Home > aree urbane, beni culturali, biodiversità, coste, difesa del territorio, escursioni guidate, mare, paesaggio, sostenibilità ambientale > Splendida escursione sulla Sella del Diavolo nella X Giornata nazionale del Trekking urbano!

Splendida escursione sulla Sella del Diavolo nella X Giornata nazionale del Trekking urbano!


Cagliari, Sella del Diavolo, gruppo di escursionisti in occasione della X Giornata nazionale del Trekking urbano (2013)

Cagliari, Sella del Diavolo, gruppo di escursionisti in occasione della X Giornata nazionale del Trekking urbano (2013)

Un centinaio di partecipanti di tutte le età, compresi alcune studentesse straniere e un monaco buddista, hanno preso parte – giovedi 31 ottobre 2013 – all’escursione guidata sul sentiero naturalistico ed archeologico della Sella del Diavolo in occasione della X Giornata nazionale del Trekking urbano, alla quale ha aderito anche la città di Cagliari.

Cagliaritani e turisti hanno potuto apprezzare con entusiasmo storia, cultura e natura di uno dei gioielli del Mediterraneo.

I singoli, i gruppi e le comitive che volessero svolgere l’escursione guidata possono sempre contattarci all’indirizzo di posta elettronica grigsardegna5@gmail.com.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra

 

Cagliari, la Sella del Diavolo si protende verso il Golfo degli Angeli

Cagliari, la Sella del Diavolo si protende verso il Golfo degli Angeli

 

 

 

 

 

 

 

il nostro spazio web interamente dedicato alla Sella del Diavolo: http://selladeldiavolo.wordpress.com.

 

 

 

Cagliari, Sella del Diavolo, Torre costiera medievale e postazione II guerra mondiale

Cagliari, Sella del Diavolo, Torre costiera medievale e postazione II guerra mondiale

(foto S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. novembre 1, 2013 alle 7:07 pm

    da L’Unione Sarda, 1 novembre 2013
    Ieri è stato il giorno del Trekking Urbano: 400 persone alla scoperta di storie e leggende. La passeggiata tra cultura e ambiente. (Michela Seu)

    «Certo, la guerra ora non c’è e non si sentono gli aerei volare bassi, ma il rifugio, dentro, è esattamente come me lo descrive nonna. Aveva la mia stessa età, e quando suonava la sirena è qui che veniva a ripararsi con le altre bambine». I ricordi dell’anziana donna sono diventati testimonianza di storia per Benedetta, 10 anni appena, ora che ha potuto visitare il rifugio di via Don Bosco. Merito del Trekking Urbano, la manifestazione a metà fra cultura e ambiente che per tutta la giornata di ieri, in città, ha permesso ad almeno 400 persone di passeggiare per le vie e conoscere storia, leggende e dettagli paesaggistici mai notati prima (dati aggiornati alle 20, ma i tour sono andati avanti fino a mezzanotte). Infaticabili e molto preparate le guide di Assoguide Cagliari, Culture Sardinia Tour, Sardegna Alternattiva, L’Isola che Vorrei, Trip Sardinia, Gruppo d’Intervento Giuridico, A.S.D. Scuola Nordic Fitness Cagliari, Centro Servizi Cultura Anfiteatro e Eureka Enterprise: con loro i turisti di qualsiasi nazionalità hanno potuto prendere parte al Trekking, e persino i sardi puristi, grazie all’opzione campidanese fra le lingue disponibili.Sarà stato il costo esiguo (massimo 5 euro), o il desiderio di passeggiare fra le viuzze quasi pedonali, ma i luoghi più visitati si riconfermano anche quest’anno i quartieri storici, dove solo tra la mattina e il primo pomeriggio si sono registrate oltre 200 presenze; bene anche il percorso dell’Anfiteatro Romano che in un unico appuntamento mattutino è stato seguito da un’ottantina di persone: «In generale la manifestazione ha avuto molto successo – ha spiegato Alessandro Picciau di Culture Sardinia Tour – soprattutto tenuto conto che si è svolta in un giorno lavorativo».Qualche nota stonata a dire il vero c’è stata, come l’annullamento del Trekking dei tre Colli proposto da Sardegna 360 Gradi per mancanza di un numero congruo, e qualche disguido fra l’Assoguide e il Comune sulla promozione del percorso aggiornato, «per cui abbiamo dovuto iniziare da Porta Cristina come da vecchio tour – ha fatto notare Sabrina Petruso – anziché da piazza Costituzione». Dettagli per il pubblico, particolarmente soddisfatto per l’iniziativa.Su e giù per i colli, all’interno di cavità sotterranee o fra i lastricati dei centri storici, era impossibile trovare qualche differenza fra lo stupore dei turisti stranieri e quello di sardi e cagliaritani: per Mitchell Conway, americano di New York, «è incredibile come ad ogni angolo si aprano all’orizzonte panorami meravigliosi», mentre Antonella Adamo, cagliaritana, ha visitato per la prima volta la sua città, e dice che «l’ho guardata con occhi nuovi e l’ho trovata stupenda. Crediamo di conoscerla perché ci viviamo, ma così non è». Nessun dubbio sul valore dell’iniziativa: «Andrebbe ripetuta più volte», è il commento unanime. Tanto più che è costata alle casse del Comune appena 300 euro di adesione al progetto, finanziato ormai da dieci edizioni dal Comune di Siena, capofila dell’iniziativa.

  1. giugno 1, 2014 alle 9:39 am
  2. agosto 25, 2014 alle 5:56 pm
  3. ottobre 24, 2014 alle 3:42 pm
  4. novembre 1, 2014 alle 12:18 pm
  5. settembre 11, 2015 alle 11:23 am
  6. settembre 17, 2016 alle 7:46 pm
  7. ottobre 21, 2016 alle 3:15 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: