Home > biodiversità, coste, difesa del territorio, giustizia, Italia, paesaggio, società, sostenibilità ambientale > Qualsiasi struttura abusiva può sempre esser posta sotto sequestro preventivo.

Qualsiasi struttura abusiva può sempre esser posta sotto sequestro preventivo.


Maracalagonis, Baccu Mandara, cartello sequestro preventivo

Maracalagonis, Baccu Mandara, cartello sequestro preventivo

Importante pronuncia della Corte di cassazione sull’ambito di applicabilità delle disposizioni che dispongono l’adozione di misure cautelari in caso di reati ambientali/paesaggistici.

La sentenza Corte cass,, Sez. III, 4 febbraio 2016, n. 4646 ha ricordato che, per disporre il sequestro preventivo (artt. 321 e ss. cod. proc. pen.) in tema di reati ambientali/paesaggistici (es. artt. 734 cod. pen., 181 del decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) , è sufficiente la mera esistenza di strutture abusive per manifestare l’attualità del pericolo, a prescindere dal fatto che siano state ultimate o meno.     

L’effettivo danno all’ambiente/paesaggio e l’incremento del carico urbanistico sull’area interessata non sono elementi necessari per la predisposizione dei provvedimenti cautelari, perché il rischio di danno al territorio e agli equilibri ambientali persiste per il semplice fatto che la struttura abusiva sia potenzialmente utilizzata.

Pertanto, le opere abusive e l’area connessa possono esser sottoposte a sequestro preventivo (art. 321 cod. proc. pen.) affinchè l’eventuale sussistenza di ipotesi penalmente rilevanti (in futuro accertata in giudizio) non provochi ulteriori effetti negativi sui valori ambientali/paesaggistici/territoriali tutelati (vds. es. Cass. pen., SS.UU., 23 aprile 1993, n. 4; Cass. pen., SS.UU., 7 novembre 1992, n. 6; Cass. pen., sez. III, 22 dicembre 2004, n. 48986).

Una rilevante pronuncia, in definitiva, per garantire una migliore salvaguardia del territorio eed efficace presidio della legalità.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

Arzignano, cartello di sequestro penale di un capanno di caccia

Arzignano, cartello di sequestro penale di un capanno di caccia

 

dalla Rivista telematica di diritto ambientale Lexambiente, 19 febbraio 2016

Cass. Sez. III n. 4646 del 4 febbraio 2016 (Cc 9 dic 2016)

Pres. Fiale Est. Di Stasi Ric. Colangelo

Beni Ambientali. Sequestro e rilevanza mera presenza del manufatto abusivo.
Nelle fattispecie di sequestro preventivo per reati paesaggistici, la sola esistenza di una struttura abusiva integra il requisito dell’attualità del pericolo, indipendentemente dall’essere l’edificazione ultimata o meno, in quanto il rischio di offesa al territorio e all’equilibrio ambientale, a prescindere dall’effettivo danno al paesaggio e dall’incremento del carico urbanistico, perdura in stretta connessione con l’utilizzazione della costruzione ultimata.

 

anatre_in_voloqui la sentenza Corte cass., Sez. III, 4 febbraio 2016, n. 4646.

 

 

 

Domus de Maria, sequestro cantiere edilizio, Chia (2010)

Domus de Maria, sequestro cantiere edilizio, Chia (2010)

 

(foto M.Z., S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. Massimo Grisanti
    marzo 23, 2016 alle 8:47 am

    Così come, a mio sommesso avviso, persiste il danno all’ordinato assetto del territorio e la lesione del potere pianificatorio dell’ente in caso di lottizzazione abusiva.
    Ritengo che allorquando un insediamento sia venuto ad esistenza in assenza degli standards urbanistici ex artt. 3 e 5 DM 1444/1968 e gli edifici vengono utilizzati – così richiedendo all’ente locale la sommistrazione dei servizi essenziali – la lottizzazione abusiva prenda forma ed efficacia, trattandosi di illecito in progress il cui termine di prescrizione inizia a decorrere dal momento in cui l’insediamento venga effettivamente dotato degli standards e delle correlate opere di urbanizzazione primaria.
    Invero, ai sensi dell’art. 24 DPR 380/2001 l’immobile non può dirsi ultimato fintanto che non esistono le opere di urbanizzazione primaria (tra cui verde pubblico attrezzato e parcheggi pubblici nelle misure minime e qualità fissate dal DM 1444/1968).
    Ed in caso di insediamenti residenziali a tali standards devono aggiungersi anche quelli di urbanizzazione secondaria.
    In conclusione, a mio sommesso avviso il reato di lottizzazione abusiva – che la giurisprudenza di legittimità penale e quella del supremo consesso amministrativo ci insegna sussistere anche in caso di permessi di costruire rilasciati – non cessa con l’ultimazione dei fabbricati (ovverosia dell’elemento primario che determina il carico urbanistico) bensì permane e si protrae sintanto che l’UTILIZZAZIONE di tale insediamento obbliga il Comune alla soministrazione dei servizi.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: