Home > coste, difesa del territorio, giustizia, paesaggio, pianificazione, sostenibilità ambientale > 40 persone rinviate a giudizio per la lottizzazione sul Golfo di Cugnana, a Olbia.

40 persone rinviate a giudizio per la lottizzazione sul Golfo di Cugnana, a Olbia.


Sardegna, macchia mediterranea sul mare

Sardegna, macchia mediterranea sul mare

Quaranta persone, fra proprietari e tecnici, sono state rinviate a giudizio su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tempio Pausania con l’accusa di lottizzazione abusiva per la realizzazione di parecchie ville a Patron di Corru, località con vista sul Golfo di Cugnana, a Olbia.

Nell’agosto del 2012 il Comune di Olbia aveva dato corso alle sue competenze in tema di abusivismo edilizio (artt. 27 L e 30 L del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i., 18 della legge regionale n. 23/1985 e s.m.i.) e aveva avviato l’acquisizione al proprio patrimonio comunale delle strutture e delle relative aree interessate dalla lottizzazione ritenuta abusiva nell’area agricola (zona “E” dello strumento urbanistico comunale) di Patron di Corru, in seguito al mancato ottemperamento alla sospensione dei lavori entro il termine dei 90 giorni. E, anche in Sardegna, in area agricola possono essere realizzate solo strutture legate all’utilizzo agricolo del suolo, come confermato autorevolmente dalla giurisprudenza penale.

D’altro canto, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tempio Pausania insiste con i Comuni galluresi.

Vecchia storia: i Comuni hanno poca voglia di verificare le costruzioni in odore di abusivismo edilizio, ancor meno voglia di eseguire in via amministrativa gli ordini di demolizione contenuti nelle sentenze penali passate in giudicato.   E’ vero, spesso il personale a disposizione è scarso e ancora più scarsa è la disponibilità della Regione autonoma della Sardegna a fornire supporto professionale e materiale. Assolutamente nulla la volontà di eseguire interventi sostitutivi.

Bisogna ricordare che, però, sono proprio i Comuni il primo baluardo difensivo per l’abusivismo edilizio.

Ci ha pensato, ancora una volta, la magistratura a spingerli verso scelte virtuose.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

 

 

Maracalagonis, Baccu Mandara, cartello sequestro preventivo

cartello sequestro preventivo

da La Nuova Sardegna, 21 luglio 2015

Porto Rotondo. Case coloniche trasformate in ville a Cugnana, quaranta persone rinviate a giudizio.

Tecnici e proprietari a processo per la maxi lottizzazione abusiva di Patron di Corru. A giudizio anche l’ex presidente del consiglio comunale di Olbia Tonino Pizzadili, prosciolto invece l’ex capo dell’ufficio tecnico comunale Antonello Zanda.

 

da L’Unione Sarda, 21 luglio 2015 

Ville abusive sul Golfo di Cugnana. Quaranta persone rinviate a giudizio.

 

da Sardinia Post, 21 luglio 2015

Olbia, ville vista mare: in 40 a processo per lottizzazione abusiva.

 

Olbia, lottizzazione Patron di Corru

Olbia, lottizzazione Patron di Corru

 

(foto da L’Unione Sarda, S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. marzo 5, 2016 alle 7:26 pm

    e ora altre indagini, a Porto Cervo.

    da La Nuova Sardegna, 5 marzo 2016
    Porto Cervo, 80 ville con piscina a “La Mendula”: forestali a caccia di falsi agricoltori.
    Inchiesta della procura della Repubblica di Tempio su una lottizzazione abusiva realizzata nelle campagne di Santa Teresina. (Giampiero Cocco): http://lanuovasardegna.gelocal.it/olbia/cronaca/2016/03/05/news/porto-cervo-80-ville-con-piscina-a-la-mendula-forestali-a-caccia-di-falsi-agricoltori-1.13071945

  2. Terrae
    marzo 5, 2016 alle 11:01 pm

    L’Isola pullula di attrezzatoi agricoli diventati ville. E pure senza bisogno di inventarsi una lottizzazione abusiva.

    Tutto sottobanco alla luce del sole.

    Basta incrociare i dati per crocifiggere i mammaccùa degli uffici tecnici comunali … e dei vigili urbani.

  3. Fabrizio De Andrè
    marzo 6, 2016 alle 12:30 pm

    Penso che sia umiliante leggere di abusi conclamati,gestiti dal sistema,dove tutti sanno,si dividono il bottino e ci pigliano per il culo.Le forze dell’ordine poi fanno irruzione nei club,nelle case degli studenti che lottano contro le basi.Le irruzioni vanno fatte nei comuni,nelle case del potere e nei luoghi che dovrebbero controllare e invece chiudono gli occhi.Per piacere smettetela di prenderci per il culo….

  4. marzo 8, 2016 alle 10:51 pm

    A.N.S.A., 8 marzo 2016
    Gallura, lottizzazione abusiva 37 ville.
    Su terreni agricoli Arzachena vicino Costa Smeralda, 58 indagati: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2016/03/08/gallura-lottizzazione-abusiva-37-ville_4caf971f-08bf-4614-9353-31071741a0d1.html

    ________________________________________________

    da L’Unione Sarda, 8 marzo 2016
    Ville da sogno e campi da tennis abusivi. Sotto inchiesta impresari e acquirenti: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2016/03/08/ville_da_sogno_e_campi_da_tennis_abusivi_sotto_inchiesta_impresar-68-476427.html

  5. aprile 8, 2017 alle 7:57 pm

    da La Nuova Sardegna, 7 aprile 2017
    Olbia: costruisce abusivamente sul mare, poi demolisce tutto.
    Blitz della polizia in una villetta a Bados: il proprietario (scoperto) cerca di rimediare abbattendo le opere illegali: http://lanuovasardegna.gelocal.it/olbia/cronaca/2017/04/07/news/olbia-costruisce-abusivamente-sul-mare-poi-demolisce-tutto-1.15159764

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: