Archivio

Posts Tagged ‘Lega Nord’

Io mi sento offesa.


mafaldaTale Dolores Valandro, esponente della Lega Nord e consigliera di quartiere a Padova, è, evidentemente, una signora alla moda e assai moderna, perciò ha voluto condividere con l’intero mondo virtuale dei “mi piace” tutta la grazia, la compassione, l’originalità di pensiero, la sensibilità di cui una donna può essere capace, o meglio di cui lei, e solo lei, può essere capace. E in cosa consiste cotanta grazia? Leggi tutto…

Chi vuole gratis quel cialtrone di Mario Borghezio?


Chi vuole gratis quel cialtrone di Mario Borghezio?     Chi se lo prende può fargli ammucchiare pietre, ridere delle sue boiate, dargli qualche sberla quando esagera, da quell’ubriacone da bar che è.        E’ possibile che non ci sia qualche dittatoruncolo che se lo prenda come buffone di corte?

Stefano Deliperi

 

P.S.   e queste boiate le spara per distogliere l’attenzione dalla gestione allegra dei fondi pubblici finiti alla Lega Nord… 

“Roma ladrona, la Lega non perdona!” Infatti…


Leggendo gli articoli e, soprattutto, le carte delle indagini penali sulla gestione allegra e disinvolta delle finanze della Lega Nord vengono in mente tanti slogan e iniziative cialtroni dei nostri indipendentisti padani.    Nonostante le intercettazioni (ed è per questo, evidentemente, che i leghisti appoggiavano l’allora premier Silvio Berlusconi per farle fuori) e le ammissioni dei collaboratori del vertice leghista, la colpa è dei “magistrati inviati da Roma padrona e ladrona”, secondo quel bell’esemplare di faccia di melma del leader Umberto Bossi.           Leggere, per credere, i documenti e e le intercettazioni che “l’Espresso” pubblica qui di seguito: cliccate qui per scaricare il documento completo.  

Stefano Deliperi

Leggi tutto…

Lega Nord e PsdAz, inutili idioti.


Presso la Commissione permanente “cultura” della Camera dei Deputati si elabora una proposta di legge che prevede che dal 2012-2013 nelle scuole siano organizzati percorsi didattici per riflettere sul periodo sul significato del Risorgimento, durante cui si insegni nelle scuole anche l’inno di Mameli.

Blaterano i leghisti, già ruota di scorta di Berlusconi in tutte le nefandezze, peggio ancora i sardisti dalla schiena dritta, ruota di scorta del proconsole di Berlusconi. Sperano che il popolo italiano e il popolo sardo se ne dimentichino e si dimentichino delle loro sciagurate incapacità, che han portato l’Italia e la Sardegna, in particolare, in lunghi anni di carestia sociale ed economica.

Stefano Deliperi

 

 

A.G.I., 6 marzo 2012

Inno a scuola: giovani padani, come leggere il Corano in chiesa: Leggi tutto…