Home > acqua, biodiversità, coste, difesa del territorio, inquinamento, mare, sostenibilità ambientale > Un rivolo scuro sul litorale di S. Reparata (S. Teresa di Gallura).

Un rivolo scuro sul litorale di S. Reparata (S. Teresa di Gallura).


S. Teresa di Gallura, litorale di S. Reparata, rivolo fra i massi (fine agosto 2015)

S. Teresa di Gallura, litorale di S. Reparata, rivolo fra i massi (fine agosto 2015)

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inoltrato (8 settembre 2015) una specifica richiesta di informazioni ambientali e adozione di opportuni provvedimenti riguardo la presenza – segnalata da turisti – di un rivolo scuro a mare lungo il litorale di S. Reparata, in Comune di S. Teresa di Gallura (OT).

Interessati il Comune di S. Teresa di Gallura, l’A.R.P.A.S., la Guardia Costiera, il Servizio Igiene della A.S.L. n. 2, il N.O.E. dei Carabinieri.

Il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus auspica un tempestivo intervento da parte degli Enti preposti ai controlli, nell’interesse dell’ambiente e della salute pubblica.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

 

S. Teresa di Gallura, litorale di S. Reparata, rivolo fra i massi (fine agosto 2015)

S. Teresa di Gallura, litorale di S. Reparata, rivolo fra i massi (fine agosto 2015)

(foto per conto GrIG)

Annunci
  1. Mara
    settembre 10, 2015 alle 8:07 am

    A me sembra petrolio… Son stati interpellati gli Sceicchi? 🙂 🙂

  2. settembre 10, 2015 alle 3:03 pm

    da L’Unione Sarda, 9 settembre 2015
    Santa Teresa Gallura: un rivolo scuro a mare sul litorale di Santa Reparata: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2015/09/09/santa_teresa_gallura_un_rivolo_scuro_a_mare_sul_litorale_di_santa-68-434152.html

    ____________________________________________________________

    da Sardinia Post, 9 settembre 2015
    S. Teresa di Gallura, Grig: “Un rivolo scuro sul litorale di S. Reparata”: http://www.sardiniapost.it/ambiente/s-teresa-di-gallura-grig-un-rivolo-scuro-sul-litorale-di-s-reparata/

  3. Carlo Forte
    settembre 10, 2015 alle 3:22 pm

    Possiamo considerarci fortunati allora, au paise scaricano solo fogna.

  4. settembre 11, 2015 alle 3:03 pm

    da L’Unione Sarda, 11 settembre 2015
    Santa Teresa. Rigagnolo sospetto in spiaggia segnalato dagli ambientalisti. (http://www.regione.sardegna.it/rassegnastampa/1_231_20150911090226.pdf)

    Un altro caso di inquinamento sulle spiagge galluresi? Un rivolo scuro pare sgorgare dalle pietre a monte di un tratto di litorale a Santa Reparata per poi finire a mare nella località nel comune di Santa Teresa Gallura. A denunciarne la presenza è stato il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus dopo la segnalazione, corredata di foto, ricevuta da alcuni turisti a passeggio nella zona. Il responsabile dell’associazione ecologista, Stefano Deliperi, ha allertato le autorità e richiesto una verifica al comune di Santa Teresa, all’Arpas, alla Guardia costiera, al nucleo operativo dei carabinieri e alla Asl per capire se il liquido apparentemente scuro avvistato tra le rocce sia innocuo o nasconda dei pericoli per l’ambiente. Da martedì scorso gli Enti preposti sono a conoscenza della situazione e stanno facendo gli accertamenti necessari. Per ora il sindaco Stefano Pisciottu non è reperibile per fornire ulteriori informazioni sulla situazione di Santa Reparata. L’ultimo caso si era verificato ad Olbia, nella spiaggia di Porto Istana. In quel caso la segnalazione dei turisti ha trovato adeguati riscontri. Ora la situazione è tornata nella norma. ( i.ch. )

  5. settembre 23, 2015 alle 3:03 pm

    con nota prot. n. 30577 del 22 settembre 2015 l’A.R.P.A.S. – Dipartimento di Sassari e Gallura ha comunicato di aver effettuato un sopralluogo congiunto (11 settembre 2015) con il Corpo forestale e di vigilanza ambientale, durante il quale è stata “riscontrata la presenza di un tubo parzialmente cementato”, tuttavia (e per fortuna) “non risultava attivo alcun ruscellamento di acque ne si poteva desumere che da detto tubo fosse fuoriuscita di recente acqua”.
    Al Comune di S. Teresa di Gallura sono stati demandati gli accertamenti per verificare “natura e provenienza della tubazione rinvenuta”.

  6. Carlo Forte
    settembre 23, 2015 alle 4:17 pm

    Scusa grig,ah ah ah ah ah ah ah

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: