La lana mangia-petrolio.


Porto Cervo, disinquinamento con barriere Geolana

Porto Cervo, disinquinamento con barriere Geolana

Lo scorso 22 marzo 2016 è stato presentato in anteprima mondiale nel porto di Cagliari un innovativo sistema di depurazione in lana di Pecora, predisposto specificamente per difendere il mare dagli sversamenti di idrocarburi e olio.

Per comprenderne la portata, basta soffermarsi su un dato: con un chilo del prodotto si riesce ad assorbire da 7 a 14 chili di idrocarburi e può essere riutilizzato.

Eccone una sintetica presentazione che merita tutta la nostra attenzione.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

mare e coste (foto Benthos)

mare e coste (foto Benthos)

INNOVAZIONI SOSTENIBILI PER LA SALUTE DEL MARE

per una architettura di pace senza petrolio senza inquinanti­

GEOLANA LANAturale salute del Mare

I salvamare assorbitori mangiapetrolio mangiaveleni

con caratteristiche tecniche ambientali uniche al mondo.

PREMESSA

I prodotti disinquinanti Salvamare GEOLANA SeaCleanup della linea LANAturale Salute del Mare, tecnologia Edilana, sono i primi al mondo a svolgere (senza additivi aggiunti) la duplice funzione di assorbimento e biodegradazione naturale degli idrocarburi petrolchimici sversati a mare durante le attività operative giornaliere di navigazione (trasporto, turismo, pesca).

Gli sversamenti operativi causano il 25% dell’inquinamento marittimo totale.

Si tratta di una problematica ambientale invisibile e mediaticamente assente sebbene sia ben 3 volte superiore all’inquinamento (8%) causato dagli sversamenti da incidenti di navi, petroliere, piattaforme (tipologia di inquinamento invece molto presente nei media).

I prodotti disinquinanti Salvamare GEOLANA SeaCleanup della linea LANAturale Salute del Mare funzionano da assorbitori e da minidepuratori naturali per assolvere all’inquinamento marittimo giornaliero degli sversamenti operativi, presente nei porti, porticcioli con annessi stabilimenti balneari, zone costiere, aree di pesca, siti industriali.

Villasimius, disinquinamento con barriere Geolana

Villasimius, disinquinamento con barriere Geolana

L’INNOVAZIONE

I Geolana Salvamare GeoWool seaCleanup sono i primi al mondo, nel settore, a coniugare all’interno di un unico prodotto due azioni contemporanee: assorbimento degli inquinanti e biodegradazione degli stessi (senza additivi), con duplice azione di rimozione disinquinamento-risanamento dell’acqua.

Geolana è 100% di fonti rinnovabili eccedenti è resiliente quindi a differenza degli altri materiali può essere riutilizzato più volte.

Nei Geolana Salvamare la capacità di assorbimento degli inquinanti sversati in mare o in corsi d’acqua (come i derivati petrolchimici IPA idrocarburi o i composti azotati derivati dai concimi utilizzati in agricoltura) va da 8 a 14 volte il peso dell’assorbitore.

Grande capacità di assorbire

(1 kg di Geolana, in base al peso specifico del composto, assorbe da 8 a 14 kilogrammi di derivato di petrolio o inquinante azotato. Dato questo da moltiplicare per ogni volta che viene riutilizzato, ovvero fino a 5 volte di riuso, grazie al suo potere resiliente).

+ ottima capacità di biodegradare gli idrocarburi petrolchimici e i composti azotati (senza additivi di nessun tipo).

Geolana usato come prevenzione stabilmente in mare in corsi d’acqua (porticcioli, aree di pesca, ecc)  riesce in un mese a biodegradare fino a due terzi dell’inquinante assorbito.

Geolana Salvamare Geowool SeaCleanup

Dopo la parte di studio e ricerca Geolana salvamare diventa prodotto grazie al trasferimento tecnologico e alla consolidata ingegneria industriale di Edilana e soprattutto di Geolana salvasuolo: il geotessile sempre in pura lana di pecora, nato nel 2010 specifico per l’ingegneria naturalistica, ripristini, contenimenti,  rigenerazione di terreni, bonifiche di suoli degradati a cui restituire fertilità. Geolana salvamare ha speciali microcellule similari ma più piccole rispetto ai prodotti Geolana salvasuolo, capaci di catturare e trattenere sulle fibre e all’interno gli inquinanti dispersi in acqua. Le medesime fibre intelligenti diventano culla ottimale per lo sviluppo di microrganismi utili non patogeni ed anche già presenti in mare, naturalmente. Geolana immagazzina gli inquinanti e allo stesso tempo offre casa sostenibile con il miglior confort abitativo ai microrganismi denitrificanti e mangiatori di petrolio che naturalmente vivono e sono presenti in mare. L’acqua riattiva il metabolismo di questi batteri utili non patogeni che in perfetta armonia con la flora autoctona svolgono la loro azione di nutrirsi di idrocarburi, petrolchimici e composti azotati rilasciando l’acqua pulita.

Geolana è un minidepuratore leggero, naturale, resiliente, assorbente non aggiunge nulla all’acqua. La versione Geolana Carpet  tappeto disinquinante per le banchine dei porti turistici si offre infatti all’integrazione con elementi di decorazione e di disegno per un design che può essere tematico e progettato anche su misura.

uccello marino incatramato

uccello marino incatramato

COMPARAZIONE CON L’ESISTENTE

I prodotti presenti sul mercato sono: i disperdenti solventi artificiali, composti enzimatici per biodegradare e assorbitori. Questi ultimi sono al 95% di origine petrolchimica a base di poliestere e polipropilene. I pochi prodotti di fonti rinnovabili presenti come ad esempio quelli a base di sughero pur essendo buoni assorbitori, non sono resilienti, non possono essere riutilizzati e neppure svolgono la funzione di biodegradazione. Si tratta quindi di prodotti usa e getta. Geolana è 100% di fonti rinnovabili eccedenti (che non devono essere coltivate, ottenute  quindi senza sottrarre acqua, terreno agricolo, cibo). Geolana è resiliente quindi riutilizzabile più volte. Geolana oltre ad assorbire biodegrada disinquina e risana in modo maturale senza alcuni additivo aggiunto.

I MATERIALI

I componenti dei prodotti salvamare sono 100% di fonti rinnovabili eccedenti e nello specifico i geotessili marittimi GEOLANA panne e booms medium e large sono 100% pura lana vergine di pecora sarda.

Geolana extralarge hanno al loro interno anche un terzo (in percentuale di peso) componente.

Il sugherone detto anche sughero maschio rappresenta il primo taglio di corteccia della quercia, quindi non è utilizzabile in edilizia, nel vitivinicolo, risulta una eccedenza forestale, con scarso mercato). Anche Il cordame è 100% di fonti rinnovabili vegetali (eccedenti).

IL PROGETTO E IL TEAM CHE HA DATO VITA ALL’INNOVAZIONE

I prodotti disinquinanti Salvamare GEOLANA SeaCleanup della linea LANAturale Salute del Mare sono stati sviluppati ed implementati a seguito e grazie alle attività di studio e ricerca svolte in collaborazione con l’Università degli studi di Cagliari nell’ambito del progetto di sviluppo congiunto Università e Impresa: BIOLANCLEAN “Prodotti innovativi realizzati con 100% pura lana vergine di pecora sarda autoctona come mezzo per l’assorbimento e la biodegradazione di idrocarburi petroliferi” realizzato nell’ambito dell’intervento INNOVA.RE – Innovazione in Rete finanziato dal POR FESR 2007-2013.

Filiere e laboratori e centri di ricerca EDIZERO Architecture of Peace con Università degli studi di Cagliari: Dipartimento di ingegneria sanitaria e ambientale e Dipartimento di Scienze Biomediche Biotecnologie microbiche Microbiologia e Virologia.

Il lavoro di ricerca non è stato fatto sulla lana come materia prima generica ma sui prodotti industriali finiti 100% pura lana di pecora Edilana e Geolana agricoltura e salvasuolo,  di cui erano quindi  note le prestazioni tecniche e ambientali di alta innovazione, come ad esempio le qualità coibenti e di disinquinamento idoor dei prodotti isolanti termici e acustici in edilizia ed ancora il potere disinquinante dei geotessili Geolana savasuolo usati per uso agricolo per riconversione dei terreni degradati ad agricoltura biologica, e la resistenza alle trazioni e alla corrosione dei  geotessili  usati in geotecnica per contenimenti, antierosione preventiva (costiera, dunale, montana, ecc.) ripristini, bonifiche, Risanamenti ambientali.

Dallo studio di tutti questi prodotti specifici già esistenti sul mercato sono nati nuovi dati che hanno poi dato vita ai prodotti marittimi specifici per uso in mare laghi fiumi corsi d’acqua.

Cagliari, dimostrazione del disinquinamento con barriere Geolana

Cagliari, dimostrazione del disinquinamento con barriere Geolana

FILIERE EDIZERO ARCHITECTURE OF PEACE http://www.edizero.com/materioteca/

La Genesi nelle Innovazioni salvAria salvaSuolo salvaMare salvAcqua

La genesi delle innovazioni-produzioni delle filiere Edizero Architecture of Peace ha  visto nel suo percorso la salvaguardia di aria suolo e acqua;

nel 2008 EDILANA isolante termico acustico e potente disinquinante indoor dell’aria,

nel 2010 EDILATTE pitture antiasmogene cattura smog e CO2, disinquinante dell’aria,

nel 2011 GEOLANA i geotessili salvasuolo per contenimenti ripristini bonifiche e

riconversione in agricoltura biologica di terreni degradati con disinquinamento del suolo

nel 2014 EDILANA-EDIMARE isolante termico acustico ad alta inerzia

termica disinquinante indoor dell’aria,

nel 2016 GEOLANA salvamare mangiapetrolio, mangiaveleni e disinquinante dell’acqua!

 

Cagliari, il mare sotto la Sella del Diavolo

Cagliari, il mare sotto la Sella del Diavolo

 

(foto Edilana, A.N.S.A., Benthos, S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. Giorgio Minetto
    marzo 26, 2016 alle 7:19 am

    Penso convenga prevenire i disastri ambientali con politiche serie sulle autorizzazioni a nAvigare di certe petroliere che sono carrette del mare

    • marzo 26, 2016 alle 8:01 am

      non c’è dubbio, ma quando accade un qualsiasi sversamento a mare (es. da nave, da oleodotto, da canaletta, ecc.) bisognerá pur far qualcosa, no?

  2. max
    marzo 26, 2016 alle 7:34 am

    PREMESSO CHE NON HO MAI CAPITO XCHE’LA LANA DELLE NS PECORE ED IN PARTICOLARE DI QUELLE SARDE NON VENGA + USATA X QUELLO CHE E’ STATA USATA X MILLENNI, ANDANDO A REPERIRE LANE TEORICAMENTE + BLASONATE E COMUNQUE DAL NOME ESOTICO ( E QUI’ IL NS MARKETING RELATIVO HA PECCATO), PLAUDO QUINDI AL RINNOVATO IMPIEGO ECOLOGICO CHE PARREBBE L’UOVO DI COLOMBO. AUSPICO CHE GLI ALLEVATORI SIANO UN PO’ MENO PASTORI ED UN PO’ PIU’INDUSTRIALI DELLA LANA, FINANCO COSTITUIRE UN CONSORZIO, VISTO CHE LA SORTE E’ STATA MISERICORDIOSA CON LORO OFFRENDO UNA SECONDA POSSIBILITA’. NON CREDO CHE LA SORTE NE OFFRA LORO UNA TERZA.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: