Home > coste, difesa del territorio, mare, paesaggio, società, sostenibilità ambientale > Pezzi di Sardegna in vendita a prezzi irrisori.

Pezzi di Sardegna in vendita a prezzi irrisori.


vendita E-Bay sabbia sarda (lug. 2019)

Sulla piattaforma tedesca di E-Bay (www.ebay.de) sono in vendita, come se fosse la cosa più normale della Terra, confezioni di sabbia prelevata da varie spiagge della Sardegna.

Cala Goloritzè, Porto Pollo, Mari Ermi, Foxi Lioni, Putzu Idu, spiagge saccheggiate da turisti-lanzichenecchi che mai si sarebbero sognati di far cosa simile a casa loro.

Per fortuna sono tanti gli stranieri che apprezzano e amano la Sardegna e proprio una di loro ha provveduto a segnalare l’illecito commercio.

sabbia

Sì, illecito, perché si tratta di furto aggravato (art. 625 cod. pen.) ai danni dello Stato, in quanto la sabbia fa parte del demanio marittimo (artt. 822 cod. civ. e 28 cod. nav.), chi acquista è responsabile di ricettazione (art. 648 cod. pen.) o, quantomeno, di incauto acquisto (art. 712 cod. pen.), mentre chi favorisce tale illecito (la piattaforma tedesca E-Bay, per esempio), potrebbe rispondere a titolo di concorso nel reato (art. 110 cod. pen.).

Danno ambientale e reati vari oltre che becero vandalismo cafone, questa è la realtà dei pretesi souvenir rubati alle spiagge sarde.

L’associazione Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha provveduto a segnalare la vendita illecita (30 luglio 2019) al Corpo forestale e di vigilanza ambientale e ai Prefetti isolani con la richiesta dell’individuazione dei responsabili sia ai fini delle sanzioni penali sia per l’eventuale emanazione a loro carico di provvedimenti che ne impediscano il ritorno in Sardegna almeno per dieci anni.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

orme nella sabbia

(foto S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. Corrado
    luglio 31, 2019 alle 12:14 pm

    Durante un recente soggiorno in una delle mete turistiche più famose del nord Sardegna sono entrato in uno dei tanti mega store dell’artigianato che si susseguono lungo la strada principale del paese. Tralasciando le diverse paccottiglie in vendita, prodotte chi sa dove, che niente hanno a che vedere con il nostro artigianato, sono stato colpito dalla vendita in confezioni o sfuse, di conchiglie, stelle marine, cavallucci marini , sicuramente non provenienti dai nostri mari, ma non per questo non degni di altrettanta tutela. Vorrei capire perché, se da un lato è giusto tutelare il nostro ambiente, dall’altro sia permesso lucrare sulla vendita di oggetti importati da altri mari, magari spacciandoli come sardi e che incentivano lo sfruttamento incontrollato dell’ambiente.
    Grazie dell’attenzione
    Corrado

  2. luglio 31, 2019 alle 6:47 pm

    da Sardinia Post, 30 luglio 2019
    Ladri di sabbia, il Grig propone il Daspo: “Siano allontanati dall’Isola per 10 anni”: https://www.sardiniapost.it/ambiente/ladri-di-sabbia-il-grig-propone-il-daspo-siano-allontanati-dallisola-per-10-anni/

    ___________

    da Vistanet, 30 luglio 2019
    In vendita sulla piattaforma tedesca di Ebay la sabbia della Sardegna. La denuncia del GrIG: https://www.vistanet.it/cagliari/2019/07/30/in-vendita-sulla-piattaforma-tedesca-di-ebay-la-sabbia-della-sardegna-la-denuncia-del-grig/

    _____________

    da Cagliaripad, 30 luglio 2019
    La denuncia: “Su Ebay in vendita la sabbia della Sardegna”: https://www.cagliaripad.it/402506/la-denuncia-su-ebay-in-vendita-la-sabbia-della-sardegna

    __________________

    da Alguer.it, 30 luglio 2019
    «Sulla piattaforma tedesca di E-Bay sono in vendita, come se fosse la cosa più normale della terra, confezioni di sabbia prelevata da varie spiagge della Sardegna».
    Su E-Bay, Sardegna a prezzi irrisori: http://www.alguer.it/notizie/n.php?id=143549

    _____________

    da Cagliari onlinbe, 30 luglio 2019
    Su E-Bay pezzi di Sardegna in vendita a prezzi stracciati: la denuncia del Grig: https://www.castedduonline.it/su-e-bay-pezzi-di-sardegna-in-vendita-a-prezzi-stracciati-la-denuncia-del-grig/

    __________________

    da Sassari Oggi, 30 luglio 2019
    La sabbia e i tesori della Sardegna in vendita per pochi euro su Ebay : http://www.sassarioggi.it/cronaca/sabbia-tesori-sardegna-vendita-pochi-euro-ebay-30-luglio-2019/

    _______________

    da Gallura Oggi, 30 luglio 2019
    La sabbia e i tesori di Porto Pollo in vendita per pochi euro su Ebay: https://www.galluraoggi.it/palau/sabbia-tesori-porto-pollo-vendita-pochi-euro-ebay-30-luglio-2019/

  3. luglio 31, 2019 alle 10:27 pm

    A.N.S.A., 31 luglio 2019
    Gallura,trovate 225 bottiglie con sabbia.
    Indagine Guardia Costiera, contenuto sarà rimesso su litorale: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/07/31/galluratrovate-225-bottiglie-con-sabbia_76076755-7662-47f2-ad44-de8485ab4faa.html

  4. Fabrizio
    agosto 1, 2019 alle 7:46 am

    Perdonate la domanda certamente ingenua ma delle associazioni di volontariato / singoli potrebbero acquistare e riportare in loco a proprie spese senza incorrere in reato? Penso che la persona/le persone che hanno messo in vendita le confezioni di sabbia sarda dopo anche solo un minimo di pressione mediatica se ne libereranno quanto prima e quella sabbia in Sardegna non tornerà mai più

    • agosto 1, 2019 alle 9:02 am

      sì, certo, chiunque può fare acquisti con le migliori intenzioni, ma così – a parte i problemi di natura legale – si rischia di incrementare questo commercio illecito.

      Stefano Deliperi

  5. Riccardo Pusceddu
    agosto 1, 2019 alle 11:11 am

    10 anni di bando vanno bene ma solo a patto che riportino la sabbia in Sardegna fino all’ultimo granello.
    Ritengo pero’ che molta piu’ sabbia venga asportata dalle cattive abitudini dei bagnanti che non se la scuotono dai piedi quando vanno via e ne portano via un po’ anche nei borsoni e oggetti vari che usano in spiaggia.
    Un’ulteriore asporto lo fanno paradossalmente gli addetti alla pulizia delle spiagge che quando raccolgono l’abbondante spazzatura lasciata dai bagnanti non la scuotono a sufficienza prima di metterla dentro ai sacchi. L’ho accertato personalmente a Su Giudeu: in fondo alle buste c’era sempre un po’ di sabbia, senza contare quella ancora attaccata alla spazzatura e a volte anche dentro alle maledette bottiglie di plastica monouso.
    Questo disastro ambientale, che se pur lento e’ comunque da considerarsi tale a lunghissimo termine, non avverrebbe se si attuasse la mia proposta di dare una casa gratis a due guardiani per spiaggia.

  6. agosto 2, 2019 alle 3:36 pm

    forse, forse servirebbe a qualcosa…

    A.N.S.A., 2 agosto 2019
    Furti sabbia, educatori in spiagge sarde.
    Parte da Alghero il progetto Effetto farfalla: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/08/02/furti-sabbia-educatori-in-spiagge-sarde_40f9f800-4137-49bc-8a12-88d4c8baa45c.html

  7. agosto 3, 2019 alle 5:54 pm

    A.N.S.A., 3 agosto 2019
    In Sardegna la sabbia rubata dai turisti torna in spiaggia.
    Olbia, 10 tonnellate sequestrate dal 2008 destinate a Tavolara: http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/natura/2019/08/03/in-sardegna-la-sabbia-rubata-da-turisti-torna-in-spiaggia_8635b683-e152-46ed-9521-7a26e9323239.html

  8. agosto 4, 2019 alle 6:09 pm

    da La Nuova Sardegna, 3 agosto 2019
    Estate cafona in Sardegna: nella valigia di un turista anche un cranio di delfino.
    Oltre ai furti di sabbia, fossili ed esemplari di Pinna Nobilis, si assiste anche al fenomeno della sabbia venduta su e-Bay. Il Gruppo di intervento giuridico: «Pratiche illecite segnalate ai prefetti». (Claudio Zoccheddu): http://www.lanuovasardegna.it/regione/2019/08/03/news/estate-cafona-in-sardegna-nella-valigia-di-un-turista-anche-un-cranio-di-delfino-1.17861688

  9. agosto 14, 2019 alle 5:48 pm

    A.N.S.A., 14 agosto 2019
    Spiagge sarde depredate: nuovi sequestri.
    Bloccati alcuni quintali di sabbia e conchiglie: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/08/14/spiagge-sarde-depredate-nuovi-sequestri_5090d2d5-f86e-4ac7-bf14-cf013bb2a516.html

    ___________

    da La Nuova Sardegna, 14 agosto 2019
    Spiagge sarde depredate: nuovi sequestri.
    Bloccati alcuni quintali di sabbia e conchiglie: http://www.lanuovasardegna.it/italia-mondo/2019/08/14/news/spiagge-sarde-depredate-nuovi-sequestri-1.17866912

  10. agosto 16, 2019 alle 6:30 pm

    e questi non vanno cacciati via almeno per i prossimi dieci anni?

    A.N.S.A., 16 agosto 2019
    Sardegna,40kg di sabbia nascosti nel suv.
    Gdf scopre 14 bottiglie e denuncia coppia turisti francesi. (http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/08/16/sardegna40kg-di-sabbia-nascosti-nel-suv_f03c8d79-e596-4da0-9948-90d41b3ac374.html)

    Quasi 40 kg di sabbia bianca asportata dalla spiaggia di Chia (Sud Sardegna) sono state scoperte nel portabagagli di un suv sul quale una coppia di turisti francesi si apprestava a lasciare la Sardegna a bordo del traghetto in partenza da Porto Torres per Tolone, in Francia. Sono stati gli uomini della Tenenza della Guardia di Finanza, ieri pomeriggio, a rinvenire la sabbia stipata in 14 bottiglie di plastica.

    La coppia si è giustificata dichiarando di non essere a conoscenza di aver commesso un illecito, avendo solo voluto portar via un ricordo, “un souvenir” della vacanza in Sardegna.

    I due cittadini francesi sono stati quindi denunciati per furto con la circostanza aggravante di aver sottratto un bene destinato alla pubblica utilità e ora rischiano la reclusione da uno a sei anni.

    —————–

    Sardegna, Pinna Nobilis in valigia.
    Turisti bloccati al controllo bagagli in aeroporto Cagliari: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/08/16/sardegna-pinna-nobilis-in-valigia_46bb207f-0575-4d2f-bfcd-4964d35679a0.html

  11. agosto 19, 2019 alle 2:48 pm

    A.N.S.A., 19 agosto 2019
    Ritrovati 200 kg di sabbia sarda rubata.
    Recuperati in aeroporto, provengono da spiaggia Oristanese: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/08/19/ritrovati-200-kg-di-sabbia-sarda-rubata_45c6f3f5-8ea7-491c-bf2c-77488b711f41.html

  12. agosto 19, 2019 alle 7:55 pm

    finalmente se ne accorgono, qualche “problema” l’avevamo messo nero su bianco già due anni or sono (vds. https://gruppodinterventogiuridicoweb.com/2017/08/08/una-legge-regionale-sul-turismo-con-norme-illegittime-e-inattuabili-sul-piano-ambientale/)…

    A.N.S.A., 19 agosto 2019
    Sabbia rubata: “ganasce fiscali a ladri”. Allo studio giro di vite per far pagare le sanzioni. (http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/08/19/sabbia-rubata-ganasce-fiscali-a-ladri_424a1388-45b3-47f8-9323-d056116bed69.html)

    Ganasce fiscali contro i turisti, in particolare stranieri, che rubano sabbia, conchiglie e cocci dalle spiagge della Sardegna. È l’idea a cui sta lavorando il Corpo forestale regionale per dare un freno all’arrembaggio dei moderni predoni sui litorali dell’Isola. “Stiamo valutando la possibilità di attivare questo istituto – spiega all’ANSA il comandante del Corpo forestale della Sardegna, Antonio Casula – Molte delle persone che commettono questi furti sono stranieri e quando rientrano nella loro nazione è difficile ottenere il pagamento della sanzione”.

    “La Regione sarda – ricorda il dirigente – ha una normativa ben precisa in merito a questo tipo di ruberie, la legge 16 del 2017, e questa prevede multe dai 500 ai tremila euro. Noi, come la Guardia di finanza, i Carabinieri e la Polizia, facciamo il sequestro del materiale e notifichiamo la sanzione, ma poi i turisti tornano nel loro Paese e il più delle volte non pagano. Per questo stiamo ragionando con l’ufficio legale per applicare l’istituto delle ganasce fiscali: auto o imbarcazione ferme fino a quando la multa non viene pagata. Ci sembra l’unico modo per contrastare il fenomeno, visto che non è possibile conciliare al momento della contestazione”.

    Dall’inizio dell’estate sono una decina le multe elevate dal Corpo forestale per questo tipo di infrazione. “Di sicuro la campagna di sensibilizzazione ha dato i suoi frutti – precisa Casula – ma ancora non è sufficiente”.

    ____________

    da La Nuova Sardegna, 19 agosto 2019
    Sabbia rubata in Sardegna: “Ganasce fiscali per i ladri”.
    Allo studio il giro di vite per far pagare le sanzioni: http://www.lanuovasardegna.it/italia-mondo/2019/08/19/news/sabbia-rubata-ganasce-fiscali-a-ladri-1.17868888

    _____________

    da L’Unione Sarda, 19 agosto 2019
    IL FENOMENO. Spiagge sarde depredate: “Ganasce fiscali ai turisti stranieri”.
    Il comandante della Forestale: “Bloccare auto e barca ai turisti stranieri che rubano sabbia fino a quando pagano la multa”: https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/cagliari/2019/08/19/spiagge-sarde-depredate-ganasce-fiscali-ai-vandali-136-918190.html

  13. agosto 21, 2019 alle 3:07 pm

    da La Stampa, 21 agosto 2019
    Altri 200 chili di sabbia rubati in Sardegna. Gli ambientalisti: “Non è un souvenir, c’è un business dietro”.
    L’ultimo «bottino» arriva dalla spiaggia di Is Arutas nell’Oristanese. I ladri bloccati all’aeroporto di Cagliari-Elmas. Il Corpo Forestale: «Ricorriamo a sequestro fiscale di auto e barche». (Nicola Pinna) (https://www.lastampa.it/cronaca/2019/08/21/news/altri-200-chili-di-sabbia-rubati-in-sardegna-gli-ambientalisti-non-e-un-souvenir-c-e-un-business-dietro-1.37366390)

    Circa 200 chili di sabbia rubata nelle ultime settimane dalla spiaggia di Is Arutas nell’Oristanese, sono stati recuperati all’aeroporto di Cagliari-Elmas all’inizio di questa settimana. La denuncia arriva dalla pagina Facebook dell’associazione «Sardegna rubata e depredata» che pubblica la foto delle bottiglie di plastica piene di granelli di quarzo bianco con la didascalia «Collezione Estate 2019».

    «E’ solo una minima parte di quella che in realtà sparisce per sempre, portata via con i traghetti», si legge nel post. L’associazione si rivolge al direttore dell’Area Marina Protetta Sinis Mal di Ventre e agli Amministratori del Comune di Cabras: «Appare improcrastinabile istituire il numero chiuso su quelle spiagge che non possono reggere un impatto antropico così invasivo, abbandonate al proprio triste destino e in balia di saccheggiatori e vandali impuniti».

    Ennesima ferita dunque per le spiagge della Sardegna che in questa ultima estate hanno subito furti continui da parte di italiani e stranieri, spesso scoperti e fermati prima di poter portare a destinazione il prezioso «bottino».

    Le associazioni ambientaliste cominciano a far sentire la loro voce e chiedono interventi rapidi per arginare il drammatico fenomeno. «Non si tratta più di persone che prendono un mucchietto di sabbia per l’acquario di casa, ma di un vero e proprio fenomeno organizzato per vendere la sabbia sarda sul web e lucrarci sopra». Ha dichiarato all’ANSA Stefano Deliperi, presidente del Gruppo di intervento giuridico Onlus (Grig), una delle più attive associazioni ambientaliste della Sardegna, di fronte all’ennesima ruberia sul litorale di Is Arutas.

    «E’ evidente che c’è un mercato dietro: lo abbiamo già denunciato quando abbiamo svelato le vendite sui siti di e-commerce – aggiunge – magari il tutto è iniziato in maniera spontanea qualche anno fa, ma è diverso. Per quanto ne sappiamo è un fenomeno tutto sardo, perché nelle altre parti d’Italia abbiamo notizia solo di casi sporadici e questo significa che c’è richiesta sul mercato di sabbia, conchiglie, sassi e quant’altro provenga dalla Sardegna».

    Il Grig sollecita anche controlli più stringenti e pene più severe: «Non basta la semplice multa ma serve un vero e proprio Daspo: hai rubato la sabbia? Per 10 anni non puoi tornare in Sardegna. Non abbiamo bisogno di queste persone nella nostra Isola».

    E se gli ambientalisti suggeriscono restrizioni per i colpevoli, il Corpo Forestale della Regione Sardegna si concentra sul tipo di sanzione da infliggere nell’immediato a chi non rispetta le regole. «Ganasce fiscali contro i turisti, in particolare stranieri, che rubano sabbia, conchiglie e cocci dalle spiagge della Sardegna – ha detto il comandante del Corpo forestale Antonio Casula – Stiamo valutando la possibilità di attivare questo istituto perché molti fra coloro che commettono questi furti sono stranieri e quando rientrano nella loro nazione è difficile ottenere il pagamento della sanzione».

    «La Regione sarda – ricorda il dirigente – ha una normativa ben precisa in merito a questo tipo di ruberie, la legge 16 del 2017, e questa prevede multe dai 500 ai tremila euro. Noi, come la Guardia di finanza, i Carabinieri e la Polizia, facciamo il sequestro del materiale e notifichiamo la sanzione, ma poi i turisti tornano nel loro Paese e il più delle volte non pagano. Per questo stiamo ragionando con l’ufficio legale per applicare l’istituto delle ganasce fiscali: auto o imbarcazione ferme fino a quando la multa non viene pagata. Ci sembra l’unico modo per contrastare il fenomeno, visto che non è possibile conciliare al momento della contestazione».

    Dall’inizio dell’estate sono una decina le multe elevate dal Corpo forestale per questo tipo di infrazione. «Di sicuro la campagna di sensibilizzazione ha dato i suoi frutti – precisa Casula – ma ancora non è sufficiente».

    ______________________________

    A.N.S.A., 20 agosto 2019
    Ritrovati 200 kg di sabbia rubata. Recuperati in aeroporto, provengono da litorale Oristanese. (Fabrizio Fois): http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/08/19/ritrovati-200-kg-di-sabbia-sarda-rubata_45c6f3f5-8ea7-491c-bf2c-77488b711f41.html

    ————

    19 agosto 2019
    Spiagge sarde depredate: “ruberie per lucrare con vendita”.
    Ambientalisti, Daspo per chi saccheggia le nostre bellezze: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/08/19/spiagge-sarde-depredate-ruberie-per-lucrare-con-vendita_023160c0-dcf9-49b8-8614-31065d9f808b.html

  14. agosto 21, 2019 alle 10:16 pm

    da Avvenire, 21 agosto 2019
    Sardegna. L’isola in rivolta contro i saccheggi di sabbia. L’isola in rivolta contro i saccheggi di sabbia delle ultime settimane: a centinaia i furti con le bottiglie La denuncia choc degli ambientalisti: «Vengono vendute su E-Bay». (Mario Girau): https://www.avvenire.it/attualita/pagine/cos-ci-rubano-la-sardegna

  15. agosto 23, 2019 alle 11:04 pm

    A.N.S.A., 23 agosto 2019
    Pesca 2 kg di ricci, denunciato.
    Gdf interviene su segnalazione volontari a Villasimius: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/08/23/pesca-2-kg-di-ricci-denunciato_645c8ae4-b287-46dd-9ed8-95578a3e9bda.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: