Home > "altri" animali, acqua > Navigli e Darsena, “asciutte” totali e strage di pesci.

Navigli e Darsena, “asciutte” totali e strage di pesci.


Ancora una volta le asciutte invernali dei navigli milanesi sono occasione di disastri ambientali.

Da fine gennaio alla seconda decade di marzo è in atto la prima delle due asciutte annuali 2012 del Naviglio Pavese e del Naviglio Grande. Il Consorzio Bonifica Est Ticino Villoresi, l’Ente pubblico che gestisce i navigli, ha tolto completamente l’acqua, motivando la propria decisione per lavori di rifacimento di alcuni tratti spondali. L’inizio dell’asciutta totale è avvenuto in concomitanza con la nevicata e le rigide temperature atmosferiche di febbraio. Lo strato di ghiaccio che copriva gli alvei dei navigli ha provocato la morte per asfissia di decine di migliaia di pesci.

Alla richiesta di aumentare il livello d’acqua nei navigli, il Consorzio rispondeva NEGATIVAMENTE e che stava facendo il possibile per evitare sofferenza alla fauna ittica.

A causa del ghiaccio, le imprese specializzate, incaricate dal Consorzio, non hanno effettuato il recupero dei pesci. Con pochi strumenti, ma con molta determinazione, gruppi di volontari per diversi giorni hanno rotto lo strato di ghiaccio e portato in salvo centinaia di pesci e di gamberi d’acqua semicongelati. Con il successivo disgelo i pesci sopravvissuti si sono concentrati nelle poche pozze formatesi in alcuni punti della Darsena e dei navigli.  I volontari continueranno ad effettuare il recupero dei pesci boccheggianti nelle pozze fino a quando l’acqua non sarà immessa nei corsi d’acqua.

Senza valide motivazioni, ancora una volta il Consorzio ha effettuato le asciutte totali, anziché quelle parziali, CHE CONSENTONO DI garantire un livello d’ acqua di circa 30 cm flusso minimo vitale per i pesci.  Le asciutte totali non sono necessarie per interventi di manutenzione delle sponde e pulizia dell’alveo come dimostra uno studio del 2005 commissionato da Provincia di Milano, Regione Lombardia, Navigli Lombardi S.C.A.R.L e Consorzio Bonifica Est Ticino Villoresi.  Le asciutte parziali effettuate dal 2006 al 2009 avevano favorito il crearsi di un habitat ospitale per la fauna non solo ittica, con condizioni ambientali adeguate per la vita di molte specie animali e vegetali.   Con una decisione irresponsabile il Consorzio ha effettuate le asciutte totali nel 2010 e primavera del 2011 con conseguente Moria di migliaia di pesci.

Nel settembre 2011 la LAC ha presentato un denuncia alla Procura di Milano in cui si ipotizzava il reato di maltrattamento di animali a carico dei responsabili della gestione del flusso delle acque della rete dei navigli milanesi, iniziativa che ha evitato l’asciutta totale autunno 2011.  Poi a fine gennaio 2012 la desolazione dei navigli in secca e la sofferenza e morte degli animali.   I dati raccolti, numero e immagini di pesci e altri animali morti e salvati, con il monitoraggio eseguito dai volontari a partire da inizio febbraio, e il mancato intervento degli organi preposti al recupero della fauna ittica saranno oggetto di un esposto alla Procura di Milano.

LAC – LEGA PER L’ABOLIZIONE DELLA CACCIA

 

Per info Mail: info@abolizionecaccia.it

Web: www.abolizionecaccia.it

  1. icittadiniprimaditutto
    marzo 12, 2012 alle 8:17 am

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. marzo 26, 2012 alle 3:47 PM

    riceviamo e pubblichiamo volentieri.

    Comunicato stampa,
    Milano, 26 marzo 2012
    Darsena e Navigli in secca, intervento dei vigili del Fuoco di Milano e di Abbiategrasso.

    Venerdì 23 marzo i Vigili del Fuoco di via Darwin sono intervenuti in soccorso dei pesci in sofferenza presenti nelle ultime pozze residue della Darsena e del Naviglio Pavese.
    Su richiesta dei volontari della LAC, è intervenuta una pattuglia dei Vigili del Fuoco, formata da cinque persone, e con una autopompa ha immesso acqua nella vasca di Conca Fallata, nella pozza di via Gattinara e in quella di via Conchetta.
    L’operazione servirà a fare sopravvivere i pesci presenti ancora nelle pozze fino al 2 aprile, data di immissione dell’acqua nei navigli. Sempre su richiesta dei volontari, domenica 23 marzo, i Vigili del Fuoco del distaccamento di Abbiategrasso sono intervenuti nel tratto del Naviglio Grande, località Gaggiano. Il rilascio di 32.000 litri d’acqua in una pozza, che si stava prosciugando, permetterà agli animali di sopravvivere fino al 2 aprile.
    Alessandro Zanaboni, uno dei volontari che dal 31 gennaio, tutti i giorni, con i pochi mezzi a loro disposizione, con determinazione e costanza recuperano i pesci, afferma: “i Vigili del Fuoco sono stati fantastici. Desideriamo ringraziarli pubblicamente poiché si sono prodigati per diverse ore a buttare acqua nelle pozze dove i pesci stavano boccheggiando.” Si ringraziano in particolare il capo squadra Di Francesco e il responsabile Silvano Barberi del comando di via Darwin, e per il distaccamento di Abbiategrasso il capo squadra Fabio Bonecchi.
    I Navigli sono stati messi in asciutta totale fin dalla fine di gennaio, proprio nel periodo del gelo e delle nevicate che hanno ulteriormente danneggiato i pesci, impedendo di fatto l’intervento di recupero degli incaricati che in altre occasioni avevano trasferito almeno i pesci più grossi. Questa volta invece i pesci sono stati lasciati ad asfissiare lentamente sotto il ghiaccio e in seguito, una volta sciolto quello, a morire nelle pozze in prosciugamento. La Lega Abolizione Caccia rimarca ancora una volta il comportamento irresponsabile del Consorzio Bonifica Est Villoresi nella gestione delle acque nei canali e l’assenza delle istituzioni nel non affrontare la questione delle asciutte totale dei navigli e la conseguente strage della fauna che li popola.
    Per informazioni:LAC – Lega Abolizione Caccia
    Via Solari 40, 20144 Milano Tel: 0247711806
    Email: info@abolizionecaccia.it
    Web: http://www.abolizionecaccia.it

  3. gennaio 21, 2016 alle 2:49 PM

    da Il Corriere della Sera, 21 gennaio 2016
    L’ANTICO PORTO DI MILANO. Darsena, è polemica sulla secca. Spuntano fango e rifiuti, pesci salvati. Recuperati con le reti da pesca 22 quintali di cavedani e barbi. ma non tutta la fauna ittica sopravvive. L’Enpa: asciutte inutili. (Paola D’Amico): http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/16_gennaio_21/darsena-polemica-secca-spuntano-fango-rifiuti-pesci-salvati-43406a80-c012-11e5-a781-c1871777b86c.shtml

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: