Home > beni culturali, coste, difesa del territorio, guerra, mare, paesaggio, società, sostenibilità ambientale > E se venisse realizzato in Gallura un museo all’aperto delle fortificazioni costiere?

E se venisse realizzato in Gallura un museo all’aperto delle fortificazioni costiere?


forte-san-giorgio

La Maddalena, S. Stefano, Forte S. Giorgio

Forte Cappellini, sulle coste di Arzachena, è una fortificazione militare realizzata nel primo ’800 sul mare della Gallura.

Con decreto dell’1 febbraio 2017 è stato dichiarato “bene culturale” (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.). Oggi, di proprietà della Regione autonoma della Sardegna, è affittato per 375 mila euro all’anno a un’impresa turistica.

Se il Comune di Arzachena desidera acquisirlo davvero, anzichè limitarsi a intenzioni generiche, farebbe bene a predisporre almeno un progetto di massima per il suo durevole utilizzo a fini pubblici, per esempio, con il coinvolgimento degli altri Comuni rivieraschi, un museo all’aperto delle fortificazioni costiere, presenti nei punti strategici del litorale della Gallura.

Una volta tanto i Comuni galluresi potrebbero puntare su ambiente, storia e cultura, no?

Gruppo d’intervento Giuridico onlus

 

 

Gallura, costa

Gallura, costa

da La Nuova Sardegna, 21 ottobre 2018

Forte Cappellini ai privati: il Grig contro la Regione.

L’associazione ambientalista critica la scelta di non trasferire la struttura, sede del club Phi Beach sino all’ultima estate, al Comune di Arzachena. Il presidente Deliperi: «Sarebbe bello fare un museo delle fortificazioni costiere». (Walkiria Baldinelli)

ARZACHENA. «Forte Cappellini deve essere acquisito nel patrimonio comunale». È quanto sostiene il Gruppo di intervento giuridico (Grig) dopo che la Regione con una manifestazione di interesse è intenzionata a rinnovare con un canone annuo di 375mila euro l’affitto decennale del fabbricato a Baja Sardinia, oggi in mano ai privati (in funzione sino all’ultima estate il club-ristorante-discoteca Phi Beach).

L’associazione ambientalista suggerisce all’ente locale di presentare a Cagliari un progetto di destinazione di interesse pubblico, ad esempio, un museo delle fortificazioni costiere. La struttura storica, d’altronde, è considerata alla stregua del Colosseo, cioè un monumento nazionale super tutelato.

«Se il Comune di Arzachena desidera acquisirlo davvero, anziché limitarsi a intenzioni generiche, farebbe bene a predisporre almeno un progetto di massima per il suo durevole utilizzo a fini pubblici, per esempio, potrebbe trasformarlo in un museo delle fortificazioni costiere – dichiara il presidente del Grig, Stefano Deliperi –. In queste condizioni è quasi scontato che la Regione preferisca continuare a darlo in locazione per una bella cifra (375mila euro annui). È un bene culturale di interesse storico che, comunque, non può esser modificato».

Nel frattempo è slittata dal 20 al 30 ottobre la scadenza per protocollare le domande di adesione alla manifestazione di interesse. Il contratto, come riportato nell’avviso regionale, si ipotizza possa essere sottoscritto entro il 4 novembre. L’amministrazione di Arzachena continua a rivendicare il bene sottoposto a vincoli di interesse culturale, storico e artistico. Forte anche di un protocollo d’intesa sottoscritto da Regione e Comune nel 2013.

«In cui si evidenziavano un elenco di beni demaniali e le rispettive finalità di interesse pubblico – sottolinea il presidente del Consiglio comunale, Rino Cudoni –. Non si capisce perché mentre all’epoca si avviavano le procedure per la cessione, poi siano stati acquisiti nel patrimonio dell’ente locale solo alcuni beni, ad esempio, Capriccioli, Punta Battistoni, l’ex albergo Santa Lucia nel borgo del centro storico. Su Forte Cappellini il corto circuito del dialogo fra i due enti deve essere riparato, Regione e Comune devono riavviare un dialogo politico, non tra funzionari».

Per l’amministrazione l’esito della manifestazione di interesse per Forte Cappellini non è scontato. «Dispiace che questi beni demaniali dismessi e abbandonati siano tenuti in scacco dalla Regione invece di essere ceduti agli enti locali», commenta il sindaco Roberto Ragnedda, che mesi fa dal Consiglio comunale aveva ricevuto il mandato, insieme alla sua giunta, di attivare una ricognizione e la successiva acquisizione dei beni immobili regionali nel patrimonio dell’Ente. «Le istanze sono rimaste lettera morta, nonostante il Comune abbia spiegato a più riprese di puntare alla loro valorizzazione e tutela».

 

mare e coste

mare e coste (foto Benthos)

(foto da Wikipedia, per conto GrIG)

 

Annunci
  1. PIETRO PIRREDDA - Arzachena (SS)
    ottobre 23, 2018 alle 10:03 am

    Meglio il Phj Beach!
    Parlate del Castello di San Michele e lasciate alla Gallura le sue bellezze cosi come stanno.
    Il Comune sa cosa andrebbe a perdere seguendo il vostro suggerimento.
    Perchè invece non parlate dei vari fortini presenti anche nei comuni limitrofi di quel tratto di mare?
    Monte Altura può essere un museo, le batterie di Caprera, La Maddalena, Santa Teresa di Gallura, Palau e Battistoni (Arzachena) lo possono essere ma Forte Cappellini è già ben valorizzato a livello mondiale grazie al Phj Beach.
    Forse vi da fastidio che li non è stato fatto un parchetto???

    • ottobre 23, 2018 alle 4:50 pm

      Pietro, mi pare che abbia letto troppo velocemente l’articolo 😉

      Non abbiamo chiesto alcun “parco”, c’è già il parco nazionale dell’Arcipelago della Maddalena. In realtà, è il Comune di Arzachena che vuol acquisire dalla Regione il Forte Cappellini.

      Per farne che? Non si sa.

      Una cosa sensata sarebbe quella di realizzare un museo all’aperto delle varie storiche fortificazioni costiere della Gallura: da Monte Altura a Battistoni, da Caprera a S. Stefano, così da farne anche un richiamo turistico.

      Senza un progetto concreto la Regione continuerà ad affittare il Forte Cappellini, per la felicità del Comune di Arzachena 🙂

      Stefano Deliperi

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: