Home > coste, difesa del territorio, giustizia, mare, paesaggio, società, sostenibilità ambientale > Questo è un abuso edilizio, non un Cammello.

Questo è un abuso edilizio, non un Cammello.


cartello di sequestro penale

Osama Mohamed Almudtamagan è residente in Arabia Saudita e le vicende della vita l’han portato a diventare presidente della società agricola Delmar s.r.l., con sede a Olbia.

La compagine sociale, però, al di là della ragione sociale, non si occupa di coltivar Palme da datteri o di allevare Cammelli.

A sentire la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tempio, si occuperebbe di lavori edilizi abusivi.

A Cugnana, sul litorale olbiese, han demolito un antico stazzo anziché restaurarlo, per iniziare a costruire una villa.

Ora il cantiere è sotto sequestro preventivo, provvedimento cautelare confermato anche dal Tribunale del riesame di Sassari.

Come se non bastassero gli speculatori abusivi nostrani

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Gallura, stazzo

da La Nuova Sardegna, 5 giugno 2019

Demolito uno stazzo sul mare di Cugnana, al suo posto una villa abusiva.

Gli agenti del Corpo forestale hanno messo i sigili in un cantiere che fa capo a una società il cui presidente è un cittadino dell’Arabia Saudita. (Tiziana Simula)

OLBIA. Cercavano uno stazzo in fase di restauro, invece hanno trovato un grande scavo, con le fondazioni in cemento armato già realizzate e una nuova strada sterrata che conduceva a quella che sarebbe stata (una volta finita) una costruzione nuova di zecca che nulla aveva a che vedere con lo stazzo gallurese da ristrutturare.

Ma i lavori in corso, portati avanti in totale spregio delle norme urbanistiche e paesaggistiche, sono stati bloccati dagli uomini della Forestale di Olbia che, su disposizione della Procura di Tempio, hanno messo sotto sequestro l’area, nelle campagne di Cugnana, a due passi dal mare.

Sequestro preventivo convalidato dal gip del tribunale di Tempio e recentemente confermato anche dal tribunale del Riesame di Sassari. Dello stazzo gallurese non è rimasta neppure l’ombra. Demolito sotto i colpi della ruspa per volere della società agricola Delmar srl con sede a Olbia, il cui presidente del consiglio di amministrazione risulta essere un arabo, Osama Mohamed Almudtamagan, residente in Arabia Saudita. L’uomo è stato denunciato.

Gallura, cantiere edile sulla costa

(foto per conto GrIG, S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. G.Maiuscolo
    giugno 9, 2019 alle 9:37 am

    Ma questi, che nel loro paese, non consentono nemmeno alle donne di utilizzare un’auto, ( qualche concessione è stata fatta di recente…era ora), come sono arrivati nell’Isola? Chi ha consentito loro di entrare, di restaurare vecchi stazzi ( eh…sì restaurare…) e di fare quel che pare e piace a loro?

    Chi, mi chiedo. Qualcuno deve averlo fatto e in cambio di cosa? Di cammelli?

    Applausi al Tribunale di Tempio e a quello del Riesame di Sassari.
    Bravi e poiché oggi domenica è ( fa anche rima…) si va con la musica per tutti. Sempre che a tutti sia cosa gradita.

    Cordialità Dottori, sempre gentili e pazienti.
    Questa è musica che mai passa…Grande David…

  2. giugno 14, 2019 alle 7:05 pm

    da Sardinia Post, 14 giugno 2019
    Centro benessere e sauna nella cantina, villa di Porto Rotondo sotto sequestro: https://www.sardiniapost.it/cronaca/centro-benessere-e-sauna-nella-cantina-villa-di-porto-rotondo-sotto-sequestro/

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: