Home > "altri" animali, alberi, biodiversità, difesa del territorio, paesaggio, società, sostenibilità ambientale > Otto nuovi alberi monumentali per Cervarese S. Croce.

Otto nuovi alberi monumentali per Cervarese S. Croce.


Cervarese S. Croce, Fossona, filare di Querce monumentali

Cervarese S. Croce, Fossona, filare di Querce monumentali

Il Gruppo d’Intervento Giuridico, con grande contentezza e gratitudine, rende noto di aver ricevuto, in data 14 ottobre 2015, una relazione tecnica dallo Studio Forestale di Gabriele Pezzani (http://www.gabrielepezzani.it/), iscritto all’Albo dei Dottori Agronomi e Forestali della provincia di Trento, con la quale si certifica l’esistenza di un filare di otto alberi monumentali nella frazione di Fossona, Comune di Cervarese S. Croce (PD), in mezzo ai terreni coltivati tra Via Bosco e Via Roma.

Nello stesso tempo la segnalazione è stata inviata da Pezzani, con Posta Elettronica Certificata, al Corpo Forestale dello Stato e all’Ufficio Tecnico del Comune di Cervarese S. Croce per l’inserimento delle piante nell’ Elenco degli alberi monumentali d’Italia ai sensi della Legge 14 gennaio 2013, n. 10 e del Decreto 23 ottobre 2014 del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Si tratta di un filare costituito da sette Farnie (Quercus robur) e un Olmo campestre (Ulmus minor) che si sviluppa secondo la direzione nord – sud. Pezzani suppone siano piante di età variabile tra gli ottanta e i cento anni.

il dott. Gabriele Pezzani durante le operazioni di censimento (ott. 2015)

il dott. Gabriele Pezzani durante le operazioni di censimento (ott. 2015)

Il Dottore In Scienze Forestali ed Ambientali parla della “necessità di salvaguardia del filare, relitto di quello che era la pianura padano-veneta, le cui specie formanti lo stesso sono sicuramente autoctone e lontane da processi di selezione vivaistico-commerciale, pertanto pure.” Sottolinea inoltre “l’importanza del filare come punto di passaggio, nidificazione ed altre funzioni bioecologiche nei confronti dell’avifauna ed entomofauna locale.” E ricorda “le nuove misure messe in atto dalla Comunità Europea le quali vogliono dare sempre maggiore rilievo a queste formazioni con la definizione dei nuovi PSR (Piani di Sviluppo Rurale) a sottolineare l’importanza ecologica, ambientale e di conservazione delle formazioni forestali tipicamente a filare costeggianti le aree a coltivi, oramai diventate una rarità.”

La stessa Veneto Agricoltura, Azienda della Regione Veneto, ora in corso di liquidazione per poi diventare “Agenzia veneta per l’innovazione nel settore primario”, nella Pubblicazione intitolata “Le querce autoctone del Veneto” a cura di Francesco Pernigotto Cego (http://www.venetoagricoltura.org/basic.php?ID=1638), scriveva: “La Pianura Veneta, attualmente ospite di coltivazioni intensive e insediamenti abitativi e produttivi, era originariamente coperta da estese foreste miste costituite da numerose specie di latifoglie. L’erosione del manto forestale originario, iniziata all’epoca della colonizzazione romana e proseguita con fasi alterne fino a oggi, ha condotto all’eliminazione della foresta, che è sopravissuta in piccoli lembi spesso fortemente compromessi e isolati in un territorio ormai capillarmente antropizzato. L’intensificazione delle pratiche agricole, nella seconda metà del ’900, ha privato vaste aree della pianura di elementi caratterizzanti il paesaggio rurale tradizionale, come siepi e boschetti; inoltre, lo sviluppo delle attività produttive degli ultimi decenni ha introdotto forti elementi di frammentazione del territorio riducendo e compromettendo ogni residuo spazio di naturalità nella nostra pianura. La ricostituzione delle foreste planiziali risponde oggigiorno alle nuove esigenze della collettività, come ad esempio la possibilità di fruire di spazi naturali, di un ambiente più sano e di un paesaggio più armonioso, senza dimenticare le molteplici funzioni che il bosco è in grado di svolgere (fitobiodepurazione, difesa dai rumori e dagli inquinanti, assorbimento dell’anidride carbonica con contenimento dell’effetto serra, difesa idrogeologica del territorio, incremento della fauna selvatica ecc.).

La Farnia (Quercus robur), appartenente al genere Quercus, comprendente circa 300 specie diffuse prevalentemente nelle regioni temperate dell’emisfero boreale, era la specie guida dei boschi che un tempo ricoprivano la Pianura Padana e può essere considerata come l’emblema di questa nuova fase storica che auspicabilmente vedrà ritornare i boschi nelle campagne e presso i centri urbani.”

Gabriele Pezzani ha ritrovato le querce e con loro la dimora del Picchio rosso maggiore (Dendrocopus major) e del Picchio verde (Picus viridis), che sono stati osservati tra le querce monumentali.

Un lavoro ben fatto. Un servizio per tutta la collettività.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus – Veneto

 

Cervarese S. Croce, localizzazione del filare di Querce monumentali

Cervarese S. Croce, localizzazione del filare di Querce monumentali

 

Cervarese di S. Croce, Fossona, filare di Querce monumentali

Cervarese di S. Croce, Fossona, filare di Querce monumentali

 

Il Mattino di padova, 2 novembre 2015

Il Mattino di padova, 2 novembre 2015

(foto M.F., archivio GrIG)

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: