Home > "altri" animali, biodiversità, difesa del territorio, Europa, mare, società, sostenibilità ambientale, viaggi > Gli Orsi polari non dovrebbero difendere il proprio territorio, per i cretini.

Gli Orsi polari non dovrebbero difendere il proprio territorio, per i cretini.


Orso polare ucciso

Orso polare (Ursus maritimus) ucciso sulle Isole Svalbard (luglio 2018)

Un Orso polare (Ursus maritimus) è stato ucciso in una delle Isole Svalbard da un addetto di una società turistica tedesca per aver attaccato una guida che accompagnava un gruppo di turisti al safari dei ghiacci.

L’Orso polare avrebbe difeso il proprio territorio.

I cretini armati avrebbero difeso i propri lucrosi interessi turistici.

Forse rimangono 20-25 mila Orsi polari in tutto il mondo, a rischio per la diminuzione degli habitat naturali e i cambiamenti climatici.

I cretini dovrebbero rimanersene a casa, senza far loro ulteriori danni.  Certo tipo di turismo va assolutamente ripensato, per non dire altro.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

 

A.N.S.A., 30 luglio 2018

Polemiche per orso ucciso alle Svalbard.

L’animale aveva ferito una guida tedesca. Animalisti insorgono.

 

 

da La Stampa, 30 luglio 2018

Norvegia: un orso polare attacca un uomo addetto a un gruppo di turisti e viene abbattuto. Polemici gli ambientalisti: “Ogni esemplare conta”.

Un orso polare è stato abbattuto in Norvegia, nell’arcipelago delle isole Svalbard, dopo aver ferito un uomo. A quanto riferito dalle autorità norvegesi, l’episodio è avvenuto sabato. L’uomo, 40 anni, impiegato della compagnia tedesca Hapag-Lloyd Cruises, lavorava sulla nave MS Bremen ed era a bordo con un gruppo di turisti, diretti verso la costa. Poco dopo lo sbarco, ha spiegato la società, un orso polare l’ha attaccato «inaspettatamente» alla testa.

«L’orso è stato abbattuto da un altro dipendente, che era sull’imbarcazione», ha spiegato il commissario Ole Jakob Malmo, dell’isola di Spitzberg, dove è avvenuto l’incidente. La compagnia Hapag-Lloyd Cruises ha parlato di un atto di «autodifesa». «Ci dispiace molto per questo incidente», ha dichiarato Moritz Krause, portavoce della società. L’uomo ferito è ora ricoverato e non è in pericolo di vita.

Sulle isole Svalbard, il cui 60 per cento è ricoperto di ghiaccio, vivono più orsi polari che uomini, le cifre parlano di 3.000 esemplari. Tutte le imbarcazioni che viaggiano nella zona sono obbligate ad avere a bordo delle guardie per proteggere i turisti dagli orsi, durante i tour organizzati.

Il Wwf ha inserito gli orsi polari nella categoria “vulnerabile” nella scala delle specie a rischio estinzione. «È un fatto incredibilmente tragico – ha detto l’ambientalista alla Cnn -. Quando ci sono solo 25.000 orsi polari in tutto il pianeta, ogni esemplare conta. Quando entri in questo ecosistema come turista, esploratore o scienziato, hai la responsabilità di seguire i protocolli per assicurarti di rimanere al sicuro e di non interferire con il comportamento selvaggio degli orsi polari».

La reazione online all’episodio è stata molto critica. Tra queste anche l’attore comico britannico Ricky Gervais che su Twitter ha tuonato: «Avviciniamoci troppo a un orso polare nel suo habitat naturale e poi uccidiamolo, se viene troppo vicino. Imbecilli».

 

 

(foto A.N.S.A.)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: