchino le mani e si sollevino da soli dalla miseria in cui vivono.

  8. Mara
    giugno 27, 2016 alle 9:18 am

    Questo post è il più difficile in tanti anni che lo frequento, altro che caccia si e caccia no. Sento che hai moltissime ragioni, caro Riccardo. Anzi sento che forse hai completamente ragione. Eppure…
    Sono felice di non dover risolvere in prima persona questo gravissimo problema. Credo che non lo risolveranno nemmeno in Europa, egoisti e divisi come siamo.
    Terza guerra mondiale e poi ricominciare dai pochi sopravvissuti, si spera i migliori, ma non credo? Strafelice di non esserci!

    • giugno 27, 2016 alle 2:03 pm

      Mara, sono d’accordissimo con te che questo sia un’argomento delicato. Parliamo di vite umane e non di pernici o cinghiali. Ma questo e’ proprio il motivo per cui non dobbiamo tirarci indietro nel tentare di risolverlo. Io la terza guerra mondiale o altri conflitti locali, non la voglio a prescindere se ci saro’ o meno. Io sogno una terra dove tutti possano vivere felici e in armonia con la natura. Pero’ sogno anche una terra in cui le varie popolazioni che la abitano, conservino la propria identità. Non mi piacciono le società multietniche perché distruggono solo l’identità di una delle parti. E’ anche vero che la arricchiscono di altri valori ma secondo me quello che si perde e’ più di quello che si guadagna. Se uno vuole ampliare i propri orizzonti culturali questo e’ legittimo (io e’ una vita che lo faccio) ma non facendosi invadere da altri. Se a uno piace la cultura africana, che si legga dei libri o si guardi dei documentari, come ho fatto io. E se ciò non bastasse, che vada in Africa per un periodo di tempo a toccare con mano la realtà spesso tragica di quel continente. Io amo tutte le culture del mondo. Sono come la biodiversita’ che troviamo in natura: più ce ne sono, meglio e’! E’ proprio per questo che mi oppongo a quella che se continuiamo di questo passo, si sta rivelando come l’estinzione della nostra cultura occidentale, con tutti in nostri valori comuni, dal tempo degli antichi greci, passando per l’Impero Romano e poi il Rinascimento e anche non dimentichiamoceli, episodi orribili di guerre mondiali e conflitti vari. E adesso l’Unione Europea.
      Il fatto e’ che la terra del futuro e’ destinata a somigliarsi sempre di più da un luogo all’altro fino al punto che tutte le differenze razziali e culturali si annulleranno. Questo accadrà a meno che non si torni indietro con la tecnologia. Allora il mondo avrà i valori e i principi di quelli che lo comporranno e purtroppo tali principi a volte sono conflittuali e non cumulabili. Quindi dire che le società multietniche hanno più valori di quelle non multietniche e’ un errore. Non si arricchisce il pool di valori e principi ma se ne forma uno nuovo dove prevalgono i principi della maggioranza delle persone.
      E poi ci sono gli istinti primordiali, non dimentichiamoceli mai, altrimenti davvero 6 milioni di ebrei saranno morti invano.

      • Arpia
        ottobre 10, 2016 alle 12:02 am

        Questo post e’ talmente caotico e insensato che merita un premio. La parte che ami le altre civilta’ a meno che non passino dei galeotti bianchi e le annullino e’ da libro cuore. La tecnologia che torna indietro per evitare la multiculturalita’. Parole che meriterebbe il premio idraulico liquido d’oro!

  9. francesco
    giugno 27, 2016 alle 1:36 pm

    Hai ragione Mara, questo post tocca un tema scottante che in qualche modo ci vede coinvolti, sia come occidentali “responsabili” dell’instabilità politica ed economica di molte aree del pianeta, sia come vittime di un Europa che non ci aiuta a fronteggiare il problema, e non ultima come persone civili e coscienziose che, sensibili di fronte al problema umanitario, possiamo sentirci orgogliosi di fare almeno quel primo passo che è non lasciar morire queste persone in mare.
    Nessuno ha la soluzione in tasca e, senza voler entrare nel perché e percome, tanto ognuno rimane della propria idea, credo che a rendere scottante la questione siano due aspetti dei quali non vogliamo prendere coscienza. Il primo è che è in atto un processo inarrestabile, che nel mondo siamo svariati miliardi di persone che dovrebbero avere uguali diritti, che dobbiamo abbattere gli steccati e non sollevarne di nuovi, che dobbiamo finirla di ragionare in termini di “noi” – “loro”, ecc ecc…. L’altra questione è riconoscere che il nostro punto di vista, pur con tutte le difficoltà quotidiane causa di problemi ed arrabbiature, è comunque un punto di vista privilegiato rispetto alla disperata gravità dei problemi di quella parte di mondo che lotta per la pura e semplice sopravvivenza.
    Oppure proseguiamo sulla strada dell’egoismo sfrenato… con pochi risultati e molte incertezze per il futuro di tutti.

    • Riccardo Pusceddu
      giugno 27, 2016 alle 6:34 pm

      Non so cosa sia meglio, l’egoismo sfrenato o il buonismo sfrenato. Non potremmo mai finirla di ragionare in termini di “noi e loro” perche sta nei nostri geni che tendiamo ad aiutare chi ci somiglia di più. Possiamo far finta che non sia così, oppure strapparci le vesti per il dolore di questa consapevolezza ma alla fine non siamo tutti uguali. Noi siamo e’ vero privilegiati ma non per diritto divino ma perché ci siamo rimboccati le maniche per millenni per creare la società in cui viviamo. E non ci siamo fatti sfruttare quando ci hanno provato, come alle Termopili o i pirati arabi e i turchi all’epoca dell’impero Austroungarico. Io trovo che questi siano meriti che non vadano liquidati dicendo semplicemente che noi siamo privilegiati e che gli altri siano sfortunati. Se sono sfortunati e’ anche colpa loro. Se io fossi un’africano, mi sentirei orgoglioso della mia etnia e non scapperei alla prima occasione pagando un mare di soldi per venire in Europa e magari rischiare di affogare in mare, quello vero. Quelli veramente poveri stanno in Africa. Chi viene qui sono quelli che hanno abbastanza soldi per pagarsi il viaggio.
      Sono anch’io un immigrato, visto che sono venuto in Inghilterra nel lontano 1999. Ma ci sono venuto legalmente e non contro la volontà dello stato inglese. Adesso se il mio diritto a stare qui venisse revocato, io me ne torno tranquillamente in Sardegna, a lottare per il mio futuro e per quello dei miei figli, in una terra che mi vuole e mi accoglie perché sono uno dei suoi tanti figli che si sono visti costretti ad immigrare altrove in Europa.

      • Pasqualino
        giugno 27, 2016 alle 10:04 pm

        Parole sante, nulla da aggiungere. Credo che si possano trarre le conclusioni: la Sardegna non digerisce più questo fenomeno patologico che qualcuno chiama ancora accoglienza.

  10. Mara
    giugno 28, 2016 alle 8:16 am

    Cedo, Riccardo. Sei troppo più in gamba di me, troppo avvolta da inestricabili dubbi.
    Ho comunque una certezza (e non scambiatela per buonismo:)) : il mondo non può diventare così tanto brutto, se esistono persone come voi che scrivete su questo blog.
    Con un applauso speciale per la divina concisione di Occhio Nudo!

    • Riccardo Pusceddu
      giugno 28, 2016 alle 10:41 am

      Grazie per il complimento anche se immeritato, almeno per quanto riguarda il sottoscritto. Il mondo può e deve diventare migliore, per tutte le specie che lo abitano ma soprattutto per una di esse, quella a cui tutti noi, bianchi, gialli, neri, verdi ecc. ecc. apparteniamo. Pero’ bisogna non farsi prendere dall’idealismo più acritico perché così si finisce a fare più male che bene. C’e’ una bellissima novella del grande Pirandello di cui non ricordo il titolo, che rende in maniera magistrale l’idea.
      Bisogna essere pragmatici, perché talvolta il bene corrisponde non al bene inteso come valore universale assoluto e imprescindibile ma invece corrisponde al perseguire il male minore.
      E’ proprio questo il bello della vita: la verità non sta mai da una parte sola e così pure il bene e il male. Ci sono modi diversi per risolvere lo stesso problema, non succede quasi mai che una soluzione sia 100% perfetta e l’alternativa 0%.
      Avevo anch’io molti dubbi quando ero più giovane. Tendevo a idealizzare una sola delle 2 posizioni di fronte ad un problema. Vedevo solo o nero o bianco, invece delle infinite sfumature di grigio fra di essi. Quindi il fatto che tu ti senta avvolta nei dubbi magari e’ solo una fase della tua crescita spirituale. Posso chiederti quanti anni hai? Non sei tenuta a rispondere, naturalmente, hahaha.
      Un riferimento veloce sulla divina concisione di Occhio Nudo. Ma certamente che siamo ancora umani! Pero’ in cosa consiste esattamente l’essere “umani”? Noi non sono fatti solo di quello che ci piace definire “bene”. Abbiamo anche dei lati per così dire oscuri che non sono li solo per caso o perché ce li ha dati Dio. Sono li perché si sono rivelati utili alla sopravvivenza della nostra specie. L’uomo può essere “buono” o “cattivo” a seconda delle circostanze. La sfida per noi consiste nel cercare di creare e mantenere le circostanze “giuste” a che il nostro lato oscuro rimanga sopito, non si esprima. Il fare entrare gli immigrati così come si sta facendo ora sta producendo l’effetto opposto, mi pare. Guarda cosa sta succedendo nel Regno Unito, dove vivo io!
      Un saluto,
      Riccardo Pusceddu

      • Mara
        giugno 28, 2016 alle 9:26 pm

        Quand’ero giovane avevo pochissime incertezze. Ora, sulla soglia dei 70 (!) più imparo e più i dubbi mi assalgono. Il grigio è un colore difficile. Mi consolo unicamente pensando che “Chi non pensa non dubita mai”. 🙂 Ricambio molto cordialmente il saluto.

      • Riccardo Pusceddu
        giugno 29, 2016 alle 9:46 am

        Allora mentalmente eri più vecchia quando eri giovane che adesso. Stai ringiovanendo, haha. Il germe del dubbio non va MAI estirpato. Bisogna sempre essere pronti a cambiare idea se fatti nuovi vengono alla luce. Guai ad arroccarsi su certezze pregresse come se fossero dogmi. Il cervello e’ fatto per pensare, non per credere ciecamente e indiscriminatamente alle cose. Continua così, Mara. 🙂

  11. Arpia
    giugno 29, 2016 alle 1:26 pm

    Mara, devo dire che mi hai fregato, si pensa a volte di dare vagamente un’ eta’ e un volto, ma pensavo una brunetta 27 enne! Ora devo dire che dopo aver letto che hai 70 anni devo cambiare il mio modo di pensare ai commentatori! Avere dubbi, domande e cercare la verita’ o le alternative ad essa non puo’ mai far male indipendentemente dall’eta’.

    • Mara
      giugno 29, 2016 alle 9:34 pm

      Cara Arpia: grazie per la risata! Comunque lo sono stata… brunetta di 27 anni! Kiss

  12. Arpia
    giugno 30, 2016 alle 1:21 pm

    Riccardo P. Hai commentato al mio commento volevo fare risp. ma non e’ possibile ma ti scrivo qui. Contro chi devi lottare non ho capito? Hai detto che sei un emigrato tu stesso per scelta o imposizione? Non conosco la tua storia personale. Immagina quelli perseguitati, torturati, ammazzati o che grazie alle politiche occidentali di centinaia di anni muoiono di fame. Ora dovrai pensare a te come emigrato se vuoi essere British o Italian. Per me il mondo e’ di tutti ma quando Us inizia a mettere i popoli in conflitto e a creare un mondo pieno di ingiustizie e attacchi folli e guerre penso che sia ora di abbandonare la nave. Uk ha fatto una buona scelta a mio parere, non ho idee di destra ne razziste ne l’hanno i miei amici che hanno votato in quella direzione , ora spero che i politici abbiano le p… per rispettare il volere popolare.
    L’Italia e’ vaga sul ruolo dei rifugiati, alcuni attendono 4 anni! Follia rispetto ai termini legali, l’Italia ama la confusione, il caos crea paure e denaro per chi ha interessi economici. Ma pensi che sia normale che i medici senza frontiere entrino nei campi Italiani? Una vergogna incredibile che si debba arrivare a questi livelli, l’Italia e’ sfasata come l’Australia con i rifugiati, confusa. Ci fu’ anni fa un documentario su bbc news sui campi in Italia, una cosa inguardabile e vergognosa. Io conosco vecchi e nuovi rifugiati in Uk e devo dire che nessuno ha mai lamentato problemi, sono professionisti in vari settori e laureati in varie discipline come dovrebbe essere. Non perdiamo il senso di umanita’.
    Io non credo che l’Europa abbia nulla da imparare da Us che ha la piu’ alta popolazione carceraria del mondo che usa come schiavi per produrre. Un paese creato sul piu’ grande genocidio del mondo dei native americans, grazie anche a Colombo e Vespucci! Un paese estremamente razzista che fa propaganda anti immigrazione ma che sfrutta sino all’osso i messicani, sai se sei illegale, sei delinquente! Se muori non importa e se non hai diritti sei piu’ vulnerabile e piu’ sfruttabile. Us non da’ un buon esempio al mondo e cio’ che accade in Eu sono le conseguenze di una folle politica non tipicamente europea, la drammatica situazione in Africa e medio oriente devono farci riflettere, le vittime sono le vittime partendo dalle vittime si puo’ risalire al carnefice , occorre avere il coraggio di capire chi e’ il carnefice, prendiamoci e nostre responsabilita’. In Uk durante Blair times la gente diceva, no blood in my name, condivido. Ho avuto il privilegio di vivere e viaggiare in altri posti per caso o scelta e devo dire che condivido il dolore e la passione e la tenacia di chi emigra per necessita’ o disperazione. Se abiti in Uk conoscerai la diversita’ dei suoi abitanti e di chi e’ stato portato negli anni in Uk per costruire e lavorare. Non sono le razze o i colori della pelle che ci devono preoccupare, meglio non cadere nella trappola, ma chi si fa’ ricco dai poveri dai tempi della schiavitu’ ad oggi. Creare tensione sociale, razziale e religiosa e’ uno degli obbiettivi di chi mette i popoli in certe situazioni.

    • Riccardo Pusceddu
      luglio 2, 2016 alle 12:06 am

      Caro Arpia, io sono emigrato per scelta perché credevo nel progetto di costruire un Europa unita e senza frontiere. Credevo e credo ancora nel fatto che noi Europei siamo tutti fratelli e che ci dovremmo aiutare a vicenda invece che diventare sempre più divisi a causa di politiche di immigrazione che preferiscono accogliere non Europei piuttosto che Europei. Dopo questa breve premessa lascia che ti risponda punto per punto.
      – Quelli che arrivano in Europa dalla Siria, dall’Africa, dall’Iraq e dall’Afganistan non sono quelli che muoiono di fame. Sono quelli che c’hanno i soldi per pagarsi il viaggio, prevalentemente maschi sulla trentina almeno a giudicare dalle immagini e dai filmati. E quelli che restano in Africa perché non c’hanno abbastanza soldi, muoiono di fame anche per colpa loro perché irresponsabilmente fanno troppi figli!
      – Io non posso scegliere di essere Britannico anche se lo volessi perché non lo sono. Io mi sento prima di tutto sardo, poi nell’ordine: italiano, Europeo, cittadino del mondo.
      – Non me la sento di dare tutta la colpa agli Stati Uniti. La colpa e’ principalmente di chi si fa sfruttare, secondo me. Della loro apatia, della loro rassegnazione, della loro mancanza di dignità. E se non di queste cose, allora della loro stupidita’ e inferiorità.
      – Qui in Inghilterra non sono i politici che hanno le palle. E’ la gente che ce le ha e i politici lo sanno e non s’azzardano ad andare contro la maggioranza. Questo si ricollega al fatto dello sfruttamento. Se vuoi avere i politici giusti, non devi farti sfruttare da quelli che ritieni siano sbagliati.
      – L’intera politica sui rifugiati e’ sbagliata. Ci saranno più e più guerre in futuro e l’Europa non può e non deve accogliere tutta questa gente a tempo indeterminato. Continuare con l’andazzo attuale ci porterà all’estinzione. Immagina una guerra civile in Nigeria o in Egitto. La Nigeria a più di 100 milioni di abitanti adesso e ne avrà 300 milioni alla fine del secolo. Ci saranno decine di milioni di rifugiati e accoglierli tutti a tempo indeterminato e’ un suicidio collettivo, sociale ed etnico.
      – Ho avuto occasione di conoscere anch’io diversi rifugiati politici o presunti tali qui in Inghilterra e io li trovo dei codardi, a lasciare la loro terra in preda alla guerra per venire qui. E anche se sono laureati e professionisti, ecco il risultato: la maggiorparte degli inglesi che vive di salario minimo non ce la fa più, fa di tutta l’erba un fascio e vota per dividersi dall’Unione Europea! Il fatto che siano laureati e talvolta migliori degli inglesi stessi, giova solo a loro e agli imprenditori che li assumono non perché li amano ma solo per meri interessi economici.
      – Io il mio senso di umanità lo uso prima coi sardi come me, poi fra italiani, poi verso i miei fratelli Europei e solo per ultimo verso gli altri cittadini del mondo. Non lascio indietro i primi per favorire i secondi solo per uno sporco calcolo economico!
      – Negli Stati Uniti i latinos illegali sono 21 milioni mi pare. E’ vero che vengono sfruttati e adesso vogliono quasi con arroganza restare in quel paese e dettare legge a mano a mano che il loro numero cresce. Gli americani doc si sentono minacciati nella loro stessa identità, anche razziale. E io li capisco. E’ le cose vanno relativamente bene ora. Immagina una crisi importante! Sarebbe guerra civile subito. Quindi spero che riescano a svegliarsi prima che sia troppo tardi.
      – Le tensioni razziali non si creano semplicemente parlandone. Sono sempre li, dormienti, perché sono nel nostro DNA. Fare finta di niente o negare o appellarsi alla bontà del genere umano dicendo a noi stessi che dovremmo essere più “buoni” non basta e anzi produce a lungo andare l’effetto opposto, visto che il problema permane e poi esplode all’improvviso, come ci insegna la Germani Nazista, il Kossovo, l’Ucraina e innumerevoli altri posti nel mondo.
      – Io sono povero ma non mi piango addosso perché vengo sfruttato, perche’ so che se cio accade e anche colpa mia. So che anziché fare la vittima, devo lottare, da solo o meglio ancora coalizzandomi con altri poveri come me, che sono la maggioranza in ciascun paese del mondo, come lo sono sempre stati dall’alba dei tempi.
      – Se non ci fosse questa volontà di riscatto e di migliorarsi, la stessa specie Homo sapiens non sarebbe mai emersa sulla scena del mondo. Si chiama evoluzione per selezione naturale.
      Un saluto.

  13. Mara
  14. Mara
    settembre 14, 2016 alle 9:36 pm

    A tutti voi che forse non l’avete ancora letto, consiglio di cuore una lettura semplice, fascinosa e illuminante. Poi mi direte….
    EBANO di RYSZARD KAPUSCINSKI

  15. Arpia
    settembre 15, 2016 alle 12:46 pm

    Riccardo, trovo il tuo discorso parecchio confuso ho scritto un paio di messaggi e si sono persi, mi pare che tu ignori tante cose. Il ruolo occidentale, in Africa e non solo. Ma sei mai stato in Africa?

    Trovo bizzarro che dici, in particolare per te che siano gli Africani se ne devono stare a casa loro.
    Prima ognuno va’ dove gli pare non sta’ a te decidere chi si puo’ muovere e in base a quale colore di pelle.
    Fa parte dei diritti umani.

    Ci sono africani in uk da generazioni e per loro sei tu lo straniero.
    Trovo bizzarro che tu dica che il multiculturalismo e’ un danno? Vorrei che tu mi facessi l’elenco. Quali sono le cose importate dalla cultura Africana che hanno fatto male all’UK per es.?
    Parli di rifugiati come se fossero un fastidio, i rifugiati che siano ebrei, Africani o medio-orientali hanno dei diritti garantiti da leggi internazionali. Guarda nel mondo vedi i conflitti attuali e vedi da chi sono causati e per quali motivi e cercane le radici.
    Tu in tempo di pace non sei riuscito a fare quello che rimproveri agli altri di non fare in tempo di guerra. Chi ti dice che i tanti morti non siano quelli che hanno combattuto per il loro paese. Cosa vuol dire che se gli ebrei sono scappati per evitare di morire e sono andati in vari pesi come rifugiati ne hanno il diritto ma se sono africani, non possono farlo?!

    Se hai dei dubbi degli americani o occidentali vediti cosa hanno fatto in Latino america, Australia, Canada ecc ecc.
    Non ho mai fatto nella mia vita o mai pensato a una scala di valori per popolazione, prima i sardi e poi gli Italiani.
    Prima le persone a me care e chi se ne frega da dove vengono o che colore di pelle hanno o che religione o non religione hanno.
    Tu sei straniero all’estero ma critichi gli altri che sono stranieri , magari sono li da’ generazioni.
    Non c’entra nulla la min. wage con gli stranieri ma che ci azzacca!
    La crisi in uk e’ causata dalla politica neo liberal dell’attuale politica e il caos causato nell’economia e nel sociale.
    Altra stranezza del tuo commento sui latinos in us, sono alla base e il traino dell’economia e il paese non e’ dei bianchi ma dei native americans, che hanno subito un genocidio e ancora sono tenuti ai margini e non lasciati in pace.

    In Bolivia per la prima volta un indigeno e’ presidente Evo Morales, immagina il tuo paese la tua terra , ma la tua gente non conta nulla.
    Vai e ascolta il suo discorso alle UN nel 2006 per vedere cosa dice so come sono trattati gli indigeni, se hai dei dubbi sugli occidentali e sul loro comportamento.

    Il discorso sulla selezione naturale della specie non so a cosa tu ti riferisca. Se uno muore in un barcone in mare o viene ammazzato da guerre occidentali e’ selezione naturale?
    La parte della selezione naturale non e’ una parte molto apprezzata anche da chi segue la teoria di Darwin, se cosi’ fosse si perderebbero persone che hanno disturbi fisici o chiamati mentali da Churchill a Lord Byron a S. Hawking solo per fare alcuni esempi.

    Come tu faccia in Uk a stare bene con le tue idee con tutta la popolazione mista mi pare strano. Ho avuto e ho amici di tutto il mondo e mi hanno solo dato ricchezza, trovo il tuo approccio molto lontano dal mio.
    Trovo vergognoso che tu dica che gli occidentali sono capaci piu’ degli altri, New York e’ stata costruita dagli schiavi, le ricchezze attuali nelle mani di pochi in Uk e Us per esempio vengono dalla ricchezza prodotta dalla tratta degli schiavi e Uk nonostante sia stata spesso chiesta, restitution, non ha mai fatto nulla.

    Pensi che sia una dote, un dono o altro di positivo, quello che ha usato e usa la violenza per rubare ed imporsi.
    Gli occidentali continuano nel mondo a sfruttare e creare guerre e miseria.
    Se avere un cellulare per te e’ segno di ricchezza , sono tutti ricchi, li hanno tutti non mi apre un segno di ricchezza.

    Poi gli Italiani sono piazzati in tutto il mondo se fosse come dici tu se ne devono andare da Brasile, Argentina ecc. ecc. Ci sono in Scozia Italiani che si sono rifugiati li durante la guerra, vai a dirgli che sono stati codardi. Alcuni hanno combattuto ma altri sono pure scappati.
    Questo e’ un articolo abbastanza chiaro sul Biafra , ma ce ne sono tanti.

    http://www.worldsocialism.org/spgb/socialist-standard/2000s/2008/no-1246-june-2008/nigeriabiafra-and-oil

    C’e’ pure una lunga lista di altri paesi e del coinvolgimento occidentale.

    Se neghi il ruolo dell’accidente nel mondo per i disastri umanitari mi dispiace ma non hai visto abbastanza, mi auguro che tu sia molto giovane e che debba ancora imparare.

    Gli occidentali o gli europei se vengono a contatto con altre culture perdono? Che concetto e’ se non ci fosse stata l’Africa non saremmo qua, se la cultura araba non avesse creato tante cose della tua vita quotidiana la tua vita sarebbe molto limitata. Quello che hanno le cosi’ dette culture occidentali e’ spesso frutto dell’influenza di altre culture, dal cibo alla musica ai numeri ecc. ecc.

    E se gli europei vanno negli altri paesi non intaccano le altre culture, mettendo da parte gli sfruttatori e i violenti saccheggiatori?

    Fatti il dna magari hai sangue turco , arabo o africano, non e’ che si scappa.

    Che il razzismo sia nel dna come hai detto in un precedente post lo trovo molto improbabile.

    Ma ti hanno detto che sono rifugiati o lo hai pensato tu? Dici rifugiati ma no hai la certezza. Vai e parlaci, vedrai che sono esseri umani come te.
    I rifugiati che io conosco sono dagli ebrei dei tempi della guerra a Kurdish a gente di altri paesi medio orientali, Africani scappati da guerre, non so ma a me le storie e le culture di altri paesi mi sono sempre interessate. Diversi modi di pensare rendono il mondo vario.

    Carlo Forte invece ha idee simili alle mie non solo lui, quindi vedo segni di speranza.

    • Riccardo Pusceddu
      settembre 15, 2016 alle 5:43 pm

      Guarda che io non contesto affatto che noi occidentali sfruttiamo gli altri, anzi! Non sono nato ieri e poi lo sanno tutti che il commercio di armi e’ fra i mercati piu lucrativi al mondo.
      So benissimo cosa dice la dichiarazione universale dei diritti umani ma non la condivido, completamente, quindi dico la mia: e’ anche quello un diritto umano. Io penso che uno se li debba meritare i diritti e non fare piu’ figli di quanto ne possa mantenere e poi scaricarli agli altri dicendo che e’ uno loro diritto di essere mantenuti. Mia nonna aveva 11 figli ma li ha mantenuti lei, nessuno e’ andato via, eccetto 2 che poi sono ritornati. E poi qui non si tratta di principi ma anche di istinti. Oggi prevalgono i principi perche’ ancora c’e’ un relativo benessere. Aspetta un po’ che arrivi la crisi ambientale prodotta dal surriscaldamento del pianeta e la fine del petrolio e del carbone e vediamo che succede, se gli Europei, se ancora ve ne saranno, saranno disposti a riconoscere il diritto di 4 miliardi di Africani o di 2 miliardi di Indiani di entrare in Europa o negli Stati Uniti o nel Canada o in Australia e Nuova Zelanda! Vediamo cosa fara’ la gente quando accogliere un non Europeo comportera’ il sottrarre cibo ai propri figli! Scusa ma per me non siamo tutti uguali: prima i miei figli e poi quelli degli altri. E’ il noto meccanismo dell’Evoluzione tramite selezione naturale, quello che ci ha dato il cervello che stiamo usando proprio in questo istante io e te per dibattere le nostre opinioni diametralmente opposte. Il razzismo e’ nel nostro DNA come lo e’ l’istinto di aiutare gli altri, il cosiddetto buonismo. Tutti e due hanno funzionato benissimo fino al momento attuale. Oggi ci sono troppe persone nel mondo e non a causa della loro abilita’ a sopravvivere ma alle scoperte di noi occidentali e al nostro eccessivo buonismo. E’ un totale sbilanciamento dei meccanismi selettivi naturali, quelli stessi che hanno portato alla nostra comparsa e a quella di tutte le altre specie viventi che si sono susseguite su questo pianeta fin dalla comparsa del primo organismo autoreplicante. Ti invito a leggere non solo cose sullo sfruttamento e le atrocita’ commesse da noi occidentali in giro per il mondo ma anche qualcosa sulla teoria dell’evoluzione per selezione naturale e su come funziona. Un meccanismo spietato ma purtroppo a tutt’oggi l’unico che funziona infallibilmente anche se a carissimo prezzo. E poi S. Hawkins e’ sicuramente un miglioramento della specie perche’ supplisce col suo intelletto a qualsiasi altra delle sue tare fisiche.
      Per tornare ai principi, io non mi considero straniero in Inghilterra perche’ sono venuto qui da Europeo, sull’invito dei miei fratelli Europei Inglesi. E anche se adesso il Regno Unito ha deciso di uscire dall’Unione Europea, ci sono ancora tantissimi Inglesi che pensano che un Italiano sia molto piu vicino a loro di qualsiasi Pakistano o Nigeriano o Giamaicano che sia li da generazioni. Gli Italiani e gli Inglesi hanno in comune delle cose da millenni e non solo da poche generazioni. La stessa cultura, lo stesso DNA, gli stessi principi, un’attidudine simile nel fare le cose. Noi Europei ci siamo mischiati molto per millenni, sia pacificamente che col succedersi delle invasioni e delle conquiste. E allora il petrolio non c’era quindi la gente che era per cosi dire meno adatta a sopravvivere, moriva davvero invece che aumentare come sta accadendo oggi. Quindi i diversi che si univano avevano davvero qualcosa di speciale, di prezioso: la capacita’ di sopravvivere, vuoi con l’ingegno, vuoi con la forza, vuoi con l’unione fra i propri simili. Gli ebrei che hanno dovuto lasciare i loro paesi durante la seconda guerra mondiale lo hanno fatto usando i loro mezzi finanziari e non scaricandone il costo sui paesi che li hanno accettati. E non c’era nessuno che lo ha fatto perche’ voleva piu’ benessere perche’ il benessere ce l’avevano gia’. Erano la classe dominante, dal punto di vista finanziario. Gli Italiani che sono immigrati all’estero hanno portato solo del benessere nei paesi dove sono andati, invece che fare piu’ figli di quelli che si potevano permettere come fanno gli etiopi, i somali, i nigeriani, i giamaicani, gli arabi, i pachistani… e mi fermo qui per brevita’ che gia’ mi sembra di sentire Stefano che mi rimprovera per monopolizzare i commenti su questo sito, hahaha.
      Un saluto.
      P.S.: fammi tu un elenco delle cose positive apportate dai non Europei in Europa, a parte la musica e il carry (per chi piace).

  16. Arpia
  17. Arpia
    settembre 16, 2016 alle 2:02 pm

    Riccardo, devo trovare il tempo per leggere i tuoi posts qua, ogni volta che ne leggo uno mi viene da farmi tante domande, specialmente sulla confusione che fai.

    Mi pare che quando io ho parlato dei milioni di morti in Congo tu abbia detto che le guerre esistono da sempre es. quella del Katanga, mi pare che tu abbia nominato il Katanga.
    Ma se tu avessi letto almeno Wikipedia
    sapresti che e’ sempre stata fatta da mani occidentali per le risorse e che in quel periodo il leader eletto democraticamente in Congo che si opponeva alla indipendenza del Katanga e’ stato fatto fuori da europei e da Us.
    Sempre per il controllo e lo sfruttamento delle risorse.

    Se tu vedi la storia dell’Africa e del suo popolo e’ zeppa di queste storie.

    https://en.wikipedia.org/wiki/State_of_Katanga

    Un tuo commento di Giugno con Carlo Forte, dici che oggi piu’ che mai gli abitanti devono rimanere in Africa perché le lotte NON SONO ARMATE come durante il colonialismo!

    Oggi piu’ che mai SONO ARMATE, ma di cosa parli?

    E’ pieno di gruppi armati da mano occidentale, come pensi che la stiano ammazzando la gente a morsi in testa?!

    Oltre a creare miseria, disperazione fame, spostamento forzato, malattie, inquinamento delle acque, del suolo e dell’aria. Ecc, Ecc.

    Vatti a vedere cosa scaricano in Africa di materiale tossico i bravi tanto civilizzati occidentali.

    Vai a guardare come ora piu’ che mai in Africa ci siano basi americane su tutto il territorio, grazie anche alla Francia e Uk, ma non solo.
    Il colonialismo non e’ mai finito si e’ solo dato una nuova maschera o delle nuove maschere, finta democrazia, finti aiuti umanitari, finta pace. Il fatto e’ che c’e’ tanto sfruttamento delle risorse e tanti morti.
    La ricchezza occidentale e’ venuta e viene prevalentemente dallo sfruttamento dell’Africa.

    Ci sono delle grosse multinazionali del cibo per es. con grandi marchi che sfruttano i bambini e li usano come schiavi moderni.
    Senza parlare dei bambini che vengono armati.

    Gli americani DOC?! Ripeto che gli americani doc sono i native americans , quelli che tu chiami doc, sono gli europei bianchi? Cioe’ tedeschi? British? Irish? Questi ultimi usati per ammazzare i nativi.
    Gli Italiani sono Doc?!

    Gli schiavi portati a forza sono doc, o perché sono black non sono doc?

    Non mi pare che si possa definire americano doc un gruppo di persone che sono arrivate dall’europa e hanno occupato un paese con la violenza estrema, genocidio DOC!

    La stessa cosa hanno fatto in Australia.

    Quale sarebbe il motivo per cui i latinos a volte di etnia propria di quel continente altri misti indigeni avrebbero meno diritto degli europei venuti da fuori a stare li.
    A parte che il Texas per es. era territorio messicano.

    Mi pare di aver intravisto un tuo commento sulla politica sulla immigrazione in Australia,
    devo leggerlo.
    L’Australia altro paese altamente razzista e che e’ stato condannato per la politica sulla immigrazione e lo spostamento in Papua. N.G. , violazione dei diritti umani e tortura.
    Senza parlare del fatto che si basa su galeotti mandati li da GB che ha distrutto la popolazione indigena e continua a tenerla in condizioni a dir poco disumane,
    ennesima tragedia occidentale.

    Questi stermini delle popolazioni indigene sono un enorme danno sia per l’umanita’ che per l’ambiente, se si distruggono i popoli che vivono in armonia con il loro ambiente si distrugge anche l’ambiente.

    Per i 5 bambini in media di cui parli.
    Saprai che ci sono per es. malattie e mortalita’ infantile, quindi se usi i tuoi stessi metri di misura forse ci sono piu’ figli per garantire la continuita’ e la sopravvivenza.

    Nella cultura Africana i figli sono una benedizione cosi’ come lo sono per le madri Italiane, in Italia e in altri paesi eu per es. ci sono stati cali delle nascite, per motivi di sterilita’ portati per es. da inquinamento, instabilita’ e per le varie dinamiche socio-economiche. In Italia le nascite sono ridotte ma l’economia e’ allo sfascio, ma anche in Italia ci sono alcune famiglie che hanno tanti figli.
    In Africa c’e’ anche tanta gente di classe media, medio alta e ricchissima, cosi’
    come in Italia, come in Sardegna, la situazione economica generale e’ messa male ma c’e’ gente che ha parecchi soldi.

    Altra cosa chi richiede asilo puo’ essere di qualsiasi estrazione sociale o economica.

    I tuoi discorsi mi ricordano quelli degli Svizzeri Italiani che sono li da’ anni o da qualche generazione e dicono dei nuovi arrivi Italiani in Svizzera che devono starsene a casa loro!
    Che le frontiere devono essere chiuse ecc. ecc.

    Dicevi che non ci sono donne tra’ i rifugiati, se guardi le statistiche le donne sono circa il 50% e i bambini anche circa il 50%.

    Se c’e’ un popolo che e’ socievole, cool e accogliente e’ proprio quello africano.
    Anzi troppo per tutto quello che hanno passato.

    Non leggere troppo la propaganda di Sun e Daily mail e del megafono che usano della ormai distrutta BBC, non ascoltare troppo i commenti dei Tory leaders, tra cui un PM non eletta e con police investigation alle calcagna per le elezioni. Hanno tanto interesse a creare scontri e caos mentre fanno soldi si mangiano tutto e distruggono il paese per l’ennesima volta.
    Intanto che la gente si concentra sulle cavolate, fanno soldi dalle armi, vendono le zone pubbliche al Qatar e s. Arabia, privatizzano mezzo mondo distruggono e svendono il preziosissimo NHS. ecc ecc.

    • Mara
      settembre 16, 2016 alle 5:02 pm

      Arpia, nonostante il nick sei una forza della natura! Lunga vita a te.

    • Riccardo Pusceddu
      settembre 17, 2016 alle 2:27 am

      Arpia adesso vado a rispondere alle tue inesattezze e opinioni diametralmente opposte alle mie(non fesserie come hai chiamato tu le mie opinioni).
      I Belgi erano per l’indipendenza del Katanga mentre gli USA erano a favore.
      Non ho mai detto che le guerre in Africa non sono armate.
      Smettila di scorinare la solita cantilena su quanto siamo cattivi noi occidentali. Sono d’accordissimo con te.
      Io sostengo che devono essere gli Africani a ribellarsi allo sfruttamento invece che aspettare che noi occidentali si diventi tutti più buoni perché questo non succederà mai per il semplice motivo che e’ contrario alla legge dell’evoluzione per selezione naturale, quella stesso crudele meccanismo che pero’ ci ha dotato del cervello che abbiamo per fare queste discussioni e che ci permetterà forse di sopravvivere alla prevista fine dell’Universo.
      La ricchezza occidentale non viene solo dallo sfruttamento dell’Africa ma anche delle altre parti del mondo, ovunque ce ne siano le possibilità e in misura più o meno grande. La Cina adesso ha smesso di essere sfruttata e io li ammiro per questo. Gli Africani invece non li ammiro affatto.
      Comincero ad ammirarli quando faranno come i Cinesi o come noi occidentali invece che fare più figli di quanti ne possano mantenere.
      Le terre sono di coloro che se le prendono o di quelli che le usano per avanzare le loro civiltà. Gli Amerindi non potevano competere con gli Europei ed e’ giusto che siano stati soppiantati. Il progresso evolutivo si ottiene anche con questi mezzi. Certo e’ un meccanismo crudele ma funziona e fino a quando non si trovi un’alternativa ad esso meno cruenta e dispersiva di energie preziose, allora andarci contro e’ solo un’illusione da buonisti.
      Non me ne frega niente che si chiamino le razze DOC o non DOC. Gli individui più adatti all’interno di una stessa etnia sopravvivono e gli altri no. E’ questo il motore, terribile, dell’evoluzione.
      Gli stermini delle popolazioni indigene sono una cosa negativa ma sono ancora più negativi se le popolazioni che vivono in armonia con la natura smettono di farlo a causa della tecnologia occidentale che porta i vaccini e modi più efficienti (seppure a corto termine) per produrre cibo.
      I 5 figli a donna in Africa avevano un senso prima dell’arrivo degli Europei, quando la popolazione rimaneva costante. Adesso porterà all’estinzione di tantissime specie in Africa a causa dell’incombente esplosione demografica: dal miliardo attuale si passera ai 4 miliardi nel 2100! Ma quale garantire la continuità e la sopravvivenza!
      Noi Europei non siamo in Europa da anni ma da decine di millenni e siamo cambiati così tanto dai nostri antenati africani dai quali ci siamo evoluti, così tanto da essere abbastanza diversi da non volere quelli che sono rimasti in Africa, specialmente se non si dimostrano pieni di risorse come invece a volte lo sono gli emigrati. Altro meccanismo evolutivo molto semplice.
      Non credo assolutamente che la percentuale di maschi, femmine e bambini sia equilibrata come dici te. Basta vedere chi c’e’ a bordo dei barconi che vengono soccorsi: la stragrande maggioranza sono uomini sulla trentina. Ma mi rimangio tutto se mi mandi il link da dove hai ottenuto questa informazione.
      Io non leggo un giornale in particolare ma mi documento sulla rete cercando di sentire più campane possibili, soprattutto quelle discordanti con le mie analisi.
      Fine prima parte, hahaha, corrispondente al tuo primo commento.

  18. Arpia
    settembre 16, 2016 alle 4:24 pm

    Sempre un commento di Riccardo, parla di Italia decimata durante la seconda guerra mondiale. IT,us, uk messi insieme durante la seconda guerra mondiale tra civili e militari hanno perso circa 1.500.000 circa mezzo milione a testa per alcuni anche meno e ricordiamo che l’Italia era alleata con la Germania, la Russia 23.000.000 circa!
    I dati possono variare a seconda delle fonti ma la proporzione e’ piu’ o meno quella.
    Ora consiglio di cercare i dati dei morti in Africa partendo dalla tratta degli schiavi solo per antipasto.
    Poi se si vuole parlare di decimare le popolazioni si possono vedere tutti i genocidi da Australia , Nord America, Vietnam, Sud America partendo dalle invasioni passando per i regimi dittatoriali imposti dai soliti alle sparizioni e uccisioni attuali.

    Quanti morti hanno fatto gli Italiani in Africa in passato e stanno facendo? Quanti se ne conteranno in Libia alla fine della macelleria, un paese che aveva, elettricita’ gratis, studi gratis e medicina gratis, cose che le cosi’ dette democrazie e civilta’ a volte sognano.

    Chissa’ quanti, codardi, come li chiami tu sono morti e moriranno cercando di scappare, in mare, sulla terra ferme, nel deserto ecc.
    Chissa’ a che totale si arrivera’.

    Hai detto che consoci rifugiati ma no ne parli, immagino che no ne conosci ne che frequenti, hai pensato che lo fossero in base al colore della pelle e al fatto che avessero un cellulare!

    Non sei mai stato in Africa e di certo non conosci gli africani. Cosa fai schivi le persone mentre ti muovi?
    Comunque non hai risposto a tante domande.

    Mamma mia ho letto il tuo ultimo post ed e’ pieno di fesserie.
    Per es. hai detto che gli ebrei si sono mossi con i propri mezzi e che ne sai con che mezzi si sono mossi? Poi contraddice un tuo precedente intervento che dice che la gente attuale spende tanti dei loro soldi in questo viaggio.

    Dove sono le prove che il dna inglese e’ più simile a quello italiano rispetto ad altri?

    Tu sei entrato da Eu ma e’ solo una formalita’ perché ora non e’ piu’ eu. Quindi la fratellanza eu fa acqua da tutte le parti.

    Russi non sono eu ma sono geograficamente anche europei quindi sono anche loro fratelli degli inglesi anche se gli serve il visto?

    La selezione della specie mi fai troppo ridere. Non ho ancora capito cosa intendi prima dici che ci sono troppi Africani se la selezione della specie funziona come dici tu e’ naturale.

    I miei amici la maggioranza proprio in Uk ma anche in Italia e altre parti sono miste e hanno figli misti non mi pare che nessuno sia allarmato da questa cosa, nessuno ha paura.
    Poi prorpio i nigeriani tu non li conosci per nulla ma zero sotto zero.
    Poi tu sei una minoranza etnica geograficamente praticamente in Africa che magari con gli inglesi che hanno il 30% del dna germanico c’entra meno che con l’Africa.

    Attento a non dire in giro che le persone sono inferiori a seconda delle etnie perché in Uk e’ un reato.

    Non so che gente frequento o con chi vivi o dove lavori in uk, ma a me e’ stato impossibile non fondermi con il multiculturalismo che e’ tra’ i tesori piu’ preziosi in uk.

    Bhe’ non hai detto quali danni fanno gli africani al multiculturalismo, ma vedo che tu includi tutti i gruppi di carnagione scura nel pentolone, brutto segno.

    Parli di un piatto indiano, gli indiani, sono tra le persone piu’ pagate in uk per es.

    Sembra che gli stranieri di cui tu fai la lista cazzeggino in uk, forse non sai che lavorano e si fano il mazzo.

    Una delle cose che gli Africani portano di sicuro nel mondo e’ la gioia di vivere, l’idea di condividere e di stare insieme quella che si e’ persa in europa tanto stare dietro alle propagande politiche sterili, fatte per potersi mangiare tutte le risorse della collettivita’.

    Proprio gli Italiani hanno esportato una delle parole internazionali piu’ famose, MAFIA, ci sara’ un motivo o credi sia solo un fatto folk!

    E devo dire che mi sto’ trattenendo perché alcuni dei tuoi commenti li trovo veramente fuori ma anche fuori da ogni logica per non dire altro.

    Voglio riassumere la tua teoria quindi, i bianchi europei possono starsene in europa e riprodursi, i non bianchi se ne devono stare nei loro paesi a non riprodursi, mentre allo stesso tempo i bianchi europei possono andare, come hanno fatto ovunque, ammazzare la popolazione locale e prendersi il titolo di DOC.

    Mi rimane un dubbio, uno dei tanti.

    Voglio chiederti, un mio amico nato un uk da genitori Jamaican ha una compagna Brasiliana che abita in uk da anni i figli sono nati in uk, secondo la tua teoria possono stare?
    Una famiglia di amici nigeriani con genitori venuti dalla Nigeria ha dei figli tra cui uno che ha un figlio con una ragazza bianca inglese.
    Un mio amico della Tanzania anzi mio collega di studi e’ sposato con una sua collega dell’est europeo e ha due figli. Una mia amica italiana ha un marito del marocco e hanno un figlio. Un mio caro amico mozambicano e collega ha moglie italiana e due figli, una mia amica svizzera ha un compagno di Trinidad e T. ha un figlio e la sorella ha marito nigerian.
    Una mia amica peruviana mista indigena ha marito Belga e la zia compagno del Galles.
    Un amico medio orientale ha una moglie ungherese. Ma conosco anche gente di una certa eta’ con genitori afro europei anche sardi per es. Sardi in coppia dal Brasile al Pakistan a Cuba ecc, ecc. Questo e’ la realta’ umana del passato, del presente e del futuro se pur incerto.

    Ed ho fatto un mini riassunto, chissa’ secondo la tua idea come si classificano nella tua mente.
    Rientrano nella tua teoria della selezione naturale o sono nella lista del pericolo della specie?

    Ma non farmi ridere Richard!

    Il fatto gia’ che associ la crisi economica e la min. wage ai rifugiati la dice lunga, sono le tipiche propagande fumo negli occhi in uk e no solo come quella che il prezzo delle case sale per colpa degli immigrati dalla polonia, quando sale invece per la speculazione edilizia.

    Forse il problema economico lo devi cercare piu’ che nei rifugiati o nei migranti economici nel fatto che l’1% della popolazione mondiale ha 100trillions di ricchezza in mano che non viene ridistribuita e che non so se hai notato applica il socialismo al rovescio, prosciuga il denaro e i beni pubblici e non ridistribuisce le risorse, facile quando ti mangi le tasse e non paghi un centesimo. Concentrati su quelle cose se vuoi capire chi sta’ distruggendo l’economia e creando sempre piu’ poverta’ e miseria.

    Ora come dice Mara, mi vado a bere un bel caffe’!

    • Riccardo Pusceddu
      settembre 17, 2016 alle 4:20 am

      Seconda parte, relativa al secondo commento di Arpia:
      Hai citato i 3 paesi col numero minore di morti e poi quello della Russia che e’ stata quella che ha perso più gente ma non Nazioni come la Germania e la Polonia dove le perdite sono state relativamente del 9% e del 17% della popolazione di quei paesi al tempo del conflitto.
      Comunque volevo soprattutto dire che la popolazione dopo la guerra non e’ aumentata a dismisura come avviene in Africa dopo ogni conflitto o carestia.
      Non importa il totale delle perdite a cui si arriverà se quelli continuano a procreare senza sosta invece che come abbiamo fatto noi in Europa dopo ogni conflitto. L’Italia aveva grossomodo 45 milioni di persone prima della guerra e adesso ne ha intorno ai 55 milioni di cui quasi il 10% sono extracomunitarie e in eta’ riproduttiva e quindi aumenteranno percentualmente molto di più degli italiani la cui popolazione e’ costituita da molti più vecchi.
      I rifugiati di cui parlo io sono quelli che arrivano coi barconi o per via di terra senza essere stati invitati. Cosa c’entra se sono stato in Africa o meno?
      Ma come fai a paragonare gli Ebrei che sono dovuti fuggire dall’Europa conquistata dai tedeschi con, per esempio, i nigeriani che arrivano in Italia per motivi di interesse economico? Gli Ebrei non erano neppure a casa loro, visto che non avevano una patria prima che venisse istituito lo stato di Israele! Sono sempre stati un’elemento un po’ estraneo, a parte, nei vari paesi dove erano presenti. E poi erano pieni di risorse e io li ammiro per questo.
      Adesso mi vieni anche a dire che i geni degli inglesi sono simili allo stesso modo con quello degli italiani che con quello dei nigeriani! Le prove del contrario se vuoi vattele a cercare online.
      Ci sono troppi africani non perché siano bravi a sopravvivere ma perché c’e’ la tecnologia dei tanto odiati occidentali che li fa sopravvivere in tale numero abnorme rispetto alle loro capacita’.
      Il tuo commento su me che sono una minoranza etnica e’ troppo sgrammaticato e non sono riuscito a capirlo.
      Io non ho mai detto che gli Africani sono inferiori ma solo che sono diversi da noi Europei sotto molti aspetti che li rendono meno adatti alle sfide che l’umanità ha davanti a se, prima fra tutte il riscaldamento globale causato anche dall’eccesso della popolazione che loro per primi contribuiscono a causare.
      E poi se dovessero mettere in galera o querelare tutti i razzisti che ci sono nel Regno Unito! Ma leggiti i commenti violenti su facebook, altro che i miei!
      Di alcuni dei tuoi rimarchi non riesco a capire la relazione con i migranti che arrivano in Europa principalmente dall’Africa, quindi non posso ribattere.
      Gli africani fanno dei danni perché non sanno fare che aumentare senza pero’ apportare alcuna miglioria nelle società in cui si insediano, a parte la musica ritmica e le medaglie d’oro alle olimpiadi in alcune discipline sportive nelle quali primeggiano.
      Ma quale gioia di vivere! Se ne hanno così tanta perché allora vogliono venirsene in Europa e non gioiscono nei loro paesi? Altro che gioia di vivere! Io la chiamo indolenza e irresponsabilità. E sono pure violenti! Delle 4 volte che sono stato attaccato a Londra, in 3 delle occasioni si trattava di africani!
      E quando vai negli uffici di collocamento la meta’ sono neri e l’altra meta’ arabi e Pakistani o del Bangladesh, tutti li a prendere il sussidio di disoccupazione e a fare figli mantenuti dallo Stato.
      Non c’e’ bisogno che ti trattenga, sei tu che non vedi la logica nei miei discorsi perché non sai come funziona l’evoluzione per selezione naturale.
      Gli Europei possono continuare a riprodursi come hanno sempre fatto perché sono responsabili e a casa loro in Europa. I non Europei in Europa devono tutti tornarsene nei loro paesi, eccetto quelli che hanno una famiglia con un Europeo (perché sono gli elementi più validi visto che sono stati scelti da un Europeo e quindi meglio integrati e simili agli Europei e i non Europei possono riprodursi quanto vogliono a casa loro ma senza la tecnologia occidentale che li aiuta. Infine gli Europei che vanno ovunque ad ammazzare la popolazione locale devono essere ammazzati loro se quelle popolazioni locali hanno le palle.
      Il tuo amico nato da genitori nigeriani con la compagnia Brasiliana non dovrebbe stare in UK o in nessun’altro paese in Europa. Il tuo amico della Tanzania sposato con una dell’est Europa invece e’ il benvenuto per i motivi che ho esposto sopra. E così via, le risposte per gli altri casi le puoi trovare da solo.
      Non e’ la mia la teoria della selezione naturale, non sono così intelligente. Io mi sono solo limitato a trarne un po di logiche conseguenze, magari sbagliate. Mi piacerebbe esporle più nel dettaglio ma ti toglierei il piacere di ridermi addosso quindi mi astengo. E poi sarebbe troppa fatica credo spiegarti come funziona visto che penso che tu la snobbi per motivi ideologici e che quindi non la conosci bene. Si capisce dalle tue incomprensioni sul DNA.
      Io non associo la minimum page e la crisi economica ai rifugiati proprio per niente. Qui sono d’accordo con te che sono solo fesserie. I migranti sono un’ottimo affare per la maggioranza degli Europei. Anche per quello vengono fatti entrare, per sfruttarli e mica perché gli si vuole bene come fai tu.
      Ci saranno sempre quelli che sfrutteranno gli altri che si fanno sfruttare. Fa parte dello spietato meccanismo dell’evoluzione. Sta a chi si fa sfruttare non farsi sfruttare più e chi si rassegna allora di essere sfruttato se lo merita.
      Se pensi che sottolineare le ingiustizie e piangerti addosso come fai tu sia la soluzione allora di caffè dovrai bertene davvero all’infinito prima che le cose cambino come per miracolo come vuoi tu e la pace e la giustizia trionfino nel mondo.
      Un saluto.

  19. Carlo Forte
    settembre 16, 2016 alle 8:04 pm

    Ci preoccupiamo ora,dovevamo preoccuparci quando li rendevamo schiavi e devastavamo le loro terrae e saccheggiavamo i loro mari……..L’europa ha la memoria corta

  20. Arpia
    settembre 17, 2016 alle 7:16 pm

    La mia domanda a Riccardo sulla natural selection non era causale, il motivo per il quale ho insistito per la spiegazione e’ molto semplice, volevo che lui mi dicesse se fosse quello dal punto di vista naturalistico o razzista. Conosco i miei polli e so come le carte vengono cambiate in tavola e manipolate da certe propagande.

    La teoria di Darwin e’ una ed e’ qua spiegata,

    https://duckduckgo.com/?q=natural+selection+darwin+dawking&atb=v20ab&ia=videos&iai=Mc2kFmJR2SI

    La teoria di quello coi baffi, e’ questa ed e’ ben diversa,

    https://duckduckgo.com/?q=+hitler+dawking&atb=v20ab&ia=videos&iai=6kDHEwnkOKw

    Il Congo che negli ultimi 20 anni ha perso 7milioni di persone, ammazzati per interessi di sfruttamento delle risorse. Senza dimenticare i morti ammazzati dallo sfruttamento da Leopold II of Belgium, 10milioni circa tra’ il 1885 e il 1920, ma i morti sono molti di piu’ in totale. In Congo, continuavano a morire, la gente tolta da caccia , pesca e vita sociale nei villaggi, prigioniera ammassata moriva di sfruttamento, violenza, malattie, impossibilita’ di svolgere la normale vita quotidiana.

    Purtroppo queste cose accadono anche oggi mascherata, da guerre e guerriglie civili, aiuti , missioni di pace, umanitarie ecc. ecc. Dello schifo conosciamo probabilmente fin troppo poco.

    Vorrei ricordare che parliamo di esseri umani e non di moscerini della frutta, Uomini, donne,bambini.

    Per non dimenticare la storia.

    https://en.wikipedia.org/wiki/Berlin_Conference

    Un paio di cose ancora, la popolazione in Africa non e’ quella piu’ in crescita ma e’ quella asiatica, se si considera che in Africa ci sono 1.2 billion people, la percentuale che arriva in Europa e’ molto bassa, se poi dobbiamo sentire la propaganda xenofoba e razzista che fa’ comodo a certi…….. siamo un po’ dei fessacchiotti.

    Gli occidentali hanno fatto tante schifezze, tra’ distruzione di esseri umani e ambiente, che sembrano incredibili, la meta’ delle specie sono andate. Puo’ essere una parte degli esseri umani cosi folle e spietata? Eppure lo e’.

    Devo dire che ho visto che in Sardegna tanti africani non vogliono proprio restare e che in Italia la gente straniera che si ferma volontariamente e’ molto ridotta, certo che se la si tiene forzatamente piu’ di un mesetto senza decidere cosa fare e’ cosa illegale e fatta di certo per i vari guadagni.

    Se si guardano le statistiche dell’immigrazione sono stabili ma con vari strani picchi, della Siria per es. si vede come i numeri da prima a dopo l’invasione mutano e mutano in modo drammatico, anzi sono impressionanti.

    Certo che Sade e Seal per esempio ma ce ne sono altri , che sono di origine Nigeriana hanno veramente apportato problemi con la loro, multiculturalita’.

    Musica, cibo, arte, moda solo per citare alcune delle cose con cui viviamo tutti i giorni influenzate dalla cultura africana.

    E poi i colori, i panorami infiniti, i sapori, l’aria, l’umanita’ dell’Africa non te li puoi mai dimenticare.

    Per me chi mette delle barriere fra’ se e il mondo perde l’essenza della vita.

    • Riccardo Pusceddu
      settembre 18, 2016 alle 2:26 am

      -Il punto di vista naturalistico e quello razzista sono la stessa cosa.
      -Di quali polli parli?
      -Ho visto i due videoclip che hai allegato. Il primo non tocca le sottigliezze legate al razzismo, essendo troppo superficiale e generico e il secondo mi vede in disaccordo con Dawkins che invece ammiro molto per la sua teoria del gene egoista, che trova sempre più frequenti riscontri nella ricerca.
      -Ancora una volta ti ripeto che conosco abbastanza le schifezze che noi occidentali abbiamo fatto e stiamo ancora facendo in Africa, senza contare quelle che ancora sono oscure e non indagate. Ma la colpa e’ degli Africani che si fanno mettere sotto dagli occidentali. E poi gli occidentali in Africa sono sempre invitati dalle varie parti in lotta fra loro, non ci vanno più da invasori colonialisti a imporre il loro dominio. Se gli Africani fossero i più avanzati tecnologicamente, farebbero lo stesso con noi Europei. Fa parte del nostro istinto di sfruttamento dei più deboli. Ce lo abbiamo noi come ce l’hanno più o meno tutte le razze del mondo. La differenza e’ che noi occidentali non ci facciamo mettere sotto.
      -Quando certe popolazioni crescono a dismisura senza avere in se la capacita’ di autosostentarsi allora la vita umana vale meno dei moscerini della frutta.
      -Le cifre sui morti negli ultimo 20 anni variano a seconda delle stime dai 900.000 ai 5.400.000. e quasi la meta’ sono bambini, il che dimostra che la guerra non costituisca un deterrente per i congolesi, che continuano imperterriti a fare figli come se niente fosse. (da Wikipedia: “- estimates of the number who have died from the long conflict range from 900,000 to 5,400,000.[48] The death toll is due to widespread disease and famine; reports indicate that almost half of the individuals who have died are children under five years of age.”)
      -Che le numerose guerre civili che si sono susseguite nel paese non abbiamo affatto ridotto la popolazione, viene chiaramente evidenziato in questo link:
      http://www.worldometers.info/world-population/democratic-republic-of-the-congo-population/
      -Non si tratta affatto di follia ma di strategie di diffusione dei propri geni.
      -E’ chiarissimo che c’e’ un mucchio di gente che anche in Italia dagli emigrati ci guadagna ma la gran parte no; viene solo indottrinata dai vari mezzi di informazione che insistono quasi tutti sul buonismo. Il razzismo pur essendo un istinto umano legittimo come lo e’ quello della solidarietà e dell’accoglienza dei più adatti, e’ ancora un tabù.
      -le statistiche dell’immigrazione sono stabili ma costanti. Invece dovrebbero essere negative per ribilanciare la situazione. Un’afflusso stabile ma protratto nel tempo infatti porterebbe all’estinzione di noi caucasici, o razza bianca che dir si voglia. Non solo l’afflusso ma anche il maggiore indice di natalità dei non Europei e io non ci sto. Non mi piace questa multicultura che invece definisco come un suicidio etnico vero e proprio.
      -In Europa abbiamo sempre avuto grandi musicisti quindi non abbiamo bisogno di Sade e Seal. Anzi, anche sotto un profilo meramente culturale, la varietà musicale del panorama mondiale s’e’ alquanto appiattita a seguito di queste infiltrazioni. Altro che aumentare la varietà! Si crea un nuovo genere misto ma spariscono i 2 generi che lo hanno originato. Ma qui il discorso si fa un po’ più complesso e non voglio dilungarmi troppo.
      -Io non sono comunque contrario alle infiltrazioni culturali se in misura ridotta. Sono pero’ anche e soprattutto per la differenziazione e la diversità che voglio sia conservata. A chi piace la musica africana, vada pure in Africa a sentirla, così come il cibo, l’arte, la moda e i panorami dagli orizzonti sconfinati. L’Europa voglio che resti Europa e non che diventi Eurafrica o Eurabia.
      -non si tratta affatto di mettere delle barriere fra se e il mondo ma di esplorare il mondo mantenendolo pero’ vario e diverso. La diversità e’ l’essenza della vita. Quella biologica così come quella culturale. Anche qui il discorso sarebbe da approfondire ma non voglio tediare troppo i lettori con le mie elucubrazioni.
      Un saluto.

      • Arpia
        settembre 21, 2016 alle 8:26 pm

        A leggere i tuoi posts mi viene l’ernia, appena ho tempo faro’ una lista di tutte le tue inesattezza e confusione, come fa’ Darwin a parlare di razzismo se parla di evoluzione all’interno delle speci, sai cos’e’ una specie? Vai a vedere chi ha fatto i video, se permetti ne sa un po’ piu’ di te.

      • Riccardo Pusceddu
        settembre 21, 2016 alle 9:14 pm

        Io non ho mai detto che Darwin abbia mai parlato di razzismo. Le mie sono solo conclusioni personali basate sulle mie conoscenze attuali sul darwinismo, la genetica delle popolazioni e la storia evolutiva della nostra specie. Il tutto valutato sotto un profilo sociologico e culturale.
        E tu Arpia, lo sai che differenza passa tra una specie e una razza? O forse neghi financo l’esistenza delle razze?

  21. Arpia
    settembre 17, 2016 alle 9:32 pm

    In questo articolo del 2012 si parla di 6milioni di morti in Congo. Genocidio moderno.
    Ora dopo 4 anni si parla di 6 milioni, la meta’ 3 milioni, sono bambini.
    Interessi occidentali.
    http://www.globalresearch.ca/16-years-of-u-s-genocide-in-congo/5315541

    E ancora interessi occidentali in Rwanda.

    http://www.globalresearch.ca/the-us-was-behind-the-rwandan-genocide-installing-a-us-protectorate-in-central-africa/18540

    Lo sconvolgimento totale da parte occidentale della struttura dei gruppi locali e della vita normale delle persone e’ stato tra’ le tante cose devastanti. Ora con la posizione Europee verso us e gli aiuti eu per il controllo del territorio delle basi la vedo molto male, ovviamente il mondo tace e le leggi internazionali non vengono applicate a questi criminali che continuano impuniti.

    La gente civile dovrebbe combattere nel mondo contro queste mostruosita’, ci concentriamo a distanza di tempo e ci rendiamo conto del passato ma le cose stanno accadendo anche oggi dalla carcerazione di massa degli African American, in us , i nuovi schiavi, spesso innocenti, grazie alle leggi di Bill. Alle esecuzioni senza motivo e mai punite, sino a tutto lo sfruttamento e il marciume dei business occidentali e i genocidi.

    Il sapore del cioccolato lasci un sapore amaro quando a produrlo sono schiavi e quando sono schiavi bambini.
    Le grandi marche ci sono fino al collo e anche per es. nel commercio del pesce.

    http://www.democracynow.org/2007/2/14/child_labor_the_hidden_ingredient_to

    Le grandi marche, piu’ sono grandi e piu’ sono avide e disposte a sfruttare, gia’ ricche vogliono avere sempre piu’ soldi, non importa se gli schiavi siano in Africa o in Asia.
    E questi sono un paio di esempi, quando si scava lo sfruttamento di schiavi inclusi minori e’ enorme.

    Si stima che ci siano circa 59milioni di bambini in Africa in eta’ dai 5 ai 17 coinvolti in lavori pericolosi. Intanto che noi consumiamo senza sosta e senza riflettere, le multinazionali fanno soldi a palate e gli altri schiattano.
    Quando sento dire che la gente in Africa non fa nulla ed e’ pigra, o peggio, mi fa pensare a quanto la gente ignori la realta’, se la ignori per pigrizia, perché non riflette o per ignoranza , difficile capirlo.

    https://www.theguardian.com/global-development-professionals-network/2015/sep/02/child-labour-on-nestle-farms-chocolate-giants-problems-continue

    https://www.theguardian.com/sustainable-business/2016/feb/01/nestle-slavery-thailand-fighting-child-labour-lawsuit-ivory-coast

    • Riccardo Pusceddu
      settembre 18, 2016 alle 3:29 pm

      Risposta al tuo primo commento di cui sopra:
      -Ti prego smettila di darmi le cifre dei morti in Congo. Non le disputo affatto. Sostengo solo che a dispetto dei morti la popolazione in Congo continua a crescere a dismisura come ti ho mostrato nell’allegato al mio precedente commento, che ti sottopongo di nuovo qua sotto:
      http://www.worldometers.info/world-population/democratic-republic-of-the-congo-population/
      -Ti prego smettila di dirmi quanto siamo cattivi noi occidentali, lo so già e ti ho spiegato che e’ nella natura umana di esserlo. Una parte delle persone saranno sempre “cattive” e una persona può diventarlo o smettere di esserlo a seconda delle circostanze ma ci sarà sempre qualcuno ad ogni dato momento ad esserlo. Sta a quelli oggetto delle cattiverie a ribellarsi, a reagire invece che limitarsi a continuare a far figli e a farsi sfruttare da noi. I cinesi hanno fatto così e guarda i risultati. Loro sono da ammirare, non gli Africani.
      -Sono d’accordo che la gente civile in occidente dovrebbe opporsi alle mostruosità che causiamo ma solo pochi lo fanno. La maggiorparte se ne frega altamente, oppure non lo sa perché non si informa o non gli interessa di sapere. A loro interessa solo pagare il meno possibile per le cose che comprano, la maggiorparte di esse completamente inutili, che usano come una droga per dare un senso alla loro squallida esistenza. In questo caso sono anch’io un idealista e lotto sempre contro queste ingerenze occidentali e non. Come quando la Francia aveva fatto esplodere un ordigno nucleare a Mururoa: ancora sto boicottando i prodotti Francesi! Oppure quando firmo le petizioni contro lo sfruttamento degli schiavi moderni in Africa piuttosto che nel Qatar o in Tailandia. La lista e’ lunghissima. Pero’ questo non vuol dire che voglio che l’Europa venga invasa da non Europei. Una mano gliela do ma devono starsene a casa loro e lottare anche loro invece che lavorare come bestie e continuare a sfornare figli a catena che non fanno che aggravare il problema.
      -Io non ho mai detto che la gente in Africa non fa nulla ed e’ pigra. Mi riferisco ad un’altra forma di pigrizia, la peggiore che ci sia ovvero sia quella mentale. Un’inerzia a lasciare le cose come stanno, quasi una rassegnazione apatica. Continuano a lavorare come schiavi e a far figli a uffa. Noi occidentali siamo diversi e anche se abbiamo anche noi in Europa avuto periodi simili poi ci siamo scrollati di dosso queste catene, lottando invece che subendo.

  22. Arpia
    settembre 18, 2016 alle 12:34 am

    Quello che fa’ confusione tra’ migranti economici e rifugiati sei tu non io.
    I rifugiati non hanno bisogno di nessun invito, io ho paragonato i rifugiati ai rifugiati.

    Io ho detto che come sono stati rifugiai gli ebrei cosi’ hanno il diritto gli altri di esserlo indipendentemente che vengano dall’Africa, Siria, Pakistan, Iraq, Palestina ecc. Da qualsiasi parte del mondo.
    I migranti economici hanno tutto il diritto di emigrare gli italiani sono in maggioranza migranti economici e li trovi ovunque nel mondo, cosi’ come trovi tante nazionalita’ in giro per il mondo.
    Mi interessa sapere da dove sai che in Italia il 10% e’ fatto di extracomunitari, mi interessa vedere le statistiche. L’Italia come altri paesi ha crescita zero se vuole sopravvivere ha bisogno di stranieri, giovani che abbiano bambini se no le pensioni degli anziani non si potranno mai pagare, cosi’ pure la Germania e altri paesi.

    Ho preso per es. Italia perché tu hai parlato dei morti dopo la guerra, per sottolineare che nonostante fosse stata una seria guerra i morti in confronto ad altri paesi non sono stati cosi’ tanti. Ho aggiunto altri paesi con cui ha combattuto semplicemente per paragone con altri come la Russia che e’ quella che ha avuto le perdite piu’ rilevanti.

    Per gli aumenti della popolazione che tu dici in Africa ti segnalo l’Asia.

    Continui a parlare dei Nigeriani, ma la Nigeria e’ il paese piu’ ricco in Africa, chiedi alle compagnie Italiane cosa ci fanno a sfruttare e inquinare e corrompere in Nigeria. Non sono Italiane ma ci sono pure loro. Tempo fa ho trovato anche una puntata di report sul tema.

    Perché dici che la popolazione in Africa aumenta a dismisura perché non ti piacciono gli africani? Secondo me non hai presente la dimensione dell’Africa, guarda la densita’ della popolazione in Eu e in Africa e vedi quante volte l’Eu ci sta’ in Africa , ripeto l’Asia cresce molto di piu’.

    Gi ebrei sono tutt’ora in tutto il mondo indipendentemente da quello che dici tu.
    Sia gli ebrei non religiosi che quelli religiosi, London, New York ne sono un es.
    Una percentuale e’ fatta di scappati e rifugiati un altra e’ fatta di migranti esattamente come tutti gli altri.
    Gli ebrei abitano anche in Africa e abitavano in Palestina con i Palestinesi.
    Essere in giro per il mondo fa anche parte della religione, non ho una conscienza dettagliata di libri religiosi, ma se senti parlare gli Ortodox citano questa cosa, cerchero’ il link. Alcuni degli ebrei che io conosco non sono particolarmente religiosi, quindi non ho mai elaborato questa cosa.
    Pieni di risorse? Ci sono e c’erano gli ebrei ricchi e quelli poveri.

    Guarda che gli africani in Uk fanno mille mestieri, perché i sardi senza medaglie a cosa contribuiscono nella cultura in Uk?! Lavorano come lavorano gli altri, studiano lavorano in vari settori, dagli uffici, alla metropolitana, ai negozi, agli autobus, contribuisci alla societa’ come chiunque altra persona.
    Una mia amica Africana fa’ la farmacista, una insegna matematica, un mio amico africano il radiologo, un altro fa’ il manager per la metropolitana, un altro fa l’idraulico. Infermieri , medici, avvocati, commercianti, professori, maestre, negozianti. Solo qualche es.

    Questa frase non l’ho capita per nulla, gli africani sono bravi a sopravvivere perché c’e la tecnologia, ma dove in africa o in eu? Occidentali tanto odiati da chi?
    Nei progetti tecnologici internazionali come fai a sapere chi ci lavora e da quale paese vengono per es. se questo intendi dire. Perché non ho capito.
    Mi pare che tu pensi che gli africani siano degli ignoranti che passano il tempo a far nulla, un concetto molto strano, quasi surreale direi.
    Diversi miei amici Africani sono laureati e hanno anche delle lauree considerate toste, altri hanno fatto corsi in campo tecnico medico altri nel campo della moda, tante cose molto diverse, anche in Italia tanti miei amici africani fanno mestieri diversi e alcuni dopo la laurea sono rimasti, altri tornati in Africa altri andati in Asia ecc.

    Quetsa tua frase….?Ci sono troppi africani non perché siano bravi a sopravvivere ma perché c’e’ la tecnologia dei tanto odiati occidentali che li fa sopravvivere in tale numero abnorme rispetto alle loro capacita’…….

    Tu non hai detto che sono inferiori? Questa e’ la tua frase.

    ….Altrimenti hanno ragione quelli che pensano che i neri siano inferiori……
    La trovo veramente patetica, se vuoi sapere la verita’ e offensiava e l’hai ripetuta un paio di volte.

    Ti ho chiesto se sei stato in Africa perché hai detto mi pare in un post se a uno piace l’Africa va’ in Africa, mi chiedevo se ci fossi stato, suppongo che tu non ci sia stato, magari se vai in Africa e vedi, e’ molto vasta ci vuole tempo, potrai dare opinioni e criticare meglio o magari capire che alcune cose che dici non sono corrette.

    Questa tua frase l’ho mandata a un mio amico Africano che sta’ imparando l’Italiano e me la devo incorniciare.

    …….Ma quale gioia di vivere! Se ne hanno così tanta perché allora vogliono venirsene in Europa e non gioiscono nei loro paesi? ……

    La gioia di vivere uno la puo’ avere dove gli pare, non sei mai stato a una festa Africana a un pranzo, matrimonio o semplicemente in una casa. immagino!!!!! Scusa ma qua devo ridere..

    Hai detto che mentre gli inglesi prendono il salario minimo arrivano gli immigrati…. o simile, ora non ho voglia di cercare la frase. Ti devi pero’ decidere o rubano il lavoro, tipica frase o stanno prendendo la disoccupazione.

    Con le leggi che hanno cambiato sulla disoccupazione stai tranquillo che se la danno e’ perché la devono dare ed e’ giusto che sia cosi’.
    Se io lavoro mi fa piacere pagare la mia parte a chi e’ senza e se io non lavoro mi fa’ piacere che altri la paghino a me. Le tasse si pagano per la ridistribuzione sociale e questo ne e’ un esempio.

    E’ un buon sistema per far si che la gente abbia il necessario per sopravvivere, degno di una societa’ corretta. peccato che i Tory abbiano distrutto il sistema, mi pare che in Eu non esiste solo in Italia e in Grecia. Se non ricordo male.
    Ma prendevi anche tu il sussidio al job c.?
    Non e’ che sono Giamaicani? Come fai a sapere che sono africani?
    So che come rifugiato hai diritto a un sussidio ma non so se lo danno li o in un altro ufficio, gli altri per richiederlo devono essere registrati all’ufficio elettorale, non mi risulta che possano darlo a persone senza documenti, una cosa che non ho mai sentito e con le nuove restrizioni mi pare ancora piu’ improbabile, dico senza documenti per dire gente che circola casualmente.
    Mi pare strano che la meta’ siano nella categoria che non ti piace perche’ sono una piccola parte della popolazione.
    Ti consiglio di guardare le percentuali, sono piu’ visibili, ma sono una piccola percentuale.

    London, non puoi sfuggrie al cultural mix, il cuore pulsante della citta’, magari prova il Galles o parti della Scozia o spostati al nord con i veri rudi White british! Li si che si beve e ci si prende a botte nelle serate di allegria!

    Sugli attacchi che non so per cosa siano accaduti se sono casuali in strada viene male a sapere di dove siano le persone, se sono con la carnagione scura che ti fa’ pensare che vengano dall’Africa, magari sono Colombiani, Caraibici, Americani, Italiani, British black, possono essere di vari paesi. Non ho mai avuto questo tipo di esperienza e non conosco i fatti quindi non posso esprimere un giudizio.
    Subii un attacco in Sardegna anni fa e la persona era locale questo non significa che debba etichettare un popolo per degli eventi.
    Mi auguro solo che non ti sia uscita qualche frase, perché come dice un mio amico caraibico francese, —-black people in Uk are not soft like in France!—- Nel senso che la gente non si fa mettere i piedi in testa.

    Ho detto un mio amico Jamaican nato da genitori Jamaican in uk, ha figli con una ragazza brasiliana e un ragazzo di famiglia nigeriana nato in uk ha un figlio con ragazza bianca inglese, se sono nati li e sono cittadini hanno tutto il diritto di stare come pure se vi si sono trasferiti, dopo un tot di anni puoi prendere la cittadinanza. ti ho fatto alcuni es. perché tu dici che la multiculturalita’ fa’ male, visti i bei bambini e le belle coppie mi sento di pensare l’opposto. Ma sono di parte. Devo dire ottima selezione naturale.

    Il mio Italiano purtroppo negli anni e’ peggiorato, quando usi lingue diverse per anni e’ normale forse fare errori me ne accorgo.
    Il mio senso era che come minoranza etnica dovresti avere piu’ sensibilita’ verso gli altri.

    Piangermi addosso? Non so da dove tu abbia dedotto questa cosa in base al mio discorso.
    Io mi auguro che ci sia pace, perché la guerra e i conflitti umanitari sono una cosa orrenda, che finisca lo sfruttamento, ma mi sa che le cose non sono cosi’ rosee.
    Mi auguro che i leaders dei paesi pensino al benessere dei cittadini e non a distruggere interi paesi.
    Sperare che ci sia pace e non morti e sangue e continue tragedie e’ quello che spero tutti vogliano, non solo io.
    Cosi’ pure per non passare alle future generazioni un mondo piu’ crudele e devastato.
    Che la gente vada dove gli pare e che l’educazione e la connessione con i popoli renda la gente meno razzista.

    La violenza non ha ne razza ne colore ne nazionalita’, e’ violenza , appiccicarla a chi per vari motivi e’ costretto o vuole migrare per scelta e’ una cosa non solo falsa ma anche squallida.

    Mi raccomando stai fuori dalla propaganda di Teresa and friends e vai a ballare qualche danza AFRO Caraibica, per iniziare.

    Non ho un Phd in genetica, ma io ho detto che forse i Sardi hanno un dna piu’ vicino all’Africa, ma poi devo dire che per puro caso ho letto un articolo,che parlava della presenza di geni africani nell’impero romano e quando c’e’ stata una migrazione in Uk ha fatto si che i maschi in uk abbiano del dna africano, alla fine siamo tutti figli di mamma Africa indipendentemente dalle sfumature.

    Ora dopo che abbiamo annoiato tutti con opinioni opposte, possiamo dire che di certo abbiamo esperienze e opinioni molto diverse.

    Per il Congo l’ho preso come es. emblematico dell’orrore occidentale in Arica io ho detto che c’e’ stato un genocidio si calcola sui 7 milioni negli ultimi 20 anni e tu hai detto che le guerre ci sono sempre state vedi il Katanga, io ho detto che come nell’ultimo genocidio anche la storia del Katanga e’ avvenuta per intervento occidentale e per sfruttare le risorse, questo era il tema conflitti, sfruttamento, morte, instabilita’ e miseria da parte occidentale in Africa.
    Difendersi non e’ facile come pensi tu, non puoi accusare delle vittime di un genocidio o di crimini di non difendersi, lo trovo assurdo. Guarda in S.America e l’imperialismo , ogni volta che eleggono democraticamente un leader, finisice con funerali, violenza e sparizioni, Persino ora ci sono una marea di scomparsi e fosse comuni in Mexico , solo per citarne uno. Ma la storia sud americana e’ drammatica.

    Si dovrebbe essere fortunati e avere amici come la Russia in Siria che essendo una potenza puo’ contrastare le invasioni e come vedi nonostante siano vari gruppi, esperti e con risorse e preparazione strategica e militare la cosa dura da anni e i morti ci sono, non e’ cosi’ semplice come vuoi farlo sembrare tu.
    L’unica cosa che in Africa puo’ contrastare l’imperialismo e’ la presenta della Cina, che ha interessi ovviamente per le risorse, nella speranza che sia corretta e che eviti gli scempi degli imperialisti. La Cina ha le sue idee positive e negative , avevo letto alcune cose negative altre positive es. prestiti senza interessi per paesi africani per contrastare IMF, ma mi pare di aver letto alcune cose anche negative ma prima di dire una cosa scorretta devo vedere quali fossero esattamente.

    I colori e le sfumature della gente potrebbero ingannarti.
    Un signore di una certa eta’ ha un padre Irlandese emigrato in Africa e una madre Africana, non e’ nato in Uk e neanche lui, non e’ British ma ci abita, ha la carnagione chiara e gli occhi chiari, non diresti mai che e’ Africano, immagino che possa stare perché passa inosservato! Ci sono tante varianti nel mondo non sono i colori della pelle a dire esattamente che caratteristiche, storia o capacita’ intellettuali abbiamo.

    Mara, grazie per le tue parole, speriamo di vivere abbastanza per vedere almeno una diminuzione e non un aumento di guerre e desolazione. Sembrera’ forse una frase banale.

    • Riccardo Pusceddu
      settembre 19, 2016 alle 1:31 am

      -Io non faccio affatto confusione tra migranti economici e rifugiati. Lo sanno tutti che i rifugiati hanno diritto a venire accolti ma solo nel paese di arrivo, non che possano scegliere loro dove stare. E questo diritto viene a cessare quando le condizioni che li hanno resi dei rifugiati cessano anch’esse, per esempio la fine delle ostilità nei loro paesi di provenienza. E poi bisogna prima stabilire se sono dei rifugiati genuini o solo dei migranti economici, non che li si accoglie prima e poi si stabilisce la fattispecie, quando quelli di loro che rifugiati non lo sono, si sono ormai dati alla macchia!
      – Gli Ebrei erano fatti di ben altra pasta, e ovunque sono andati hanno portato il benessere perché erano pieni di risorse, economiche e non, quindi sono stati accolti dalle comunità locali visto l’apporto che davano. Israele rappresenta un caso a parte naturalmente, e sarebbe troppo lungo dibattere qui sulla fattispecie per cui mi astengo.
      – I migranti economici non hanno affatto diritto ad emigrare in paesi che non li vogliono. I migranti italiani in giro per il mondo sono sempre stati accolti bene o comunque si sono poi integrati più che bene e in quasi tutti i casi hanno assunto posizioni di privilegio perché erano anch’essi pieni di risorse, soprattutto mentali.
      -Ecco la fonte dalla quale ho tratto la statistica del 10% di extracomunitari in Italia:
      http://www.lenius.it/quanti-sono-gli-immigrati-in-italia-e-in-europa/
      Naturalmente l’ho aggiustata un po’ confrontandola con le altre informazioni in mio possesso, ovvero la presenza di immigrati clandestini, che secondo alcune fonti raddoppierebbe addirittura il numero degli extracomunitari, e il fatto che dopo qualche tempo e in alcuni casi dalla nascita, molti di questi extracomunitari diventino cittadini italiani anche se per me non lo sono. Inoltre so benissimo che i Rumeni non sono extracomunitari ma fanno parte di quel 10% di stranieri in Italia. Diciamo che ho aggiustato la cifra un po’ togliendo loro e aggiungendo gli immigrati clandestini. Ma non e’ questo il punto. Per me non ci dovrebbe essere nemmeno lo 0,1% di non Europei in Europa, eccettuati quelli che sono sposati con Europei e che di fatto rappresentano un valido contributo, anche in termini puramente genetici, alla nostra etnia, in quanto di fatto non esistono razze pure nel mondo ma solo miscugli di varie razze. La situazione e’ gravissima perché il 10% o anche il 5% poi diventano il 50% in un secolo, a causa della maggiore natalità. E in 2 secoli magari si arriverebbe al 100%! Un vero e proprio suicidio etnico e poi le cose andrebbero a finire come in Kossovo! Io non ci sto e non voglio correre questo rischio. L’Europa agli Europei.
      – Guerra o non guerra gli Europei sono sempre aumentati in passato facendo affidamento alla loro tecnologia e alle loro risorse (anche rubandole agli altri) e non a quelle degli altri. Gli Africani e tutti gli altri invece fanno il contrario. Questo rappresenta un grave sbilanciamento degli equilibri sottili su cui si basa il meccanismo dell’evoluzione e di solito questi disequilibri vengono ribilanciati con guerre e carestie.
      – Vuoi disputare il fatto che l’Africa costituisce il vero problema in termini di boom demografico? L’Asia e’ nel suo complesso quasi a crescita zero. Stavolta non t’allego neanche un link. Non devi fare altro che vedere in rete.
      – Vuoi che l’Africa raggiunga la stessa densità di popolazione della Cina o dell’Europa? Sarebbe la fine per il pianeta. E poi gli africani non se ne starebbero mica in Africa ma si disperderebbero in tutto il mondo o almeno nei paesi che vorranno accoglierli. Io spero che l’Italia e qualsiasi altro paese europeo non siano fra quei paesi e fortunatamente sempre più gente la pensa come me anche se purtroppo la maggiorparte di essi eccedono in violenza.
      – Ebrei ricchi ed ebrei poveri? Nella stessa proporzione e numero che fra gli Africani? Ma dai, non prendiamoci in giro!
      – Io non dico che non ci siano africani nel Regno Unito che non facciano lavori importanti ma dico che essi sono la minoranza se paragonati con i loro corrispettivi europei. E poi prima di dare lavoro ad un africano, magari pagandolo meno, abbiamo il dovere di pensare ai nostri fratelli europei che non fanno parte dell’Unione Europea come russi e ucraini per esempio. Anche loro hanno bisogno e sono senz’altro più responsabili sulle nascite. Vivo nel Regno Unito dal 1999 e pure nella parte dove la percentuale di neri e’ più alta, ovvero Londra, e di medici neri non ne ho mai avuti. Sono tutti bianchi o indiani o arabi. Stesso discorso per gli idraulici e i professori. Fanno solo i lavori più modesti, quando li fanno invece che prendere il sussidio di disoccupazione. Vai in qualunque ufficio di collocamento e conta la percentuale di neri la dentro e poi confrontala con quella della popolazione in generale.
      – I vaccini chi li ha fatti? E i concimi e i fertilizzanti? E i macchinari per produrre più cibo? Ecco a cosa mi riferivo quando ho citato la tecnologia occidentale. E gli occidentali sono tanto odiati da te, mi pare. Almeno quelli di essi che sono cattivi.
      – Ok, stavolta hai ragione sul fatto che io mi contraddica sul dire che sono inferiori. Diciamo che fino ad oggi hanno dimostrato, in media, di esserlo, almeno secondo il mio concetto di essere meglio adattati alle sfide del futuro del genere umano e così pure a quelle del presente e di parte del passato.
      – Non c’e’ bisogno che io o nessun altro vada in Africa per sapere che la popolazione laggiù sta aumentando senza avere le necessarie risorse per poterselo permettere e soprattutto risorse indipendenti dagli occidentali (tecnologia varia). Basta guardare le cifre in rete e usare un po di buon senso e di logica.
      – La gioia di vivere uno la può avere dove gli pare ma non in casa degli altri se non e’ invitato o non e’ il benvenuto. Tradotto in termini pratici, se un Europeo si sposa con un non Europeo allora si tratta di un invito altrimenti no.
      – In Italia rubano il lavoro visto che di sussidi per la disoccupazione come nel Regno Unito non ce ne sono. Qui nel Regno Unito prendono il sussidio. Una volta ho letto una statistica e i giamaicani erano in cima alla lista, seguiti dai Somali, Pakistani e solo al quarto posto c’erano i polacchi ma almeno loro sono nostri fratelli.
      – I soldi del mio lavoro io voglio che vadano ai miei fratelli Europei in primis e solo se ne restano, a tutti gli altri. Anzi sarebbe persino giusto di darli prima ai cittadini disoccupati dello stato ai quali appartengono i paganti e poi agli altri disoccupati dell’Unione Europea presenti in quello stato ma purtroppo il trattato di Roma sulla libera circolazione di merci e cittadini dice altrimenti ed e’ forse il prezzo giusto da pagare per riavere finalmente questa benedetta Europa dopo la caduta dell’Impero Romano. La ridistribuzione sociale e’ sacrosanta ma solo fra noi Europei.
      – Anch’io ho preso il sussidio di disoccupazione una volta che avevo perso il lavoro ma non ci ho marciato sopra come fanno i neri, gli arabi e i pachistani. Mi sono subito trovato un’altro lavoro e via! Loro invece i lavori li evitano accuratamente. Se ne stanno parcheggiati li facendo finta di cercar lavoro e mentendo spudoratamente su interviste lavorative, ricerche negli annunci economici dei giornali piuttosto che in rete e telefonate mai fatte. E intanto i nostri fratelli ucraini e russi stanno in ristrettezze. Prima gli Europei e poi se rimangono un po di soldi, allora anche agli altri, possibilmente nei loro paesi e solo a chi se lo merita, quelli che fanno pochi figli e che sono ben motivati. Lo so perché ne ho conosciuto diversi personalmente nel lavoro di affitta-camere che facevo in precedenza.
      – Giamaicani e nigeriani sono africani, come i russi e gli inglesi sono europei.
      – Non conosco la normativa per i rifugiati in materia di sussidi. So solo che il processo di acquisizione della cittadinanza inglese per i rifugiati e’ rapidissimo e la maggiorparte finisce all’ufficio di collocamento col sussidio di disoccupazione. Ma c’e’ una gran differenza tra rifugiati europei e gli altri. Mi ricordo che la maggiorparte degli ex rifugiati serbi o kossovari di cittadinanza inglese che ho conosciuto lavoravano mentre quasi tutti quelli di origine irachena o afgana o somala o etiope che frequentavano la mia scuola prendevano il sussidio di disoccupazione. Ma non prendere le mie esperienze personali per oro colato. Basta guardare in rete le statistiche ufficiali e la maggiorparte degli articoli di giornale che trattano dell’argomento anche se cercano sempre di giustificarlo.
      – Non ho mai detto che i non europei non mi piacciano punto. Non mi piace che stiano in Europa a meno che non siano stati scelti da Europei per scopi genuini come quello di formare una famiglia vera (ci sono molti matrimoni finti infatti) oppure che siano qui perché sono imparentati con altri non europei già residenti qui.
      – Il mix culturale di Londra lo trovavo stimolante solo all’inizio ma poi m’e’ venuto a uggia e mi mancava invece il senso di identità che avevo lasciato in Italia e che poi ho ritrovato fuori Londra dove vivo attualmente. Dopo gli attacchi che ho subito poi ho cominciato ad odiarlo. Gli attaccanti erano tutti teenager inglesi neri e uno era medio orientale o comunque di quelle parti.
      – Essere attaccato da un sardo e’ accettabile perché non c’e’ niente da fare ma da un non Europeo che non dovrebbe neppure essere qui, questo no.
      – Io dico la mia molto pacatamente quando parlo di non Europei e a non Europei. Purtroppo sono l’unico perché gli altri o sono buonisti e antirazzisti ad oltranza oppure sono razzisti della peggiore risma, che vorrebbero sterminare tutti gli emigrati e soprattutto i rifugiati musulmani. A volte leggo dei commenti su Facebook che mi fanno vergognare di essere europeo. Io sono per una soluzione drastica ma pacifica e leggiferata dal parlamento: una legge per deportare tutti i non Europei (eccetto quelli sposati con Europei o che hanno avuto dei figli con Europei) fuori dall’Europa ma senza violenza gratuita e persecuzioni.
      – Io penso che solo in non Europei che sono sposati con cittadini europei e i loro figli misti debbano stare in Europa. Gli altri che non si sono integrati in questo modo, no.
      – Non c’e’ più selezione naturale nella specie umana perché c’e’ troppo buonismo ma sbilanciato a favore dei più diversi invece che verso i nostri propri fratelli, Europei nel caso dell’Europa.
      – Un certo grado di multiculturalita e sempre esistita nelle comunità umane o gruppi etnici che dir si voglia. Ma era ridotta agli elementi considerati più validi che venivano dall’esterno e riuscivano ad integrarsi in base ai loro meriti e non ad una normativa che va contro alcuni degli istinti più primordiali ma non per questo meno importanti dell’uomo come la Dichiarazione dei Diritti Umani dell’ONU o quella dell’Unione Europea, mentre favorisce altri istinti umani come quello della solidarietà coi diversi e i deboli. Adesso e’ tutto sbilanciato e quasi senza senso!
      – Non volevo assolutamente offendere il tuo italiano ma solo che a volte non lo capisco soprattutto perché manca la punteggiatura. E adesso so il perché. Ma tu vivi in Italia ora? Sei italiano come me? Sardo come me?
      – Piangerti addosso perché ti lamenti troppo di quanto siamo cattivi noi occidentali e di quanta cattiveria ci sia nel mondo e di quante ingiustizie. Hai ragione che ce ne siano ma e’ colpa anche di chi queste cose le accetta e non solo di chi le perpetra o almeno io la penso così in accordo colla selezione naturale, motore primo e spietatissimo dell’evoluzione biologica su questo pianeta.
      – Le guerre ci sono sempre state e ci saranno sempre perché sono purtroppo un meccanismo di selezione naturale, l’ultima risorsa per riequilibrare situazioni di squilibrio come quella causata dall’eccessivo buonismo dei nostri tempi. Una crisi globale, una penuria di risorse e di cibo e di guerre ne scoppieranno ancora e ancora e ancora. Si può solo cercare di prevenirle, le guerre, accettando il razzismo che e’ innato nell’uomo e non invece cercando di condannarlo o di nasconderlo come il re nudo. I vari genocidi che si sono susseguiti nella storia del genere umano dovrebbero insegnarci a cosa può arrivare la nostra specie quando si creano le circostanze adatte. Bisogna evitare di crearle, queste circostanze e non andarci a sbattere contro dopo aver sperato per il meglio! Il mondo non e’ ne più crudele ne meno crudele oggi di quanto lo fosse nel passato. E’ il mutare delle circostanze che ce lo fa tornare, crudele. La gente che possa muoversi dove gli pare anche contro la volontà di chi in quei luoghi ci vive già non rende la gente meno razzista ma più razzista, soprattutto se i nuovi arrivati non hanno le risorse stimate dalla popolazione originaria. Insomma non basta dire che dovremmo non essere razzisti per essere meno razzisti. Questo atteggiamento lo trovo molto ingenuo e frutto di ignoranza o di conoscenza malamente applicata alla realtà. La teoria dell’evoluzione la conosciamo bene e pur essendo spietata e lentissima, ci ha regalato lo splendido cervello che ci ritroviamo, anche per dibattere queste stesse cose. Non si dovrebbe quindi sputare sul piatto in cui si mangia.
      – Io e te abbiamo opinioni diametralmente opposte ma non incompatibili del tutto perché io capisco benissimo le tue ragioni ma le trovo troppo sbilanciate e ingenue. Comunque spero che i pochi che abbiano durata la fatica di leggerle si siano sentiti stimolati e li invito ad intervenire per dire la loro.
      – Alla Cina non potrebbe fregargliene di meno degli africani: se li aiuta e’ solo per contrastare noi occidentali. E se la ride quando sente dei profughi a cui viene consentito l’ingresso in Europa e negli Stati Uniti. I Cinesi non sono stupidi e sanno benissimo che così l’occidente si destabilizza e va incontro a guerre civili. Idem per giapponesi e le principali nazioni arabe. Neppure un rifugiato ammettono, nonostante siano nazioni ricchissime. E ad Hong Kong? Anche se ci fai un figlio e ci vivi per decenni, la cittadinanza non la vedrai mai, giustamente dico io. Siamo solo noi in Europa e negli States ad essere imbevuti di questa propaganda buonista che farà più danni di quelli che si prefigge di evitare. A volte a voler fare del bene si fa più male che bene. Bisogna stare attenti a come lo si fa.
      – I tratti somatici sono un indizio di diversità genetica, come lo sono la religione, la cultura e le tradizioni e un certo modo di pensare. Li puoi nascondere ma poi saltano invariabilmente fuori a meno che i portatori di queste differenze abbiano altre risorse e capacita’ che allora verranno accettate da coloro che si ritengono diversi e finiranno per far parte del nuovo mix genetico. Un processo lentissimo che premia costantemente i migliori e non tutti indiscriminatamente come succede oggi in Europa e nell’America del Nord e in Australia e in tutti i paesi dove noi caucasici siamo presenti. E nei paesi dove non eravamo presenti, come in America e Australia, la nostra presenza ce la siamo guadagnata, a volte anche col sangue.
      – Mi auguro che il genere umano possa inventarsi un’alternativa efficace che ponga fine a questo meccanismo crudele dell’evoluzione tramite selezione naturale, basato sulla morte dei meno adatti, con conseguente dolore e infelicita e che in ultima analisi produce un enorme spreco di energia anche se il risultato e’ rimarchevole. Trovo spaventevole che tutta la bellezza che ci circonda in questo pianeta e persino sentimenti nobili come l’amore e l’amicizia non siano altro che il mero frutto di questo meccanismo così disumano.
      Un saluto e mi scuso per essere stato prolisso.

      • Arpia
        settembre 21, 2016 alle 8:08 pm

        Parli del mio Italiano, ma il tuo!

      • Riccardo Pusceddu
        settembre 21, 2016 alle 9:30 pm

        Scusa, non volevo offenderti ma e’ la verita’ che ha volte, sebbene poche, non capisco quello che scrivi a causa soprattutto delle carenze nella punteggiatura.

  23. Arpia
    settembre 20, 2016 alle 2:46 pm

    Come la percezione e’ spesso diversa dalla realta’ per questo che informarsi e’ sempre la cosa migliore.
    In London maggior eu Jewish population 62% prende child benefit, sussidio minori e il
    70% housing benefit, sussidio tot per affitto.

    Sono dati di qualche hanno fa ma rende l’idea.

    Bambini circa 6 per famiglia.

    http://www.telegraph.co.uk/news/religion/8326339/Inside-the-private-world-of-Londons-ultra-Orthodox-Jews.html

    Se si legge in the New Yorker e altri si vede uno in 3 bambini Israel povero e anche in New York.

    • Riccardo Pusceddu
      settembre 21, 2016 alle 2:26 am

      – Il Child Benefit viene dato a chiunque lo richieda ma solo credo se il nucleo familiare non superi uno certo ammontare minimo. Se una famiglia guadagna poco quindi e’ naturale richiederlo anche se nell’articolo si menziona il fatto che molti degli Ebrei ultra-ortodossi di Stamford Hill (solo a loro si riferiscono le percentuali che hai riportato) nonostante abbiano diritto non lo richiedano per paura di essere stigmatizzati. Non ho mai sentito di africani optare per la stessa cosa. Anzi! Si lamentano sempre che non gliene danno abbastanza.
      – A Stamford Hill si concentra solo il 10% dei 300.000 ebrei di nazionalita’ inglese presenti nel Regno Unito e Stamford Hill e’ solo una piccolissima area della megalopoli quindi dire come hai fatto te che a Londra la percentuale di ebrei che prende il Child Benefit e l’Housing Benefit e’ rispettivamente del 62% e del 70% e’ una falsificazione, spero non voluta, della realta’ contenuta nei dati dell’articolo.
      – Una tua ulteriore inesattezza (spero ancora non falsificazione bell’e buona) e’ rappresentata dalla tua affermazione che l’Housing Benefit sia un sussidio totale per l’affitto. La verita’ e’ che si tratta di un contributo per le spese di locazione dato agli aventi bisogno che pero’ non necessariamente copre la cifra completa di tali costi. Dipende dal reddito e puo’ variare da poche cifre percentuali fino al 100%.
      – Per cortesia potresti allegare la fonte riguardante la tua ultima affermazione sulla poverta dei bambini ebrei anche a New York?
      Ma a prescindere da tutto cio’, gli ebrei io li considero europei a tutti gli effetti (almeno quelli originari del nostro continente) visto che hanno subito una tale mescolanza con le popolazioni locali nelle quali erano insediate che ormai gli e’ rimasto ben poco di semitico/mediorientale. Sono nostri fratelli. E poi non sono affatto violenti, non si aggregano in bande minorili e non, non creano disordini e non si danno al terrorismo.
      Sono d’accordo con te che informarsi sia la cosa migliore ma dovresti anche te seguire questo tuo consiglio.
      Un saluto.

  24. Arpia
    settembre 20, 2016 alle 3:38 pm

    In questo articolo e’ presente tra’ i vari dati un dato che indica che solo tra’ il 2000 e il 2008 sono stati stimati circa e oltre i 400billion dollars che sono usciti dall’Africa e sono andati in conti off shore.
    Niente tasse in Africa niente tasse per nessuno in altri paesi.

    Uno dei maggiori furbi e’ Uk, ma Canada, Us e Francia per es. non sono tra’ la lista dei piu’ buoni e gli etici.

    Mentre la gente e’ costretta a vivere con un dollaro al giorno o meno.

    Questi mostri prendono il tutto privatamente.
    I paesi possono dare, pagati dal denaro dei cittadini e dalla gente che dona, cibo a volte in forma di riso, a volte gmo da us, si nonostante l’Africa rifiuti gmo cercano di infilarlo in tutti i modi.
    Questo e’ un danno sia per l’Africa che per tutti noi. Spesso il denaro preso dai governi, cioe’ dai cittadini che pagano le tasse, si perde in vari gruppi corruzione di vari paesi, vanno a corrompere i pochi che aprono le porte per saccheggiare e chi si oppone e’ morto.
    Quelle guerre che spesso appaiono come locali sono spesso create a e armate dall’esterno, primo per impedire che ci si opponga ma per creare caos se ci fossero democrazia e organizzazione si perderebbero i privilegi.

    http://www.africafocus.org/docs10/fin1004.php

    A volte si dice che l’Africa ha avuto la benedizione di essere piena di risorse ma che questa si sia trasformata in una maledizione.

    • Riccardo Pusceddu
      settembre 21, 2016 alle 2:42 am

      Arpia ti prego, ancora a ripetere quanto noi stia sfruttando gli africani! Lo so! Il mio discorso e’ un’altro: sono loro che devono lottare per smettere di essere sfruttati anziche aspettare la pappa pronta o sperare in una crisi di coscienza degli occidentali. Noi in Italia abbiamo lottato per la nostra indipendenza, non ce l’hanno graziosamente concessa gli Asburgici! E ai francesi abbiamo dovuto regalare Nizza e la Savoia per venirci in aiuto! E i diritti ai lavoratori ce li siamo sudati con le lotte in piazza, non abbiamo aspettato che ci fossero gentilmente concessi da uno stato estero.
      Nessuna guerra puo attecchire e nessun regime puo instaurarsi se la popolazione si oppone. Noi occidentali speriamo solo che non abbastanza si oppongano e che si scannino fra di loro, lucrando col commercio delle armi e sfruttando le risorse naturali scambiate in cambio degli aiuti militari, anche diretti come successe per il Katanga e in miriadi di altri conflitti. Ci sono e ci saranno sempre dei malintenzionati e degli speculatori pronti ad approfittarsi di queste situazioni di discordia interna in seno ad uno stato ma in ultima analisi e’ colpa dell’inerzia mentale e civica della gente che ci vive se si fanno sfruttare e coinvolgere in tali situazioni. Non so davvero piu come spiegarti meglio questo concetto.
      Un saluto.

  25. Arpia
    settembre 20, 2016 alle 10:40 pm

    Namibia il genocidio tedesco prima della seconda guerra mondiale.

    https://en.wikipedia.org/wiki/Herero_and_Namaqua_genocide

  26. Mara
    settembre 21, 2016 alle 9:15 am

    Carissimi Arpia e Riccardo, seguire questo titanico dibattito sta diventando un lavoro a tempo pieno! Secondo me avete entrambi molte ragioni ma le posizioni appaiono inconciliabili. Non è che, come sovente accade, la verità stia nel bel mezzo? Anzi, che non esista nessuna verità assoluta e che la situazione attuale sia praticamente irrisolvibile?

    • Riccardo Pusceddu
      settembre 21, 2016 alle 2:28 pm

      Carissima Mara, immaginati per chi scrive, haha! Le mie posizioni sono gia intermedie fra le posizioni razzistiche piu spinte e il solidarismo piu sfrenato. Arpia invece mi pare che non conceda nessun terreno al razzismo. Si limita a negarlo. Io invece riconosco l’istinto di solidarieta’ ma solo se temperato da un certo grado di razzismo, che per me equivale a aiutare quelli uguali a noi prima degli altri, un po come si farebbe con i propri figli.

  27. Arpia
    settembre 22, 2016 alle 5:07 pm

    Riccardo mi pare che tu abbia il brutto vizo di negare cio’ che scrivi, queste sono le tue parole….

    …..Dicevo che ora lo sfruttamento non e’ più imposto con la forza militare come lo era ai tempi delle colonie……

    Falso quello che dici. Ma poi dici di non averlo detto.

    Altro punto, con te e’ impossibile seguire la logica perché e’ come sommare pere, mele e prugne per ottenere, fichi secchi, tutti i tuoi discorsi sono contradditori ed e’ come immaginare una casa partendo dal dover prendere i pezzi da un mucchio di materie miste!

    Per iniziare con le tue strane affermazioni e contraddizioni, parli spesso di cose che non conosci affatto.

    Primo ho scelto quella comunita’ Jewish, il motivo e’ molto semplice Uk e’ il centro Jewish in Eu e London e’ il centro pensa quella comunita’ nell’articolo da me scelto velocemente non e’ una piccola comunita’ ma il centro principale della comunita’ Jewish in London.

    Il mio motivo e’ molto semplice, farti capire che anche Jewish comunity puo’ essere povera ed avere persone in benefit. Il fatto che io abbia detto 100% intendevo sino al 100% che e’ spesso l’affitto che viene pagato in pieno se si e’ disoccupati e spesso viene aggiunto all’aiuto per i minori, non particolarmente legato all’articolo ma come una spiegazione generale.

    Penso che tu spesso dica delle cose sulle quali non sai nulla, non so da dove provengano varie affermazioni scontate che hai fatto.
    Inclusa quella che le jewish comunities sono ben integrate, falso, alcune sono tra’ quelle piu’ chiuse e se leggi i giornali da poco hanno fatto raccolta fondi per togliere gli studenti da scuole non jewish e rimetterli in scuole jewish, hanno le loro regole ferree spesso sconosciute, coprire la testa delle donne non toccare le donne estranee ecc. ecc.

    Un altro punto e poi mi fermo perché ho da fare.

    Non ho capito quali sono le persone nel tuo mirino, si va’ da indiani a pakistani a africani che credo che tu confonda con black british or african american.

    Extracomunitari diventano i rumeni ma non gli islandici! Le statistiche le inventi tu sommando e togliendo a tuo piacimento!

    Ti ho fatto delle domande alle quali non hai mai risposto, le ripeto e poi continuero’ quando mi sara’ possibile.

    Tu hai detto che la multiculturalita’ e in particolare gli africani portano per te problemi.
    Ti ho chiesto di farmi un elenco per capire a cosa tu ti riferisca e tu rispondi con un piatto indiano! Se Piace!

    Se si vogliono fare dei discorsi concreti occorre un po’ di logica.
    Dici di essere per le teorie razzisti tedesche, ma poi passi da ariani a caucasians!
    Vuoi considerarti in quel gruppo che include arabi e africani, quelli che tanto disprezzi!
    Ti devi un po’ decidere, se vuoi seguire un filo logico bene se no mi si infiamma l’ernia.

    Altro punto bizzarro, chi subisce un genocidio se scuro di pelle e’ colpa sua ma se chiaro di pelle e’ colpa di chi lo ha causato, che fra’ l’altro sarebbero quelli che ammiri in quella teoria scientifica che scientifica non e’.

    Per te,

    Il razzismo e’ tabu’?!
    Il razzismo e’ nel dna?!

    Nessuna delle due, il razzismo viene dall’ignoranza e dalla violenza ed e’ un reato violento, indipendentemente dai gradi, perché insultare una persona perché non per sua scelta nasce con un colore piu’ scuro della pelle e’ vergognoso ed e’ criminale e sono gli stessi parametri usati per motivi economici e per sfruttare la gente.

    Gli africani non hanno bisogno dell’aiuto della tua tanto civile gente ma hanno bisogno che gli incivili che li hanno schiavizzati per 400anni, sfido chiunque ad avere la pazienza degli africani e che continuano a sfruttarli vadano fuori dai piedi.

    Per te se un italiano va’ in africa a lavorare e’ un bravo uomo e onesto mentre se un africano viene in Europa e’ un illegale e un ignorante e un deficiente.

    ….. Non e’ un problema di pelle ma di cervello….. mi pare di aver letto in uno dei tuoi commenti.
    Complimenti per tranne conclusioni infondate.

    Non ho capito quali sono per te le razze e i paesi nella tua black list, tutti a parte gli europei.

    Gli indigeni di vari paesi e in vari continenti hanno la colpa di essere morti nei vari genocidi, ora chi muore di morte violenta e sterminio e’ colpevole della sua morte, ma cosa dici?!

    I native americans sono morti spesso da malattie portate dall’europa e se non capsici che in Congo per es. fame e malattie sono state create dalla guerra create per sfruttare le risorse e’ un po’ complesso fare dei discorsi logici.

    Non mi pare che tu capisca cosa vogliano dire crimine e razzismo, li confondi spesso.
    Migranti e crimine, Crimine Italiano ecc.

    Se poi vuoi connettere i problemi ambientali agli africani credo che tu sia un po’ fuori strada, Petrolio, gas, allevamenti intensivi, plastiche , pesticidi, distruzione delle foreste in tutti i continenti, perdite nucleari, scorie nucleari, sea pollution, stanno creando la distruzione della meta’ delle specie non e’ che forse sono i tanto civili occidentali?!

    Dobbiamo decidere o parliamo di fatti o di fiction.

    In questo momenti i soldi sono nel military business, creare fobie serve a incrementare le spese militari incluso dei migranti che diventano da migranti a criminali per giustificare un ennesimo magna magna, quando si mangia parecchio un gruppo viene indicato come la causa, come durante i tempi del tipo coi baffi!

    Per quanto riguarda gli articoli da me allegati, puoi non leggerli, magari ci sono persone a cui puo’ interessare leggerli.

    • Riccardo Pusceddu
      settembre 23, 2016 alle 3:52 am

      – Dov’e’ che avrei smentito di aver detto che lo sfruttamento non sia più imposto con la forza militare…ecc. ecc.?
      – Complimenti per la metafora della casa e della frutta ma sta tutto nella tua testa. Oppure sono io a non essere all’altezza di capirle, anche perché tu ti limiti a fare analogie senza circostanziarle con esempi concreti.
      – Ancora con ‘sta storia degli ebrei a Londra? T’ho già detto che gli ebrei ortodossi secondo Wikipedia sono solo il 10% del totale e tu continui a citarmeli come un esempio significativo. A me importano le dinamiche di popolazione complessive che sono ricavate dalla media ponderata dei vari gruppi che costituiscono la popolazione complessiva di quella etnia e non solo degli ebrei ortodossi. Leggiti l’articolo su Wikipedia che riguarda gli Ebrei nel loro complesso:
      https://en.wikipedia.org/wiki/British_Jews
      Sono persino più istruiti e più occupati (nel senso che hanno un lavoro) della media nazionale! E la percentuale di quelli che lavorano in proprio e’ addirittura doppia di quella nazionale (30.5% contro 14.2%). Dati del 2001 ma che non credo siano cambiati significativamente. E poi sarei io quello che parla a vanvera, senza informarmi!
      – Anche per quanto riguarda l’integrazione degli Ebrei nel Regno Unito: da Wikipedia si ricava che secondo dati risalenti al lontano 1996 quasi un ebreo su due si era sposato con un non ebreo. Immaginati la percentuale oggi a distanza di 20 anni! E comunque io non mi riferivo strettamente al significato che generalmente si attribuisce alla parola “integrati”. Forse ho sbagliato termine ma io mi riferivo al fatto che non rompono le scatole come per esempio fanno i mussulmani o i neri.
      – Se poi si considera la distribuzione degli ebrei nelle varie fasce di eta’ si vede anche li che i giovani sono meno degli anziani rispetto alla popolazione generale. Vatti a vedere la distribuzione nelle varie fasce d’eta’ fra i neri e i mussulmani! Scommetto che sono quasi doppie e se non lo sono e’ solo a causa del continuo afflusso di migranti in eta’ lavorativa che arrivano annualmente tramite matrimoni a distanza, ricongiunzioni familiari e clandestini.
      – Le persone nel mio mirino come dici te sono tutti coloro che non siano Europei e che non siano sposati o abbiano dei figli con Europei. Io mi riferisco a statistiche che riportino il numero di non Europei nel Regno Unito e in Europa più in generale. I rumeni non sono affatto extracomunitari come non lo sono gli islandesi. O i russi. O gli ucraini. Gli africani di nazionalità britannica o quelli di nazionalità americana sono, a tutti gli effetti, africani.
      – Il problema principale che portano gli africani e’ che finiranno col sostituire noi europei nel nostro stesso continente. Infatti non basta non portare problemi in una comunità; e’ sufficiente soppiantarla con elementi aventi caratteristiche diverse da quelle di noi europei e ti ho menzionato quelle caratteristiche: inerzia mentale, rassegnazione apatica. Ma te ne posso aggiungere di altre: mancanza di iniziativa, di curiosità, di motivazione di raggiungere l’eccellenza, eccezion fatta per certi sport e certi tipi di musica. E poi sono in media più violenti e più coinvolti in attività criminali, soprattutto nella manovalanza e nello spaccio di stupefacenti.
      – Il piatto indiano era l’apporto culturale degli indiani/pachistani e di quelli del Bangladesh e Sri-Lanka.
      – Io non sono affatto per le teorie razziste tedesche in quanto queste erano basate sui miti della razza pura e non esistono più razze pure in Europa da millenni. La razza ariana non esiste, anche se bisogna dire a parziale scusante dei nazisti di allora che le conoscenze in campo genetico erano ancora rudimentali.
      – Io non disprezzo affatto i neri e gli arabi così, senza motivo. Solo comincio a farlo quando mettono a repentaglio la mia identità culturale e quella dei miei figli e dei figli dei miei figli, ecc. ecc., col voler venire in Europa e spero che la gente si risvegli dal torpore del buonismo e capisca che cosa ci sia in ballo qui. Se se ne stanno nei loro paesi a combattere per una società migliore cola’, come abbiamo fatto in Europa noialtri, allora li amo addirittura e magari mi ricredo su tutte le cose che ho detto. Sta a loro guadagnare il nostro rispetto invece che esigerlo da noi senza averne abbastanza del loro. C’e’ una bella canzone di un cantante sudafricano di cui non ricordo il nome che parla proprio di riacquistare questo senso di dignità fra africani.
      – I genocidi sono quasi sempre colpa di chi li subisce, a parte qualche rara eccezione come nel caso degli ebrei dell’olocausto, che sono stati uccisi grazie anche in “collaborazione” coi tanto civili inglesi, che non li facevano sbarcare in Israele quando hanno tentato di abbandonare l’Europa invasa dai nazisti in massa. Ma gli ebrei erano ormai europei e quindi non andavano sterminati da altri europei come e’ successo. La solidarietà fra simili e’ un valore fondamentale per me. E anche quella verso i diversi ma solo quando se la meritano.
      – Ma cosa dici Arpia? Insultare qualcuno perché non e’ colpa sua se e’ nero? Ma se io fossi nero sarei orgoglioso di esserlo. Altro che qualcosa che si presti ad essere insultato! E poi per me e’ vergognoso e criminale aiutare allo stesso modo un fratello e un’estraneo, a meno che quest’ultimo non se lo meriti proprio ma proprio tanto, per avere delle caratteristiche migliori. E’ per questo che non esistono razze pure al mondo: c’e’ sempre stato questo apporto di DNA estraneo ai gruppi, come pure fuoriuscita di DNA da certi gruppi verso altri. In base al merito pero’ e non come avviene oggi in base alla squilibrata possibilità di generare figli a manetta con la tecnologia altrui.
      – Ma come fai ad ammirare addirittura la pazienza degli africani a farsi sfruttare? Ma questa e’ solo commiserazione! Non sono affatto d’accordo. E smettila pure col pretendere che all’improvviso di sfruttatori non ce ne siano più e che il mondo diventi un paradiso perché non lo diventerà mai, per nostra fortuna, altrimenti non ci saremmo neppure evoluti, noi. Io e te siamo infatti anche il prodotto della cattiveria così come dell’istinto a ribellarsi contro gli oppressori soprattutto quando costoro giungano dall’esterno, invece che rassegnarsi con pazienza al proprio destino come fanno i neri, per tua stessa ammissione.
      – Sulla colpa dei genocidi ti ho già risposto.
      – Ancora con questo ripetere che le guerre portano malattie e fame! Ma almeno sulle poche cose su cui siamo d’accordo, ti prego, possiamo evitare di discutere?
      – Un criminale italiano ce lo dobbiamo tenere, invece di criminali africani non ce ne dovrebbero essere punto se non avessimo fatto entrare nessun africano, buono o cattivo.
      – Ma certamente che l’inquinamento maggiore lo produciamo noi europei ma abbiamo cominciato a farlo quando ancora non si sapeva niente del riscaldamento globale e di quanto devastante potesse essere un’alta densità di popolazione unita ad un eccesso di consumi, quando non sprechi belli e buoni. Ma ora lo sappiamo e cosa fanno gli africani? 5.6 figli a donna? Ma non penso proprio che essi abbiano fra le loro priorità la conservazione dell’ambiente e non li biasimo per questo. Li condanno spietatamente invece per la loro irresponsabilità riproduttiva.
      – E’ proprio per evitare questi magna magna come li chiami te, che non voglio che si arrivi a un punto di non ritorno causato dall’importare un problema dall’esterno, come se non ne avessimo abbastanza già in Europa per conto nostro! Mi riferisco a questa invasione di migranti non europei in Europa che finiranno per costituire la maggioranza della popolazione europea alla fine del secolo, secondo le proiezioni ufficiali. Alcune proiezioni mettono anticipano addirittura i tempi al 2050.
      Spero che i miei rigurgiti di razzismo non ti facciano infiammare troppo l’ernia.
      Un saluto.
      P.S.: gli articoli che hai allegato me li sono letti quasi tutti e ho trovato quello sul Katanga molto istruttivo perché non conoscevo bene i fatti di quel sanguinoso conflitto. Avevo solo visto un film tanti anni fa che ne parlava.

      • Arpia
        ottobre 3, 2016 alle 2:52 am

        Questa e la tua domanda ennesima e la mia risposta ennesima, te la rimetto isolata magari la vedi.

        Parole tue——-…– Dov’e’ che avrei smentito di aver detto che lo sfruttamento non sia più imposto con la forza militare…ecc. ecc.?….

        Te lo rimetto qua perché mi pare ti sfugga anche se l’ho ripreso.

        Riccardo mi pare che tu abbia il brutto vizo di negare cio’ che scrivi, queste sono le tue parole….

        Parole tue…..…..Dicevo che ora lo sfruttamento non e’ più imposto con la forza militare come lo era ai tempi delle colonie……

        Quel commento viene da un tuo post, vattelo a rileggere e’ chiarissimo quello che scrivi pare che i tuoi posts non li ricordi o ti sfuggano.

        Non so se oltre a problemi di lingua italiana ho pure problemi di lettura a me pare chiaro come il sole, ma potrei avere un inizio di rimbambimento.

        Mio nonno fumava la pipa mi sa’ che per capire la lista di contraddizioni dovro’ iniziare a fumarla pure io ma coi funghi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Magari per effetto omeopatico cancella le allucinazioni!

      • Riccardo Pusceddu
        ottobre 4, 2016 alle 5:45 am

        Si, stavolta c’hai ragione tu. Io volevo solo dire che in passato, al tempo delle colonie tanto per capirci – e un po meno in epoca post-coloniale come nel caso del Katanga, si esercitava molta piu forza militare di quanto non se ne eserciti oggi quando viene fatta passare magari sotto il nome di “peace kipping” che tradotto in italiano per gli altri lettori di questo post significa “mantenimento della pace”.

      • Riccardo Pusceddu
        ottobre 4, 2016 alle 5:50 am

        Non ho capito bene la tua battuta sulle allucinazioni ma se mi stai dando del drogato allora ti dico che io non uso droghe di alcun tipo e neppure bevo alcool, se non occasionalmente fra amici.

  28. Arpia
    settembre 23, 2016 alle 1:56 am

    Se si legge questo articolo capisce cosa sia successo in quella area geografica, no il nuovo colonialismo non e’ armato, sfido chiunque a togliersi certe invasori. I cittadini pagano le tasse per gli interventi e le ditte private se li mangiano, i morti sono a dirla nel modo preferito us collateral damage, in poche parole chi se ne frega.

    http://www.globalresearch.ca/rwanda-the-clinton-dynasty-and-the-case-of-dr-leopold-munyakazi/5538635?utm_campaign=magnet&utm_source=article_page&utm_medium=related_articles

  29. Arpia
    ottobre 2, 2016 alle 11:07 pm

    Ho pronto un commento con vari punti e articoli.
    Ma voglio fare a Riccardo l’ennesima semplice domanda, domande alle quali spesso non risponde.
    Fammi una lista che spieghi in cosa tu sia superiore a un Africano o un Black, voglio veramente ridere. Siccome in quello che dici c’e’ ignoranza e pregiudizio da paura, voglio sentire in concreto cosa in cosa pensi di eccellere.

    Voglio farti notare che Jewish can be black and muslim, che african can be White and muslim, che arab can be no religious or non muslim ecc ecc.

    Credo che tu non sappia che gli O. J. in uk sono i secondi dopo NY e il 50% della jewish population in uk.

    Il tuo tema di razza, che non esiste, dal tuo punto di vista antropologico e sociologico! Ti avviso che sono temi molto vasti sui quali se non hai una infarinatura ti consiglio di non tiare fuori alla leggera. Ti manca la ricerca sul campo base degli studi antropologici!

    http://racerelations.about.com/od/understandingrac1/tp/Identifying-And-Dismantling-Race-Based-Stereotypes-And-Myths.htm

    Per il tuo concetto, strano di civilta’ che per te e’ civilta’ bianca! Vedi dove sono stati inventati, chitarra, primo ospedale e algebra, non so se tu riesca a capire che i primi uomini vengono dall’Africa e da li si parte.

    Mi pare che la tua teoria di evoluzione umana sia quella fantasiosa razzista dell’800, informati bene.

    Gli ebrei non sono legati al crimine, immagino che tu ignori jewish mafia e cio’ che accade in Palestina ti sfugga.
    Come ti sfuggono il razzismo contro gli italiani e i crimini degli italiani fuori dall’Italia!

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 3, 2016 alle 3:43 am

      Non e’ che non rispondo ma piuttosto che tu non vuoi sentire o capire le mie risposte. E poi smettila con questa storia dell’ignoranza e del pregiudizio. Se vuoi liquidare così chi la pensa in modo diverso da te allora ti dai la zappa sui piedi. Io non sono uno studioso o un esperto in genetica o antropologia o sociologia e via discorrendo. Mi limito a informarmi su tutti questi campi il più possibile, anche a volte sottraendo il tempo al mio lavoro e alla mia famiglia. Con le informazioni che accumulo poi mi faccio una visione più onnicomprensiva e ne traggo le mie teorie personali, che pero’ cerco sempre di basare sulle teorie più consolidate e su dati oggettivi. E’ sono prontissimo a cambiare idea, come ho fatto più volte nella mia vita, qualora mi si presenti un fatto nuovo che metta in discussione le mie convinzioni oppure le spieghi in maniera differente o più dettagliata. Anziche’ darmi dell’ignorante quindi forniscimi dei dati nuovi. E non mettermi in bocca concetti che non sono miei come quelli che la mia teoria dell’evoluzione umana si basi su quella razzista dell’800. La mia teoria non e’ neppure mia ma quella di antropologi di fama internazionale come Richard E. Leakey e degli altri suoi illustri colleghi.
      E so benissimo che le categorie di razza e religione a volte si sovrappongono nelle più svariate combinazioni ma io qui mi riferisco agli africani intesi come coloro che appartengono al gruppo etnico dei negroidi (ma forse oggi la denominazione e’ stata aggiornata).
      Mi sono letto il link che hai allegato al tuo ultimo commento e che delusione! Si tratta solo di un’articoletto scritto da una certa Nadra Kareem Nittle che non e’ una studiosa o una ricercatrice in nessuna delle discipline chiave delle quali tu lamentavi io fossi a digiuno. E’ solo una giornalista (nera naturalmente) che promuove le sue convinzioni sull’uguaglianza e su quanto sono belle e buone le società multietniche (un ovvio confitto di interessi visto che lei si trova dalla parte di quelli che hanno più da guadagnare dalle società multietniche che tanto le piacciono) e che non dice assolutamente niente di scientifico a supporto delle sue idee. Ecco il suo background educativo come riportato dalla rivista online che ha pubblicato il suo articolo:

      Bachelor of Arts in American Studies, Occidental College, Los Angeles, CA
      Bachelor of Arts in English and Comparative Literary Studies, Occidental College, Los Angeles, CA
      Master of Arts in Teaching English and Comparative Literary Studies, Occidental College, Los Angeles, CA.

      E questi sarebbero i luminari che dovrebbero farmi cambiare idea?
      Sugli ebrei ortodossi e il loro numero nel Regno Unito t’ho già dato un link di Wikipedia nel mio commento precedente dove si dice che essi rappresentano solo il 10% della totalità. Quindi adesso sono io a chiederti di leggere i miei, di links.
      La chitarra magari sarà anche stata inventata in Africa (ma noi in Europa abbiamo inventato il violino e inventato e sviluppato una miriadi di strumenti musicali) o magari più probabilmente in Medio Oriente (mi viene in mente la scimitarra) come pure l’algebra e il numero zero. Ma sono state solo scoperte fortuite e congiunturali visto che quelli che poi le hanno sviluppate siamo stati noi Europei e non certamente gli arabi che invece non avevano neppure capito l’importanza della loro scoperta!
      Gli ospedali non saprei ma la medicina ha le sue radici nell’antica Grecia con Ippocrate (colui che ha dato nome al giuramento ancora oggi richiesto ai medici che intraprendano tale carriera.)
      Oggi con i miei figli ho cercato di fare l’avvocato del diavolo e difendere invece i neri contro quelli che tu definisci “stereotipi”. Allora mi sono sforzato di enumerare tutte le loro qualità e l’apporto che hanno dato alla nostra specie in termini di conoscenza e di innovazione e eccellenza nei vari campi dello scibile ma non riuscivo a trovare niente di neanche minimamente vicino ai vari Einstein e Hopkins e tutti i vari filosofi e chi più ne ha più ne metta, la lista sarebbe interminabile ed estesa per numerosi millenni! Insomma non sono riuscito a trovare altro che Michael Jackson, il Jazz, il Rap e certi sports come la corsa e la pallacanestro. Tutte cose inutili, hanno rilevato i miei figli, hahaha! Dovremmo imparare dai bambini a volte e avere il coraggio di dire che il Re e’ nudo invece che ammirarne l’invisibile vestiario!
      Io non ho mai detto di sentirmi personalmente superiore ad un africano ma ho detto che nella media gli Europei sono sicuramente “superiori” agli africani nella maggioranza delle cose veramente utili alla nostra specie in vista delle sfide che ci aspettano nel futuro, ovvero l’intelligenza (non e’ un mistero che i neri siano il gruppo etnico con il quoziente d’intelligenza più basso, secondo mi pare solo a quello degli aborigeni e dei Papua della Nuova Guinea).
      So benissimo cosa sta succedendo e cosa e’ successo in Palestina e in Israele ma io ammiro gli ebrei perché hanno rischiato di venire annichiliti dagli Arabi in più di una occasione e sono sempre riusciti a scampare allo sterminio ai quali questi li avrebbero condannati se avessero vinto la guerra dei sei giorni o quella del Golan.
      Il razzismo contro gli italiani… chi meglio di me può parlarne visto che vivo in Inghilterra dal 1999? C’e’ alle volte un senso di superiorità degli inglesi verso noi italiani ma poi ad un confronto più serrato finiscono tutti con l’ammettere a quale grande civiltà noi italiani apparteniamo!
      I crimini di noi italiani fuori dall’Italia? Fattene una ragione, nessuno e’ buono al 100%. Peggio per chi si fa mettere i piedi in testa. Noi italiani i piedi in testa non ce li facciamo mettere di sicuro dagli altri. Un’italiano lo può fregare solo un’altro italiano, hahaha.
      Un saluto e stai attento all’ernia!

  30. Arpia
    ottobre 3, 2016 alle 2:35 am

    Un paio di articoli di un precedente discorso su poverta’ nella jewish comunity.
    Voglio precisare che non ho nessun pregiudizio nei confronti di nessuno, ho studiato e vissuto e ho vecchi amici di famiglia nelle jewish comunities, quindi so bene che esiste ricchezza e poverta’ e che non si puo’ vivere di banali luoghi comuni, jewish crime free and black poor and criminals, sono dei banali razzisti luoghi comuni che denotano una notevole ignoranza, basata su propagande e banalita’ senza alcun fondamento o legame a fatti reali.
    Come i fatti delle black gangs in uk or in us e l’uso di droghe, molti politici bianchi in uk and us messi li per motivi di privilegi sociali, sono stati coinvolti in uso di droghe anche pesanti, fatto molte cose anche sporche e criminali, ma ne sono usciti indenni per connessioni e motivi politici. Conoscerai in uk la storia dei telefoni sotto controllo da parte del proprietario di famosa tv a pagamento, del giro di corruzione e del giro della pedofilia e crimini gravissimi nascosti tra’ politici e canali pubblici oltre a varie storie un us che non sto’ ad elencare i soliti.
    Solo il 7% dei black teens e’ coinvolto in attivita’ illegali e non sempre criminali o violente e le gangs bianche in uk hanno lunga storia tra’ le piu’ famose in Glasgow and London.

    Altro discorso che trovo strano, aiuto, black people si mischiano con i bianchi e fanno tanti figli tra’ un po’ scompaiono gli ariani o bianchi europei, ma secondo la tua stessa teoria non sono ben inseriti.
    Mentre gli ebrei che in parte si mischiano, ma non troppo, sono ben inseriti perché si accoppiano e fanno figli con non jewish!

    Ennesima tua contraddizione.

    Voglio farti notare che se una persona Jewish si accoppia con donna non jewish i figli non sono piu’ jewish quindi si classificheranno in altro modo nelle statistiche

    http://www.nytimes.com/2012/06/19/opinion/jewish-poverty-in-new-york.html?_r=1

    http://www.newyorker.com/news/news-desk/israels-surprising-poverty

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 4, 2016 alle 4:35 am

      Ho letto gli articoli sulla povertà degli ebrei. Il primo e’ solo una breve constatazione che famiglie ed individui di origine ebrea sono in aumento a New York senza pero’ fornire una spiegazione. Il secondo invece fa una analisi delle cause della povertà fra gli ebrei e gli arabi che vivono in Israele. I più poveri sono gli ebrei ortodossi maschi e le donne arabe israelite. L’articolo sottolinea il fatto che tale povertà sia temperata e quasi invisibile grazie alle generose sovvenzioni statali per il sostenimento della prole, una specie di correlativo israelita dei nostri assegni familiari o del Child Benefit inglese. L’interpretazione che ne do io e’ che gli ebrei ortodossi in Israele preferiscono non lavorare e prendere i sussidi non perché non abbiano le risorse mentali sufficienti per lavorare ma perché sono molto più devoti ai figli di quanto non lo siano, per esempio, i neri. Infatti quelli di loro che lavorano occupano posizioni di prestigio e molto meglio pagate dei maschi di origine araba, nonostante questi ultimi abbiano in percentuale un livello di occupazione più alto dei primi, pari a quello degli ebrei secolaristi.
      Ma questo riguarda solo in parte le differenze tra ebrei cosiddetti poveri e neri. La distinzione maggiore la si nota a livello puramente intellettuale. Guardati per esempio la differenza fra il numero di ebrei che hanno vinto il premio nobel e il relativo numero di neri (qui si che bisogna proprio avere dei pregiudizi per dire che neri ed ebrei sono uguali sotto questo punto di vista:
      https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Jewish_Nobel_laureates
      https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_black_Nobel_laureates
      Per coloro che non leggono l’inglese traduco il fatto più saliente: nonostante gli ebrei rappresentino solo lo 0,2% il numero di premi nobel sul totale e’ più del 20%! Una bella differenza coi neri che annoverano solo 15 premi nobel e tutti nella categoria pace con l’esclusione di uno in letterature e uno in economia a fronte di una percentuale del 20% sulla popolazione mondiale!
      Che dire poi della percentuale di neri e bianchi in relazione ai crimini? Il materiale abbonda in rete ma tutte le fonti concordano col dire che i neri sono almeno 4 volte più proni a commetterli, e la percentuale sale molto di più se si considerano i crimini violenti come gli omicidi o le percosse o i tentati omicidi!
      https://en.wikipedia.org/wiki/Race_and_crime_in_the_United_Kingdom#Explanations
      Fanno sorridere poi i tentativi di spiegare queste differenze facendole passare come dovute a fatti quali la mancanza di disciplina a scuola, i genitori, la classe socioeconomica di appartenenza, i problemi di droga, ecc. ecc. Tutte cose comunque legate alla razza. Ma questo non si può dire perché e’ razzismo, hahaha. Ma di quali gang bianche parli? Magari un link per sostenere questa sorprendente affermazione?
      I neri che si mischiano con i bianchi lo fanno o con i bianchi più stupidi oppure con quelli più intelligenti ma solo se coloro i quali si mischiano appartengano alla minoranza di neri che sono intelligenti.
      Gli ariani non esistono e i bianchi scompariranno non perché si mischino con i neri ma perché fanno sempre meno figli mentre i neri sempre di più fino a che i geni “bianchi” verranno totalmente rimpiazzati da quelli neri. E poi ci sono anche gli Indo/pachistani e i cinesi ma almeno questi ultimi sono intelligenti al pari dei bianchi (se non di più secondo molte ricerche) anche se secondo me si tratta di un intelligenza un po diversa.
      Gli ebrei che si mischiano con i bianchi producono una prole più intelligente perché i bianchi sono già di per se più intelligenti. E infatti questa continua mescolanza a prodotto alcuni dei più grandi scienziati del mondo come Albert Einstein e Niels Bohr. Quindi certo che sono ben inseriti in America e in Europa, a dispetto della loro diversità religiosa. Per quanto riguarda i figli delle coppie miste fra ebrei e bianchi e’ vero semmai l’esatto opposto di quanto dici tu, soprattutto in passato quando invariabilmente le donne Europee che si sposavano con ebrei, dovevano convertirsi alla religione del marito. E comunque cosa c’entra questo col nostro discorso? Gli ebrei nel complesso hanno un’indice di natalità stabile, al contrario dei neri che raddoppiano ogni 20 anni e saranno 4 miliardi nel 2100, dal miliardo o poco più attuali.

  31. Arpia
    ottobre 3, 2016 alle 3:54 am

    Second Riccardo, se sei Black british sei extracomunitario! Mentre se sei cittadino Russo non sei extracomunitario!
    Se le statistiche sulla popolazione extracomunitaria in eu le facessi tu saremmo fritti!
    Tu o i leghisti, perché per te extracomunitario non e’ l’extracomunitario reale ma chi ha la pelle scura una cosa senza senso e razzista, come nei dati tu avevi infilato i rumeni ora non extracomunitari ma nel mirino di lega e razzisti. Dev’essere complicato per i razzisti come te e i leghisti dover dimenticare che i rumeni tanto extracomunitari odiati ora sono eu!
    A me pare di aver letto e sentito che in Italia chi arriva e rimane siano circa 150mila persone e che il totale straniero sia il 9% circa della popolazione ma inclusi tutti da canada a us ecc. ecc.
    Mi dispiace deluderti ma se una persana e’ nata in uk e’ eu o se non sara’ piu’ eu e’ europea e uk, figurati se ci vive da varie generazioni, ma bastano 5 anni fissi per avere la cittadinanza, le statistiche sulla cittadinanza eu o non eu non riguardano il colore della pelle che mi pare una tua fissa.
    Ne approfitto per ripeterti la domanda fammi una lista di cose negative della cultura africana in uk, ne parli tanto male ma non hai lista.
    Come il tuo commento che gli Africani intesi da te come te all blacks ovunque nel mondo, siano legate alla corsa come sport e un po’ alla musica con le percussioni.
    La lista degli sports e’ infinita e quella della musica, non so in che bolla vivi ma se ascolti musica che non abbia black influence vivi in un mondo astratto.
    Enorme parte della musica e delle danze anche quelle fatte dai ragazzini e ragazzine bianche, oggi e’ tutta in gran parte black e lo e’ da molto tempo.
    Di quali esempi concreti dovrei parlare nomi e cognomi delle persone che conosco? Non capisco in che senso.
    Ho parlato di esperienze personali e ho allegato ove possibile articoli, e’ un po’ complesso trovare tutti dati e articoli letti in tutta la vita, documenti documentari o altro.
    Le statistiche e’ un po’ difficile inventarsele, bisogna controllare le fonti, il fatto che i migranti donne e bambini fossero al 50% dovrebbe essere parte di uno studio UN sull’immigrazione. Comunque il flusso pare sia lo 0.2% popolazione in eu, non vorrei ricordare male. Non le enormi invasioni che vedi tu.

    Non capisco da dove venga l’idea di senza crimine dei bianchi occidentali, civili, colti e puri! Col sangue arabo che ti ritrovi gia’ non so’ dove tu veda il bianco puro se poi aggiungi che il tuo dna viene dall’Africa non capisco la tua idea, forse tu credi che l’Europa sia un pianeta lievitante a sé separato di puri ariani?!!!! Ho difficolta’ a capire la tua fantasiosa idea. In base al tuo principio la superiorita’ degli esseri umani viene dai colori chiari quindi tu rispetto a un biondo Svedese sei messo malissimo, immagino.
    Siccome cio’ che dici non ha alcuna base scientifica o verita’, io considero le persone esseri umani e se sono negative lo sono indipendentemente da colori o origine geografiche, ripeto non so che gente conosci tu, credo nessuna, ma tutti i blacks nel mondo che conosco, da uk , France, Africa, american and Caraibi sono tutte persone simpatiche , care e con vite come gli altri. Dal mix di gente che ho conosciuto ho imparato tantissime cose che di certo un gruppo ristretto non avrebbe mai potuto insegnarmi.
    Anche latinos e asiatici che mi pare ti stiano sullo stomaco!
    Magari quelli nel tuo pianeta o nel Sun sono diverse! Non ho capisco se non conosci nessuno delle persone che critichi o se tu prenda le tue idee dalla propaganda. Trovo incredibile il tuo commento che un po’ di buon sano razzismo equilibrato faccia bene e come dire un po’ di buona sana violenza fa’ bene, per carita’.
    Mi pare strano che esista ancora gente cosi’ indietro, sarebbe meglio conoscere gli altri per capire che sono sciocchezze pure , gravi e pregiudizi.

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 4, 2016 alle 5:37 am

      Se sei nero e britannico non sei comunque europeo (almeno fino ad ora, per fortuna) mentre se sei russo sei europeo. Semplice. Io non sono affatto d’accordo coi legisti quando dicono che i Rumeni sono meno buoni degli italiani come sono contrario agli inglesi quando pensano di essere superiori ai polacchi. Siamo tutti europei e non ci sono grandi differenze fra noi. Siamo tutti fratelli soprattutto adesso che l’Europa e’ assediata da tutte le parti da questa invasione di non europei costante e apparentemente inarrestabile.
      E non prendiamoci in giro dicendo che gli stranieri in Italia sono tanti perché nel novero ci sono anche americani e canadesi che sono una risicatissima minoranza rispetto ai non europei. Le tue considerazioni sulla cittadinanza non fanno che peggiorare le cose proprio perché i non europei in Europa sono in effetti molti di più di quelli classificati come stranieri visto che molti di questi stranieri cessano di esserlo dopo un tempo sufficientemente lungo (fra i 5 e i 10 anni). Senza contare quelli che nascono da genitori che un tempo erano stranieri.
      Tutta questa gente non sarà mai europea, a prescindere da quanti anni si trovino in Europa, anche dalla nascita. Ci devono prima ammazzare o soppiantare tutti, noi europei autentici, per avere diritto a quella qualifica. Ce chi come te spera che questo succeda oppure non fa niente per impedirlo. Altri come me invece sono molto preoccupati e pronti a combattere con le armi della democrazia per ora, ma anche con le armi quelle vere, qualora si arrivi a questo.
      Ancora con questa domanda di cosa sono le cose negative dei neri? Ma quante volte te le devo ripetere? Non c’ho voglia di farlo ancora per cui vattele a vedere nei miei commenti precedenti.
      Ma anche in campo musicale, ma pensi davvero che non si potrebbe vivere senza la musica nera? Dove li metti Beethoven e Mozart?
      Per quanto riguarda il rapporto uomini/donne fra i rifugiati, ma quale 50%? Ma dove le trovi queste fandonie? Guardati questo sito che sicuramente non e’ contro i rifugiati:
      http://openmigration.org/analisi/questione-di-genere-quante-sono-le-donne-tra-i-rifugiati-in-italia/
      Che dire poi della banalità con cui liquidi le mie affermazioni? E le tue penose battute sul colore della pelle che più bianco e’ meglio e’? E il tuo continuo ricordarmi che la nostra specie si e’ diffusa nel mondo dall’Africa, come se in centinaia di migliaia di anni i nostri geni non siano cambiati affatto? Hai delle lacune enormi in fatto di genetica e antropologia e mi dispiace ma non ho più tempo di aiutarti a colmarle.
      Non ho mai detto che i neri o gli ispanici siano tutti antipatici, anzi mi pare che i bianchi lo siano di più. Ma l’evoluzione umana non premia solo la simpatia ma cose ben più importanti come l’intelligenza e l’arguzia.
      Ribadisco il mio apprezzamento per un po di buon sano razzismo visto che non lo considero una cosa necessariamente violenta (sebbene il buonismo imperante lo faccia diventare tale con tutti i razzisti violenti che stanno aumentando sempre più) ma più obiettivamente una attenzione e un preferire chi e’ simile a noi rispetto a chi non lo e’. Un po come preferire i propri figli rispetto ai figli degli altri.
      E’ proprio perché conosco molta gente e ho letto e considerato profondamente le informazioni che ho raccolto, che mi sono fatto questa convinzione e il fatto che tu la consideri un segno di arretratezza culturale o un pregiudizio non fa che sottolineare la tua parzialità e i tuoi pregiudizi invece.

  32. Arpia
    ottobre 6, 2016 alle 6:34 pm

    Non ho letto nessuno dei commenti, ma voglio allegare alcuni articoli.
    Uno del 2012, se dovessi trovare dati piu’ recenti cerchero’ di allegarli.
    In questo articolo si parla alla fine di circa 50% donne e circa 50%bambini, sono dati UN, li avevo accennati, ma erano stati contestati.
    Non riesco a capire pero’ il punto, quando la gente scappa da conflitti o miseria ed e’ rifugiato o migrante cosa cambia se maschio, femmina, bambino o altro, la gente ha diritto di muoversi nel mondo e chiedere rifugio se necessario, indipendentemente da eta’ , sesso, religione o colore della pelle.

    Questa propaganda di maschi violentatori rifugiati quando il 90% delle donne sono vittime di violentatori che conoscono, veramente delle strane propagande che ho difficolta’ a capire, non so se siano piu’ colpevoli le autorità e i media con la propaganda o gli ignoranti che li ascoltano o se sia la fusione di tutti questi protagonisti.

    Questa aria di caccia al rifugiato e inno ai nazionalismi e’ una storia che si ripete ed e’ la peggiore. Cito di nuovo Tony Benn il quale diceva che se la democrazia decresce non va’ rimpiazzata coi nazionalismi ma va’ rinforzata con piu’ democrazia.

    https://www.theguardian.com/news/datablog/2013/jun/19/refugees-unhcr-statistics-data

    L’altro punto, non ho avuto tempo e occasione per cercare vari materiali e dati che voglio inserire, ma ho sentito dei dati in un programma italiano in cui si parla di 40mila migranti negli ultimi 20 anni! Che poi non rimangono manco in Italia, sinceramente la cifra e’ veramente bassa.
    Mentre penso che ogni singola vita sia preziosa e i morti siano veramente troppi.
    Ci sono navi di vari paesi nel mediterraneo e non penso solo io che si debbano salvare le persone, si deve applicare il diritto internazionale se no siamo veramente ritornati alla preistoria.
    Mi piacerebbe trovare una intervista di un ex esponente UN che parlava della immigrazione costante dagli anni ’60 ovviamente con picchi di rifugiati per conflitti creati dai soliti.
    Se si segue la propaganda che serve ad alcuni e si perde il senso della realta’ si dicono tante cose insensate e la gente che non si informa va’ in panico.
    L’altra cosa che ho sentito che mi conferma storie in Italia sentite negli anni e’ il fatto che non si rispettino i giorni per i documenti che devono essere poco piu’ di un mese. Poi, chi ha il permesso vien lasciato allo sbaraglio o in condizioni da far venire i brividi, esistono delle leggi chiara da rispettare, perché, chi di dovere non le faccia rispettare non si capisce, credo entrino in campo una serie, di fallimenti, incapacita’ e interessi. Basta vedere la gente che si ammassa per essere sfruttata nei campi o i ragazzini in giro che si prostituiscono, queste sono cose che devono essere vietate dalle autorita’ e dalle associazioni che sono create per occuparsi di queste cose.
    C’e’ stato un episodio in Sardegna non molto tempo fa’, si parlava di lavoratori rumeni sfruttati e fatti dormire nelle porcilaie. L’azienda vinicola era stata negli anni passati l’orgoglio del proprietario e dava lavoro a persone locali, ora in mano a non sardi presenta questo bel quadro. Sono i Rumeni o chi crea queste cosa a dover essere additato e punito?
    La stessa cosa vale per chi arriva dall’Africa o altri paesi, deve essere il paese che accoglie a far si che, rispettando le leggi internazionali che le persone siano accolte e trattate in modo dignitoso e non lasciate alla deriva e poi additate come, sporchi e quasi animali, perché si vedono veramente immagini e atteggiamenti che fanno venire i brividi. Uk e l’Impero Britannico ha fatto cose orrende nella storia e continua a farne , ma io scene di questo tipo no ne ho mai visto.
    Chi fa’ richiesta di asilo ha diritto a prendere un tot. per sopravvivere e dopo che il permesso viene rilasciato a diritto a essere inserito e a lavorare.
    Tenere persone ammassate in centri illegalmente, bambini in giro da soli a essere vittime di violenze e abusi mandare lavoratori a essere sfruttati nei campi, puo’ solo creare tensioni sociali, miseria e desolazione.
    La dignita’ e’ tra’ le prime cose che si devono rispettare e sono lo specchio del paese che accoglie. L’Italia non e’ abituata e non ha una lunghissima tradizione con vari paesi nel mondo ed e’ ancora un po’ indietro. Ricordiamo che in Piemonte non molti anni fa’ erano presenti cartelli con simboli razzisti, razzismo che non e’ ancora del tutto sparito e che anche se si fa’ finta che non esista più i vari discorsi che ancora si sentono fanno capire che ancora la strada e’ lunga.

    Altro articolo di qualche anno fa’ su gente che nuotava sparata a mare con dei morti, prima negata e poi ammessa.

    http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/spain/10638607/Spain-admits-firing-rubber-bullets-at-migrants-swimming-to-enclave.html

    Non ho letto l’articolo in modo attento ma alcune parti, potrebbe essere interessante vedere.

    http://www.independent.co.uk/news/world/africa/what-happens-to-african-migrants-once-they-land-in-italy-during-the-summer-9681473.html

    Ps. ho cercato di rileggere, correggere e usare piu’ Italiano possibile ma non garantisco che l’impresa sia venuta come sperato!
    Un collega spagnolo mi disse che parlavo lo spagnolo come gli indios, perché lo parlavo con amici sud americani, ora lo faccio anche con l’Italiano! Ma se questo e’ il piccolo prezzo da pagare va’ bene cosi’.

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 7, 2016 alle 12:31 am

      Ho allegato un link sul rapporto maschi/femmine dei migranti che cercano rifugio in italia. Te lo sottopongo di nuovo:
      http://openmigration.org/analisi/questione-di-genere-quante-sono-le-donne-tra-i-rifugiati-in-italia/
      Sono dati dal novembre 2014 al Dicembre 2015 quindi abbastanza recenti. Come vedi gli unici ad essere 50% uomini e 50% donne sono gli ucraini che infatti sono nostri fratelli europei e non lasciano le loro donne a morire in guerra come invece fanno i non europei. O mi vuoi dire che in guerra vige la parità di diritti fra uomini e donne?
      La gente ha diritto di chiedere rifugio per motivi politici grazie alla Dichiarazione dei Diritti Umani che a mio avviso pero andrebbe profondamente cambiata. E io mi arrogo il diritto di dire la mia e che un uomo che fugge lasciando indietro la sua donna e i suoi bambini anziché metterli al sicuro loro e restare a combattere per il suo paese, e’ un codardo e un vigliacco.
      Sono d’accordo con te invece per quanto riguarda la propaganda contro i rifugiati che commettono stupri. Sono una piccola minoranza. Ma il fatto e’ che sono una minoranza che si potrebbe evitare se non si facessero entrare i rifugiati mentre gli stupratori Europei ce li dobbiamo tenere. Lo so che per te e’ anatema ma per me uno stupratore non Europeo e’ in questo senso peggio di uno Europeo. Non perché sia intrinsecamente peggiore ma perché non dovrebbe neppure essere qui. I colpevoli quindi sono i buonisti che li fanno entrare, non certamente i rifugiati stessi, tantomeno se presi in generale.
      La democrazia funziona al meglio solo in stati mono etnici. Quando uno stato diventa multietnico oppure una minoranza soppianta la maggioranza o minaccia di fare ciò, allora la democrazia va a farsi benedire e vince il più forte e non più la maggioranza. E’ successo in Germania durante Hitler, in Uganda tra i Tuzi e gli Utu, in Kossovo fra la minoranza serba e la maggioranza albanese, in Tibet dove la Cina sta soppiantando la popolazione tibetana con un afflusso di Han da est, in India all’epoca della spartizione tra India e Pakistan, in Sri Lanka tra tamil e singalesi. E mi fermo qui per brevità.
      40 mila migranti in Italia ci arrivano in pochi mesi e non in 20 anni! Se le cifre fossero quelle che dici tu allora non saremmo qui a discutere io e te! Secondo il sito di cui ho allegato il link sopra infatti solo in quell’anno di riferimento hanno chiesto asilo in Italia in 83.630 (di cui solo poco più di 9 mila sono donne).
      Fammi comunque precisare che a me non interessa niente che non restino in Italia. Io non li voglio in Europa perché sono europeo e mi sento europeo e non voglio che in futuro questa gente possa muoversi liberamente all’interno dell’Unione Europea e tornare in Italia oppure creare problemi di convivenza ai miei fratelli Europei in quanto la nostra sola speranza di sopravvivere come gruppo etnico consiste nel rimanere uniti e evitare di scaricare ai nostri fratelli i nostri problemi.
      Sono di nuovo d’accordo con te che si dovrebbe applicare il diritto internazionale. Pero penso fermamente che questo diritto vada modificato. Ma mi sto ripetendo. Nella preistoria la vita era certamente più dura ma sicuramente più giusta visto che si aiutavano prima quelli simili a noi e poi i diversi e questi ultimi solo quando se lo meritavano veramente, anche solo per il fatto di esistere. E’ così che si e’ evoluto l’Homo sapiens sapiens, altrimenti saremmo ancora tutti degli Homo Erectus o dei Neanderthals. Arpia, non puoi avere tutt’e’ due. Se le condizioni di vita in Africa 2,5 milioni di anni fa non fossero state così dure da portare alla morte di quelli meno adatti allora l’evoluzione umana si sarebbe fermata agli australopiteci! Quindi e’ facendo come facciamo ora che si torna alla preistoria. All’indietro, facendo diffondere i geni meno adatti nella popolazione mondiale invece di quelli che ironicamente stanno inconsciamente provocando proprio l’espansione di questi primi! Naturalmente la natura poi riequilibrerà tutto con una violenza ben maggiore di quella che si voleva evitare in primo luogo con atteggiamenti buonisti come il tuo. Mi riferisco alla guerra e ai genocidi ovviamente.
      Arpia, ma perché’ non provi ad approfondire le cose invece che fermarti solo agli aspetti morali che pure sono importanti ma sono secondari ad altri aspetti? La moralità infatti e’ anch’essa un frutto dell’evoluzione e ci e’ stata utile a sopravvivere ma non va presa come un valore eterno e invariabile. Cio che e’ immorale oggi era morale ieri e a volte e’ anche vero il contrario. Allora smettila di vivere in questo tuo mondo etico ideale e approfondisci un po le tematiche altrimenti non troverai mai la verità ma solo la dolce bugia che cerchi.
      Smettila di dire che i rifugiati vanno trattati con dignità prima che quella stessa dignità non la si garantisca ai nostri fratelli Europei prima. Non puoi accontentare tutt’e due. Devi fare una scelta. Io scelgo i miei simili prima e aiuto gli altri solo se rimangono le risorse necessarie per farlo. E non li aiuto “aggratis” ma esigo anche un certo grado di collaborazione come quello di non procreare irresponsabilmente così da creare altra gente che poi avrà bisogno di essere aiutata, alimentando un circolo vizioso senza fine che poi si spezzerà con la brutalità e la violenza più efferata. Io sono un pacifista e aborro la guerra. Pero non credo che il modo di evitarla sia quello di sperare che non succeda facendo appello al buonismo. Credo invece che bisogni essere realisti e conoscere e accettare la natura umana, compreso il razzismo anziché limitarsi a condannarlo. Condannandolo infatti in certe condizioni invece che ridimensionarlo non si fa altro che nasconderlo e farlo crescere fino a quando esploderà come tristemente e’ successo fin troppe volte nella storia dell’umanità.
      Invito anche gli altri frequentatori di questo blog a dire la loro altrimenti questo lungo dibattito si restringe solo alle opinioni diametralmente opposte mie e di Arpia!
      P.S.: Arpia, ma tu sei italiano oppure no? Se non lo sei allora complimenti per la tua padronanza linguistica! Non e’ che sei sudamericano? L’arpia e’ un bellissimo rapace che vive in Amazzonia quindi…

      • Arpia
        ottobre 8, 2016 alle 6:28 am

        Di dati Italiani non so quasi nulla, posso solo averli letti o sentiti, ogni volta che provo a cercare non ne trovo e mi arrendo.
        Io ho sentito che gli arrivi in eu sono lo 0.2- 0.3% della popolazione eu. Non mi pare siano delle cifre allarmanti, per me se non muoiono in mare che ne arrivino anche di piu’.

        Anzi ora come mi pare di aver gia’ detto in precedenza una charity Olandese, vuole far viaggiare le persone in aereo per evitare le morti in mare, era ora, visto che le navi militari di vari paesi sono li a fare altro.

        Ne arriverebbero meno se gli occidentali non andassero a piantare guerre nei loro paesi e a costringerli a fuggire.

        A te sembra una cosa semplice, dover lasciare nel terrore tutto, inclusi anziani e tutta la vita non e’ semplice come pensi tu.
        Sembra che la gente si staia divertire.

        Chi e’ che ha sfondato, Libia, Iraq, Siria, Afganistan, Somalia, Sudan , Congo ecc. ecc.? Io non di certo, ma gli occidentali si.

        Una signora medio orientale che mi ha raccontato che e’ dovuta scappare anni fa’ con genitori e nonni anziani, quando senti le storie non sono tanto divertenti come pensi tu. Vorrei vederti mentre chiudi casa sotto il terrore e fuggi.
        Sempre che te ne sia rimasta una da chiudere.
        Se lo provassimo sulla nostra di pelle forse sarebbe diverso.

        Sento spesso contraddizioni, gli Italiani, dicono che gli altri non si adeguano.
        A parte che mangiano sempre cibo italiano, in Africa stanno chiusi negli alberghi ma anche gente che ha lavorato sarda in Libia mi raccontano amici che se ne stavano nei loro posti, quindi il fatto di mischiarsi e’ relativo.

        Mi ricorda la Francia, quando mise piede in Algeria vieto’, lingua, religione ecc. ecc. si impossesso del paese, commise un genocidio e le violenze piu’ atroci, ma ora parlano degli altri che devono adeguarsi a loro! Certo come fanno loro!
        Un momento urlano siamo uno Stato non religioso un momento siamo cattolici!!!!!!!!!!!!!!!!!!

        Gli europei bianchi imperialisti e non sono un incubo, vogliono comandare e imporre che siano in america o chissa’ dove, ma c’e’ speranza con tutti i bambini multietnici si arrivera’ alla pace, sara’ l’unica via.
        D. Orlov dice che la chiave peril futuro e lasopravvivenza quando il denaro non avra” piu’ valore, sara’ la compassione.
        Politica morta, economia morta ecc. Non resta che la compassione.

        Le guerre se scoppieranno tra’ paesi eu saranno di certo create da chi al potere eu e us non da nessun migrante.
        Come sempre.
        Gia’ in Siria stanno facendo schifo con la Russia in Asia no ne parliamo e in Africa idem.

        C’e’ tutto il latin america in resistenza e on fire come si dice.
        Tritato e martoriato da vari piani condor.

        Voglio rispiegare e mettere una pietra sopra sul discorso jewish in uk. Io non ho detto nulla di speciale, ho semplicemente detto che non tutti sono ricchi e non tutti sono poveri ci sono gli estremi e le vie di mezzo. Ho sottolineato che alcuni sono anche in benefit.
        Possono essere in benefit italiani, tanti, di una marea di paesi, religione e colore di pelle certi non li distingui altri un po’ a seconda di abiti religiosi.
        Come ho gia’ detto e’ un diritto per tutti e non c’e’ nulla di male o da discutere.

        Ho preso il primo articolo a caso che ho trovato. Il punto era solo quello, le percentuali in questo caso sono rilevanti e non mi importa nulla in quale percentuale lo prendano il benefit.
        Altro punto se c’e’ questo gruppo ce ne saranno anche altri, ho preso quello perché si distinguono e sei certo che non ti sbagli 100% jewish.

        Ho letto vari articoli su questo ho messo il primo, ora non venire a dirmi che non ti piace, se vuoi informarti più dettagliatamente fallo.

        http://www.independent.co.uk/news/uk/home-news/haredi-half-of-britain-s-jews-will-soon-be-strictly-orthodox-says-new-study-a6696046.html

        Si vede che sei molto confuso, su uscita uk e immigrazione.

        London majority votes, stay in, London la piu’ multietnica, gia’ li sai che le cose non combaciano.

        Secondo punto, cosa c’entra uscita da eu con i Nigeriani? Non sono eu. Nigeriani non sono una novita’ in Uk ho amici che ci abitano da generazioni e generazioni.

        Dove senti o vedi problemi coi nigeriani, cosa che io non ho mai sentito, poi i Nigeriani, tanti in vari settori, da sport a spettacolo a gente in tutti i settori. I Nigeriani sono tra’ i piu’ grossi investitori in UK, parlo di tanti soldi. Petrolio.

        Mi viene da ridere, questa la devo dire, un mio amico British Nigerian quando gli ho detto di questa tua strana fissa, ha detto di informarti che i Nigerians sono nella classifica africana i piu’ romantici, primo posto. Si vede prorio che non consoci nulla.

        E’ strano per me sentire parlare di cose che conso da una persona che non le conosce e ne parla in modo distorto e negativo.
        Chissa’ come si creano i pregiudizi,
        Mandela diceva che le persone le sviluppano nel tempo per scelta, condivido.

        Ma poi hai il concetto che i black British sono li illegalmente, arrivati a sfregio senza diritto, si capisce che sei disinformato e non sai nulla.
        Sai che sono andati in uk dalle colonie chiamati per andare in guerra per esempio?
        Ma sai dei Jamicans negli anni ’40 chi li ha chiamati?

        Pare che i black british siano arrivati da marte a fare danni e prendere cose in modo illegale, ma cosa stai dicendo?

        Medici, infermieri, professionisti di tutti i tipi, chiamati a lavorare. Gente che ha studiato e finiti gli studi e’ rimasta a lavorare, gente che ci abita da centinaia e centinaia di anni.
        Gli asiatici ecc. Non posso elencarti la storia dell’immigrazione in uk. Ma non e’ come la vedi tu.

        Conosci il Commonwealth? Se sai cos’e’ e sai un po’ di storia sai bene che cio’ che dici e’ sfasato.

        Anche dei miei colleghi di studi Africani in Italia hanno finito e sono rimasti, alcuni sono tornati in Africa altri sono andati in Asia, la gente si muove e’ piu’ dinamica e inserita di come pensi tu.

        Hai l’idea di una mappa di distinzioni di razza falsa vecchia come il cucco senza senso e di mostri che ti succhiano il sangue.
        Non e’ che abbiamo solo idee diverse ma esperienze di vita che piu’ diverse non possono essere.

        Da come parli credo che tu sia li da poco, che tu non sia molto inserito ne dinamico. Perché London se non hai amici di tutti i posti del mondo sei un po’ strano , lasciatelo dire.
        Poi vedi che la gente lavora in tutti i settori non e’ come in Italia, come fai ad avere le idee cosi’ distorte, strano.

        Se lavori o non lavori , abiti, esci studi devi almeno venire a contato con tantissime nazionalita’ in tutti i momenti della giornata e nessuno e per terra a chiedere la carita’ ne ad andare nel campo a 2 eu, quindi cosa vedi tu o ti spaventi non lo so, sei li e ti spaventano i colori o le etnie perche’ non sei predisposto o non sei aperto, non sarai mai uscito, bho’. Ho conosciuto anche alcuni sardi in uk, ma uno aveva la ragazza Pakistana, uno Brasiliana, Uno russa, uno japan, uno di genitori africano e sardo una il ragazzo era caraibico, non saro’ solo io che ho questo tipo di esperienza tutta la gente che conosco e’ talmente un mix che faccio prima a dire ad escludere che a non includere. bho’, per me sei molto anomalo.
        Solo una volta la mia casa aveva, Australian, New Zeland, Argentina, Germany, Uk, Nigeria, Turchia, Mexico, nella casa. Ma potrei elencarti una marea di altri paesi, Nepal, India, S. Korea, S.America; Africa. Ma in Italia e all’estero, non so ma i miei giri di amici sono internazionali, ma siccome lo sono tutti non ho mai pensato che ci fossero persone che non sono mischiate. Un mio parente che ando’ a vivere in Francia anni fa mi disse che il suo barbiere e la famiglia erano in Francia da 40 anni e non parlavano il francese, quindi tutto e’ possibile anche se questa e’ una storia di aprecchi anni fa.
        Poi mi apre che tu dica che la gente non e’ inserita, ma chi i black british?ci abitano, spesso ci sono nati, studiano, lavorano, escono, fanno figli , quelli che pare ti spaventino, cosa devono fare di piu’, io non ho capito sinceramente, dipingi un quadro non reale.
        Anche quando dici i muslims rompono a te? Ma tutti a te rompono? Che strano. Ma guardi male la gente , te lo leggono in faccia? A parte che muslims se non hanno vestiti tradizionali non sai chi sono, mai avuto nessun problema con nessun o nessuna muslim.

        Tirompono perche’ te lo dicono la propaganda di Rupert sul Sun o il daily mail e tu hai deciso di seguirla, sento puzza di abbindolamento mediatico, propaganda politica di destra.
        Ricordati che i Tory dicono tante cose, ma i fatti sono ben diversi. A loro interessa mangiare soldi , privatizzare, vendere armi e per tenere la gente fuori dalle proteste deviano. Non e’ una novita’.

        Ma poi tu di cosa hai paura, se Uk esce da Eu e tu lavori non mi pare che possa cambiare nulla per te, malissimo che vada se non hai lavoro e cacciano gli ex eu senza lavoro te ne tornerai al tuo paese che ti manca tanto, pensa che fortunato, puoi scegliere di tornartene a casa tua, al contrario di altri che la loro casa non la potranno piu’ rivedere.

        Strano commento il tuo che io sputo sul piatto che mangio, cosa vuol dire, che condannare la violenza occidentale perpetua, il nazismo, il fascismo, i genocidi, il razzismo e la perpetua violenza che non si e’ mai fermata.Significa sputare sul piatto che mangio?! Verebbero in mente altri verbi a te la scelta. Ma la frase che hai detto non c’azzecca nulla.

        La pipa ai funghi dovra’ diventare la mia compagna diviaggio in questi commenti ma manco quella potra’ aiutarmi a capire le stranezze e contraddizioni dei commenti. Alcuni provo ma mi arrendo perche’ sono contraddittori e illogici.

        Tipo le leggi sui diritti umani internazionali, gia’ non le stanno rispttando, manca solo che uno pensi che non vanno bene, andrebbero bene se venissero rispettate, per te sarebbe selezione della specie se gli sparassero in mare!

        Meno male che non c’e’ rischio che chiamino a te, tra’ leggi nazi, spari, dsicriminazione e sangue sarebbe troppo White european, gia’ in atto, nessuna novita’.

        .

      • Riccardo Pusceddu
        ottobre 9, 2016 alle 8:55 pm

        Arpia, per favore potresti citare quando possibile le fonti dai quali trai i dati che riporti nei tuoi commenti? Lo 0,2 o 0,3% sono cifre annuali?
        Ma anche considerando che siano corrette, il problema non cambia. Gli Europei stanno sparendo a causa non solo della costante immigrazione di non Europei ma anche e soprattutto perché non fanno figli mentre i non Europei ne fanno troppi. E’ semplicissimo: se continui a versare dell’acqua in un bicchiere di latte, questo finirà per diluirsi vieppiù fino ad assumere percentuali omeopatiche. E’ una specie di suicidio etnico. Capisco che a te la cosa non preoccupi affatto ma a me si. E poi ci si preoccupa per la contaminazione del lupo a causa dei cani randagi mentre per la nostra specie non c’e’ problema? Purtroppo anche per le persone che oggi non si preoccupano della cosa, questo diventerà un problema irrisolvibile con mezzi pacifici se le cose vanno alla deriva come succede oggi col buonismo imperante. Un bel (o brutto) giorno questi squilibri evolutivi verranno infatti ribilanciati brutalmente con lo strumento evolutivo più drammatico: la guerra. Io non voglio che questo accada perché sono un pacifista convinto e credo nel prevenire i problemi prima che si renda necessario l’uso di mezzi drastici come la guerra.
        Gli occidentali andranno sempre a “piantare guerre” in Africa fino a quando gli Africani non si ribelleranno invece che accettare la situazione. Al tempo delle guerre risorgimentali per esempio, l’Impero Austroungarico cesso’ ogni conflitto non rinunciandovi per buonismo ma perché noi italiani lottammo in massa per la nostra indipendenza e la fine dell’ingerenza asburgica negli affari italiani!
        Naturalmente mi dispiace per quella signora Medio orientale che conosci te ma penso che i genitori non sarebbero dovuti fuggire ma invece avrebbero dovuto lottare per un paese migliore, come abbiamo sempre fatto noi europei con la sola eccezione degli ebrei al tempo dell’olocausto. Ma loro si sono limitati a “fuggire” in altri paesi con popolazione europea come il Regno Unito e gli USA quindi si sono integrati subito e bene perché gli ebrei europei sono a tutti gli effetti europei.
        Sul fatto di adeguarsi e di integrarsi poi sono d’accordo con te. Sono tutte scuse che gli altri non si adeguano e si integrano. Il fatto e’ che il mancato adeguamento e integrazione sono una conseguenza della differenza genetica e non viceversa. Quindi coloro che si lamentano che gli immigrati non si integrano sono solo degli ipocriti.
        La Francia per esempio con la storia del Burkini: patetica e contraddittoria coi valori di libertà di cui i francesi vanno tanto fieri!
        Non conosco questo Orlov di cui parli te ma se dice una cosa simile allora vive anche lui nel mondo dei sogni. Il denaro avrà sempre un valore, almeno fino a quando l’evoluzione umana seguirà le spietate leggi della selezione naturale. Politica ed economia non cesseranno mai di guidare la nostra evoluzione.
        Io non parlo solo di guerre fra paesi ma soprattutto di guerre civili fra Europei e non Europei all’interno dei singoli paesi, come quelle tristemente note del Kossovo, in Uganda, in Afganistan, nello Sri Lanka e persino in Ucraina. Ovunque ci sia una differenza etnica nella popolazione c’e’ sempre una probabilità maggiore che il disaccordo fra le varie etnie sfoci in una guerra civile.
        Di bambini multietnici ce ne saranno sempre meno perché la popolazione diventerà in Europa sempre più araba, nera e indiana quindi i bambini multietnici faranno bambini sempre meno multietnici. Forse saranno multietnici fra arabi e neri ma la componente Europea si diluirà fino a sparire del tutto. Solo la guerra a quel punto potrà riequilibrare la situazione e la cosa mi terrorizza e andrebbe evitata a tutti i costi.
        Sugli ebrei ho già detto la mia: il motivo per cui un nero prende un sussidio non e’ assolutamente quello di dedicarsi ai figli come invece fanno gli ebrei ortodossi e anche gli arabi che li prendono. E poi ti prego, non discutiamo almeno su quello su cui siamo d’accordo, come che gli ebrei ortodossi diventeranno la maggioranza degli ebrei in Inghilterra e forse anche in America.
        Per quanto riguarda il Brexit, Londra a votato contro proprio perché’ non ci sono molti Europei li. Mi pare che allo stato attuale la percentuale di non Europei sia uguale a quella degli Europei, compresi quelli inglesi doc. Ecco perché la maggioranza dei Londinesi ha votato per rimanere in Europa: devono aver capito che aria tira nel resto del paese. Ma il voto sull’uscita dall’Europa e’ molto difficile da analizzare. Conosco diversi non Europei che hanno votato per il Brexit perché non vogliono che arrivino altri europei a farli ridiventare una minoranza a Londra. Alcuni hanno votato Brexit solo perché l’allora primo ministro inglese Cameron era contrario.
        I nigeriani come tutti gli altri immigrati provenienti dall’Africa sono un problema nel senso che la gente come me non li vuole in Europa, alcuni inconsciamente, altri per motivi che si possono far risalire alla selezione naturale oppure nei casi più isolati come il mio, al desiderio di evitare conflitti etnici in Europa a tutti i costi.
        Cosa c’entra il romanticismo dei Nigeriani col nostro discorso sulle società multietniche?
        Il problema posto dai nigeriani e dai loro simili in Europa e’ che si riproducono molto più degli Europei e non perché sono migliori di noi. Questo va contro la selezione naturale e verra’ riequilibrato con una guerra, come succede sempre in natura e non solo tra esseri umani.
        E’ strano sentirmi tacciare da te di essere pieno di pregiudizi quando tu non ti accorgi di quelli tuoi, come quello che tu pensi che io pensi che i neri sarebbero qui nel Regno Unito illegalmente: assolutamente no! Io dico che la legge dovrebbe cambiare e che se ne dovrebbero tutti tornare in Africa, altrettanto legalmente di come siano arrivati.
        Che ne sai te delle mie esperienze di vita, visto che non te ne ho quasi mai parlato? Io nei miei giudizi mi baso soprattutto sui dati e sulle conoscenze scientifiche disponibili al momento perché sono consapevole che le esperienze personali possano essere fuorvianti proprio perché potrebbero non corrispondere con la maggioranza degli altri casi della stessa natura. In inglese si chiama “bias”.
        Le mie idee sulla differenza fra razze si basano sulle più recenti ricerche nel campo della genetica e sulla mia teoria del come queste differenze si siano mantenute dinamicamente come lo sono oggi. Sei tu che vorresti sentirmi parlare di concetti vecchi come il cucco quali quello della purezza razziale dei cosiddetti “ariani”. Quelle sono in parte solo scemenze perché frutto dell’ignoranza in campo genetico dei Nazisti.
        Io sono arrivato in Inghilterra nel lontano 1999 e ho avuto e tuttora ho degli amici non Europei come e’ inevitabile averne vivendo qui. Ma tengo molto distinte l’amicizia dalla politica.
        E poi continui a fare di tutta l’erba un fascio con i non Europei. I giapponesi sono l’opposto dei neri. Mia moglie e’ giapponese e i miei tre bambini sono mezzo italiani e mezzo giapponesi quindi io non sono per preservare le razze attuali all’infinito. Ma non sono neppure per far sparire alcune di esse a scapito di altre ammesso e non concesso che tutte le razze apportino lo stesso contributo all’evoluzione e al miglioramento del genere umano. Ti ho inviato 2 link sui premi Nobel, te li sei visti? E quello sulle differenze nel commettere crimini? E quello fra il rapporto tra uomini e donne fra i rifugiati politici dove solo quelli provenienti dall’Ucraina sono 50/50?
        Ma perché’ quando uno non la pensa come te tu gli dai della persona disinformata o vittima di propaganda politica di destra? Sono d’accordo con te e l’ho già detto diverse volte che certe campagne mediatiche come quella che per esempio cerca di dipingere la maggiorparte dei rifugiati come stupratori sono patetiche e palesemente false. Ma io cerco di vedere più in la di qualche anno. Mi baso sulla storia e sulla genetica per cercare di pronosticare cosa succederà fra un secolo o due e non tra un decennio o due. Io non leggo il Daily Mail e giornali simili come l’Express (mi pare che si chiami così)
        Io non ho paura che non cambi niente per me ma che le cose cambino in peggio per quelli che io considero i miei fratelli europei. E poi cosa c’entra la fortuna? Non e’ a causa della fortuna che l’Africa sia un posto così in miseria e che l’Italia invece non lo sia. E’ grazie ai miei antenati che non lo e’ e io non voglio essere da meno di loro nel continuare a garantire che continui a non esserlo e magari anche a migliorare le condizioni di vita dei miei connazionali.
        Lo sputare sul piatto in cui mangi che ti accuso di fare si riferisce al fatto che il benessere di cui tu godi in Italia va a scapito della povertà che quello stesso benessere provoca nel terzo mondo. Lo stesso computer che usi per scrivere questi commenti consterebbe infatti molto di più se non sfruttassimo il terzo mondo quindi e’ facile fare la morale agli altri ma se tu fossi coerente con quello che dici non dovresti neppure usarlo perché e’ sporco del sangue e della fatica delle persone che vengono sfruttate nel terzo mondo per produrlo.
        Mi dispiace che tu non riesca a vedere la logica dei miei discorsi. Io invece la tua di logica la vedo benissimo e la capisco altrettanto bene, seppure la disapprovo in gran parte.
        Ti consiglio i funghi di non fumarteli altrimenti rischi di capire meno anziché di più le mie posizioni.
        Io non ho mai proposto di sparagli in mare tanto per il gusto di farlo ma per dare un segnale forte che sbarchi di clandestini non sono più tollerati e per farli desistere dal tentare l’impresa, che otterrebbe anche l’effetto collaterale di evitare tutti questi annegamenti.
        Per garantire una sana selezione naturale nella specie umana bisognerebbe cercare di aiutare quelli che stanno peggio senza chiedergli di fare meno figli: vogliono i nostri vaccini e i nostri aiuti alimentari e la nostra tecnologia? Allora devono fare meno figli, non di più. Semplice e persino moralmente giusto secondo me.

  33. Arpia
    ottobre 6, 2016 alle 9:08 pm

    Australia, che viene presa come esempio da certe persone che non hanno rispetto per i diritti umani, e’ stata condannata per, tortura e detenzione illegale. E’ illegale detenere esseri umani, la gente e’ libera di lasciare un paese e rientrarvi, non e’ un crimine non avere documenti ma un semplice fatto amministrativo.
    L’Australia dietro la facciata del turismo e le corse dei surf, ha una situazione terribile dal punto di vista dei diritti umani, razzismo e genocidio che e’ ancora in atto e non e’ mai finito con la popolazione indigena. Tenuta in riserve o emarginata e degradata, senza parlare del fatto che c’e’ l’intenzione di fare scavi per uranio nelle zone sacre.
    Un osservatore diceva che in Australia la situazione degli aborigeni e’ talmente drammatica che non si potra’ cambiare dall’interno ma solo via pressione esterna.
    Prigioni per gli aborigeni ammassati sono in piena attivita’.
    Di certo non un esempio da copiare.

    https://www.theguardian.com/law/2016/may/18/australias-indefinite-detention-of-refugees-illegal-un-rules

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 7, 2016 alle 1:05 am

      L’articolo che hai allegato non parla pero’ affatto degli aborigeni ma solo fa riferimento a 51 casi specifici di rifugiati, tra i quali un iraniano, 3 tamil dello Sri Lanka e un afgano di etnia Hazara.

      • Arpia
        ottobre 7, 2016 alle 10:59 pm

        Infatti parla di atti illegali sulla immigrazione dell’Australia condannata per una serie di reati. Chi ha detto che parla degli aborigeni? Parla dei reati di immigrazione, ennesimo segno di razzismo e illegalita’, coe da tradizione dei bianchi invasori che hanno un genocidio ancora in corso con gli aborigeni!

  34. Arpia
    ottobre 8, 2016 alle 3:58 pm

    Avevo messo un commento e si e’ perso forse mentre lo mandavo.
    40mila i visitatori annuali e 400mila approdati in 20 anni tra’ cui 20 mila morti erano i dati di Lampedusa, magari risbaglio ancora. Ironicamente dell’Italia so meno.
    Io ho sentito piu’ volte che se ne fermano pochi di migranti in Italia i circa 150mila. Dalle persone che si vedono e’ possibilissimo che sia cosi’. Alcuni Africani in Sardegna sono stati e sono in transito verso altri paesi europei e alcuni con cui ho parlato, spesso del Senegal vengono d’estate a lavorare e poi ritornano in Africa.

    Algeria e la Francia altro disastro europeo in Africa, fatto di atrocita’ e violenza un orrore di cui si parla poco e si fa finta di dimenticare. La Francia punta il dito ma non ammette le sue colpe e ripete la storia, non quella bella, purtroppo.

    http://www.turkishweekly.net/2006/10/22/article/accusations-of-french-genocide-against-algerians/

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 9, 2016 alle 9:21 pm

      Non cambia nulla se gli africani in transito siano diretti in altri paesi europei oppure stiano in Italia. A parte che anche questo e’ contro il diritto internazionale, quello che sbandieri tanto te, in quanto i rifugiati dovrebbero fermarsi nel primo paese sicuro e non continuare per andare in quello piu ricco come succede oggi; a parte questo dicevo, la gente come me di non Europei in Europa non ne vuole punto. Finiranno persino per affondare l’Unione Europea se li si continua ad accogliere. Bisogna rispettare la legge che c’e’ e cambiarla prima possibile con una legge che prescriva la deportazione di tutti i non europei dall’Europa in maniera pacifica e legale, prima che le cose precipitino e si giunga alla guerra civile.
      Il numero di morti affogati non diminuirà mai fino a quando si continui ad accogliere questi cosiddetti rifugiati e ad aspettare che si dileguino dopo che immancabilmente le loro domande di asilo politico non vengono accolte.
      Sottolineando che anche una sola vita umana persa e’ una di troppo ma 3 mila morti quest’anno a fronte di 266 mila tentativi di sbarco sono poco più dell’un percento! Forse e’ più rischioso attraversare una strada trafficata a Roma!

      http://www.panorama.it/news/esteri/migranti-strage-mare-2016/

      • Arpia
        ottobre 9, 2016 alle 10:54 pm

        Inizia a deportare gli occidentali da tutti i paesi dove hanno ammazzato gente. Il tuo doppio standard e’ a dir poco ridicolo. Devono fare la richiesta di asilo nel primo paese d’arrivo, l’eu lha voluta l’us e ora non ha più senso che rimanga in piedi, mi sa che non hai capito cos’e’ eu e quali sono i veri problemi, ma non devo stare io a spiegarteli anche perché inventi tante di quelle cose e le metti in modo distorto che non ha alcun senso, es. dici di problemi in uk con nigeriani e muslim inventati da te e tante altre cose senza senso. Ti sei inventato cose di sana pianta e vuoi far credere a chi non puo’ verificare una lunga lista di cose false. Prendi teorie dell’800 decadute e dici che sono attuali.
        Fai dei discorsi considerati validi dal nazismo e nate da chi difendeva la proprita’ degli schiavi, il mondo avanza, si evolve, evolviti.
        La lista e’ lunga, vuoi che gli altri non diano ordini a te non spetta a te decidere chi ha figli o non li ha, per fortuna. I tuoi discorsi sono un totale controsenso genocidi sono selezione naturale mentre la gente che ha figli no. Ti ripeto non stai ne tu ne nessun occidentale aiutando l”Africa, informati bene e parla di cose che conosci, se non le conosci per nulla te lo sconsiglio. Guarda che il mondo e’ di tutti. Non sei tu che decidi per gli altri. Non hai nessun rispetto per i morti di altre etnie, sinceramente il livello e’ veramente, low.

      • Riccardo Pusceddu
        ottobre 10, 2016 alle 5:26 am

        Dire che il mondo e’ di tutti e’ una favola a cui ormai non credono neanche piu’ i bambini. Il mondo e’ di chi se lo merita e lo e’ sempre stato. La nostra stessa specie ne e’ la prova lampante altrimenti in giro ci sarebbero gli Homo erectus invece che noi. Ma magari a te piacerebbe che fosse cosi. Tu sei un tipico esempio di quanto si possa sbagliare nel considerare la morale un valore assoluto, che va posto al di sopra la nostra stessa esistenza invece che uno strumento che ce la garantisca. Mi dici di evolvermi ma da quanto dici non hai capito hai una visione distorta e parziale di come funziona la selezione naturale. Per fortuna che le persone hanno ancora quei sani istinti di sopravvivenza che ci hanno permesso di non estinguerci come e’ successo alle altre specie di ominidi. Ma tu forse saresti piu contento di essere un Homo erectus cosi potresti crogiolarti in quel sentimento di autocommiserazione autopunitivo che ti piace tanto.

  35. Arpia
    ottobre 8, 2016 alle 8:20 pm

    In spagnolo, l’idea dell’eurocentrismo e molto di piu’. Enrique Dussel.

    http://videos.telesurtv.net/video/599393/dossier-599393

  36. Arpia
    ottobre 9, 2016 alle 2:49 pm

    Nigeria, di cui si parla e si sparla senza conoscerne nulla ne le dinamiche ne il popolo. Qua si puo’ vedere l’ennesima violenza al territorio e al popolo degli occidentali tanto geniali.
    L’Africa ha un tumore, in metastasi ed e’ la violenza occidentale che da centinaia di anni si presenta sotto varie forme, distruzione e violenze di tutti i tipi ai popoli, sfruttamento umano e delle risorse, finti aiuti, distruzione dell’ambiente e furto delle risorse. NON STOP.

    Questo in Nigeria e’ solo un esempio.
    Altro che american and european exceptionalism.
    I danni ai popoli e al pianeta da queste persone per accumulo di profitto sono una catastrofe che coinvolge tutti noi.
    Se solo l’Africa potesse respirare libera, questo e’ il mio augurio.

    https://www.theguardian.com/world/2010/may/30/oil-spills-nigeria-niger-delta-shell

    https://www.theguardian.com/business/2016/mar/02/shell-nigeria-court-oil-spills-pollution-niger-delta

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 9, 2016 alle 9:46 pm

      Anche io mi auguro davvero che l’Africa riprenda in mano il suo destino invece che fuggire da esso ogni qualvolta noi occidentali “cattivi” tentiamo di usurparglielo. Arpia, ma non e’ che tu sei di quelle parti?

  37. Arpia
    ottobre 10, 2016 alle 12:43 am

    Ho letto il lungo post di Riccardo, quello che in English si chiama un, car crash. Tu pacifista quando la guerra la devi subire tu ma se gli occidentali la devono imporre agli altri va’ bene. I tuoi discorsi non appiccicano manco a colla. Sono ben consapevole di cosa sia lo sfruttamento nel mondo. Ripeto hai detto che in Uk sono contro Nigeriani e musulmani e sei bugiardo, cosa ne sai di come sono gli africani con i figli, veramente la tua disonesta’ e ignoranza e’ galoppante. Ho resistito trattenendomi ma ad un certo punto bisogna pur dire le cose come stanno. Uno non e’ multietnico nel tempo, da una generazione all’altra, ma per favore, si capisce quali giornali leggi non ti preoccupare, tabloid trash.
    Vedi gli Africani e altri come bestie buttate, vatti a vedere le posizioni in scuole, universita’ professioni e politiche dei Nigeriani, perché veramente cio’ che dici e’ patetico a dei livelli incredibili, i padri Africani amano e si fanno il mazzo per i loro figli come le madri, sara’ ora di smetterla di mancare di rispetto alle persone e dire meno fesserie. Ci sono Nigeriani che ti fanno barba e capelli e ho la certezza che no ne conosci manco uno, se non conosci non parlare di cose che non conosci, come fai sempre. Tu non concordavi con me sugli ortodossi dicevi che erano meno molto meno di quello che dicevo io, non girarti le frittate come fai sempre! Poi la genetica e le evoluzioni non sono il tuo campo, perché non hai capito nulla e continui a dire fesserie da paura. Un mio amico ha letto un paio dei posts e concorda che sono da paura, fesserie con le ruote lanciate in discesa.
    Una piccola nota mi hai corretto un paio di volte sul Katanga sparando cavolate, per carita’.
    Non dire cosa fanno gli ortodossi a casa loro perché di sicuro no ne conosci manco uno, in UK dal ’99, da paura.

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 19, 2016 alle 1:56 am

      Cerchero’ d’ora in poi di essere telegrafico anziché farmi prendere dalla smania di spiegare ad Arpia cose che non può o non vuole capire. Nel virgolettato le asserzioni di Arpia e di seguito la mia replica. Ai lettori l’ardua sentenza.

      “Tu pacifista quando la guerra la devi subire tu ma se gli occidentali la devono imporre agli altri va’ bene.”:
      quasi corretto se non fosse per il fatto che gli occidentali non la impongono agli altri ma sono gli altri che se la fanno imporre, per collusione o per inerzia o codardia. Non ho nessun rispetto per i codardi e per quelli che subiscono le angherie altrui anzi penso che se le meritino pure.

      “…cosa ne sai di come sono gli africani con i figli,…”
      Una etnia che vive in povertà’ e vuole in massa spostarsi in altre parti del mondo (dove la gente e’ più laboriosa e attiva e intraprendente) e che continua ad aumentare di numero nonostante questo beh, non e’ questo il mio concetto di genitore responsabile.

      “Uno non e’ multietnico nel tempo, da una generazione all’altra, ma per favore, si capisce quali giornali leggi non ti preoccupare, tabloid trash.”
      Non capisco cosa intendi e ti ripeto che non leggo i tabloid inglesi e neppure i giornali ma approfondisco le mie conoscenze in rete.

      “…i padri Africani amano e si fanno il mazzo per i loro figli come le madri,…”
      Ma ci mancherebbe pure che non li amassero! Ma l’amore da solo non basta. Ci vuole anche responsabilità e lungimiranza e non fare figli a nastro e poi sperare che possano lasciare l’Africa. La stragrande maggioranza dei neri e’ così.

      “Ci sono Nigeriani che ti fanno barba e capelli e ho la certezza che no ne conosci manco uno,…”
      Se un nigeriano mi fa barba e capelli non c’e’ niente di strano visto che io non mi considero particolarmente intelligente. Pero’ quando spesso mi capita di trovare qualcuno che ne sappia e ragioni meglio di me, si tratta sempre di europei. Di Nigeriani ne ho conosciuto diversi e mai uno che mi abbia stupito per il livello intellettuale. Ma naturalmente il motivo e’ che sono prevenuto e razzista e quindi non vedo le cose come sono.

      “Tu non concordavi con me sugli ortodossi dicevi che erano meno molto meno di quello che dicevo io,…”
      Io parlavo degli ebrei ortodossi che dipendono dai sussidi e poi ho fatto delle considerazioni molto più articolate che sul loro mero numero.

      “Un mio amico ha letto un paio dei posts e concorda che sono da paura, fesserie…”
      Su questo non ho dubbi, hahaha.

      “Non dire cosa fanno gli ortodossi a casa loro perché di sicuro no ne conosci manco uno, in UK dal ’99, da paura.”
      A pochissimi e’ dato di sapere cosa fanno dentro le quattro mura di casa ma quello che fanno fuori lo posso sapere semplicemente guardandomi intorno: di gang di ebrei ortodossi non ne ho mai visto, neanche alla televisione e all’ufficio di collocamento tutto il nero che si vede non e’ quello dei loro cappotti o cappelli, hahaha, anche considerando il fatto che gli ebrei sono molto meno numerosi dei neri.

  38. Arpia
    ottobre 10, 2016 alle 1:15 am

    In questo articolo, l’atteggiamento xenophobic di oggi con i rifugiati e’ lo stesso che si aveva in passato per i jewish, la gente non impara mai.
    Purtroppo i ratti stanno riuscendo dalle fogne dove dovrebbero stare e nazionalismo e gruppi violenti stanno risollevando attacchi di vario tipo, un cittadino Polacco ammazzato in uk e ronde di ratti puzzolenti anche nelle zone jewish in London. Che dire, c’e’ chi insoddisfatto di sé deve schiacciare altri per darsi una importanza che non ha!

    http://www.independent.co.uk/news/uk/home-news/refugees-are-discussed-with-the-same-attitude-we-held-towards-jews-during-wwii-says-green-mep-10478613.html

  39. Arpia
    ottobre 10, 2016 alle 9:39 pm

    La tua ossessione per la protezione della specie europea con figli per meta’ del Japan, ultima volta che ho controllato il Japan non era in Europa ma in Asia! Immagino che non rispetti manco le tue teorie!

    Ora il premi nobel e’ segno di intelligenza e visto che i piu’ premiati sono Jewish i Jewish sono al 100% europei pur originando dall’Iraq, bene, logica , logica, logica.

    Lo sanno tutti che il premio nobel ha motivazioni politiche e spesso dato senza alcun merito! Aggiornarsi!
    Oltre al fatto che tante persone che lo meriterebbero non lo hanno mai avuto.

    Poi io avrei delle lacune in campo antropologico e sociologico, attendo lezioni! Mi viene da ridere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    I Russi sono fratelli ma i muslims no, peccato che ci siano Russi mulsims, come Greci e isola Cyprus, pieno in London, come Irish muslims! Come cristian Arabsi! Aiuto!

    Poi la prima e la seconda guerra mondiale chi le avrebbe causate non ho capito!!!!!!!!!!!!!!!

    I muslims in Uk tanto odiati al punto che il London mayor e’ muslim! Dove sta’ la logica?!

    In Uk dal 1999 senza sapere nulla su immigrazione, Africa ecc.

    Ma se uno e’ in Uk dal 1999 non sa delle UK gans?! Impossibile , uno non sa che i caraibici mai si chiamano africani ma si chiamano West Indians! Che gli Africani sono in tutta la trama sociale in UK in particolare i Nigeriani! O uno vive solo a casa sua o qua i conti non tornano!!!!!!!!!!!!!!!

    Da notare nel mio link precedente c’era articolo del Daily Mail, razzista, li contro gli ebrei e lo e’ dal 1930!

    Ma poi se uno e’ in Uk dal 1999 che paura puo’ avere di perdere il diritto di starci?! Un mistero!

    Ps un mio amico sardo ha detto come mai ripeti continuamente che sei sardo non stop, ha detto che lui pur essendo sardo non passa il tempo a ostentarlo lo e’ e basta!

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 17, 2016 alle 5:59 am

      Se le leggessi bene le mie teorie allora non diresti che non le rispetto. Ma forse le leggi senza capirle oppure senza volerle capire. Solo così si spiega come mai tu trovi così strano che io sia così ossessionato dal preservare la mia etnia pur avendo deciso di avere dei figli mezzo giapponesi.
      Non c’ho più voglia di rispiegartele, vai a rileggertele. E poi se continuo a ripetere le stesse cose Stefano mi sgrida, giustamente.
      Io non ho mai detto che gli ebrei Europei sono al 100% europei ma che lo sono per la maggior parte, soprattutto per parte di madre, anche se devo ammettere che la percentuale di geni mediorientali fosse più bassa, a giudicare dal loro aspetto fisico. Ma gli studi sono ancora un po contraddittori quindi mi aspetto che in studi futuri appaia una maggiore preponderanza di geni europei per motivi che sarebbe troppo difficile spiegarti anche perché non li ho capiti completamente nemmeno io, hahaha. Fra parentesi, gli ebrei non si sono affatto originati dall’Iraq. Non so da dove hai tratto questa informazione. Aggiornati anche te qui:
      http://www.scienzainrete.it/contenuto/articolo/genetica-e-identita-ebraica
      Le motivazioni politiche nell’assegnare i nobel ci sono soprattutto per quanto riguarda quelli sulla pace, e in misura molto minore su quelli per la letteratura e l’economia, mentre sono del tutto assenti per quelli sulla medicina, la fisica e la chimica che sono quelli dove gli Europei e i loro cugini Ebrei, visto che non vuoi che li chiami fratelli, eccellono, per non parlare dei giapponesi e ora anche dei cinesi e qualche indiano.
      Adesso magari mi verrai anche a dire che i neri non hanno mai vinto un premio nobel in fisica, chimica e medicina per motivi politici perché altrimenti e’ il mio turno di ridere!
      I russi sono fratelli perché sono europei, come lo sono gli albanesi anche se essi sono in gran parte mussulmani anche se non fanatici come gli altri. Gli arabi cristiani come una parte dei libanesi invece non sono fratelli anche se il fatto che siano cristiani denota una maggiore affinità genetica con gli europei di quella dei libanesi sciiti. La religione infatti e’ solo secondo me un meccanismo genetico per identificare quelli uguali a noi, come lo e’ la cultura, le tradizioni, i modi di pensare e di agire, e via discorrendo.
      Le due tragiche guerre mondiali che hanno sconvolto l’Europa sono state causate da noi stessi e dalla mancanza di unita’ tra i vari popoli europei che all’epoca erano abbastanza forti da poter fronteggiare da soli, tutti gli altri popoli non europei, fatta eccezione per il Giappone e per ragioni demografiche, la Cina che all’epoca versava in una situazione di miseria. Paradossalmente con un po’ più di razzismo si sarebbero potute evitare, specialmente la seconda, visto che gli anglo sassoni, come talvolta vengono definiti gli inglesi, sono parenti stretti dei sassoni che e’ l’etnia prevalente in Germania. Senza contare il 40% o giù di li di americani di origine tedesca.
      Si, hai delle grosse lacune soprattutto in antropologia, visto che non hai idea di come si sia evoluta la nostra specie e sminuisci tutto limitandoti a dire che ha avuto origine in Africa e che quindi siamo tutti africani. Che banalità ridurre una faccenda così complessa e in parte ancora oggetto di speculazioni (sempre meno pero’) ad un fatto geografico e fermando l’analisi a quello stadio!
      Il sindaco di Londra, Khan, e’ pachistano ed e’ stato eletto a Londra perché la maggioranza dei londinesi attuali non sono europei e grazie anche ai voti dei bianchi liberali di sinistra laburisti e verdi.
      Sono io che ho chiamato gli “West Indians” africani perché e’ quello che sono visto che sono originari dell’africa subsahariana. Sono neri tanto per capirci. Io le uniche gangs che ho visto erano costituite da neri e qualche arabo. Di gangs di bianchi non ne ho mai viste.
      Il tuo appunto sul Daily Mail non so cosa c’entri col nostro discorso.
      Io non ho affatto paura di perdere il diritto di stare qui, visto che mi considero europeo in uno stato Europeo e gli italiani qui sono visti abbastanza bene dagli inglesi che hanno votato Brexit.
      E poi non e’ che sono attaccato all’Inghilterra così disperatamente. Se decideranno di buttar fuori tutti i cittadini europei me ne tornerei in Italia tranquillamente a continuare la mie battaglie contro l’annientamento della nostra etnia europea e le altre battaglie ambientali che mi stanno tanto a cuore. I soldi non mi mancano.
      Non mi sembra di passare il tempo a dire che sono sardo ma le poche volte che l’ho detto, l’ho fatto perché ne vado orgoglioso e voglio mostrare che i sardi valgono qualcosa. Ma forse sono troppo presuntuoso.
      Mi sto accorgendo che il nostro sta diventando un dialogo fra sordi, quindi a meno che qualcuno non si introduca nella discussione mi riprometto di non replicare più alle tue lettere che sono ripetitive e quindi mi costringerebbero a essere altrettanto.
      Un ultima commento sulla necessita’ di imparare dalla storia. Dipende dalla lezione che vuoi imparare. Quella di essere buoni perché sia giusto esserlo senza capire perché alle volte l’uomo diventi una bestia assetata di sangue mi sembra proprio la conclusione più sbagliata perché foriera di ulteriori e più gravi tragedie in un futuro non lontano.
      Un saluto.

      • Arpia
        ottobre 18, 2016 alle 7:25 pm

        Avevo scritto un lungo messaggio sé perso, se riappare scusate la risposta simile.

        Io non so se tu legga quello che scrivi, DELUSIONAL e’ il livello. Non ho altre speigazioni.

        Homo Sapiens viene dall’Africa.

        Tu di antropologia mai letto manco mezzo foglio.
        Capisco che due documentari di Fox e Rupert ti facciano pensare di avere una cultura vasta.

        Prima eri povero e scappato per poverta’ ora sei ricco.
        E non voglio citare la tua presenza al job centre!
        Prima eri preoccupato uk uscita eu ora non lo sei.
        Cosa c’entra il daily mail che tu leggi? C’entra razzista dal 1930 se non pure prima.
        Japan in Asia, contraddice la tua idea per gli europei.
        Vatti a leggere da dove vengono la prima e seconda guerra mondiale che fai meglio.
        Hai parlato di Neanderthal paragonandolo a genocidi europei e europei in africa ma non a quelli europei per se fatti in europa, quando non si sa nulla su come si sia estinto si sa dell’incrocio per il 2% di dna. Non lo sanno antropologi e genetisti ma lo sai tu!

        Il tuo razzismo religioso e razziale trova applicazione in uk con sectarianism and hate crime.
        Crimini infatti. Reati.

        La tua idea che religione o colore di pelle siano fonte di inferiorita’ non hanno nessuna base se non nell’ignoranza. Ti ostenti ma sei fuori strada.
        Tua forma mentale non reale.
        Le tue teorie sono di fantasia e non reali.

        Le gans bianche se tu non le conosci informati.
        Se vedi un gruppo di blacks sono gangs criminali se di bianchi non lo sono!
        Questo e’ un problema di vedere le cose distorte tuo.
        Black e qualche arabo, come se tu possa riconoscere un arabo da un non arabo! Quante ne devo sentire!
        Se ti metto due italiani con due turchi o due siriani, due palestinesi o egiziani non hai la piu’ pallida idea, te lo garantisco io.
        Ne dici di fesserie incredibili, vorrei dire altre parole, immaginatele.

        Tu hai detto west indiand africa? Ma cosa stai dicendo, bho’! Sinceramente ne io ne nessuno dei miei amici riesce a capire cio’ che dici.

        Europa pura, con figli per meta’ asiatici , fuori dall’europa i non europei con la moglie asiatica che vive in uk.
        Ci sono i poveri, gli ignoranti e i delinquenti in Italia come in Japan,
        Sardegna penultima come lauree in eu e prima spesso per crimini, capisco il tuo orgoglio cieco ma cerca di allargare le tue vedute e di capire la realta’.
        Il piu’ grande serial killer in Uk e’ jewish e commettono crimini come altri anche se tu non lo sai.
        Che ci sia razzismo nelle istituzioni e polizia contro balck population in america e meno in uk e’ risaputo ma tu non lo sai che blacks siano da tempo le vittime di crimine non lo sai, che muslims al 90% e oltre sono le vittime di mercenari non lo sai.

        Se non sai raccontare storia black e africana ai tuoi figli di cui non sai nulla prova la storia violenta e
        Nazi Japan and Italy ne hai di belle cose da raccontare!
        Tante belle cose in comune. Due paesi due mafie, che dire piu’ cose belle di cosi’ in comune. O vuoi fare finta che italy and japan siano le fiabe che pensi nella tua fantasia?

        Genetica e religione cristianesimo nasce da un ebreo e se lo seguono in Syria, Egitto e in Italia diventano geneticamente identici o piu’ vicini, seguro!

        Gli ebrei ci sono black african, te lo ripeto e di molte altre varianti , varie tribu’ originali, Babylon e’ il fulcro ed e’ l’attuale Iraq.
        Se li vuoi mettere in altro posto sempre origini medio orientali hanno.
        Le madri europei certo vatti a vedere non jewish mother scelto da jewish non da me.

        Io non ho mai parlato ne di fratelli ne di non fratelli jewish, non inventare.

        Boris ex sindaco London biondo ti aprra’ europeo ma e’ di nonno turco ed e’ Jewish turkish di origine ci sono Jmaicans per es. chiarissimi che non sai manco da dove possano venire se non lo sai e che l’africa possono non averla mai vista i tuoi concetti e le tue idee sono basate sull’ignoranza inutile stare qua a discutere

        LA STORIA TU NON LA CONOSCI PER NULLA QUESTO E’ IL PUNTO CHIAVE. Ma neanche altre cose.

        Darwin aveva una teoria che era del nonno, alcuni la seguono ma tantissimi scienziati la ritengono falsa.
        E’ una vecchia teoria di uno puo’ paicere o no.

        Nobel per me non ha la validita’ che pensi tu, Al Gore e Obama che senso hanno e Gandhi nulla , strano. E’ un premio e basta molto criticato.
        Immagino che in base alle tue idee vista alta percentuale ebrea i mediorientali siano piu’ intelligenti, infatti secondo la tua teoria un africano rimane sempre AFRICANO COME PURE un MEDIO ORIENTALE. Deciditi su quello che vuoi dire perché le tue contraddizioni fanno senso.

        NON CONSOCI, UN MUSLIM O UN AFRICANO E DICI SOLO FESSERIE.

        Quante ne devo sentire e’ allucinante. Per fortuna non lo penso solo io pensavo di avere problemi di lingua, ma ho chiesto a vari amici e sono tutti confusi per il caos che fai nei tuoi discorsi.

        Senza senso, falsi, contraddittori e giramento di frittate. Non ho voglia veramente ma dovrei avere la pazienza di prenderli punto per punto, un lavoraccio.
        I miei amici dicono di ignorarti perché dici sciocchezze insensate ma a me da fastidio che tu menta sugli altri questo lo trovo veramente viscido.

        Ps non ho tempo per correggere o rileggere.

        Quando ho parlato di black music che influenza da tempo la musica tiri fuori quella classica e basta , occhi che se ti sposti potresti trovarla! Immagino che tu sia quello che ascolta solo musica classica.

        Farai un lavoro dove non sei a contatto con nessuno. Mai sentito persone che dicono le cose che dici tu. Un car crash infinito!

      • Riccardo Pusceddu
        ottobre 19, 2016 alle 5:38 am

        “Homo Sapiens viene dall’Africa.”
        E tutto qui quello che sai dire della nostra specie? Quello che e’ successo nelle decine di migliaia di anni dopo non ha importanza per te oppure ne sei completamente all’oscuro.

        “Capisco che due documentari di Fox e Rupert ti facciano pensare di avere una cultura vasta.”
        Non conosco questi signori e la mia cultura e’ vasta solo se paragonata alla tua e solo su certi temi come la genetica e l’antropologia/sociologia che pero considero temi fondamentali, insieme alla storia, per capire cosa sta succedendo e dove stia la verità.

        “Prima eri povero e scappato per poverta’ ora sei ricco. E non voglio citare la tua presenza al job centre!”
        Io non sono mai stato povero perché ho sempre lavorato e se ora sono più “ricco” di quanto lo fossi prima e’ perché mi sono fatto il mazzo. Al Job Centre ci sono andato solo un paio di volte per cercare lavoro e dopo che ero stato licenziato ma non mi ci ho messo radici. Ma queste sono cose personali e ci allontanano dall’oggetto del nostro dibattito.

        “Prima eri preoccupato uk uscita eu ora non lo sei.”
        Ero e sono preoccupato dall’imminente uscita del Regno Unito non per me personalmente ma per il futuro della nostra etnia europea, visto che secondo me questa rappresenta una divisione fra di noi invece dell’affratellamento di cui ci sarebbe bisogno per salvarci dall’estinzione.

        “Cosa c’entra il daily mail che tu leggi? C’entra razzista dal 1930 se non pure prima.”
        Non sapevo che il Daily Mail fosse razzista perché’ non lo leggo pur conoscendolo di nome.

        “Japan in Asia, contraddice la tua idea per gli europei.”
        Su questo t’ho già spiegato 2 volte quindi vatti a rivedere la risposta.

        “Hai parlato di Neanderthal paragonandolo a genocidi europei e europei in africa ma non a quelli europei per se fatti in europa, quando non si sa nulla su come si sia estinto si sa dell’incrocio per il 2% di dna. Non lo sanno antropologi e genetisti ma lo sai tu!”
        Siccome non mi ricordo esattamente cosa t’avevo detto in merito all’estinzione dei Neanderthals allora ti ripeto che la causa siamo noi Homo sapiens, provenienti dall’Africa a quel tempo ma soggetti a cambiamenti continui a causa della differenza ambientale fra i due continenti, che ha portato nel corso di circa un centinaio di migliaia di anni, all’attuale differenza fra gli europei e i neri africani attuali e alla quasi completa estinzione dei Neanderthals, se si eccettua quel 2% rimasto in ogni europeo e mediorientale. Non e’ affatto vero che non si sappia nulla sul come si siano estinti. Pressione selettiva, quindi, diretta e indiretta, fra 2 specie che condividevano lo stesso ambiente in competizione l’una con l’altra.

        “Il tuo razzismo religioso e razziale trova applicazione in uk con sectarianism and hate crime.
        Crimini infatti. Reati.”
        Non penso di commettere nessun reato dicendo la mia e sicuramente non incito nessuno a commetterne in nome delle mie teorie. Io credo nella pace e aborro la violenza ed e’ anche per evitare che ce se ne faccia ricorso che mi espongo con nome e cognome qui come altrove e che propongo una soluzione pacifica ai problemi posti dalle società multietniche e all’imminente estinzione della nostra etnia. Se pensi che io stia commettendo un reato, denunciami!

        “La tua idea che religione o colore di pelle siano fonte di inferiorita’ non hanno nessuna base se non nell’ignoranza.”
        Io credo di no e porto argomenti per dimostrarlo invece che dire che il mio interlocutore sia ignorante in materia (anche se, a giudicare dalle tue osservazioni sull’evoluzione, purtroppo ti devo dire che almeno in quella materia, lo sei: mi piacerebbe farti qualche domanda per valutare le tue conoscenze sul campo).

        “Le gang bianche se tu non le conosci informati.
        Se vedi un gruppo di blacks sono gangs criminali se di bianchi non lo sono!”
        Di gruppi di bianchi ne vedo a volte ma non sono mai stato attaccato da essi, mentre da gruppi di neri lo sono stato.

        “Se ti metto due italiani con due turchi o due siriani, due palestinesi o egiziani non hai la piu’ pallida idea, te lo garantisco io.”
        Allora diciamo che io riesco a distinguerli quasi sempre perché sono razzista mentre tu no perché non lo sei? La verità come al solito sta nel mezzo, ovvero che, nonostante in qualche raro caso sia difficile distinguerli, la maggiorparte delle volte non lo e’. Altrimenti stiamo negando l’evidenza.

        “Tu hai detto west indian africa? Ma cosa stai dicendo, bho’! Sinceramente ne io ne nessuno dei miei amici riesce a capire cio’ che dici.”
        I West Indians, come chiamano i neri di origine caraibica nei paesi anglosassoni, sono di origine africana subsahariana, quindi africani neri in tutto e per tutto.

        “Europa pura, con figli per meta’ asiatici , fuori dall’europa i non europei con la moglie asiatica che vive in uk.”
        Io non credo nel mito della purezza razziale. Le razze e le popolazioni si sono sempre mischiate e per fortuna, altrimenti la nostra stessa evoluzione ne sarebbe stata rallentata. La differenza e’ che in passato si mischiavano solo quelli più adatti all’ambiente mentre invece oggi si assiste ad un esubero anormale di etnie meno adatte al loro stesso ambiente che sta portando all’estinzione di quelle più adatte. Si tratta secondo me di un gravissimo squilibrio evolutivo che porterà inevitabilmente a drastici riequilibri: in parole povere, guerre e carestie.

        “Sardegna penultima come lauree in eu e prima spesso per crimini, capisco il tuo orgoglio cieco…”
        Pero’ nonostante questo abbiamo un premio Nobel. Non male per una piccola isoletta di poco più di un milione di anime!

        “Il piu’ grande serial killer in Uk e’ jewish e commettono crimini come altri anche se tu non lo sai.”
        Ma perché’ mi metti sempre in bocca cose che non ho mai detto o pensato? Certo che commettono crimini ma da un ebreo li accetto perché sono europei mentre da un nero no. E poi potrei risponderti che di serial killers neri ce ne sono di meno perché li prendono sempre subito dopo il primo delitto, hahaha, quindi ammesso e non concesso che il più “grande” fra essi sia ebreo, la cosa non mi stupirebbe affatto perché sono molto più difficili da scoprire, hehe.

        “Due paesi due mafie, che dire piu’ cose belle di cosi’ in comune. O vuoi fare finta che italy and japan siano le fiabe che pensi nella tua fantasia?”
        Ma come fai a ridurre due culture così ampie come quella italiana e giapponese al solo aspetto della criminalità organizzata? E tutto l’enorme resto lo trascuri? Come se la mafia giapponese e italiana sia talmente importante da oscurare la loro grandezza?

        “Genetica e religione cristianesimo nasce da un ebreo e se lo seguono in Syria, Egitto e in Italia diventano geneticamente identici o piu’ vicini, seguro!”
        Questo dimostra che non hai letto il mio link precedente sugli Ebrei.

        “Io non ho mai parlato ne di fratelli ne di non fratelli jewish, non inventare.”
        Sono stato io a parlare degli ebrei definendoli “fratelli”.

        “Boris ex sindaco London biondo ti apparira’ europeo ma e’ di nonno turco ed e’ Jewish turkish di origine…”
        Non lo sapevo pero’ che strano che sembri completamente Europeo. Hmmm. Allora mi sono andato a vedere il suo albero genealogico e sorpresa! La parte turca e’ da un rapido calcolo equivalente ad un solo misero 12.5%! Meno di un ebreo europeo quindi. Gli occhi a volte non ingannano. Allego il link e spero che stavolta te lo andrai a studiare bene.
        https://en.wikipedia.org/wiki/Boris_Johnson#Ancestry

        “Jamaicans per es. chiarissimi che non sai manco da dove possano venire se non lo sai e che l’africa possono non averla mai vista…”
        Guarda che la differenza di carnagione e’ solo il tratto più marginale tra bianchi e neri, anche se e’ quello ritenuto più importante da quelli come te e anche dalla maggiorparte dei razzisti. Non c’entra se l’Africa non l’abbiano mai vista. Geneticamente rimangono neri, di una delle tante sub etnie di cui si compone la razza negra.

        “Darwin aveva una teoria che era del nonno, alcuni la seguono ma tantissimi scienziati la ritengono falsa.
        E’ una vecchia teoria di uno puo’ paicere o no.”
        Ah, finalmente ti sveli! Uno scettico della teoria Darwiniana dell’evoluzione che e’ una delle teorie più precise che ci siano, confermata e riconfermata dai progressi che si susseguono nel campo della genetica, dell’antropologia, della paleontologia e chi più ne ha più ne metta. Ma quale vecchia teoria! E come dire che la teoria della gravita di Newton sia falsa perché e’ vecchia.

        “Nobel per me non ha la validita’ che pensi tu, Al Gore e Obama che senso hanno e Gandhi nulla , strano. E’ un premio e basta molto criticato.”
        Quindi siccome hanno dimenticato Gandhi tutti gli altri sono immeritati oppure non sono stati inclusi. Non ti facevo anche un complottista! E poi io non parlo solo di premi nobel. Vatti a vedere quanti scienziati neri ci sono nel mondo.

        “Immagino che in base alle tue idee vista alta percentuale ebrea i mediorientali siano piu’ intelligenti, infatti secondo la tua teoria un africano rimane sempre AFRICANO COME PURE un MEDIO ORIENTALE. Deciditi su quello che vuoi dire perché le tue contraddizioni fanno senso.”
        E’ vero, qui c’e’ un’apparente contraddizione. Io me la spiego con la selezione naturale che gli ebrei Europei hanno dovuto subire nel corso della loro storia millenaria in Europa, fatta di persecuzioni e massacri. Si deve essere selezionata un’intelligenza leggermente superiore alla media, come quella che si otterrebbe anche da soli bianchi o da soli arabi, qualora ci fosse una forte pressione selettiva che premiasse questo particolare tratto. Ma questa e’, lo riconosco, solo una mia teoria. Chissa se qualcun’altro l’ha già proposta.

        “Quando ho parlato di black music che influenza da tempo la musica tiri fuori quella classica e basta , occhi che se ti sposti potresti trovarla! Immagino che tu sia quello che ascolta solo musica classica.”
        Ho tirato fuori la musica classica per dire che il genere umano potrebbe sopravvivere anche senza la musica nera ma invece non potrebbe sopravvivere senza la meccanica quantistica o la teoria della relatività. I neri hanno dato un contributo grandissimo alla musica. Io adoro Jimmy Hendrix, il Soul, il Jazz (che ha influenzato dei grandi come Paolo Conte o il nostro vanto isolano, il trombettista Paolo Fresu. Senza contare altri grandi gruppi come Afrika Bambata e l’indimenticabile Notorious. Dico solo che Mozart, Beethoven, Vivaldi, Palchelbel, Bach, Puccini, Strauss, i Pink Floyd e una miriade di altri grandi della musica fatta da bianchi, sono anche in questo caso meglio. Pero’ sono d’accordo che e’ meglio avere tutti e due i tipi di musica. Io non sono per la scomparsa dei neri, assolutamente. Io amo la biodiversita’. Solo non voglio nemmeno che scompaiano i bianchi, come avverrà se non si ferma la marea di migranti, economici e non, che in numero sempre maggiore tenteranno di arrivare in Europa.

  40. Arpia
    ottobre 13, 2016 alle 4:04 pm

    Un video su come la Francia che oggi urla, contro gli altri sia e sia stata l’orrore in Algeria. Sfortunatamente conosco la storia di questo paese da tanti punti di vista. Credo che la storia ci insegni a capire il presente e se non capiamo il presente vedendo il passato non abbiamo capito nulla.
    Gli Algerini hanno aiutato la Francia in guerra ma quando hanno chiesto l’indipendenza dalle imposizioni coloniali l’orrore si e’ mostrato nella sua interezza.
    Parliamo degli anni ’60 dopo gli anni ’40 che ci fanno tanto pensare, perché una cosa ci fa schifo e un altra no? Puro razzismo, come allora anche oggi.
    Alcuni figli sanno che i propri genitori o avi hanno partecipato in varie atrocita’ nel mondo, credo che alcuni di noi non potranno, mai, togliersi questa indelebile macchia.
    Queste immagini riportano all’Iraq di oggi per esempio, non impariamo mai e credo che non ci vergogniamo mai abbastanza delll’orrore imposto dall’occidente verso altri esseri umani. Tutto per rubare le risorse senza limiti e per ostentare superiorita’ e razzismo che sono nulla di diverso dal nazismo che tanto pensiamo ci faccia schifo.
    Se non pensiamo al senso di essere umani e non al senso del dolore e dell’orrore per motivi propagandistici siamo complici del nazismo che non e’ ne iniziato ne finito con la seconda guerra mondiale.
    Ogni volta che nella mia vita ho avuto occasione di parlare con persone di varie parti del mondo ho espresso la mia vergogna, il mio dolore e orrore e devo dire che le persone che hanno subito le violenze dagli occidentali sono persone molto piu’ nobili e civilizzate di quanto noi possiamo mai pensare.
    Diceva mia madre che rispettare gli altri significa rispettare se stessi, che se umili e insulti gli altri senza motivo insulti e umili te stesso. Mia madre forse veniva da un punto di vista religioso, io no. Ma rispettare gli altri nella loro unicita’ e individualita’ e’ sempre stata per me una cosa naturale, non mi e’ mai costata nessuna fatica e non mi ha mai tolto nulla. Forse per questo che non ho problemi con nessuna etnia, siamo tutti unici. La cosa che odio e’ quando si manca di rispetto a qualsiasi cosa, si aggredisce qualsiasi cosa, permetto la difesa ma l’aggressione gratuita e’ inaccettabile, che si parli di popoli o natura in generale.

    https://duckduckgo.com/?q=algeria+france+colonialism&ia=videos&iai=uTxC_6imqCU

    Alcuni militari us e uk oggi finiscono per strada e persi per aver imposto la loro violenza, credo che occorra riflettere su chi sono le vittime e se vogliamo continuare a essere tutti nazi, perché da centinaia di anni la violenza non si ‘e’ mai fermata e la civilta’ che tanto sbandieriamo non e’ molto civile, anzi.

  41. Arpia
    ottobre 18, 2016 alle 1:21 pm

    Se non conosciamo la cultura Africana o Araba o Black, non significa che non esista.

    Il primo faro venne inventato in Egitto e prende il nome dall’isola Pharos.
    La prima chiave, il primo ospedale, il primo calendario, i sandali, la scrittura, i numeri, i sandali, il trucco, parrucche, estensioni, pettinature, ing. legata alle costruzioni di navi, i colori mischiati e sgargianti, body painting che inizia in Africa, vasellame, il giuramento medico poi copiato dai greci. La prima libreria e la filosofia poi copiata dai greci. Il bowling. Ecc. Ecc.
    Altri es. in questo link, alcuni potrebbero sorprendere.

    http://www.myafricanow.com/ancient-egyptian-inventions/

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 20, 2016 alle 7:34 am

      Il primo faro in Egitto si, ma fatto dai greci che ne avevano preso il dominio, hahaha. Gli antichi egizi inoltre non erano ne bianchi ne neri ma un gruppo a parte.
      Il primo ospedale ancora “inventato dagli antichi egizi, non neri quindi.
      Primo calendario: quello egiziano e sumero, non neri ancora.
      Il primo sandalo non so ma la prima calzatura in America 10 mila anni fa.
      Il trucco ancora antichi egizi ma reinventato altrove molte volte.
      La scrittura i sumeri.
      I numeri inventati in India se consideriamo quello piu importante, ovvero lo zero.
      La filosofia magari fu usata per prima dagli egizi che poi pero’ la lasciarono languire se non fosse stato per i greci, come pure la medicina. E’ per questo che parliamo di filosofi greci e medici greci mentre non ne ricordiamo nessuno africano.
      Il resto, parrucche, pettinature e il body painting, e’ stato inventato indipendentemente in varie parti del globo. L’unico motivo per cui ne facciamo risalire l’origine in Africa e’ perche gli antichi egizi furono una delle prime civilta’ insieme a quella sumerica.
      Quindi tutto sommato, le due cose piu importanti, quali il primo faro, la filosofia come la conosciamo e la apprezziamo oggi sono greche e il numero zero e’ indiano anche se poi la matematica e la geometria diventarono completo dominio dei greci.
      Non continuo perche’ non voglio infierire, hahaha.

  42. Arpia
    ottobre 18, 2016 alle 7:59 pm

    Voglio far notare a Riccardo che Wikipedia non e’ quello che pensa lui, infatti i fatti sono spesso ben diversi, lo hanno notato tutti e lo sanno tutti. C’e’ gente pagata per andare a cambiare fatti per es. E so per certezza che i fatti possono essere totalmente errati e scorretti. Consiglio di prenderla con le pinze e citarla solo se coincide con altri fatti di cui si sa per essersi stati informati che sono corretti e certi.
    Oltre a cio’ le condizioni socio economiche di alcune persone non deve essere attribuito al colore della pelle anche se il razzismo spesso impedisce a delle persone di fiorie, quel razzismo che le persone devono subire sulla propria pelle. Penso che ci siano persone che non hanno la piu’ pallida idea della differenza tra’ una persona che vien dall’Africa e una dai Caraibi o Us. Voglio far notare che nonostante il razzismo sia vissuto da tutti, vi sono differenze tra’ uk e us e tra’ i caraibici e us per es. che hanno vissuto lo schiavismo e popolazioni che non lo hanno mai vissuto sulla propria pelle e la propria famiglia ma fa parte della storia del proprio popolo. Se le persone non hanno manco una infarinatura di base su questi argomenti diventa estremante complesso spiegare le cose, cio’ che si ha come esperienza di vita, di viaggi di culture da anni e quello che si studia e si legge e si impara non si puo’ spiegare a chi non ha la piu’ pallida idea. C’e’ un mio amico sardo , purtroppo per me, razzista che ne spara di tutti i colori ma ha almeno una infarinatura su alcune cose, ma qua mi trovo a parlare con un caos totale e’ come provare a fare una pizza senza farina , ne sugo ne forno!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  43. Arpia
    ottobre 18, 2016 alle 8:40 pm

    Devo ogni volta riandare a rileggere queste fesserie mastodontiche per riportare commenti negati e rinegati. Quando metto i puntini sono parole di Riccardo, non so se e’ un problema di memoria o altro.

    ……..Ma loro si sono limitati a “fuggire” in altri paesi con popolazione europea come il Regno Unito e gli USA quindi si sono integrati subito e bene perché gli ebrei europei sono a tutti gli effetti europei……………………..

    Si sono limitati a fuggire, che al contrario di altri rifugiati? Cos hanno fatto di diverso gli altri rifugiati?
    Sono ben integrati, in che senso alcuni sono molto separati altri non lo sai eprche’ possono apparire arabi, europei africani o altro.

    Gli ebrei europei sono a tutti gli effetti europei, falso.

    Gli Africani invece avendo la pelle scura o chiara perché con il radar si riconosce tutto. Anche se sono in Europa da 600 anni non saranno mai europei! Secondo teorie bizzarre.
    Escludo tutte le fasi migratorie da Africa e medio oriente varie.

    ……………………… A parte che anche questo e’ contro il diritto internazionale, quello che sbandieri tanto te, in quanto i rifugiati dovrebbero fermarsi nel primo paese sicuro e non continuare per andare in quello piu ricco come succede oggi; a parte questo dicevo, la gente come me di non Europei in Europa non ne vuole punto. Finiranno persino per affondare l’Unione Europea se li si continua ad accogliere. Bisogna rispettare la legge che c’e’ e cambiarla prima possibile con una legge che prescriva la deportazione di tutti i non europei dall’Europa in maniera pacifica e legale, prima che le cose precipitino e si giunga alla guerra civile……………………………………………………

    Primo i rifugiati devono fare richiesta di asilo, richiesta nel primo paese d’arrivo.
    Altro punto via i non europei a meno che non siano la moglie Asiatica.
    Poi Europa tutta uguale ora paesi piu’ ricchi e piu’ poveri, non devono stare in Italia ma manco in Uk.
    Vorrei un pound per ogni cavolata che spari.

    Senza contare con la confusione tra’ rifugiati e gente che abita da centinaia di anni in Uk per esempio.

    Hanno ragione i miei amici a dirmi a dirmi che stare dietro a discorsi cosi’ stupidi e insensati e’ solo una perdita di tempo, tempo prezioso.

    Ma senza parlare della confusione tra’ ricchi, poveri chi puo’ studiare chi arriva pieno di soldi ecc. e’ tutto un caos impossibile da seguire, ho fatto degli sforzi enormi ma anche con aiuto da parte di amici la cosa diventa impossibile da capire.

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 20, 2016 alle 7:55 am

      Gli altri rifugiati fuggono dai loro stessi paesi, mentre gli ebrei Europei non erano nel loro paese ma dispersi in tutta europa. Quando finalmente hanno fondato il loro stato e sono stati attaccati in forze da tutti i paesi arabi confinanti e non, non sono scappati piu ma hanno lottato per la loro sopravvivenza vincendo in 6 giorni contro gli aggressori arabi che li superavano in forze e soprattutto numericamente. Ecco la differenza tra ebrei rifugiati e siriaci, afgani, iracheni, somali, congolesi, eritrei, etiopici, libici, ecc, ecc.
      I rifugiati odierni devono fare richiesta di asilo nel primo paese in cui arrivano, e restarci anche pero’, invece che spostarsi attraverso l’Europa invitati da quella traditrice della Merkel, che non ha neanche chiesto il permesso agli altri stati dell’Unione Europea e adesso vorrebbe tanto che i rifugiati che ha accolto lei vengano smistati in altre parti d’Europa. L’Ungheria ha gia’ detto no.
      Via i non europei a meno che non siano stati scelti da europei come ho fatto io per mia moglie che e’ giapponese, visto che quando sono scelti almeno possono stare i migliori e non la marea di gente senza arte ne parte che sta invadendo l’Europa oggi. Considerala una specie di selezione naturale, questa scelta, in quanto le razze non sono immutabili e possono cambiare, ma in meglio, non in peggio, come e’ sempre successo durante la nostra storia evolutiva, adottando gli elementi migliori provenienti da altre tribu’ che poi hanno finito per fare parte della societa’ in cui venivano accolti e integrati nel pieno senso del termine. Come e’ successo per il bisnonno di Boris Johnson che e’ stato sposato da un Inglese.
      I ricchi sono ricchi non perche’ sono fortunati ma perche’ se lo meritano, possibilmente nel bene, ma anche nel male, se coloro sui quali si arricchiscono non hanno abbastanza dignita’ da impedirglielo.

      • Arpia
        ottobre 20, 2016 alle 4:58 pm

        Non era il loro paese era il paese dei palestinesi dato da occidentali infatti se tu noti i religiosi jewish e gli altri jewish english e american sono contro, informati, difficile dare ad altri un paese che e’ di altri sei un po’ confuso, a parte che ti ho gia’ detto che se la madre non e’ jewish non sono jewish tu puoi dire cio’ che vuoi. E avere le tue idee di fantasia e propagandistiche. Vorrei capire se quando parli ti ascolti cosa c’entra non eruopei con black or White, non europeo puo’ essere bianco russo o asiatico, c’e’ gente che non e’ nata in europa ma in Africa ed e’ bianca, insomma vuoi seguire una logica o la logica non si applica a te?
        Ti ripeto una e’ la propaganda dell’express una e’ la realta’ dei fatti.
        A parte il fatto che tanti da Polonia e Germania si sono rifugiati in Africa per es. in Egitto ma non solo, quindi o si segue una logica o zero. Tanti dei rifugiati attuali stanno nei paesi intorno ai loro la maggioranza se magari ti informi prima di dire le cose sarebbe meglio e se seguissi una logica pure.
        Quindi chi ha votato Boris e’ bianco e biondo chi ha votato Khan e scuro e straniero, hahhahaah! Ma sentiti.

      • Arpia
        ottobre 20, 2016 alle 5:24 pm

        Correggo mio post precedente,

        Ma dire che il premio nobel dimostri la superiorita’ di una etnia o colore di pelle rispetto ad un’altra e’ assolutamente ridicolo falso e non ha alcuna base in scienza o realta’ed e’ veramente tra’ il patetico e il ridicolo. E’ raro sentire delle cose cosi’ insensate.

        Quindi tua moglie puo’ stare perche’ scelta da un europeo, quindi sei andato a chiedere in giro a quelli che ci sono se sono o meno sposati con europei.
        E i bianchi europei che sono in Africa sposati con altri europei bianchi?
        I ricchi sono ricchi perché se lo meritano? La ricchezza se segui la storia e’ spesso accumulata con la violenza, corruzione ecc. non sempre ma spesso, immagino che tu ti meriti sia la tua poverta’ che la tua ricchezza visto che tra’ un post e l’altro ti sei infilato in entrambe le categorie.

        Mi interesserebbe sapere come il razzismo avrebbe potuto evitare le due guerre mondiali in particolare la seconda, riassumendo non tirando e mischiando troppe cose, ho poco tempo.

        Insomma la teoria principale di questa cosa.

        Poi mi interessa sapere della lotta tua col denaro che faresti in Italia contro i non europei.

        Una volta visto anagrafe e vari colori di pelle cosa faresti ti metteresti tra’ le coppie come deterrente, useresti violenza per evitare che avessero figli compreresti per la tua campagna anticoncezionali per non fare afre figli per meta’ non europei?
        E poi mi interessa saperlo se lo faresti solo in Italia e perché o se lo fai gia’ in Uk e se lo fai anche li mi interesserebbe sapere come. Devo dire che cavolate di questo genere sono perle e’ talmente raro sentirle che mi interessano i dettagli , concisi e precisi.
        Meno male che il mondo va’ avanti e che la gente se ne frega dei pregiudizi di gente bacata e fa i figli con chi gli pare se no saremmo messi bene.
        Altra cosa quando uno nasce in Uk e’ in automatico europeo che a te piaccia o no, se la cosa non ti piace ancora una volta il problema e’ tuo mentale. Infatti uno puo’ avere origini di vario tipo ma la nascita determina determinate cose, nel mondo Jewish la cosa e’ molto piu’ complessa, inutile stare a ripetere le cose.
        Vedo che come per la storia black conoci bene la storia palestinese senza parlare di quella jewish!
        Ti ricordo o ti dico se non lo sai che gli Arabi sono semites, giusto per non confondere le cose.

        Il razzismo e un tuo problema non so come vivi, bho’ un mistero.

      • Riccardo Pusceddu
        ottobre 21, 2016 alle 2:54 pm

        In Palestina prima che lo stato di Israele si costituisse, la stragrande maggioranza della popolazione era di origine araba. Gli ebrei erano pochissimi. Poi sono cominciati ad arrivare i primi ebrei europei che compravano le terre. Ad un certo punto si sono creati degli attriti che poi sono sfociati in un conflitto aperto. A quel punto gli ebrei europei hanno confiscato le terre ai palestinesi. Perché nel mondo reale e’ questo quello che succede: il più adatto soppianta il meno adatto sia gradualmente con una maggior tasso di sopravvivenza della prole, sia repentinamente con le invasioni e le conquiste. E’ un meccanismo crudele, basato sulla morte dei meno adatti e mi auguro che venga soppiantato da qualche altro meccanismo che il genere umano riuscirà in un spero quanto più vicino futuro, a inventare. Ma fino ad allora vige quello che abbiamo che nonostante il prezzo altissimo da pagare ha comunque portato a tutta la biodiversita’ di questo pianeta e soprattutto alla nostra comparsa su di esso.
        Mi pareva che dopo i fiumi di parole che ho speso per spiegarti cosa intendo per “europei” il concetto ti fosse chiaro. Te lo spiego ancora una volta quindi e stavolta userò la terminologia scientifica che si applica in materia: europee secondo me sono quelle popolazioni appartenenti al gruppo caucasoide che pero’ vivono entro i confini del continente europeo, compresi quelli che hanno una parte della loro popolazione fuori dall’Europa da tempi immemorabili come i russi o a seguito di movimenti migratori come gli statunitensi, i canadesi, gli australiani, i neozelandesi, i sudafricani, gli uruguaiani e la gran parte degli argentini. E forse me ne dimentico qualcuno. Ti e’ chiaro così?
        E finisco col tuo ultimo tentativo di generalizzare tutto: Khan e’ stato votato anche da tantissimi bianchi che non hanno capito il pericolo che rappresenta ma la percentuale dei suoi votanti europei e’ assolutamente inferiore alla percentuale dei suoi votanti non europei. Parli sempre di logica ma tu non riesci a vedere la differenza statistica di chi ha votato Khan e di chi ha votato per l’altro candidato bianco.

  44. Arpia
    ottobre 19, 2016 alle 1:12 am

    La maggior parte dei Londinesi non sono europei!!!!!!!!!!!!!!
    E di dove sono secondo te? Americani, delle Polinesia?
    Di sicuoro oltre ai muslims, lo hanno votato pure, cristiani, atei ecc. ecc.
    Piu’ leggo e piu’ penso che ci sia molta confusione. Credo che si confonda, britsih born, con whites che possono essere non british born o non europei.
    Un esempio l’ex sindaco Boris J. e’ biondo , nato negli us, quindi un non europeo di nascita di famiglia jewish con avo turco, ora vorrei sapere in che cavolo di categoria vogliamo metterlo.

    Voglio far capire che in Uk i mix sono talmente tanti che e’ stupido dire questo e quello, non se ne esce piu’. Come fa uno a sapere e a cercare tutte le origini? A volte impossibile e una cosa puo’ dare una impressione che non e’.

    E’ di tre anni fa ma rende l’idea sul discorso confuso che si fa’.

    Un es.

    http://www.newstatesman.com/staggers/2013/02/truth-about-londons-white-flight

    Credo che questo articolo spieghi un po’ per chi e’ confuso.

    Khan e’ muslim quello era il mio punto che sia di origini del Pakistan puo’ essere rilevante o irrilevante rispetto al mio discorso sui muslims in Uk.

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 20, 2016 alle 6:48 am

      Qualche mese fa’ ho letto un articolo dove si diceva che per la prima volta nella storia, il numero di non Europei residenti in Londra aveva superato quello degli Europei.
      Questo dato sembra confermato dai risultati del censimento del 2011, quando si era quasi già arrivati alla parità tra bianchi e non bianchi. (59% di bianchi, composto pero da un 12% di bianchi provenienti da altre parti del mondo e soprattutto da paesi dell’Unione Europea). Quindi e’ abbastanza credibile che dopo 5 anni il numero dei non bianchi sia salito abbastanza da superare il 50% anche se di poco. Ecco un link sui dati del censimento 2011:
      https://en.wikipedia.org/wiki/Ethnic_groups_in_London
      Sempre secondo i dati del censimento 2011, la percentuale di mixed races (e non solo bianchi con altri) e’ solo il 5%, un chiaro segno che i bianchi non si stanno mischiando con gli altri. Stanno solo sparendo. A te questo non importa. A me si perché rappresenta un grave squilibrio nel meccanismo della selezione naturale, che, pur nella sua crudeltà, ha reso possibile la comparsa della nostra stessa specie come di tutte le altre che si sono susseguite in questo pianeta. Uno squilibrio che secondo me verra’ ribilanciato col sangue e con la violenza.

      Per quanto riguarda Boris Johnson, con un solo misero 12,5% di sangue turco, (che tra l’altro e’ già di per se bianco e nemmeno arabo), quindi molto meno della percentuale di sangue mediorientale degli stessi ebrei europei, ovviamente va classificato come bianco.
      Si può certamente risalire alle origini di una persona, in termini etnici. Non e’ come dici te che non si possa. A meno che tu non voglia asserire che i risultati dei censimenti siano completamente fasulli.

      • Arpia
        ottobre 20, 2016 alle 6:42 pm

        Scusa in mezzo a tutto questo caos che fai i tuoi figli se sono nati in London sono per meta’ non bianchi, perché se tu ti consideri bianco, anche se li ce né da dire, perché come ho gia’ detto la storia di purezza bianca e’ ridicola in particolare da un sardo un po’ turco e un po’ arabo, comunque i tuoi figli rientrano nella percentuale non bianca perché sono per meta’ asiatici.
        Smettila di inventarti storie , in base ad un articolo letto, teorie inventate e dati inventati e links a dir poco vaghi di Wikipedia.

        Se riesci a dire cose corrette e con basi serie bene se no veramente la cosa scivola nel pessimo gusto ancor piu’ di come quando e’ iniziata.

        Vuoi convincere me delle tue insensate teorie razziste e della tua delusion di misti etnici in Uk che a te e solo a te e ai razzisti come te non vanno bene, a me che ci siano 60% che si qualificano come bianchi o 60% che si qualificano come mix race, che puo’ essere White and balck asian and White asian and black e mille altre cose non me ne importa un bel nulla , le paure sono le tue queste non rientrano tra’ le mie paure, fattene una ragione, a me la multiculturalita’ e’ sempre piaciuta non mi ha mai fatto paura ed e’ una ricchezza.

        Il punto qua e’ che non c’e’ logica nei tuoi ragionamenti.
        Prima sono i rifugiati, poi i migranti, poi chi ci abita da anni anche centinaia di anni da deportare poi sono europei da salvaguardare solo se bianchi e la razza, secondo te pura bianca, poi possono stare se scelti da un europeo ma bianco.

        Senza poi contare il caos delle religioni dove i muslims sono a tuo vedere un pericolo altra tua fantasia, pure li confondi tra’ mercenari di un paio di paesi con chi segue la religione.

        Posso dire con certezza che non conosci nessuno dei gruppi o delle cose di cui parli, spero che ti facciano tornare in Sardegna, perché non meriti la multiculturalita’ in Uk e in London non te la meriti proprio, poi con tutte le fobie che hai e’ meglio anche per la tua salute.

        Ma non hai altro da fare che sparare queste cose?!

      • Riccardo Pusceddu
        ottobre 21, 2016 alle 4:30 pm

        Ma perché dobbiamo discutere anche su ciò in cui siamo d’accordo? T’ho già detto che la purezza razziale e’ un mito ma tra questo e dire che tutte le razze sono uguali perché sono tutte mischiate ci passa il mare. Un po’ come l’esempio che hai portato di Boris Johnson che secondo te era difficile da classificare perché ha il 12,5% di sangue turco: come se il 12,5% sia uguale al restante 87,5%!
        Fai sempre di tutta l’erba un fascio. Appiattisci e semplifichi tutto per dimostrare che il tuo pensiero sia corretto.
        I miei figli non rientrano nella percentuale non bianca e neppure in quella bianca perché sono italo-giapponesi. Pero in quanto mezzo bianchi hanno tutto il diritto a vivere qui perché sono stato io a scegliere la loro madre. E’ giusto che le razze si mischino ma solo con gli elementi migliori o considerati più adatti dai membri delle varie razze. E’ sempre successo. Fa parte dell’evoluzione umana. Tutt’altra cosa invece e’ quanto una razza aumenta numericamente non perché e’ adatta all’ambiente ma perché un’altra razza li aiuta indiscriminatamente con vaccini e tecnologia varia, fino a quando la razza meno adatta si diffonde anche nel territorio della razza più adatta fino a soppiantarla. Questo e’ esattamente il contrario di come funziona la selezione naturale che, che ci piaccia o no, ha portato alla nostra comparsa sulla terra. I geni lo sanno bene e per questo hanno inventato il razzismo che e’ un’istinto che mira proprio a riequilibrare queste situazioni per così dire anomale. Anche la guerra e’ un meccanismo simile. Io sono un pacifista pero’ quindi non mi piace che si arrivi al confronto fisico. E’ per questo che preferisco il razzismo, qualora espresso pacificamente come faccio io, alla guerra e agli stermini. Naturalmente il razzismo funziona soprattutto con le razze più adatte.
        Wikipedia non e’ perfetta ma e’ molto meglio dei link che alleghi te.
        Io non voglio convincere nessuno che non voglia essere convinto. Anzi, spero sempre che qualcuno porti argomenti validi per confutare le mie teorie. Sono io che voglio essere convinto ma con argomenti validi, scientifici e non semplicistici come i tuoi.
        Trova qualcosa di scientifico e cambio volentieri idea anche se bisogna dire che c’e’ sempre spazio per interpretazioni in qualsiasi teoria scientifica complessa come quelle che si occupano di dinamiche sociali quali sono il razzismo e l’antirazzismo.
        Fino ad allora io continuerò ad aver paura delle società multietniche o almeno di quelle che si vanno consolidando oggi in Europa e ovunque gli Europei si sono stabiliti. Non le considero affatto una ricchezza, anzi! Per me la ricchezza sta nella loro esistenza separate l’una dall’altra, magari con commistioni minime, altrimenti non avremo cose come il Jazz o la musica soul o Notorious.
        La logica nei miei ragionamenti c’e’. Sei tu che non la vuoi trovare o perché non c’arrivi a causa delle tue carenze cognitive oppure perché non ci vuoi arrivare, oppure per tutt’e due le cose.
        E chi se la vuole meritare la multiculturalita di Londra se il prezzo da pagare e’ l’estinzione di noi europei? Non ci penso nemmeno di tornare in Sardegna. C’e’ più da fare qui. Mai come ora il razzismo sta uscendo allo scoperto ma purtroppo e’ del tipo violento quindi voglio cercare di mitigare le posizioni.
        E poi non e’ che sto sempre a pensare alla nostra razza. C’ho moltissime altre cose da fare, con tre bambini e un lavoro che mi assorbe quasi completamente. Questi commenti li scrivo nel mio tempo libero anche se devo ammettere che a volte mi rubano tempo per fare altre cose. Ma fa tutto parte della ricerca della verità: confermare le proprie teorie oppure cambiarle quindi per me non e’ tempo sprecato, anzi!
        Un saluto

  45. Arpia
    ottobre 19, 2016 alle 8:28 pm

    Ho scritto velocemente ma ne avevo parlato gia’ prima i rifugiati devono fare richiesta di asilo nel primo paese di arrivo, sicuro.
    Certo che non come dice Eu in Turchia. Che sta’ invadendo la Siria e ammazzando gente. documentato da Amnesty int. altre ass. umanitarie ecc. Ma non solo.

    Qua un altro punto di cui parlavo nel precedente post.

    L’ex sindaco Boris Johnson tanto biondo e’ nato in us di Bisnonno Turco muslim, di cui tanti non sanno ne parlano.
    Hanno semplicemente cambiato il cognome da Kemal a Johnson, se no si chiamerebbe Boris Kemal, nipote di Osman Kemal e pronipote di Ali Kemal.

    Il sindaco Sadiq Khan di genitori del Pakistan e muslim e’ nato a Totting, South London.

    Quello che cambia sono la percezione e la propaganda. Come al solito.

    Metto un link su Boris J. in caso si pensi che mi inventi le cose. A volte propaganda trita e ritrita e’ molto diversa dalla realta’.

    Ennesima prova che la gente puo’ avere un aspetto ed essere altro e che in Uk i mix religiosi e etnici sono molto vari e complessi.

    A me di Boris Johnson interessa che politicamente fa’ pena ha di buono che e’ un ottimo comico.
    Sadiq Khan vediamo come si comportera’ indipendentemente dalla religione era con Gordon Brown ed e’ contro l’attuale leader Labour, questa cosa non mi piace affatto, ma il fatto che sia muslim non ha nulla a che fare con questo.
    Le persone devono essere giudicate in base a cio’ che fanno e non in base a etnia, religione, sesso o orientamento sessuale ecc.ecc.

    http://www.bbc.co.uk/whodoyouthinkyouare/new-stories/boris-johnson/how-we-did-it_1.shtml

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 20, 2016 alle 2:48 am

      Come al solito fai di tutta l’erba un fascio e paragoni Boris Johnson che ha solo il 12,5% di sangue Turco con un qualsiasi altro mix con percentuali piu elevate. C’e’ un immensa differenza tra il 12,5% e lo 87.5%! Se fosse cosi ti assicuro che Boris Johnson avrebbe tutto un’altro aspetto.
      Khan sara’ anche nato in Inghilterra ma non e’ Europeo. E’ 100% pachistano.
      Adesso fa tutto il corretto e lotta per la parita’ di diritti per i mussulmani perche’ ancora non sono la maggioranza. Aspetta che lo siano e poi vedrai come il tono si fara’ piu arrogante.
      Ora fa l’antirazzista ma solo perche’ non puo’ fare il razzista. Siamo noi i fessi che ci facciamo abbindolare da queste favole su quanto l’antirazzismo sia male. I mussulmani no.

      • Arpia
        ottobre 20, 2016 alle 5:43 pm

        Il mio non e’ un punto di vista religioso, ma se tu hai problemi pure religiosi oltre che di etnie e colori di pelle ti faccio notare che mentre i muslims accettano la religione cristiana e accettano Jesus come messia i Jewish non lo accettano ne riconoscono.

        Se la tua e’ una paura religiosa vediti i fatti.

        Non penso che il fatto che Khan sia muslim o Boris che ne spari di tutti i colori su quale religione segua non siano il problema, per nulla.

        I muslims fanno parte della storia e del tessuto europeo da tempo senza che tu te ne sia reso conto, ma credo che tu faccia troppa confusione su molti temi.

        Cosa temi che Khan ti possa costringere a fare? Conosco una marea di muslims di vari paesi e mai nessuno mi ha proposto ne di seguire la religion ne di convertirmi , se vuoi avere paura dell’uomo nero, arabo e muslim il problema e’ tuo e di chi ha certe bizzarre fisse.
        Purtroppo quando non si conosce la fantasia galoppa wild.
        Se i muslims sono per es. Irlandesi bianchi e nati in europa spero ti vadano bene.
        Tipo questo ti va’ bene? A proper White european brother, ma muslim!

        https://duckduckgo.com/?q=police+arrassing+muslim+brother&ia=videos&iai=ZQMxjELHY-A

      • Riccardo Pusceddu
        ottobre 21, 2016 alle 2:16 pm

        Sinceramente a me non importa niente della religione visto che sono ateo. Secondo me pero’ la religione e’ un modo che i nostri geni hanno inventato per capire chi e’ uguale ad essi geneticamente visto che la vista inganna a volte (quasi mai pero secondo me). Quindi la mia non e’ una paura religiosa ma genetica per cosi dire. Adesso mi verrai anche a dire che i mussulmani fanno parte del tessuto europeo al pari degli altri (cattolici, ortodossi e protestanti vari). Sei cosi cieco nel voler dimostrare le tue tesi che non vedi la differenza tra un milioncino di mussulmani albanesi e serbi e le centinaia di milioni appartenenti alle varie confessioni cristiane.
        Adesso nessuno non europeo costringe a fare niente ma aspetta che si verifichi una crisi e finiremo come in Kossovo. Anche li gli albanesi se ne stavano buoni fino a quando la ex Yugoslavia non si e’ dissolta.
        Un europeo bianco che si converta all’islamismo mi sta benissimo purche’ non appoggi in caso di crisi i mussulmani di origine non europea.

  46. Arpia
    ottobre 20, 2016 alle 4:26 pm

    Mi piace ricordare che Jean-Paul Sartre fu tra’ quelli che rifiuto’ il premio nobel, come lui anche altri, lo stesso accade da parte di vari intellettuali in Uk che rifiutano titoli e premi ufficiali e dove gente poi rivelatasi poco pulita abbia ricevuto una serie di premi e titoli.

    Forse non si nota il fatto che esclude non solo alcuni paesi e etnie ma che discrimina anche contro le donne. Ci sono vari premi di pace che per esempio sono stati dati a gente che di pace non ha nulla anzi il contrario. C’e’ una lunga serie di fatti e fattacci legati al premio per chi li volesse ricercare non ho tempo per allegare tutti gli articoli o ricercarli.

    Ma dire che il premio nobel dimostri la superiorita’ di una etnia o colore di pelle rispetto ad un’altra e che e’ assolutamente ridicolo falso e non ha alcuna base in scienza o realta’ e’ veramente tra’ il patetico e il ridicolo. E’ raro sentire delle cose cosi’ insensate.

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 21, 2016 alle 2:02 pm

      Invece dire che il premio Nobel non conta niente solo per via delle polemiche su quelli assegnati per la pace, quella e’ una cosa che ha senso? Allora ti do un compito facile facile: quanti sono gli scienziati neri che hanno scoperto o contribuito a qualcosa? Fammi una lista e io ti faccio la lista degli Europei.
      Non ti piace il premio Nobel per quantificare l’intelligenza? Presumo che anche gli studi sul quoziente d’intelligenza siano tutto un complotto secondo te.

  47. Carlo Forte
    ottobre 20, 2016 alle 7:23 pm

    Che Arpia……….un saluto

  48. Arpia
    ottobre 22, 2016 alle 3:48 pm

    Giusto per aggiornare un po’ le cose.

    Referendum in Ungheria su quote EU, invalido.

    https://www.theguardian.com/world/2016/oct/02/hungarian-vote-on-refugees-will-not-take-place-suggest-first-poll-results

    Mi pare di ricordare che l’Ungheria fosse povera e disperata.
    Che gli Ungheresi fossero emigranti, ma forse ricordo male. Forse loro hanno perso la memoria come la perdono alcuni Italiani!
    Poi non penso che ci sia la fila di gente che spera di andare ad abitare in Ungheria!
    La gente sarebbe solo di passaggio e andrebbe nei paesi dove ci sono i servizi adeguati e spesso persone delle proprie famiglie ecc.

    I Jewish sono da sempre in giro per il mondo e durante le guerre sono andati ovunque nel mondo a cercare rifugio, ma non solo c’e’ chi non li ha accolti e cacciati. Ricordare e rivedere un po’ di dati e fatti storici non fa’ mai male.

    Oltre a persone intelligenti che rifiutano il nobel e altri premi, alcuni paesi non sono interessati alla cosa.

    https://www.theguardian.com/world/2010/dec/07/china-nobel-peace-prize-clowns

    Per avere un’infarinatura sul tema prendo Wikipedia, la prendo per pura pigrizia! Non tutti i dettagli potrebbero essere corretti o aggiornati, ma e’ da prendere semplicemente come spunto per capire cosa siano regole eu e informarsi meglio da altre fonti.

    https://en.wikipedia.org/wiki/Dublin_Regulation

    Un articolo di gennaio 2016
    https://sputniknews.com/europe/201601231033604885-eu-dublin-end/

    Qualche invenzione Africana in piu’

    http://www.ancient-egypt-online.com/ancient-egypt-technology.html

    Un documentario intero in lingua francese sulla rivoluzione per la liberazione in Algeria.
    Nel documentario che racchiude immagini violente, non adatte a tutti, racconta la storia politica del colonialismo FR in Algeria. Petrolio, uranio e altre risorse oltre alla conquista del territorio. Metodi repressivi e violenti vari, tra cui l’uso della vietata, da leggi internazionali, Napalm. Ma nel nome della fraternita’ questi sono i gesti fraterni!
    Oltre a quello del primo esperimento nucleare nel deserto del Sahara Algeria nel Febbraio 1960. Zona Reggane.
    Liberté, égalité, fraternité! Non proprio!

    https://duckduckgo.com/?q=The+Algerian+revolution+documentary&ia=videos&iai=5rf0POAyw9Q

    E giusto per esprimere nuovamente la mia opinione che non e’ solo mia, i rifugiati sono persone vulnerabili che hanno in base a leggi internazionali il diritto di essere accolte e accomodate nel miglior modo possibile. Gli atteggiamenti di tipo razzista sono da condannare e ogni tipo di discriminazione e’ da condannare come provvedimenti che mettono in pericolo la vita dei rifugiati. Le persone non devono essere detenute, come previsto. Non solo esistono le leggi internazionali ma e’ un dovere morale di tutti prendersi la responsabilita’ di cittadini in condizioni di disagio e pericolo, in particolar modo quando queste situazioni sono create per motivi di profitto dal mondo occidentale insieme ai loro amici.

    Anche Edward Snowden , nsa whistleblower e’ rifugiato come lo e’ pure Julian Assange.
    Pochi mostri e tanti esseri umani.

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 23, 2016 alle 3:38 am

      Referendum in Ungheria contro quote EU invalido per mancato quorum (44% invece del 50% + 1 richiesto per legge) ma oltre il 98% ha votato contro i rifugiati, che sarebbero dovuti essere solo 1.294! La mia lettura e’ che quelli che non hanno votato lo hanno fatto sia per disinteresse, sia per paura di un’escalation dell’estrema destra e di Orban.
      Ci sono emigrati ed emigrati ed un emigrato ungherese non e’ assolutamente la stessa cosa di un emigrato afgano o dello Sri Lanka o somalo o di qualunque altro posto che non sia in Europa o abitato da Europei.
      Gli ungheresi semplicemente vogliono restare ungheresi o almeno europei e non vogliono rifugiati punto, neanche se questi siano solo di passaggio.
      Ancora una volta gli Ebrei, almeno quelli europei, sono un popolo di gente stupenda e intelligente, basta vedere cosa sono riusciti a fare in Israele e ovunque nel mondo si siano spostati, perché hanno geni europei per più della meta’ considerando soprattutto quelli derivati da parte femminile e l’altra meta’ pur essendo mediorientale, e’ del miglior tipo visto che hanno dovuto sopravvivere all’ostilità che incontravano nei paesi ospitanti per millenni. Ma questa e’ una mia teoria.
      I cinesi non sono interessati ai premi Nobel ma costituiscono una grandissima parte del mondo accademico in campo scientifico. Uno dei 2 primi reattori a fusione nucleare e’ di fabbricazione cinese (l’altro e’ tedesco). I neri, gli arabi, gli indiani e i pachistani invece il premio Nobel lo riconoscono – solo non riescono a vincerne in una proporzione neanche minimamente vicina a quella che le loro rispettive popolazioni occupano sul totale globale. Che differenza con gli europei, i giapponesi e soprattutto gli ebrei!
      Gli antichi egizi non hanno inventato quasi niente di veramente importante, come ho spiegato in un mio commento precedente, a meno che non si voglia dire che un po di medicina lo sia e pure queste sono state poi portate avanti non da costoro ma dai greci che erano europei. Inoltre gli antichi egizi non erano bianchi ma neppure neri.
      La guerra d’indipendenza algerina e’ stata il giusto prezzo che gli algerini hanno dovuto pagare per essersi fatti invadere dalla Francia. Così come e’ stato il giusto prezzo le varie battaglie tra mori e re cattolici nell’Europa medioevale e susseguente, che si sono concluse con la cacciata di questi primi dalla Spagna e dai Balcani.
      Purtroppo le leggi internazionali come la dichiarazione dei diritti umani dell’ONU e quella dell’Unione Europea stabiliscono che i rifugiati politici abbiano diritto all’asilo ma non dicono credo nulla se questo asilo debba essere esteso ad infinitum. E se anche fosse, e’ un mio diritto sacrosanto, mio e di moltissimi altri che la pensano come me, quello di criticarle e di considerarle contro la natura umana e le leggi molto più potenti della selezione naturale che hanno governato, e ancora governano, l’evoluzione del genere umano. Leggi queste, invariabili e insostituibili, al contrario di quelle fatte ad hoc da qualsiasi organizzazione in un determinato periodo storico.
      Il dovere morale di prendersi cura di chi si trova in situazione di disagio e/o di pericolo ce l’ho solo se codeste persone se lo meritano. Un nero che fa 6 figli e poi si lamenta che non ha abbastanza da mangiare per i propri figli non se lo merita. Così come un siriaco che continua a far figli nella città in cui vive, occupata dall’ISIS o che scappa di fronte ai soldati di Hassan.
      Mi dispiace solo per i bambini, che dovrebbero essere protetti ma non incondizionatamente. Magari chiedendo ai genitori di non generarne degli altri oppure riportandoli nei loro paesi di provenienza a guerra finita.
      E se una guerra viene provocata e alimentata da noi occidentali, allora peggio per loro che si fanno mettere i piedi in testa o che si dividono fra loro e poi le varie fazioni chiedono aiuto agli occidentali. La guerra se la meritano, come e’ successo in Italia nel Risorgimento solo che noi italiani c’avevamo le palle e ne siamo usciti fuori, anziche’ piangerci addosso e aspettare che gli altri provassero il dovere morale di aiutarci. Abbiamo perso Nizza e la Savoia per pagare l’aiuto che ci serviva.
      Per il resto non me ne frega niente sinceramente, quando la posta in gioco e’ la nostra stessa sopravvivenza come gruppo etnico. Quando e’ troppo e’ troppo. Basta rifugiati, basta immigrati e quelli che ci sono già, tutti a casa, con le buone possibilmente oppure con le cattive se ce ne fosse bisogno.

      • Arpia
        ottobre 23, 2016 alle 6:29 pm

        Primo non tutti i miei posts o commenti sono rivolti a te, secondo credo che tu faccia meglio a smetterla di girarti frittate e inventarti teorie, puoi dire che sono tue opinioni personali ma non teorie! Penso che tu sia un po’ confuso su quello che vogliono un po’ di razzisti ignoranti come te, che non hai la piu’ pallida idea di cosa parli, io non devo passare il tempo ad educare a te educati bene e poi vai a dire chi e’ convertito a una religione e chi e’ il popolo etnico e religioso originale, perché sei come su tutti gli argomenti parecchio confuso. Quando la gente ha enormi lacune e si notano in ogni tuo commento in piu’ e’ razzista le spara grosse a dir poco, non capisci cosa sia eurocentrismo, origini razzismo cosa sia black cosa sia africa medio oriente e asia.

        Fai una confusione e dici cose che non stanno ne in cielo ne in terra.
        Ti servono piu’ di un articolo razzista e un documentario scadente per capire le cose.

        Primo mi sembri limitato culturalmente, intellettualmente e che tu conosca quasi nulla o nulla delle cose di cui parli, non so a chi vuoi considerarti superiore col tuo livello che come ti ho gia’ detto e’ molto low! Ti sei lamentato del mio livello in campo antropologico, ci sarebbe da sapere quanto hai studiato di antropologia e quante righe sull’antropologia hai letto. Un consiglio quando vuoi avere delle discussioni logiche informati bene perché a sparare c…… e senza senso siamo buoni tutti.
        Vorrei concludere con una mia teoria!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
        Una mia teoria, nonno aveva deciso di rifiutarsi di uscire con Cenerentola a nulla e’ servito correre con la scarpetta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
        Ogni tanto quando la logica non e’ logica occorre spararle grosse!

      • Riccardo Pusceddu
        ottobre 24, 2016 alle 1:06 am

        Io ho detto che alcune mie teorie sono interpretazioni personali di teorie altrui ormai convalidate come quella dell’Evoluzione per selezione naturale di Darwin.
        Per esempio non ho alcuna prova del fatto che il 50% di geni mediorientali degli Ebrei Europei abbiano seguito una selezione che ha promosso quelli più, per così dire, intelligenti, oppure quelli che davano un’apparenza più europea agli ebrei che li possedevano. Si tratta solo di mie deduzioni personali basate sull’osservazione diretta di tali ebrei (sono quasi identici alle popolazioni locali nelle quali si sono evoluti) e del loro successo in campo scientifico ed economico.
        Sul fatto che continui con questo giradischi che sono confuso e ignorante, non e’ che sei un po’ a corto di argomenti? Non e’ che ripetere a iosa che io sono ignorante e confuso lo faccia diventare vero, non credi?
        E non sei molto meglio a raccontare teorie quindi ti suggerisco di lasciar perdere oppure di fare il serio se ti riesce e di farti venire qualche idea originale invece che mugugnare su quanto siamo cattivi noi occidentali e propagandare l’amore universale e l’uguaglianza. Ti ricordo che lo puoi fare proprio perché vivi in una società occidentale che e’ privilegiata dalla sua superiorità tecnologica e sociale grazie alla quale tu poi pontificare.

  49. Arpia
    ottobre 23, 2016 alle 12:21 am

    Volevo cercare di fare vedere per chi non consoscesse cosa vuole dire, black and british,
    di cui si e’ parlato in questi posts, che sia caraibi o africa, cechero’ d mettere un po’ di video.
    Queste sono persone con genitori emigrati in Uk o loro emigrati alcuni nati, insomma ci siamo capiti, quelli che alcuni vedono come orrendi mostri criminali o da deportare.

    https://duckduckgo.com/?q=black+british&ia=videos&iai=T5Yk14TRX3s

    Nigerian woman
    https://duckduckgo.com/?q=opec+++nigerian&ia=videos&iai=l5tO2gcC9io

    Black british e con nigerian genitori
    https://duckduckgo.com/?q=black+british&ia=videos&iai=T5Yk14TRX3s

    British nigerian
    https://duckduckgo.com/?q=british+nigerians&ia=videos&iai=VWTiMo1smUg

    https://duckduckgo.com/?q=black+british&ia=videos&iai=JtjbycNVVNo

    https://duckduckgo.com/?q=british+nigerians&ia=videos&iai=RAwSBkkMJfA

    British black and mandarin
    https://duckduckgo.com/?q=black+british&ia=videos&iai=QVIxh6lmM6g

    https://duckduckgo.com/?q=black+british&ia=videos&iai=3WMmutJyuL8

    https://duckduckgo.com/?q=black+british&ia=videos&iai=ngeA7vLTZ4k

    Nigerian president
    https://duckduckgo.com/?q=british+nigerians&ia=videos&iai=Ur7S3FX5kmU

    Uno dei piu’ grandi carnevali Notthing Hill caraibico uno dei piu’ importanti black festival in Uk. La storia.

    https://duckduckgo.com/?q=origins+of+notting+hill+carnival&ia=videos&iai=ASjEDi4ot2w

    Non metto altre immagini in caso chi non fosse abituate alle danze caraibiche avesse qualche problema.

    Queste sono le persone che alcuni disprezzano! Mha! Che dire.

  50. Arpia
    ottobre 24, 2016 alle 2:10 am

    Voglio ricordare che Sadiq Khan London mayor e’ MP member of parliament dal 2005, ora non e’ che si e’ trasformato in un mostro a dieci teste solo perché diventato sindaco!
    Fra’ l’altro ha votato in supporto dei matrimoni gay e si occupa di diritti umani, human rights lawyer, insomma, questo vizio di vedere le persone come chissa’ che mostri fa’ solo ridere o piangere, devo decidere.

    La guerra nella ex Yugoslavia mi pare di aver postato un video se uno capisce che era fatta dai soliti manipolatori bene se no pazienza.
    Se si vuole veramente capire cosa accade ed e’ accaduto nel mondo bisogna, togliere la propaganda ricercare attentamente i fatti da fonti sul campo e possibilmente fatta da giornalisti o esperti indipendenti, spesso la direzione non e’ quella dove ci viene detto di guardare. La politica non e’ ne democratica ne la fonte della verita’ se non in casi sempre piu’ rari. La macchina degli interessi ha tritato, mangiato e sputato la democrazia da un bel po’, lasciando ai cittadini la sola parola con l’illusione che sia reale!

    Non c’e’ nessuna base scientifica che dica che le persone sono intelligenti in base al colore della pelle.

    Ci sono Nobel dati per motivi scientifici falsi a vari personaggi non solo pace e letteratura!

    Mi viene in mente per es. quello dato per la lobotomia, niente male come terapia!
    E’ veramente da premio, meriterebbe 3 premi nobel, uno all’ideatore, uno a chi lo ha raccomandato e uno a chi lo ha dato!
    Ma ce ne sono una marea ridicoli.
    Come quelli dati dai reali in Uk a vari criminali.

    Poi cosa significa intelligenza? E’ intelligente l’uomo bianco occidentale che commette genocidi di milioni di persone non stop e distrugge l’ambiente e crea guerre e ruba risorse? O un indigeno amazzonico o aborigeno o polinesiano che vive in armonia con l’ambiente?

    Io, lo straripetero’ non stop, ho avuto la piu’ grande fortuna e il piu’ grande dono che auguro a tutti di frequentare per vari motivi gente di tutte le sfumature, dal Nepal, alla Palestina al Madagascar passando per i caraibi ecc ecc. Posso dire che gli esseri umani sono esseri umani, l’umanita’ se vivesse in armonia e rispetto avrebbe tanto da offrirsi e scambiarsi. Se solo i politici e le propagande varie la smettessero di puntare il dito e avvicinassero la gente facendo conoscere le culture dei popoli e dessero il giusto messaggio in particolare ai giovani invece di volerli rendere stupidi, ignoranti, insicuri e timorosi.

    Se si mettono due persone nello stesso ambiente a studiare nello stesso settore e’ possibile che vadano nella stessa direzione.
    Si possono fare i paragoni negli stessi tipi di ambiente con le stesse opportunita’.
    Se in america per es. era vietato agli schiavi di sapere la loro originale identita’, di leggere di votare di studiare e di avere opportunita’ di qualsiasi tipo accompagnata da segregazione e violenza come si puo’ pensare che le persone si siano potute inserire in un tipo di societa’ violenta e con questa storia? Appena hanno fatto i movimenti sociali sono stati ammazzati o messi in prigione in massa.

    Se si riesce a capire la storia e la realta’ bene, se no siamo tabula rasa.

    Se si prendono Obama , Mandela e Bush credo che si capisca che alcune teoria non si possono applicare. non e’ il colore ma le opportunita’ e alcuni pur avendo opportunita’ e tutti i privilegi rimangono ignorantissimi e intellettualmente limitati. Credo che a volte sfuggano le masse di occidentali bianchi ignorantissimi che si trovano spesso tra’ quegli ultra ricchi e privilegiatissimi.

    Carlo Forte, scusa non avevo visto i saluti. Li ricambio in ritardo.

    Bisogna tirare fuori gli artigli quando si sentono certe cose e in particolare quando si sentono disprezzati esseri umani che hanno una storia di sofferenza e che subiscono trattamenti disumani che durano da sempre, durati fin troppo. Se ci si vuole sentire civili e si vogliono ancora portare avanti odio e ignoranza non ci sto’ proprio.

    La gente ha sofferto violenze di tutti i tipi di cui sappiamo ancora poco, gente bruciata in piazza con pubblico, gente impiccata, violentata, mutilata in tutti i modi, gente su cui si sono fatti esperimenti di tutti i tipi, tenuta in zoo umani sino agli anni ’60, cadaveri esposti in musei invece che sepolti.
    Infatti ci sono cadaveri trovati di recente ancora esposti in musei europei!
    Gente schiavizzata e abusata e ammazzata per il colore della pelle ancora oggi e si dice che siano le persone scure di pelle a essere cattive, ma quando la finiremo di dire queste scemenze e inizieremo a vedere chi sono i veri mostri.

    Per quanto tempo ancora si vuole negare l’evidenza e la storia?

    Chi ha lo stomaco per farlo si vada a cercare la storia dei black americans per es.
    In us dove gia’ iniziando dall’inno nazionale vi sono parole razziste!
    Con tutto quello subito, da pelle utilizzata per fare scarpe, si pelle umana e capi di abbigliamento ai linciaggi e violenze di tutti i tipi.
    Gente di gruppi ecologisti e pacifisti in anni recenti bruciata viva, insomma solo in america c’e’ da farsi venire il volta stomaco.
    Ma poi anche le sofferenze attuale con vere esecuzioni, discriminazioni continue, esclusione sociale, imprigionamento di massa, schiavizzazione in prigione, sfruttamento e ghettizzazione.

    Ci sono invenzioni fatte da african american e non solo di cui si sa poco e a volte le invenzioni venivano rubate o comprate per poco, chi ha piu’ soldi e potere vince.

    Spesso quelli che oggi sono famosi e ricchi lo sono per es. per invenzioni o idee che hanno rubato ad altri , non e’ una novita’.

    Trovo strano che si parli del nobel per far notare la superiorita’ di un colore di pelle se cosi’ fosse e lo si volesse prendere come esempio non ci sarebbe neanche una persona che non fosse europea bianca!

    Se i sadici criminali e i loro ammiratori devono essere la gente elevata a Dei nella societa’ bianca occidentale per le loro imprese passate e presenti e la loro essere considerata superiorita’ e elevata civilta’, siamo veramente a dei livelli di follia pura.

    Se ci fosse rispetto per gli altri invece che distruzione e odio forse non saremmo a questo punto di declino e non solo.

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 25, 2016 alle 3:55 am

      “Poi cosa significa intelligenza? E’ intelligente l’uomo bianco occidentale che commette genocidi di milioni di persone non stop e distrugge l’ambiente e crea guerre e ruba risorse? O un indigeno amazzonico o aborigeno o polinesiano che vive in armonia con l’ambiente?”
      Secondo me i bianchi sono vittime della loro stessa intelligenza quando distruggono l’ambiente ma credo che non ci sia alcun dubbio che gli altri fanno anche peggio quando possono. Inoltre se restassimo ai livelli degli indios o degli aborigeni o anche dei neri saremmo spacciati quando il sole si trasformera’ in gigante rossa. E magari anche molto prima, magari a seguito di una qualche catastrofe ambientale o biologica. La vita in questo universo e’ destinata a estinguersi e l’unica speranza che cio’ non avvenga ci e’ data dall’intelligenza che definirei in questo contesto come la capacita’ di una specie di modificare l’ambiente a proprio vantaggio invece che subirlo e vicere in equilibrio con esso, visto che qualsiasi equilibrio possibile e’ destinato a finire con la fine dell’universo.

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 25, 2016 alle 4:11 am

      “Se ci fosse rispetto per gli altri invece che distruzione e odio forse non saremmo a questo punto di declino e non solo.”
      Non basta solo l’amore e l’aspirazione alla giustizia e all’uguaglianza per sopravvivere. Anche un po d’odio e’ necessario. E’ per questo che ce l’abbiamo: era un tratto utile alla sopravvivenza della specie. Arpia, tu vivi proprio in un mondo di fantasia. Sei rimasto fermo alla vecchia e inesistente dicotomia tra bene e male, come se l’esistenza consistesse solo in questa concettualmente infantile lotta fra opposti. Svegliati: il bene e il male non sono altro che le due faccie di una stessa moneta!
      Ma e’ vero che senza odio e distruzione non saremmo a questo punt: infatti non esisteremmo nemmeno – saremmo tutti felicissimi Homo neanderthalensis o Homo erectus oppure peggio, solo dei miseri batteri!

      • Arpia
        ottobre 25, 2016 alle 5:36 pm

        Penso che tu confonda la realta’, la scienza e tutto il resto, secondo me sei ancora confuso con homo erectus black! E Homo Sapiens white!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
        Non e’ che hai la sindrome dell’uomo bianco con quello africano di cui si parla tanto!!!!!!!!!!!!!!!!!! Me l’ha suggerita il mio amico anche lui sardo che leggeva i tuoi posts ma avevo evitato di metterla, ma ci ho ripensato!!!!!!!!!!!
        Senza entrare nei dettagli forse hai problemi classici legati al razzismo!
        Se non capsici che non ci sono differenze di inferiorita’ e superiorita’ intellettuale ma modi diversi e che i popoli hanno rubato da altri sei veramente messo male. In fatti peggio di quanto pensassi. Ascoltati quello che dici, ma ti ha fatto piu’ male l’express o i documentari di fox con pseudo scopritori razzisti! Penso, povera tua moglie che ti deve sopportare!
        Da asiatica con un marito razzista dev’essere complessa la cosa!

        Cosa vorresti dire che chi e’ andato in giro ad ammazzare e’ migliore di chi vive in armonia? Sei veramente delusional.

        Un giorno quando avro’ tempo faro’ la raccolta delle tue boiate.

        Tra’ le piu’ folli i bianchi sono piu’ intelligenti per il nobel!
        Sono pacifista chi e’ stato vittima di genocidio se lo merita a parte in Germania, ma non gli anti nazi o gli zingari o gli invalidi no solo un gruppo a seconda dei colori di pelle.

        In Egitto hanno inventato poche cose.

        La genetica in base alla religione, ho pensato a un mio amico del S, Korea era di famiglia Buddista ha provato il cristianesimo vista l’invasione americana! Ma poi e’ tornato alla filosofia Buddista, eppure era sempre lui! O forse ho fumato troppi funghi!!!!!!!!!!!!

        Deportare chi e’ nato in un paese e invitato! Non chi s’e’ preso interi paesi con la violenza, no quelli sono doc!

        La gangs nere in uk ma non bianche!

        La migrazione e’ legale se fatta da europei con genocidio ma illegale se fatta per motivi economici senza genocidio.

        Gli Africani che fanno figli non rispettano la selezione naturale! Ma sono responsabili dell’inquinamento che tu chiami con una teoria creduta e non creduta valida o invalida!

        E sono solo alcuni pezzi se ci fosse un premio potrei pensare , le c………e piu’ grosse che abbia mai nella mia
        vita! Devo dire che ne ho sentito ma cosi’ confuse e fantasiose mai.

        Non so se hai notato che Asiatici e Africani si stanno riproducendo di piu’ quindi la tua teoria di ammazzare per sopravvivere come bianchi superiori non attacca da nessuna parte e non rientra nella selezione naturale di cui parli.

        Se o dovessi avere una idea su chi non deve riprodursi sono i razzisti, ti consiglio di smetterla con i discorsi di Africani che non devono riprodursi viene dal razzismo americano e Sud Africano in particolare non cose di cui i bianchi occidentali possono andar fieri!

        Confondere la natura la scienza col razzismo e pratiche nazi, ignoranti di perversione e sadismo non e’ una bella cosa.

        Piccola nota parli di cose scontate e banali ma sai che il test IQ e’ una cosa invalida e senza senso un po’ come il nobel e il referendum Ungherese!
        Mi sembri poco aggiornato se leggi quei due giornali e guardi quei due documentari non arriverai a nulla!

  51. Riccardo Pusceddu
    ottobre 24, 2016 alle 2:46 am

    Non hanno avuto neppure il rispetto di non lasciare immondizia nella spiaggia. Appena arrivati e gia’ cominciano i problemi. Quando, come si dice, il buongiorno si vede dal mattino.

  52. Arpia
    ottobre 25, 2016 alle 4:11 pm

    Dall’inizio della conversazione ho parlato del fatto che le cose europee non sono esattamente europee ma che vengono da un mix di influenze Africane medio orientali ecc.
    Ora che si voglia dire che l’Egitto non sia ne in Africa non so se si vuole dire che sia chissa’ dove non so.

    Eurocentrismo da capire ho postato anche un video, su eurocentrismo e culture in spagnolo.

    Se poi vogliamo iniziare a decidere cosa sia black e cosa non lo sia dobbiamo decidere che teorie razzisti seguire. Supremazia bianca americana one drop rule, oppure quella sud africana razzista il pencil o matita che si faceva passare nei capelli per vedere chi era black e chi no.

    Oppure vogliamo applicare quello per esclusione chi non e’ bianco non lo e’ ed e’ altro o black.

    OPPURE VOGLIAMO LEGGERE COSA SI PENSAVA DEGLI ITALAINI IN AMERICA CHE SINO AD ANNI FA’ NON ERA CONSIDERATI BIANCHI.
    Ad ognuno la sua fantasia o follia.

    http://www.africahistory.net/

    http://africahistory.net/eurocentrism.htm

    http://blackinventor.com/lewis-latimer/

    A volte si danno i premi a chi non li merita a chi copia inventa motivi o per cose falsissime, ne e’ pieno il nobel.
    Ma c’e’ chi pur avendo tutte le carte in regola non ha bisogno di premi per brillare di luce propria.
    La classe.
    https://www.theguardian.com/world/2010/mar/23/grigory-perelman-rejects-1m-dollars

  53. Arpia
    ottobre 25, 2016 alle 5:02 pm

    Non ho letto ancora nulla ma mentre postavo il precedente commento ho visto il commento di Riccardo.

    Dopo questi posts ho coniato una frase……

    QUANDO UNA TEORIA AL GIORNO TOGLIE LA LOGICA DI TORNO!

    Cosi’ posso postare cose che volevo postare da prima.

    Ho preso il primo articolo uno qualsiasi, c’e’ e lo sanno anche la giornalista italiana morta e il suo collaboratore, traffici illegali di rifiuti tossici, da medici a elettronici a nucleari in Africa e non solo.
    Oltre a vaccinazioni e medicine e inventati viruses per stigmatizzare, ammazzare e sperimentare sulla popolazione. Oltre al fatto che le tanto amate carita’ o finte carita’ sono spesso businesses e spesso incassano per se ma mettono una faccia black di fronte per incassare.

    Vedi corruzione dei politici americani and family in Haiti o la croce rossa in Haiti che epr es ha costruito sei case e mi pare abbia incassato half billion dollars, vado a memoria potrei sbagliare sulla cifra, ma e’ una cosa risaputa.

    Voglio ripetere gli schiavi esistevano e esistono ora, come lo sfruttamento minorile. La civilizzazione o tutte le altre idee fantasiose di conversione e cambiamento di popoli o combattere crimini o dare aiuti caritatevoli attuali o medico sono da sempre metodi violenti per controllare distruggere e sfruttare le popolazioni. Vogliamo continuare a raccontarci delle fiabe al posto della cruda verita’?!

    Questo e’ un piccolo spunto e una piccola storia ma ce ne sono una marea.

    http://www.bbc.com/news/world-europe-10846395

    Se POI vogliamo parlare di occidentali che hanno distrutto il pianeta con vari mezzi da plastica nel mare a sostanze tossiche nucleari dal punto di vista di uso civile o nucleare, informiamoci.

    Se poi vogliamo parlare di distruzione di foreste e oceani e acqua in generale.

    Se poi vogliamo parlare di turisti Italiani bianchi europei o bianchi in generale, Sardi stessi che in Sardegna non hanno alcun rispetto per l’ambiente dalle bottiglie alle creme solari, alla spazzatura a sostanze tossiche nei rifiuti e a mare ecc. Apriamo tutto un nuovo capitolo.
    Ho personalmente avuto problemi di questo genere con denunce, pochi rifugiati e pochi africani fanno parte della mia esperienza in questo senso.

    Una mia zia fa’ una strana battuta…… e cosa pensi che le tue corna siano d’oro?!

  54. Arpia
    ottobre 25, 2016 alle 9:34 pm

    Riccardo parla di osservazioni e teorie di cose che vede. Di cosa stiamo parlando non l’ho ancora capito. Dobbiamo parlare di teorie inventate e di fatti razzisti di centinaia di anni fa’ o di cose che per la scienza non stanno ne in cielo ne in terra o di fatti. Mi viene da fare delle domande che voglio fare da tempo.
    Quali sono le teorie scientifiche che dicono che i non bianchi siano inferiori?
    Altra domanda in che zona in Uk o in London vedi le gangs criminali black dimmi i posti perché voglio capire, non fantasie di articoli di giornali razzisti, parlo di cose vere da te osservate, voglio capire di cosa stiamo parlando se no non se ne esce piu’.
    Se una persona dice che ci sono missioni di pace e non armi in Africa dopo che ho postato articoli sul Congo, dopo che si e’ visto Sudan e Libia.

    Qua non si tratta di teorie qua si tratta di fatti di armi di violenza e di morti.

    Se si parla di cose che non si conoscono e si vogliono inventare fatti e cose non ci sto’.
    I bianchi occidentali di tutte le religioni hanno una storia presente e passata da orrore , se non si vuole vedere la cosa e’ grave.
    Che ti vada bene o no sono fatti.

    La liberta’ di cui parli puoi trovarla in Africa piu’ che in us e in Italia, vedi stampa ecc. e la non libertaì e violazione diritti umani e follia la puoi vedere in s, arabia e qatar alleati di us uk e Italy, Germany, France e Turchia , ma di cosa vogliamo parlare?
    Alla faccia della liberta’ dove per es uk ha spiato per 20 anni sui cittadini prendendo tutti dati e info e emails ecc. senza autorizzazione. Illegalmente.
    Lo stato garantisce in Italia la privacy su una lettera ma emails e qualsiasi altra cosa possono essere trasferiti e copiati e tenuti a piacere in us o altri paesi, questa e’ liberta’?

    Ma ragioniamo ci informiamo parliamo di cose reali o spariamo cose senza senso, non ho capito.

    Hai detto che in London o uk ce l’avevano coi nigeriani, ti ho chiesto prove ma non ho visto nulla.
    Vogliamo dire cavolate o parlare di cose vere, propagande islamofobiche o realta’.

    Invito a informarsi su Africom.
    Altro che non ci sono armi ne guerre e ripeto tanti come il Congo, Angola, Sudan ecc.ecc. Sono create e portate avanti da us o us e eu.
    Se si vuole inventare che si aiuta l’Africa, ancora con queste fantasie e non se ne puo’ piu’.

    http://www.globalresearch.ca/africom-prepares-for-more-conflicts-in-mali-nigeria-and-somalia/5327361

  55. Arpia
    ottobre 26, 2016 alle 12:09 am

    Siccome si e’ parlato di Nigeriani in particolare e io ho detto che sapevo che in Uk erano tra i gruppi piu’ brillanti negli studi, chi vuole puo’ ricercare Nigerian students in uk da Wikipedia a altro, ma lo sono anche in us tra’ i piu’ brillanti.
    Lo so anche per esperienza personale che come ho gia’ detto ho amici e amiche Nigeriani con lauree belle toste.
    Credo che ci sia ancora oggi il vizio di puntare il dito e di criminalizzare le persone e di ripetere se sono black che sono delinquenti, ma i bianchi occidentali che fanno crimini di tutti i colori creando anche una marea di problemi, es. guerre illegali o crimini finanziari economici o ambientali ecc. Non vengono ne additati ne puniti, questo viene anche dalla famosa mentalita’ di superiorita’.
    Tanti in Uk e us che sono laureati nelle universtita’ piu’ prestigiose Oxford per es. hanno quelle lauree perché vengono dalle classi piu’ agiate e inserite che possono pagarsi gli studi ma che hanno anche i contatti giusti tanti hanno quelle lauree non perché sono intelligenti!
    Magari chi vuole puo’ andarsi a vedere Einstein il famoso vincitore del Nobel quanto veramente se lo fosse meritato e se veramente le cose per le quali e’ conosciuto siano le sue.
    Sinceramente mi pare stupido e da imbecilli postare queste cose, ma purtroppo c’e’ gente che ancora non ragiona!

    Qua un esempio

    http://www.independent.co.uk/news/world/africa/nigerian-student-ufot-ekong-solves-30-year-old-maths-equation-and-breaks-academic-record-at-japanese-10303064.html

  56. Arpia
    ottobre 29, 2016 alle 1:27 am

    Syria, Egitto, Iran e Palestina raccoglievano negli anni ’30 e ’40 i rifugiati che fuggivano dall’Europa.

    http://www.thecanary.co/2016/10/27/syria-europeans-time-need-now-time-return-favour-video/

  57. Arpia
    ottobre 29, 2016 alle 1:59 am

    Questo articolo non potrebbe essere piu’ chiaro su chi e cosa sta’ causando l’immigrazione e i rifugiati. Non e’ ne fiction ne difficile da capire.

    http://www.globalresearch.ca/the-refugee-crisis-mediterranean-death-toll-in-2016-worst-we-have-seen-united-nations/5553467

    E il disastro del campo in Francia di persone che vogliono arrivare in Uk, l’insieme e’ disastroso e poco degno di societa’ dette civili, ma lasciare i minori senza un appoggio e i dovuti aiuti umanitari e’ veramente imperdonabile.
    Alcuni devono essere riuniti con le loro famiglie in uk ma il governo attuale ha creato situazioni veramente inaccettabili, criticato profondamente da varie parti politiche, associazioni e dai rifugiati della seconda guerra mondiale.

    http://www.globalresearch.ca/the-refugee-crisis-and-the-police-state-france-orders-forced-removal-of-migrants-at-calais-camp/5552962

  58. Arpia
    ottobre 29, 2016 alle 4:28 pm

    Ho accennato al fatto che gruppi caritatevoli, non profit o chiamate ngo , no profit, non
    non-governmental organization , a volte non sono quello che appaiono.
    Usate come mezzo politico e/o come mezzo per fare soldi.
    Uno scandalo di cui ho accennato e’ quello della red cross ecco qua un articolo, si puo’ trovare in vari siti.
    Raccolto per terremoto Haiti mezzo billion dollars e costruite 6 case! Che dire.

    https://sputniknews.com/us/201506041022919867/

    In questo articolo appare un altro articolo dove si parla del fatto che dal caritatevole il denaro passa al business.

    https://sputniknews.com/us/201503061019123826/

    Da li si capisce come da anni si notino una marea di gruppi che spuntano come funghi e felici di uscire su tutti i mezzi a fare raccolte appena accade una qualsiasi disgrazia vera o inventata. Il denaro la fa sempre da padrone e i poveri e i disgraziati finiscono sempre per far fare soldi.
    Non proprio tutti saranno disonesti ma non tutti sono veramente cio’ che ci illudiamo che siano.

  59. Arpia
    ottobre 29, 2016 alle 10:10 pm

    Una curiosita’ che magari alcuni non sanno. In Uk dove non e’ mai stato pagato un indennizzo ai discendenti degli schiavi nonostante le richieste,
    venne pero’ pagato un indennizzo a chi aveva gli schiavi, come si fa’ ora con banche e gruppi finanziari, piu’ creano danni e miseria e piu’ gli si danno denaro dei clienti e soldi pubblici, perché sono troppo importanti e forti per essere processati o messi in galera, TOO BIG TO JAIL, come si dice in us.

    Ebbene chi aveva schiavi e gia’ si era arricchito con enorme violenza dalla miseria altrui venne compensato al momento dell’abolizione nel 1833 dal governo britannico, il 40% del budget annuale delle spese del Treasury, una cifra che si stima corrisponda a quella di oggi di circa £16.5bn, una cifra folle, se si considera che si dava denaro pubblico in enormi quantita’ a sadici criminali gia’ ricchi.

    http://www.voice-online.co.uk/article/%E2%80%98david-cameron%E2%80%99s-ancestors-received-slavery-compensation%E2%80%99

    Questi sono i ricchi che ancora oggi godono di questi privilegi e ricchezze e che magari hanno posti di spicco , anzi senza magari in politica e posseggono banche, gruppi finanziari, assicurativi, petroliferi ecc. ecc.
    Uno di questi e’ David Cameron, ex primo ministro, che oggi ha conti offshore, ma che senza problemi viene stipendiato da denaro pubblico e protetto con denaro pubblico.

    Gli stessi governati, politici e sfruttatori non ebbero problemi a creare la situazione di miseria in South Africa per sfruttarne le risorse, che ricordiamoci era in vigore sino al 1991, apartheid che e’ ancora una ferita che sanguina e miete vittime specialmente tra’ i piu’ poveri e vulnerabili.

    Margaret Thatcher, chiamava Mandela a terrorist mentre prendeva il té con Pinochet!
    Molte cose sono uguali oggi.

    Anche in us la cosa non e’ molto diversa, quelli che oggi non si fanno problemi a creare miseria e sfruttare le minoranze, sono gli stessi che fecero soldi dagli schiavi, sono i ricchi e al potere. Non proprio le democrazie che immaginiamo.

  60. ottobre 29, 2016 alle 10:36 pm

    scusate, ma pare che ormai vi siate detti tutto e il contrario di tutto, anche abbondantemente fuori dall’argomento dell’articolo.
    Pare che basti, no?

    • Riccardo Pusceddu
      ottobre 30, 2016 alle 2:17 am

      Penso proprio che basti. Solo mi dispiace che il dibattito sia scaduto un po in basso da esporre le nostre opinioni diametricalmente opposte a un tono quasi offensivo e accuse reciproche di ignoranza e stupidita’.

      • ottobre 30, 2016 alle 7:49 am

        non si tratta certo di ignoranza o di stupidità, ma di legittimi e documentati punti di vista diversi su uno dei più grandi e complessi problemi attuali dell’umanità 😉

        Stefano Deliperi

    • Mara
      ottobre 30, 2016 alle 8:45 am

      🙂 !!!

  61. Arpia
    ottobre 30, 2016 alle 6:54 pm

    Io non ho nulla da guadagnare ne vendo alcun prodotto.
    Opinioni e fatti sono due cose diverse.
    Ognuno e’ libero di pubblicare cio’ che crede adatto alla pubblicazione.
    Ma il razzismo dev’essere condannato ovunque socialmente e legalmente.
    Ma vedere parole razziste di vario tipo come, negri, non mi pare siano accettabili ne accettate in nessun paese. Ne in uk ne in Italia ne in Eu.

    http://retenews24.it/dare-negro-reato-lultima-sentenza-cassazione/

  62. Arpia
    ottobre 31, 2016 alle 1:04 pm

    Infatti quei posts sono pieni di frasi razziste, a meno che non abbia problemi di lettura di base, di vista o mi sia venuto un ictus che non ho notato. Sono talmente nauseabondi che alcuni li ho dovuti evitare, appena avro’ tempo e pazienza, dovro’ ripassarli uno per uno e far notare a chi sfugge quali sono esattamente tutte le frasi chiaramente razziste, non sono opinioni, ma frasi razziste, non credo di averle notate solo io. Trovo che questo continuo accettare e far finta di nulla quando si vedono certe cose non un segnale per nulla positivo. Che faccia pensare alle persone che sia ok e accettabile usare un linguaggio razzista, cosa che non e’ per nulla ok.

    • ottobre 31, 2016 alle 1:44 pm

      vi siete detti tutto e il contrario di tutto.
      Penso che basti, no?

      Stefano Deliperi

      • Arpia
        novembre 3, 2016 alle 4:43 pm

        Meno male che sarei io fuori tema!

  63. afro
    novembre 1, 2016 alle 4:03 pm

    La piccola isola di Saint Lucia nei caraibi ha due premi Nobel, uno per l’economia ,
    Sir W. Arthur Lewis del 1979 e uno per la letteratura del 1992 di Derek Walcott.

    • Riccardo Pusceddu
      novembre 3, 2016 alle 3:28 am

      Walcott e’ per piu della meta’ bianco e Lewis a giudicare dalle apparenze e’ almeno un terzo bianco. Inoltre i genitori di Lewis erano di Antigua. Giudicare in termini di premi nobel per capita mi sembra perlomeno fuorviante, visto che Saint Lucia e’ l’unico paese a maggioranza nera al secondo posto nella lista dei premi nobel basata su questo criterio e per trovare il prossimo stato a maggioranza di neri si deve andare al 30imo posto con la Liberia, con 2 premi Nobel, per la pace ovviamente visto che gli unici che non siano per la pace dei 15 che sono stati assegnati a neri, sono quelli dati a Walcott e Lewis. Non voglio infierire quindi non continuo.

  64. Mara
    novembre 2, 2016 alle 8:34 am

    Cari amici, credo che questo articolo sia un bel finale per il lungo, interessante e vivace scambio di idee:
    http://www.sardiniapost.it/cronaca/dallafrica-alla-sardegna-70mila-anni-nel-mio-dna-racconto-del-viaggio-dei-sardi/

  65. Riccardo Pusceddu
    novembre 3, 2016 alle 6:06 am

    Mara, ho letto l’articolo e purtroppo e’ la solita interpretazione che piace tanto agli antirazzisti: siamo tutti africani. La verita’ invece e che c’e’ un enorme differenza fra gli africani che stanno invadendo l’Europa oggi e quelli che colonizzarono l’Europa partendo dall’Africa 70 mila anni fa. I nostri progenitori infatti venivano sottoposti alla più pressante pressione evolutiva e solo pochi fra di essi riuscirono a sopravvivere alle sfide che il nuovo ambiente presentava mentre quelli che non possedevano quelle caratteristiche positive finivano coll’estinguersi.
    Quello che succede oggi invece e’ che quelli che arrivano non sono quelli con le caratteristiche più adatte ma sono quelli che si sono riprodotti di più grazie alla tecnologia Europea in Africa. Senza di essa l’Africa tornerebbe ad avere 150 milioni di abitanti come secoli fa invece dell’attuale miliardo e dei 4 miliardi previsti per il 2100.
    Chiunque non si accorga di questa enorme differenza non ha capito come funziona l’evoluzione umana. Chiunque continui a vedere solo le somiglianze fra le varie razze del genere umano senza invece notarne anche le differenze, e’ o ignorante o scorretto intellettualmente con se stesso o con gli altri che invece non la pensano come lui/lei.
    Non abbiamo imparato a fare i nuraghi semplicemente col passare del tempo, così, quasi per un meccanismo virtuoso di civilizzazione ma grazie al profondo cambiamento che si e’ verificato nel nostro DNA a seguito di mutazioni di geni preesistenti e dell’estinzione di quelli meno adatti. E’ così che siamo diventati europei e che non siamo più africani. Lo stesso motivo per cui solo il 2 o 3% dei geni del neanderthal sono sopravvissuti e si sono uniti ai nostri mentre il resto si e’ semplicemente estinto.
    La storia che siamo tutti africani e’ solo un’insopportabile alterazione di una verità ben più profonda.

  66. Mara
    novembre 3, 2016 alle 8:30 am

    Riccardo, non ho nessuna intenzione di continuare il dibattito con te. Pensiamo in modo diverso perché siamo differenti pur essendo fratelli. Io lo accetto e anche questo è un segno di civiltà. Tu fatichi di più, a quanto pare… ma va bene lo stesso.
    ” quelli che si sono riprodotti di più grazie alla tecnologia Europea in Africa” è una cazzata monumentale. Posso pensarlo e dirlo, vero?

  67. M.A.
    novembre 3, 2016 alle 12:45 pm

    Ho letto questo post senza mai commentare. Diciamo che per un motivo o per un altro concordo con entrambi. Sicuramente la tecnologia non ha incentivato la riproduzione, ma sicuramente oggi, grazie alla tecnologia, portata dai volontari che lavorano ed operano in quelle realtà, hanno acquisito una consapevolezza del mondo attuale e certi stili di vita che non avevano 30 anni fa. Di certo, questa consapevolezza, favorisce i flussi migratori.
    Questi flussi migratori, in futuro aumenteranno sempre più per tante ragioni, ad esempio cambiamenti climatici. Bisogna solamente evolversi intellettualmente e accettarlo. Se non esistessero religioni sicuramente tutto ciò sarebbe più facile. Oggi paghiamo anni di globalizzazione e progresso vissuti sulla speculazione delle loro risorse, ne paghiamo le conseguenze. A nessun essere umano si può negare un futuro migliore. Ciò che accade nelle frontiere di alcuni stati europei con filo spianato e quant’altro ritengo sia deplorevole. Tutti cercano di chiudersi a riccio; infine odio parlare di razze nel genere umano. E’ mostruoso. LE RAZZE sono frutto di selezioni forzate dall’essere umano che oggi giorno possono avvenire mediante incroci della stessa specie. I beagle, i pointer, le vacche frisone etc etc sono razze, perchè noi uomini decidiamo di far incrociare volontariamente un maschio e una femmina della stessa razza, ma gli accoppiamenti degli esseri umani sono liberi, indipendentemente dal paese di provenienza o dal colore della pelle.
    Termino il discorso dicendo ciò che ho detto un pò di tempo fa. Spero vivamente che non si speculi su tutto ciò. trasformando la tratta dei migranti nella tratta degli schiavi in versione moderna. Sarebbe un atteggiamento tipico del “viso pallido” .

  68. novembre 3, 2016 alle 4:58 pm

    c’è chi parla di “evoluzione darwiniana” applicata all’uomo (Homo sapiens sapiens) e c’è chi la contesta in nome dell’eterna “umanità”.
    Questo, in soldoni, è il motivo della vostra “contesa”, depurata da toni talvolta sopra le righe.
    Paradossalmente siete tutti un po’ “fuori tema” e un po’ no, perchè si tratta di una discussione molto accesa che attraversa la storia umana.
    Ormai s’è già detto tutto quanto si poteva dire, no? Possiamo considerare definita la discussione.

    • Riccardo Pusceddu
      novembre 4, 2016 alle 1:13 am

      Stefano, complimenti per aver sintetizzato maestralmente questa dicotomia ma io penso che le due visioni non debbano essere necessariamente in conflitto ma invece debbano riconoscere i meriti di entrambe. Gli esseri umani non sono pernici da allevamento ma neppure angeli di pura bonta’.
      Grazie per la mediazione e scusa per il tempo che t’ho fatto perdere a leggere i miei lunghissimi commenti.
      Un saluto.

  69. Arpia
    novembre 3, 2016 alle 5:05 pm

    Se considerate la discussione chiusa come mai postate commenti fuori tema di gente razzista non stop, sinceramente non si capisce. O chi non tollera commenti razzisti da’ fastidio, pare.

    • novembre 3, 2016 alle 8:42 pm

      mi pare che abbiate detto tutto quello che volevate. Vi sono 160 commenti a questo articolo e decine sono tuoi, buffo parlare di censura, no?
      Buona serata.

      Stefano Deliperi

  70. novembre 4, 2016 alle 10:15 pm

    per chi non avesse capito, i commenti – qualsiasi commento – su questo articolo ora sono chiusi.

  71. marzo 6, 2017 alle 2:54 pm

    aggiornamento: uno dei “traffici” sui migranti.

    A.N.S.A., 6 marzo 2017
    Immigrazione, blitz Polizia a Cagliari. Sette persone arrestate. (http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2017/03/06/immigrazione-clandestina-blitz-polizia-a-cagliari_9fdb3fe3-4c7a-411f-a4a9-4bd82c3e1a1c.html)

    Maxi blitz della Polizia di Stato a Cagliari contro l’immigrazione clandestina. Sono sette le persone arrestate: cinque algerini, un marocchino e una donna italiana, nell’operazione denominata “Doppio cielo”. Sono tutti accusati di aver favorito l’immigrazione clandestina dall’Algeria.

    Le indagini della Squadra mobile, coordinata dal primo dirigente Alfredo Fabbrocini, sono partite a seguito degli ultimi sbarchi di algerini avvenuti nelle scorse settimane lungo le coste sud occidentali della Sardegna.

    A capo dell’organizzazione ci sarebbe un algerino, sposato con una italiana (anche lei arrestata) e da anni residente in Italia. L’algerino e gli altri complici fornivano di documenti falsi i connazionali che partivano da Annaba per aiutarli a lasciare la Sardegna. Venivano a volte avvisati dell’arrivo del barchino con i migranti, oppure il capo veniva contattato telefonicamente anche da sconosciuti affinché desse assistenza agli algerini. In cambio riceveva cento euro per un documento falso, ma per le altre prestazioni, dall’accoglienza all’assistenza per lasciare il territorio, il tariffario era più alto.

    Secondo quanto accertato dagli investigatori della Mobile, l’attività durava da alcuni mesi anche se sono stati individuati pagamenti già nel 2015.

    _______________________

    da La Nuova Sardegna, 6 marzo 2017
    Immigrazione clandestina, blitz della polizia a Cagliari: sette arresti tra italiani e magrebini.
    Gli agenti della squadra mobile del capoluogo hanno eseguito la maxi operazione “Doppio cielo” nei confronti di un gruppo criminale che favoriva lo sbarco illegale di persone dall’Algeria: http://lanuovasardegna.gelocal.it/cagliari/cronaca/2017/03/06/news/immigrazione-clandestina-blitz-della-polizia-coinvolti-a-cagliari-italiani-e-magrebini-1.14986142

    ______________________

    da Sardinia Post, 6 marzo 2017
    Immigrazione irregolare dall’Algeria, blitz della polizia a Cagliari: http://www.sardiniapost.it/cronaca/immigrazione-irregolare-dallalgeria-blitz-della-polizia-cagliari/

    ———–

    ————-

    • Riccardo Pusceddu
      marzo 7, 2017 alle 8:22 am

      E’ passato un po’ di tempo quindi si possono lasciare commenti di nuovo?

      • marzo 7, 2017 alle 2:58 pm

        ma che altro di nuovo si può aggiungere dopo oltre 160 commenti? 😉

      • Riccardo Pusceddu
        marzo 7, 2017 alle 11:29 pm

        Haha, niente da aggiungere per Arpia ma volevo solo fare un’osservazione sull’ultima notizia da te riportata. Ma va bene lo stesso altrimenti rischiamo di rimettere Arpia sul piede di guerra, haha.

      • marzo 8, 2017 alle 6:43 am

        l’importante è non ripetere per l’ennesima volta gli stessi argomenti!
        Questo è un tema che meriterebbe ben altri approfondimenti, ma qui siamo in un blog, non dimentichiamolo.

        Stefano Deliperi

      • Riccardo Pusceddu
        marzo 8, 2017 alle 10:00 am

        Ok, volevo solo dire che persino il business criminale del traffico di migranti sta passando di mano da quelle della criminalita’ organizzata nostrana a quelle invece costituite da migranti stessi.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: