Home > "altri" animali, biodiversità, caccia, difesa del territorio, società, sostenibilità ambientale > Due “bravi” cacciatori e due fucili ora in mano a delinquenti.

Due “bravi” cacciatori e due fucili ora in mano a delinquenti.


pubblicità Federcaccia 2009

pubblicità Federcaccia 2009

Senza parole.

C’è solo da sperare che a questi non permettano mai più di avere un’arma.  Una qualsiasi, anche una pistola ad acqua.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

 

 

Cinghiali (Sus scrofa)

Cinghiali (Sus scrofa)

 

da L’Unione Sarda, 30 ottobre 2014

Fingono di aver subito rapina. Denunciati due cacciatori.

Due cacciatori hanno raccontato ai carabinieri di essere stati minacciati da due uomini armati di pistola. Ma si sono inventati tutto.

Hanno raccontato ai carabinieri di essere stati rapinati da due banditi armati di pistola che gli avevano portato via i fucili. Due cacciatori però sono stati smascherati dai carabinieri della compagnia di Quartu: si sono inventati tutto per non avere conseguenze dopo aver subito il furto dei fucili (calibro 12) lasciati incautamente nell’auto. Così i due cacciatori sono stati denunciati. Alle 5 i due uomini (di 50 e di 57 anni, entrambi di Quartu) hanno chiamato il 112 per denunciare una rapina: sarebbero stati avvicinati da due individui che armati di pistola li hanno minacciati facendosi consegnare i fucili da caccia. I carabinieri hanno avviato le indagini ma hanno intuito quasi subito che c’era qualche passaggio poco chiaro nella ricostruzione delle due vittime. Alla fine i cacciatori hanno confessato: si erano recati in un bar in via Marconi per la colazione lasciando i fucili nell’auto. Qualcuno ne ha approfittato rubando le armi. Avendo capito di aver compiuto una leggerezza i due cacciatori hanno deciso di mettere in scena la rapina. Ma sono crollati. I carabinieri li hanno denunciati per omessa custodia d’arma da fuoco e procurato allarme.

 

 

cartello "attenzione caccia al cinghiale"

cartello “attenzione caccia al cinghiale”

 

da Sardinia Post, 30 ottobre 2014 

Cagliari, gli rubano dall’auto i fucili da caccia: denunciato per omessa custodia.

Ero in un bar e mi hanno rapinato, portandomi via due fucili“: queste le parole dette da un cacciatore 50enne nelle telefonata di questa mattina al 112. L’episodio è avvenuto alle 5 in un bar di viale Marconi a Cagliari. L’uomo ha raccontato ai carabinieri che, mentre stava facendo colazione con un amico, si sarebbe avvicinato loro un bandito a volto scoperto che minacciandoli sarebbe riuscito a farsi consegnare i fucili calibro 12, un Beretta e un Breda.I carabinieri di Quartu hanno avviato le indagini scoprendo che in realtà non si era verificata alcuna rapina, ma solo il furto delle due armi dall’auto. Di qui la denuncia per omessa custodia di fucili e procurato allarme, sia contro il 50enne che contro l’amico di 57 anni. La bugia è stata scoperta quanto il cacciatore, messo alle strette dai carabinieri, ha infatti confessato ai militari di essersi inventato tutto

(pubblicità Federcaccia, foto L.A.C., S.D., archivio GrIG)

  1. mara
    ottobre 30, 2014 alle 3:50 pm

    E se i delinquenti che hanno ora le due armi le usano per un reato grave… saranno cavoli ancora più amari!

  2. M.A.
    ottobre 30, 2014 alle 3:52 pm

    Degno di Totò! Sacrosanta la denuncia! Quei fucili saranno venduti a caro prezzo chissa dove, e finiranno per essere una delle tante armi clandestine con la matricola abrasa, utilizzate per la caccia di frodo!

  3. giannantonio
    ottobre 30, 2014 alle 4:06 pm

    Chi infrange la legge é giusto che ne subisca le conseguenti sanzioni. Certo é che, purtroppo, molto spesso, con leggerezza, ci si dimentica del buon senso senza pensare alle pesanti conseguenze che ne possono derivare. il discorso vale per la mancata custodia delle armi ma é estendibile a tutte le attività quotidiane: cosa dire di chi lascia i bambini chiusi in macchina o di chi si mette alla guida in condizioni non di sicurezza mettendo a repentaglio la propria vita e quella di chi ha la sfortuna di trovarsi nel posto sbagliato.

    • ottobre 30, 2014 alle 8:40 pm

      sì, Giannantonio, ma ora stiamo parlando di due fucili con proiettili lasciati incustoditi e di un tentativo farlocco di simulare una rapina.
      Per i bambini lasciati abbandonati in auto ci saranno altre occasioni…

      Stefano Deliperi

  4. novembre 13, 2014 alle 10:42 pm

    e riprendono anche le rapine.

    da L’Unione Sarda, 13 novembre 2014
    Orgosolo, tentativo di rapina. Spari tra banditi e cacciatori: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_sardegna/2014/11/13/spari_tra_banditi_e_cacciatori-6-395644.html

  5. novembre 25, 2014 alle 2:58 pm

    onestà.

    da La Nuova Sardegna, 24 novembre 2014
    SASSARI. Aveva una pensione di invalidità, ma andava a caccia.
    Un sassarese di 60 anni è stato denunciato dai carabinieri del Nas. Nei guai anche il medico che gli ha rilasciato il certificato di sana e robusta costituzione per il porto d’armi: http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari/cronaca/2014/11/24/news/aveva-una-pensione-di-invalidita-ma-andava-a-tranquillamente-a-caccia-1.10370773

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: