Home > energia, Europa, guerra, Italia, società, sostenibilità ambientale, trasporti > Comiche petrolifere (già raffinate).

Comiche petrolifere (già raffinate).


Nel giro di qualche giorno il prezzo dei carburanti è aumentato a dismisura (+84,28% per la benzina, +88,86% per il gasolio) con l’alibi della guerra in Ucraina.

Accise e tasse sono invariate.

In realtà, non siamo in presenza di una misura per scoraggiare il traffico veicolare privato, non siamo in presenza di un consistente aumento del prezzo del petrolio a livello internazionale (al 15 marzo 2022 è inferiore ai 100 dollari al barile), siamo in presenza di una pura speculazione.

Avviene solo in Italia.

Siamo in presenza di una colossale truffa”, ha affermato senza tanti giri di parole il Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani.

Bene, dopo averne preso coscienza, in attesa di una seria politica ambientale dei trasporti, non sarebbe il caso di fare un passo in più?

Per esempio, perché non far diminuire i prezzi all’ENI s.p.a., controllata dallo Stato, che detiene più del 22% della quota di mercato[1] dei carburanti in Italia?

Per esempio, perché non ridurre la quota di accise (insieme all’IVA, il 55% del prezzo della benzina, il 52% del prezzo del gasolio, ben 1,13 miliardi di euro nel solo mese di gennaio 2022)?

Per esempio, perché non imporre un prezzo equo calmierato, almeno temporaneamente?

Gruppo d’Intervento Giuridico odv

Italia, royalty petrolio e gas (da http://www.petrolioegas.it)

da Il Fatto Quotidiano, 12 marzo 2022

Caro benzina, Cingolani: “Colossale truffa, il nervosismo dei mercati arricchisce poche persone a discapito dei cittadini.

“Il mercato specula, ed è lo stesso motivo per cui ci troviamo la benzina a 2,20 e non so perché. Da un lato le accise servono a far funzionare lo Stato, dall’altro il nervosismo che raddoppia, quadruplica o quintuplica il prezzo fa solo arricchire pochi e credo che ciò vada attaccato per primo. Noi faremo la nostra parte del nostro meglio. Ma qui siamo in presenza di una colossale truffa, che viene dal nervosismo che continuo ironicamente a menzionare, che è fatta a spese delle imprese e dei cittadini”. Lo ha detto a Sky Tg24 il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, ospite di Progress.


[1] IP dovrebbe detenere il 24% del mercato nazionale dei carburanti, Q8 dichiara di essere al 12,5%, TAMOIL dichiara di essere a più del 6%.

automobile

(foto S.D., archivio GrIG)

  1. giulio
    marzo 16, 2022 alle 9:36 am

    “Avviene solo in Italia.” Questo non è vero, anche nella stessa tabella che avete linkato il prezzo in germania e olanda è altissimo (ma gia ne avevo conferma da altre fonti)

    • marzo 16, 2022 alle 1:13 PM

      questi scandalosi aumenti in pochi giorni sono avvenuti solo in Italia.
      Il prezzo in Germania e nei Paesi Bassi era già alto (per i nostri parametri) come alto è il costo della vita.

  2. capitonegatto
    marzo 16, 2022 alle 11:17 am

    Il ministro , dopo aver detto che c’e’ una truffa, perche’ tace su chi sono
    i truffatori ?, mentre si sa benissimo chi sono i truffati. E perche’ le accise non vengono diminuite in modo consistente , e non con misere 0,16 e. come indicato ?

  3. marzo 16, 2022 alle 2:48 PM

    A.N.S.A., 16 marzo 2022
    Benzina: giro di ribassi, Eni taglia altri 5 cent.
    Le compagnie riducono i prezzi raccomandati, Q8 fino a 8 cent: https://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2022/03/16/benzina-giro-di-ribassi-eni-taglia-altri-5-cent_d41bfd68-5ce1-43b3-a3cf-d36960f43570.html

    _________________

    da L’Unione Sarda, 16 marzo 2022
    Prezzi di benzina e pasta, indaga la Procura di Cagliari.
    Approfondimenti investigativi affidati alla Guardia di finanza: https://www.unionesarda.it/news-sardegna/cagliari/prezzi-di-benzina-e-pasta-indaga-la-procura-di-cagliari-smky33vu

    _____________________

    da La Stampa, 14 marzo 2022
    Rincari prezzi energia e caro benzina, la procura di Roma apre un’inchiesta.
    La magistratura apre un’inchiesta dopo le dichiarazioni del ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani che aveva definito «truffa» e «ingiustificati» l’impennata dei prezzi alla pompa di benzina: https://www.lastampa.it/cronaca/2022/03/14/news/caro_benzina_e_aumenti_truffa_la_procura_di_roma_apre_un_inchiesta-2873681/

  4. marzo 16, 2022 alle 10:11 PM

    A.N.S.A., 16 marzo 2022
    Cingolani: ‘Il governo ragiona su un’accisa mobile sui carburanti’.
    Caro bollette, in Aula al Senato l’informativa di Cingolani: https://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2022/03/16/caro-bollette-in-aula-al-senato-linformativa-di-cingolani-_d6a61c02-298a-4478-9310-75d4b6041b2d.html

    • marzo 17, 2022 alle 10:27 am

      qualche elemento in più

      da Il Fatto Quotidiano, 16 marzo 2022
      Rincari dell’energia, Cingolani: “Colpa della speculazione sul mercato europeo”. Ma non parla degli extra-profitti degli importatori.
      Il ministro in audizione torna a parlare di “aumenti ingiustificati” visto che la quantità di gas importato dalla Russia non è calata. Le anomalie erano iniziate diversi mesi prima, a metà del 2021: dietro ci sono contratti finanziari che puntano non all’effettivo acquisto di materia prima per rivenderla, ma solo a lucrare con scommesse al rialzo. Resta però fuori dalla sua analisi il ruolo dei grandi gruppi importatori, che possono lucrare sulla differenza tra il costo previsto dai contratti pluriennali di acquisto e gli altissimi prezzi spot. (https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/03/16/rincari-dellenergia-cingolani-colpa-della-speculazione-sul-mercato-europeo-ma-non-parla-degli-extra-profitti-degli-importatori/6527218/)

      “Non c’è qualcuno in Italia che sta facendo qualcosa di sbagliato. Il problema è la grande speculazione in certi hub in cui si scambiano certificati e future: il Ttf a livello europeo e il Psv italiano”. Sabato scorso il ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani aveva causato un certo scompiglio parlando di “colossale truffa” sui prezzi dell’energia e “aumenti ingiustificati” senza chiarire chi fossero gli indiziati, né se si riferisse anche ai rincari della benzina. Mercoledì in audizione al Senato ha dato qualche chiarimento sul meccanismo responsabile dell’impazzimento del mercato, che nulla ha a che vedere con la guerra in Ucraina. Ma ha lasciato fuori dall’analisi il ruolo dei maggiori gruppi importatori di gas, che lucrano sulla differenza tra i bassi prezzi previsti dai contratti pluriennali in base ai quali si approvvigionano e gli altissimi prezzi spot (quelli che valgono in quel determinato momento) incassati dai grossisti a cui rivendono la materia prima.

      “A parità di quantità di gas (importato dalla Russia, ndr) oggi abbiamo il gas a 1,5 euro al metro cubo. Un anno fa di questi tempi era a 30 centesimi. Questo mette tutti in ginocchio. Non abbiamo un perché debba costare così tanto, è un aumento ingiustificato”, ha ribadito Cingolani. “I grafici mostrano che nel giorno in cui è scoppiato il conflitto c’è un’impennata“. Il 24 febbraio, subito dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, sull’hub olandese Ttf i future sono infatti volati da 88 a 132 euro, senza alcun collegamento con i flussi di export da Mosca. Le anomalie sui prezzi erano comunque iniziate diversi mesi prima, a metà del 2021: come ha fatto notare l’economista industriale Luigi Bidoia, fino ad allora i prezzi sul Ttf e quelli doganali – rilevati all’arrivo del gas attraverso metanodotti o rigassificatori – erano perfettamente allineati, mentre dalla scorsa estate il prezzo spot è esploso. Dietro ci sono contratti finanziari che puntano non all’effettivo acquisto di gas per rivenderlo, ma solo alla speculazione attraverso scommesse al rialzo: come rilevato dal Sole 24 Ore, all’inizio di marzo a fronte di 134 soggetti commerciali c’erano 218 soggetti finanziari (hedge fund e banche d’affari, da Goldman Sachs a Morgan Stanley) esposti sul gas del Ttf. Questo “influenza tutto: il prezzo dell’elettricità e perfino le raffinerie che producono il gasolio, per cui si alza tutto”. Sta qui, dunque, il legame con i rincari del carburante al netto di eventuali manovre sugli stoccaggi da parte delle compagnie.

      L’impatto è invece diretto sul vertiginoso aumento dei prezzi dell’energia: sul Punto di scambio virtuale del gas naturale in Italia (Psv) il prezzo è passato “dai circa 20 euro a megawattora di gennaio 2021, pari a 0,2 euro a metro cubo di gas, ai circa 160 euro a megawattora pari a 1,7 euro a metro cubo delle prime settimane di marzo, con un aumento di quasi otto volte e con punte giornaliere che hanno superato i valori record di 200 euro/MWh nei mesi scorsi”. Di conseguenza il Pun (Prezzo Unico Nazionale) dell’energia all’ingrosso ha toccato i valori più elevati da quando la borsa italiana è stata costituita, arrivando a superare i 600 euro/MWh. Qual è il canale di collegamento, in questo caso? Il costo marginale sulla Borsa elettrica, in attesa dell’auspicato “disaccoppiamento” che dovrebbe far parte del prossimo pacchetto di misure Ue, si basa solo sulla produzione da impianti a gas. E non tiene conto del fatto che l’elettricità prodotta da rinnovabili oggi è di gran lunga più economica.

      A fronte di questa situazione, Cingolani ha auspicato che a livello europeo si raggiunga un accordo su un tetto ai prezzi del gas all’ingrosso: nel breve periodo gli esportatori non potrebbero che accettare la decisione, ha detto, considerato che la Ue compra tre quarti del gas mondiale e al momento non ci sono acquirenti alternativi adeguatamente collegati con gasdotti di sufficiente portata. C’è però un altro aspetto che il ministro non ha toccato: gli extraprofitti realizzati dai grandi operatori sul mercato italiano. In prima fila Eni, che in base alle rilevazioni Arera è di gran lunga il primo importatore con quasi il 50% del totale (dato 2020) e rivende poi il 77% del proprio gas ad altri rivenditori all’ingrosso al prezzo spot.

      Come ha rilevato Mario Menichella in un report per la Fondazione Hume, considerato che il gruppo partecipato dal Tesoro acquista quasi i due terzi a prezzi doganali che riflettono quelli stabiliti da contratti pluriennali, “ha un guadagno notevole dato dalla differenza tra i prezzi del gas sul mercato spot” influenzati come abbiamo visto dalla speculazione sul Ttf “e quelli, ben più bassi, dei contratti a lungo termine”. Nell’ultimo trimestre del 2021 il Cane a sei zampe ha registrato un utile netto di 2,1 miliardi sui 4,7 complessivi dell’anno, la performance migliore da dieci anni. Sono i famosi “extraprofitti” che Palazzo Chigi starebbe valutando di tassare, dopo che a gennaio il governo ha deciso di colpire solo quelli da fonti rinnovabili. Quella norma tra l’altro era congegnata così male che nel decreto antifrodi di febbraio è stata riscritta.

  5. Porico.
    marzo 17, 2022 alle 12:32 PM

    Ricapitolando: Un ministro responsabile che si lamenta di una colossale truffa ai danni degli inermi cittadini ,i quali si aspettano dallo Stato ,un ripristino di legalità. Il ministro che ammette candidamente che lui conta nulla e contano invece solo i criminali che si impossessarono dello Stato fin dal 1992. Forse è il caso di cambiare qualcosa prima che tutto ci crolli addosso.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: