Home > alberi, aree urbane, difesa del territorio, difesa del verde, paesaggio, società, sostenibilità ambientale > E’ stato autorizzato il taglio di così tanti alberi?

E’ stato autorizzato il taglio di così tanti alberi?


Cagliari, Seminario Arcivescovile, com’era l’area verde (da Google Earth)

Inutile dirlo, l’area di pertinenza del Seminario Arcivescovile compresa fra Via Cadello e Via Mons. Cogoni, a Cagliari, era un vero e proprio polmone verde, fra l’altro in una zona dove il traffico veicolare è molto sostenuto.

Era un polmone verde, ora non lo è più, come ci hanno segnalato cittadini piuttosto sconcertati.

Decine e decine di alberi ad alto fusto sono stati tagliati per far posto a campi sportivi, probabilmente più redditizi.

Cagliari, Seminario Arcivescovile, l’area verde non c’è più (da Google Earth)

L’intera area è comunque tutelata con specifico vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.): è stata ottenuta la prescritta autorizzazione paesaggistica?

Il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha, pertanto, inoltrato una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti per verificare la legittimità o meno del taglio di così tanti alberi.

Coinvolti il Ministero per i beni e attività culturali e il turismo, il Servizio tutela paesaggistica e vigilanza della Regione autonoma della Sardegna, la Soprintendenza per archeologia, belle arti e paesaggio di Cagliari e il Comune di Cagliari.

In ogni caso un’area verde di grande rilievo non c’è più.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Cagliari, Seminario Arcivescovile, taglio alberi

(immagini Google Earth, foto per conto GrIG, archivio GrIG)

  1. novembre 19, 2019 alle 8:13 am

    da Sardinia Post, 18 novembre 2019
    Taglio di alberi a Is Mirrionis, il Grig: “Sparita un’area verde di grande rilievo”: https://www.sardiniapost.it/ambiente/taglio-di-alberi-a-is-mirrionis-il-grig-sparita-unarea-verde-di-grande-rilievo/

    ________________

    da Cagliari online, 18 novembre 2019
    Cagliari, decine di alberi tagliati in via Cadello, il Grig: “E’ stato autorizzato?”
    “Era un polmone verde, ora non lo è più” ci hanno segnalato cittadini piuttosto sconcertati: https://www.castedduonline.it/cagliari-decine-di-alberi-tagliati-in-via-cadello-il-grig-e-stato-autorizzato/

    __________________

    da Cagliaripad, 18 novembre 2019
    Abbattuti alberi nel Seminario Arcivescovile a Cagliari, il Grig: “C’è stata l’autorizzazione?”: https://www.cagliaripad.it/422620/abbattuti-alberi-nel-seminario-arcivescovile-a-cagliari-il-grig-ce-stata-lautorizzazione

    ———–

  2. G.Maiuscolo
    novembre 19, 2019 alle 8:33 am

    IL Signore veglia e provvede…
    De aundi? ( Da dove?)

  3. capitonegatto
    novembre 19, 2019 alle 11:42 am

    Lo sport senza alberi sarebbe meglio non farlo, visto che questi ultimi emettono ossigeno.
    Cosa dice l’assessore allo sport ??

  4. Rosalba Pereira
    novembre 19, 2019 alle 2:26 pm

    Questi preti non credono nella natura, purtroppo hanno fatto lo stesso massacro di alberi a Senigallia(AN) nella casa di riposo Opera Pia proprietà deila chiesa. Terribili, è incredibili che siamo impotenti a fermare questa barbarie. Tanta tristeza!

  5. donatella
    novembre 19, 2019 alle 7:04 pm

    Tutti tagliano gli Alberi, tutti i motivi sono ritenuti validi per eliminarli, luoghi privati e pubblici di Chiesa o Stato che siano, sono ritenuti MIGLIORI senza i Grandi Alberi amici che sono trattati invece come i più acerrimi nemici. Eliminati come pericolosi oppure venduti come merce. Tra i noti personaggi pubblici non c’è che papa Francesco con la sua viva voce e quella della sua enciclica Laudato Sì’ che condanna le violenze alla Natura , Chiesa e Stato invece non hanno le stesse parole di condanna e infatti basta guardare i risultati…..
    Ogni volta che si vedono i grandi Alberi tagliati così con spregio e disinvoltura viene una grande tristezza………..l’uomo non è il loro “padrone”….eppure le leggi per tutelarli ci sarebbero…….
    Grazie

  6. Giancarlo
    novembre 19, 2019 alle 8:26 pm

    Sembra tutto autorizzato e lecito. Di tutto questo gli abitanti della zona non sono mai stati informati. Visto altre esperienze di accordi con privati mai rispettati, sono certo che passeranno secoli prima che il Comune di Cagliari riceva in cambio quanto previsto: arretramento del muro perimetrale per costruire un passaggio ciclopedonale tra Il Colle San Michele e il Parco di Monteclaro, la zona riservata a parcheggio pubblico lato via Cadello e quant’altro. https://www.comune.cagliari.it/portale/it/at_18_pian_itinere_dettaglio.page?contentId=SCH216372

  7. novembre 20, 2019 alle 11:45 pm

    dal sito web istituzionale dell’Arcidiocesi di Cagliari, 18 novembre 2019

    Comunicato stampa del Seminario Arcivescovile (http://www.chiesadicagliari.it/2019/11/18/comunicato-stampa-del-seminario-arcivescovile/)

    Cagliari, 18 novembre 2019

    Il Seminario Arcivescovile di Cagliari sorge in un’area tra Via Cadello ed il Colle di San Michele, che in passato era completamente spoglia, come dimostrano le fotografie aeree presenti anche nel sito della Regione Sardegna e risalenti ai primi anni ‘50. Con la costruzione del fabbricato principale, il Seminario ha iniziato la piantumazione del terreno, soprattutto lungo i confini del lotto di sua proprietà e successivamente anche in alcune zone interne, ma molti alberi sono cresciuti in maniera spontanea senza un progetto unitario. Nel corso degli anni l’intero lotto è stato perciò interessato da una crescita disordinata di alberi che col passare del tempo hanno creato soprattutto lungo la Via Cadello e la Via Monsignor Cogoni disagi e pericoli per la struttura esistente, per i passanti e i frequentatori. Inoltre la presenza di alcuni alberi con vari danni, sia a livello del tronco che a livello della chioma dovuti ad attacchi parassitari con estese necrosi foliari, ha portato al contagio anche degli altri limitrofi con evidenti situazioni critiche. Il Seminario ha mantenuto la sua vocazione anche al rispetto del verde e dell’ambiente sposando un progetto di riqualificazione dell’area verde e del campo da gioco presente al suo interno, creando un Centro Sportivo che sarà circondato da alberi di vario genere. Infatti, il progetto del Seminario prevede la sostituzione degli alberi di Eucaliptus e Acacia che presentavano i suddetti danni sia a livello del tronco che a livello della chioma. Sono stati eliminati anche i Cipressi precedentemente capitozzati che presentavano chiome accestite in seguito all’eliminazione della dominanza apicale. Tutti gli interventi previsti dal progetto hanno all’origine una valutazione dello stato di salute degli alberi presenti e una successiva valutazione per poter effettuare la risistemazione dell’intera area anche in funzione dei nuovi campi da gioco che rappresentano una risorsa per la valorizzazione dell’intero quartiere. Quindi dopo la valutazione dello stato di salute degli alberi e lo studio dei nuovi interventi di realizzazione delle strutture, si è optato per la sostituzione delle piante e per la realizzazione di un nuovo impianto sia su fila che a disposizione quiquonce di specie autoctone (Carrubo, Olivo, etc…). Questo permetterà una riorganizzazione degli elementi arborei che svolgeranno una migliore funzionalità per l’ombreggiamento, per la funzione mitigatrice ambientale e allo stesso tempo per l’eliminazione delle possibili interferenze con le strutture sportive, evitando i pericoli cui potrebbero andare incontro i numerosi bambini e giovani che utilizzano la struttura dei campi sportivi. Ovviamente il progetto di abbattimento e sostituzione è partito dalla relazione agronomica e dal lavoro di diversi tecnici qualificati che hanno tenuto conto dell’importanza dell’area verde, all’interno di un progetto complesso molto più ampio che riqualifica la zona di Monte Claro e San Michele. Si precisa che le condizioni vegetazionali delle alberature di Eucaliptus e anche dei Pini domestici presentavano situazioni di diversi schianti e rotture di branche nella parte superiore della chioma che indicavano una situazione di stress vegetazionale, dovuto anche ai frequenti e violenti eventi eccezionali meteorologici che hanno contribuito a creare situazioni di crolli sia delle ramificazioni laterali che disseccamenti diffusi, in parte dovuti ai conseguenti fenomeni di allagamento dell’area. Per le stesse ragioni si è scelto di creare strutture a verde utilizzando specie autoctone ed eliminando la ricolonizzazione naturale della specie alloctone quali Eucaliptus e Acacia.

    In sintesi il progetto più ampio portato avanti dal Seminario ha previsto la realizzazione di campi da gioco funzionali alla attività sportiva e alla riqualificazione di tutta l’area con la sostituzione di alberi deperienti con altri che verranno ripiantati a breve. Il progetto rispetta le indicazioni anche del Consiglio Presbiterale che ha richiesto di mantenere intatta anche la vocazione verde dell’area. Tutte le operazioni sono state svolte nel pieno rispetto dell’allegato A del DPR 31\2017.

    Il Rettore
    Don Riccardo Pinna

  8. novembre 20, 2019 alle 11:46 pm

    nel sito sussiste il PR542 – Seminario Arcivescovile di Cagliari – Piano attuativo relativo all’area tra le vie Cadello, Monsignor Cogoni, Monsignor Parraguez e Agostino Pipia: https://www.comune.cagliari.it/portale/it/at_18_pian_itinere_dettaglio.page?contentId=SCH216372&fbclid=IwAR1P-OwmYqiMV_QOLmQqJwuH9zrtIK0ize2h9ukac7XbYzqGmK9r1q8_8ow

  9. novembre 20, 2019 alle 11:53 pm

    da You TG, 19 novembre 2019
    Alberi tagliati in via Cadello, il Seminario: “Erano pericolosi, ne pianteremo altri”: https://www.youtg.net/canali/in-sardegna/20912-alberi-tagliati-in-via-cadello-il-seminario-erano-pericolosi-ne-pianteremo-altri

  10. Srdn
    novembre 21, 2019 alle 10:29 am

    Comunque la giri,Don Riccardo Pinna la storia é sempre la stessa……. Siamo molto lontani dal concetto di ” fratello albero” e non ci appaga la solita frase di rito”ne pianteremo altri” Saluti

  11. G.Maiuscolo
    novembre 21, 2019 alle 10:48 am

    Bella Frase:
    ” Siamo molto lontani dal concetto di ” fratello albero”.
    Ahahahahahah…
    “Fratello albero”, sì, sì… soppiantato da…”Fratelli campi da tennis”. 🙂

    Mi piacerebbe sapere SE, oltre alla previsione “della realizzazione di campi da gioco funzionali alla attività sportiva e alla riqualificazione di tutta l’area”, (che sarebbe anche una cosa utile e buona se gli stessi campi fossero messi a disposizione dei bambini e dei ragazzi, persino degli adulti), queste strutture sportive possono e sono di fatto godute dalla collettività GRATUITAMENTE.
    E’ consentito saperlo, cortesemente?
    Grazie e cordialità.

    PS Restiamo in attesa dei nuovi alberi; chi vivrà, vedrà.

  12. novembre 23, 2019 alle 10:06 am

    “han distrutto il bosco del seminario, questi grandissimi figli di Dio!” (semicit. Elio e le storie tese – Parco Sempione)

  13. G.Maiuscolo
    novembre 23, 2019 alle 4:34 pm

    Ahahahahah…Con la scusa di Elio e le storie tese…
    🙂

  14. G.Maiuscolo
    novembre 23, 2019 alle 4:43 pm

    Il mio personale ringraziamento ai Coldplay che hanno fatto la scelta di interrompere i tour per evitare l’inquinamento.

    “Nessuno ha mai detto che sarebbe stato così difficile
    No one ever said it would be so hard” …
    scegliere l’ambiente in luogo della gloria ( questo lo dico io). Bravi.


    🙂

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: