Home > difesa del territorio, giustizia, Italia, paesaggio, società, sostenibilità ambientale > L’ordine di demolizione degli abusi edilizi non si prescrive e si estende agli eredi.

L’ordine di demolizione degli abusi edilizi non si prescrive e si estende agli eredi.


Due importanti pronunce della Suprema Corte di cassazione in materia di esecuzione delle ordinanze di demolizione di abusi edilizi contenute in sentenze penali passate in giudicato.

Con la sentenza Cass. pen., Sez. III, 9 settembre 2015, n. 36387 il Giudice penale di legittimità ha ribadito che l’ordine di demolizione delle opere abusive presente nelle sentenze penali passate in giudicato non è soggetto alla prescrizione prevista per le sanzioni penali (art. 173 cod. pen.), perché sanzione di natura amministrativa, ma non è soggetto nemmeno alla prescrizione di cui all’art. 28 della legge n. 689/1981 e s.m.i., riguardante unicamente le sanzioni pecuniare a fini punitivi.

Inoltre, come già statuito con sentenza Cass. pen., Sez. III, 26 marzo 2015, n. 12976 e con la sentenza Cass. pen., Sez. III, 10 febbraio 2015, n. 5931, l’ordine di demolizione contenuto in sentenze penali passate in giudicato mantiene efficacia rispettivamente nei confronti degli eredi e di eventuali terzi aventi diritto. Lo ribadisce ora la recentissima sentenza Cass. pen., Sez. III, 9 settembre 2015, n. 36383.

Elementi giurisprudenziali di forte contrasto all’abusivismo edilizio.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

Roma, Corte di cassazione

Roma, Corte di cassazione

 

dalla Rivista telematica di diritto ambientale Lexambiente, 23 settembre 2015

Cass. Sez. III n. 36387 del 9 settembre 2015 (Cc 7 lug 2015)

Pres. Fiale Est. Pezzella Ric. Formisano

Urbanistica. Ordine di demolizione non suscettibile di prescrizione.

In tema di reati edilizi, l’ordine di demolizione del manufatto abusivo non è soggetto né alla prescrizione stabilita dall’art. 173 cod. pen. per le sanzioni penali, in quanto sanzione amministrativa,  né alla prescrizione stabilita dall’art. 28 legge n. 689 del 1981 riguardante, infatti, unicamente le sanzioni pecuniarie con finalità punitiva.

 

anatre_in_voloqui la sentenza Cass. pen., Sez. III, 9 settembre 2015, n. 36387

 

 

Roma, Corte di cassazione

Roma, Corte di cassazione

dalla Rivista telematica di diritto ambientale Lexambiente, 25 settembre 2015

Cass. Sez. III n. 36383 del 9 settembre 2015 (Cc 7 lug 2015)

Pres. Fiale Est. Pezzella Ric. Renis

Urbanistica. Ordine di demolizione e acquisto dell’immobile per successione a causa  di morte.

Nell’ipotesi di acquisto dell’immobile per successione a causa  di morte, l’ordine di demolizione del manufatto abusivo conserva la sua efficacia nei confronti dell’erede del condannato, stante la preminenza dell’interesse paesaggistico o urbanistico, alla cui tutela è preordinato il provvedimento amministrativo emesso dal giudice penale, rispetto a quello privatistico, alla conservazione del manufatto, dell’avente causa del condannato, mentre passa in secondo piano l’aspetto afflíttivo della sanzione e, quindi, il carattere personale della stessa

 

anatre_in_volo qui la sentenza Cass. pen., Sez. III, 9 settembre 2015, n. 36383

 

Carloforte, litorale di Stea

Carloforte, litorale di Stea

(foto S.D., archivio GrIG)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: