Home > "altri" animali, biodiversità, bracconaggio, caccia, difesa del territorio, sostenibilità ambientale > In galera (magari) il delinquente che ha ucciso il rarissimo Ibis eremita!

In galera (magari) il delinquente che ha ucciso il rarissimo Ibis eremita!


280px-waldrapp_geronticus_eremita

 

Ci risiamo, nei giorni scorsi vicino Thiene (VI) un altro esemplare di fauna selvatica particolarmente protetta abbattuto da un cacciatore (pallini usati nell’attività venatoria sono stati rinvenuti nel corpo dell’animale), un atto compiuto con piena consapevolezza dato che è praticamente impossibile per chi ha conoscenza degli uccelli confondere un Ibis eremita (Geronticus eremita) con una specie cacciabile.

Un delinquente della peggiore specie, con il più totale disprezzo nei confronti di un patrimonio di tutti e del duro lavoro svolto da chi la natura la rispetta e la protegge.

Già in precedenza altri due esemplari, appartenenti allo stesso stormo, erano stati abbattuti (ottobre 2012) da un cacciatore-bracconiere in Toscana, poi individuato e condannato (settembre 2016), ancora un altro esemplare era stato abbattuto all’apertura della stagione di caccia 2016 sempre in Toscana, ora la sorte è toccata ad un esemplare che aveva scelto il vicentino per fermarsi a riposare prima di riprendere la migrazione.

Il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e la L.A.C (Lega per l’Abolizione della Caccia) hanno fatto una denuncia (13 ottobre 2016) alle amministrazioni pubbliche e alla Procura della Repubblica competenti con la richiesta di procedere penalmente nei confronti dei responsabili.

Ci auguriamo che il seminatore di morte che ha abbattuto questo splendido e rarissimo animale venga presto identificato e punito in modo fermo e deciso per il gesto compiuto, per aver privato la collettività di un bene prezioso e per il disprezzo dimostrato nei confronti della legge.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus                     Lega per l’Abolizione della Caccia

 

 

 

(foto da Wikipedia)

Annunci
  1. Carlo Forte
    ottobre 15, 2016 alle 10:20 am

    Senza parole…

  2. Terrae
    ottobre 15, 2016 alle 11:48 am

    Che venga “depallinato” … e lo scroto appeso al chiodo a futura memoria:

    OH CALLONIIII !

  3. Mara
    ottobre 16, 2016 alle 8:17 am

    Questo ennesimo deprimente episodio di imbecillità rafforza sempre più il disprezzo verso la caccia. Sono troppi gli idioti, armati, in circolazione. Concordo con Terrae e mi raccomando: “senza anestesia”.

  4. M.A.
    ottobre 17, 2016 alle 1:47 pm

    Non si può parlare di caccia. Il tizio che ha commesso il reato, titolare di licenza o meno, è semplicemente un CALLONI, condivido con Terrae! Qualsiasi uccisione di specie non cacciabili, destinati alla nutrizione umana, sono frutto della perversione umana!

    • Mara
      ottobre 17, 2016 alle 6:58 pm

      M.A.. “Tu provochi e io me te magno” Non so perché ogni volta che ti leggo mi viene in mente questa battuta.. 🙂
      p.s. non apro un’alta polemica, ma ad esempio io ammazzo (volentieri) le zanzare e le mosche e trovo perverso aggirarsi per i boschi armati di fucile anzichè di voglia di ammirare il mondo.

      • M.A.
        ottobre 17, 2016 alle 11:16 pm

        So benissimo quale sia il tuo punto di vista e lo rispetto! 🙂 Io sono cresciuto con la consapevolezza che tutti i “frutti” della natura come gli animali di terra, di mare o vegetali siano delle risorse fruibili all’uomo a fine alimentare. Tutto ciò che mi procuro con le mie mani, con il mio lavoro e con la mia abilità è incredibilmente più buono e gustoso di tutti i prodotti analoghi reperibili in un comune supermarket. È questa la mia più grande soddisfazione. Ho costruito le mie più grandi passioni: la caccia, la pesca e la raccolta. Riesco a distribuirle duante tutto l’anno in base ai periodi consentiti e alla ciclicità delle stagioni, permettemdomi di viverle come delle piacevoli interruzioni tra una routine settimanale e l’alta settimana successiva. Quel giorno, la domenica, per chi è come me, viene vissuto come un momento privato, senza mogli, madri, fidanzate e figli. 8 ore di relax mentale e quando sei fortunato e torni a casa ti godi a tavola quel che trovi. Se non esistesse il nesso con l’alimentazione non esisterebbero, per quanto mi riguarda, queste passioni. Mi piace tantissimo ammirare il mondo, giro e viaggio tanto. Ma in natura non limito solo a quello, mi spingo oltre e la vivo fino in fondo così come la mia natura umana permette. Io sono molto geloso della mia terra. Raccolgo decine di bossoli sparati da altri ogni giorno di caccia, a volte se capita la carta del panino buttata in mezzo al bosco dal cercatore di funghi occasionale o al mare se in spiaggia vedo matasse di lenza sputate dopo una mareggiata, raccolgo tutto e butto nel secco a casa mia. Non mi costa nulla. Quando per esempio vedo un campo di ferula trattato con glli erbicidi dove per 20 anni ho tagliato “s’antunna” oppurequando vedo l’agricoltore che bonifica la macchia mediterranea per arare, o ancora che elimina i rovi dove ho cacciato i conigli, mi tocca l’anima ( non lo stomaco 😀 ) perchè distruggono una risorsa che non sarà più fruibile per le altre generazioni.

      • Mara
        ottobre 19, 2016 alle 9:19 pm

        Devo dire, caro M.A. che anche io ti rispetto. E se non fossi un cacciatore saresti perfetto! 🙂 🙂 🙂

  5. novembre 7, 2016 alle 2:52 pm

    ancora!

    da La Repubblica, 6 novembre 2016
    Brescia, l’ibis eremita protetto dalla missione Ue morto impallinato dai bracconieri: http://milano.repubblica.it/cronaca/2016/11/06/news/caccia_ibis_bracconaggio-151432928/

  6. novembre 17, 2016 alle 2:56 pm

    A.N.S.A., 16 novembre 2016
    Ibis eremita minacciati da caccia, impallinato uno su 4.
    Colpiti esemplari adulti che hanno ‘imparato’ la migrazione: http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/animali/2016/11/16/ibis-eremita-minacciati-da-caccia-impallinato-uno-su-4_65a30673-8e48-4673-ba28-02d524beb492.html

    • Mara
      novembre 17, 2016 alle 6:22 pm

      E un esame oculistico e uno psichiatrico OBBLIGATORI per chi detiene la licenza di caccia?

  7. luglio 10, 2017 alle 2:44 pm

    condannato definitivamente il cacciatore che uccise due esemplari di Ibis eremita presso LIvorno.

    da La Repubblica, 5 giugno 2017
    Due rarissimi Ibis uccisi a Livorno, Cassazione conferma condanna per un cacciatore.
    La specie è sotto tutela mondiale. Nel 2016 abbattuti altri 3 uccelli. (Gerardo Adinolfi): http://firenze.repubblica.it/cronaca/2017/06/05/news/due_ibis_uccisi_a_livorno_cassazione_conferma_condanna_per_un_cacciatore-167319779/

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: