Home > "altri" animali, biodiversità, bracconaggio, difesa del territorio > A caccia di trappole e di bracconieri.

A caccia di trappole e di bracconieri.


trappola per ungulati

trappola per ungulati

Una quindicina di volontari della Lega per l’Abolizione della Caccia – L.A.C. ha condotto la diciasettesima campagna anti-bracconaggio nel Cagliaritano che ha portato, nonostante giorni di tempo incerto, alla neutralizzazione di più di 7 mila trappole per avifauna (latziteddus, esattamente 2.047 lacci in nylon e crine posizionati sugli alberi, 1.084 lacci a scatto posizionati a terra, oltre 4.000 armature in metallo” predisposte per il posizionamento dei lacci da albero), 2 reti per l’uccellagione e ben 81 trappole per ungulati (sos cropos, cavi d’acciaio per la cattura di cervi e cinghiali). 

La campagna, svoltasi in costante contatto con il Corpo forestale e di vigilanza ambientale e con il contributo del Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, ha visto, come di consueto, la partecipazione di tenaci volontari locali e giunti da varie parti d’Italia con l’obiettivo di bonificare quanti più boschi e zone di macchia mediterranea dalle micidiali trappole posizionate dai bracconieri, per aiutare la costante attività nel settore del Corpo forestale e di vigilanza ambientale e delle altre Forze di polizia.

Numerose le aree battute, decine di sentieri, nei boschi e nelle macchie mediterranee di Capoterra, Uta, Assemini, Santadi, Sarroch, in particolare nelle zone di Gutturu Mannu, Monti Mannu, S’Arcu de su Schisorgiu, Poggio dei Pini, Rio S. Girolamo, Monte Arcosu.

trappola avifauna

trappola avifauna

Sono stati liberati dalle trappole 1 Cinciarella (Cyanistes caeruleus) e 1 Fiorrancino (Regulus ignicapilla), mentre sono stati rinvenuti numerosi piccoli uccelli privi di vita: 1 Merlo (Turdus merula), 1 Cinciarella (Cyanistes caeruleus), 5 Pettirossi (Erithacus rubecola), 11 Tordi bottaccio (Turdus philomelos), 1 Fringuello (Fringilla coelebs).

Tutti i mezzi vietati per l’attività venatoria e gli esemplari di fauna morta recuperati dai volontari della L.A.C. sono stati consegnati al Corpo forestale e di vigilanza ambientale presso il comando Stazione di Capoterra quali corpi di reato.

In alcune occasioni sono stati trovati sul posto bracconieri, fra i quali – lungo la strada provinciale n. 1 “Capoterra – Santadi” – R.P., bracconiere già destinatario della misura di prevenzione “foglio di via” e più volte segnalato all’Autorità giudiziaria per ipotesi di reato ambientali.  Della relativa presenza è stato prontamente avvertito per le attività di competenza il Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

trappola "armata"

trappola “armata”

Negli stessi giorni sono state svolte “visite” presso i mercati cagliaritani di San Benedetto e di Via Quirra, per verificare la presenza di vendita abusiva di avifauna proveniente da attività illecite, fortunatamente senza alcun esito.

Il bracconaggio è un’attività illegale e distruttiva del patrimonio ambientale (si stimano un centinaio di bracconieri “fissi” + circa duecento “occasionali” nella sola Capoterra). Il giro di affari è di sensibili dimensioni: basti pensare che una sola griva (spiedo di 8 tordi, de pillonis de tàccula) costa al mercato illegale un centinaio di euro al dettaglio.        Tuttavia fra i principali “fruitori” finali del bracconaggio sembrano proprio essere alcuni noti ristoranti del Cagliaritano nei confronti dei quali appaiono necessarie ispezioni senza preavviso da parte delle Forze dell’ordine.  Da non tralasciare il controllo, nel periodo delle festività natalizie, dei mercati pubblici.

bracconiere intento a smagliare un tordo dalla rete

bracconiere intento a smagliare un tordo dalla rete

Dai riscontri anche diretti, tuttavia, il fenomeno del bracconaggio appare in sensibile diminuzione, grazie anche alla complessiva azione di contrasto da parte delle Forze dell’ordine e delle associazioni ecologiste.

La caccia di frodo è, infatti, un reato contravvenzionale punito dalla legge n. 157/1992 e s.m.i. con sanzioni penali (art. 30) e con sanzioni amministrative (art. 31), nonché dalla legge regionale Sardegna n. 23/1998 e s.m.i. (art. 74).

Andrea Cucini, Eduardo Quarta e Maurizio Gatto, coordinatori della campagna anti-bracconaggio della L.A.C., in proposito hanno dichiarato: “anche quest’anno siamo particolarmente soddisfatti dell’aiuto fornito a Corpo forestale e Carabinieri che  combattono il bracconaggio ogni giorno, ma siamo convinti della necessità di un impegno molto più incisivo nei confronti degli acquirenti e un deciso rafforzamento delle sanzioni: sequestri dei mezzi utilizzati per il bracconaggio, auto comprese, ispezioni in ristoranti e mercati. Il bracconaggio è un vero e proprio danno al patrimonio ambientale, è un vero e proprio furto ai danni di tutti noi”.

La L.A.C. conduce campagne anti-bracconaggio nelle zone del Paese dove il fenomeno è più grave: in Sardegna come nelle Valli Bresciane, come nelle Isole Pontine, come all’Isola del Giglio e a Cipro. Quest’anno la campagna anti-bracconaggio in Sardegna è stata svolta in successione e coordinamento di quella precedente del C.A.B.S. (Committee against bird slaughter) e quella successiva condotta dalla L.I.P.U.

Lega per l’Abolizione della Caccia

bracconaggio, Tordo al laccio

bracconaggio, Tordo al laccio

 

 

Qui, ai seguenti link, le precedenti campagne anti-bracconaggio:

campagna anti-bracconaggio 2012

campagna anti-bracconaggio 2011

campagna anti-bracconaggio 2010

campagna anti-bracconaggio 2009

campagna anti-bracconaggio 2008

campagna anti-bracconaggio 2007

campagna anti-bracconaggio 2006

Pettirosso (Erithacus rubecola) liberato durante l'attività antibracconaggio

Pettirosso (Erithacus rubecola) liberato durante l’attività antibracconaggio

(foto C.F.V.A., L.A.C., S.D., archivio GrIG)

  1. dicembre 8, 2013 alle 2:06 pm

    A.N.S.A., 8 dicembre 2013
    Bracconaggio, sequestrate 7.000 trappole. Campagna nel Cagliaritano della Lega abolizione caccia. (http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/sardegna/2013/12/08/Bracconaggio-sequestrate-7-000-trappole_9745867.html)

    CAGLIARI, 8 DIC – Oltre settemila trappole per avifauna, due reti per uccellagione e 81 trappole per cinghiali son state neutralizzate e sequestrate da una quindicina di volontari della Lega per l’Abolizione della Caccia durante la 17/a campagna anti-bracconaggio portata a termine nel Cagliaritano. L’attività si è svolta, in contatto con il Corpo forestale e col contributo del Gruppo d’Intervento Giuridico, nelle campagne di Capoterra, Uta, Assemini, Santadi e Sarroch.

    ________________________________________

    da Alguer.it, 8 dicembre 2013
    Neutralizzate più di 7 mila trappole per avifauna, 2 reti per l’uccellagione e ben 81 trappole per ungulati. A caccia di bracconieri nel Cagliaritano: http://notizie.alguer.it/n?id=65350

    ____________________

    da L’Unione Sarda on line, 8 dicembre 2013
    Bracconaggio, trovate 7mila trappole. Recuperati anche 19 uccelli morti. Campagna anti-bracconaggio nel Cagliaritano: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_sardegna/2013/12/08/bracconaggio_trovate_7mila_trappole_recuperati_anche_19_uccelli_morti-6-344613.html

    ______________________________

    da La Nuova Sardegna on line, 8 dicembre 2013
    Bracconaggio, sequestrate oltre 7mila trappole nel Cagliaritano.
    All’opera 15 volontari della Lega per l’abolizione della caccia, in collaborazione con il Corpo forestale e il Gruppo di intervento giuridico: http://lanuovasardegna.gelocal.it/cagliari/cronaca/2013/12/08/news/bracconaggio-sequestrate-oltre-7mila-trappole-nel-cagliaritano-1.8261210

    _____________________________

    da Sardinia Post, 8 dicembre 2013
    Campagna anti-bracconaggio nel cagliaritano, neutralizzate 7mila trappole: http://www.sardiniapost.it/cronaca/campagna-anti-bracconaggio-nel-cagliaritano-neutralizzate-7mila-trappole/

    __________________________

    da Casteddu online, 8 dicembre 2013
    Settemila trappole fuorilegge a Capoterra: identificato un bracconiere.
    Nei monti tra Poggio dei Pini e Rio San Girolamo un vero e proprio cimitero di uccelli, con settemila lacci dei bracconieri. Ma uno di loro, questa volta,è stato identificato dai forestali. (Maurizio Bistrusso): http://www.castedduonline.it/area-vasta/sulla-sulcitana/11593/settemila-trappole-fuorilegge-a-capoterra-identificato-un-bracconiere.html#sthash.enutLEpj.dpuf

    ___________________________

    da CagliariPad, 8 dicembre 2013
    Blitz degli ecologisti, neutralizzate migliaia trappole per “pilloneddus de taccula”.
    Lotta al bracconaggio nel cagliaritano: quindici volontari della Lega per l’abolizione della caccia hanno bonificato le campagne tra Capoterra, Uta, Assemini, Santadi e Sarroch: http://www.cagliaripad.it/news.php?page_id=6214

  2. Mara
    dicembre 8, 2013 alle 3:42 pm

    Un plauso a tutti i volontari. Alla fine questi ladri schifosi invecchieranno e lasceranno la loro vilissima attività, nella speranza che non abbiano eredi.

  3. Cristiana Verazza
    dicembre 8, 2013 alle 5:17 pm

    Una buona notizia. Chiederei l’inasprimento delle pene e soprattutto l’applicazione della legge, perchè esiste. Queste carogne devono finirla una volta per tutte!

  4. Cristiana Verazza
    dicembre 8, 2013 alle 5:21 pm

    P.S. Vorrei aderire a questa iniziativa e prenderò certamente contatti. Fotografo l’avifauna ma non mi è mai capitato di trovare lacci o trappole.

  5. dicembre 9, 2013 alle 11:00 pm

    da L’Unione Sarda, 9 dicembre 2013
    CAPOTERRA. Volontari Lac. Bracconaggio, disinnescate 7 mila trappole. (Andrea Piras)

    CAPOTERRA. Hanno lavorato in quindici per far piazza pulita delle trappole. Oltre settemila, tra latziteddus piazzati sugli alberi, lacci a scatto sistemati lungo i sentieri e nodi scorsoi in metallo, sono stati scoperti e disinnescati dai volontari della Lega per l’abolizione della caccia durante la diciassettesima campagna anti-bracconaggio messa in atto nel Cagliaritano e in particolare nei territori di Capoterra, Assemini, Uta, Sarroch e Santadi. Trovate anche numerose reti per l’uccellagione e ben 81 trappole per ungulati ( sos cropos , cavi d’acciaio per la cattura di cervi e cinghiali). La battaglia contro la caccia di frodo è stata programmata in stretta collaborazione e comunque in stretto contatto con il Corpo forestale e di vigilanza ambientale e con il contributo del Gruppo d’Intervento Giuridico onlus. Oltre a volontari locali nell’Isola sono intervenuti anche diverse persone arrivate da altre zone d’Italia. L’obiettivo: bonificare quanti più boschi e zone di macchia dalle trappole dei bracconieri, per aiutare la costante attività nel settore del Corpo forestale e di vigilanza ambientale e delle altre forze di polizia. Tra le aree battute, il Gutturu Mannu, Monti Mannu, S’Arcu de su Schisorgiu, Poggio dei Pini, Rio San Girolamo e Monte Arcosu. Sono stati liberati dalle trappole una cinciarella e un Fiorrancino, mentre sono stati rinvenuti numerosi piccoli uccelli privi di vita: merli , cinciarelle, pettirossi, tordi bottaccio e fringuelli. Tutti i mezzi vietati per l’attività venatoria e gli esemplari di fauna morta recuperati dai volontari della Lac sono stati consegnati alla Forestale della Stazione di Capoterra quali corpi di reato. In alcune occasioni sono stati trovati sul posto bracconieri, fra i quali – lungo la strada provinciale Capoterra-Santadi, un cacciatore di frodo già destinatario della misura di prevenzione e più volte segnalato all’autorità giudiziaria per ipotesi di reato ambientali. Della relativa presenza è stato prontamente avvertito per le attività di competenza il Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

  6. dicembre 10, 2013 alle 4:29 pm

    i soliti bastardi.

    da La Nuova Sardegna, 10 dicembre 2013
    Assemini, avvelenano due poiane e scappano. I due animali appena abbattuti sono stati trovati dai Forestali. (Luciano Onnis): http://lanuovasardegna.gelocal.it/cagliari/cronaca/2013/12/10/news/assemini-sparano-contro-due-poiane-e-scappano-1.8274789

  7. M.A.
    dicembre 10, 2013 alle 6:10 pm

    Errore Grig, avvelenano non “sparano”. Chissà chi è stato e perché!

    • dicembre 10, 2013 alle 6:41 pm

      l’errore non è nostro: in un primo momento così ha titolato La Nuova Sardegna e ne fa fede l’indirizzo internet, la sostanza non cambia.

  8. gennaio 21, 2014 alle 8:48 pm

    ed ecco la campagna anti-bracconaggio del C.A.B.S., chiusa a gennaio 2014: http://www.komitee.de/it/antibracconaggio/italia/bracconaggio-sardegna

  9. febbraio 7, 2014 alle 11:24 pm

    da La Nuova Sardegna, 7 febbraio 2014
    Bracconaggio, raffica di sequestri e denunce del corpo forestale.
    Cacciatori di frodo e intere compagnie di caccia sorprese nel Cagliaritano, nel Sulcis e nel Medio Campidano. (Luciano Onnis): http://lanuovasardegna.gelocal.it/cagliari/cronaca/2014/02/07/news/bracconaggio-raffica-di-sequestri-e-denunce-del-corpo-forestale-1.8621596

    • M.A.
      febbraio 8, 2014 alle 8:54 am

      Menomale che il bracconaggio era in calo in Sardegna !!!

  10. novembre 11, 2014 alle 2:49 pm

    da La Nuova Sardegna, 10 novembre 2014
    Bracconaggio, rimossi centinaia di lacci per catturare uccelli.
    Tra Assemini e l’Iglesiente individuati bracconieri che si spostano nei territori a loro vietati dalla questura: http://lanuovasardegna.gelocal.it/cagliari/cronaca/2014/11/10/news/bracconaggio-rimossi-centinaia-di-lacci-per-catturare-uccelli-1.10283674

    ________________________________

    da L’Unione Sarda, 10 novembre 2014
    Operazione anti bracconaggio del Cabs. Rimossi centinaia di lacci nelle campagne: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_sardegna/2014/11/10/operazione_anti_bracconaggio_del_cabs_rimossi_centinaia_di_lacci-6-394985.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: