Home > "altri" animali, biodiversità, caccia, Italia, parchi naturali > No alla legge regionale veneta che consente la caccia nei parchi naturali!

No alla legge regionale veneta che consente la caccia nei parchi naturali!


bosco sotto la neve

bosco sotto la neve

 

 

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inoltrato una specifica segnalazione (12 maggio 2013) ampiamente argomentata al Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie  concernente alcuni profili di illegittimità costituzionale della recente legge regionale Veneto 23 aprile 2013, n. 6 “Iniziative per la gestione della fauna selvatica nel territorio regionale precluso all’attività venatoria”.

Interessato anche il Ministro dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare.

Con la legge regionale Veneto n. 6/2013, infatti, sono state previste disposizioni tese a sostenere e ampliare le ipotesi di “piani di abbattimento” della fauna selvatica all’interno dei territori preclusi all’esercizio della attività venatoria, comprese (in quanto non esplicitamente escluse) le aree naturali protette nazionali e regionali di cui alla legge n. 394/1991 e s.m.i. in violazione delle competenze statali in materia di tutela dell’ambiente ai sensi dell’art. 117, comma 1°, lettera s, cost.

L’art. 2, comma 2°, della legge regionale Veneto n. 6/2013 prevede una procedura sostitutiva degli Enti di gestione delle aree naturali protette, unici titolari delle competenze in tema di “eventuali prelievi faunistici ed abbattimenti selettivi necessari per ricomporre squilibri ecologici” (artt. 11, comma 4°, e 22, comma 6°, della legge n. 394/1991 e s.m.i.)[i].

Si ricorda che il divieto di caccia in via generale in tutte le aree naturali protette nazionali e regionali è previsto dagli artt.  11, comma 3°, lettera a (primo periodo), e 22, comma 6°, della legge n. 394/1991 e s.m.i., nonché dall’21, comma 1°, lettera b, della legge n. 157/1992 e s.m.i., mentre gli “eventuali prelievi faunistici ed abbattimenti selettivi necessari per ricomporre squilibri ecologici … devono avvenire in conformità al regolamento del parco o, qualora non esista, alle direttive regionali per iniziativa e sotto la diretta responsabilità e sorveglianza dell’organismo di gestione del parco e devono essere attuati dal personale da esso dipendente o da persone da esso autorizzate scelte con preferenza tra cacciatori residenti nel territorio del parco, previ opportuni corsi di formazione a cura dello stesso Ente”  (artt.  11, comma 3°, lettera a (primo periodo), e 22, comma 6°, della legge n. 394/1991 e s.m.i.).

Capriolo (Capreolus capreolus)

Capriolo (Capreolus capreolus)

Il meccanismo procedurale previsto dalla legge regionale Veneto n. 6/2013 prevede, in buona sostanza, un potenziale esautoramento degli Enti di gestione di parchi naturali nazionali e regionali, a beneficio di una Regione Veneto che – tradizionalmente – è sempre stata fin troppo vicina agli interessi venatori.

Pertanto, l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha chiesto che sia proposto ricorso alla Corte costituzionale (art. 127 cost.) avverso la legge regionale Veneto n. 6/2013 per lesione delle competenze legislative statali costituzionalmente garantite e poste, in questo caso, a tutela delle aree naturali protette e della fauna selvatica.

Si ricorda, infine, che la legge regionale Veneto 24 febbraio 2012, n. 12, concernente la possibilità di realizzazione di altane di caccia pur permanenti senza le necessarie autorizzazioni urbanistico-edilizie e (se in aree tutelate con vincoli ambientali) paesaggistiche, è stata impugnata dal Governo davanti alla Corte costituzionale proprio su istanza del Gruppo d’Intervento Giuridico onlus.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Cinghiale (Sus scrofa)

Cinghiale (Sus scrofa)

(foto S.L., S.D., archivio GrIG)


[i]  Art. 2, comma 2°, della legge regionale Veneto n. 6/2013: agli enti titolari delle funzioni di gestione faunistica che non provvedono ad adottare gli atti di propria competenza relativi all’attuazione della presente legge, il Presidente della Giunta regionale, previa comunicazione al Consiglio delle autonomie locali, assegna un congruo termine, non inferiore a quindici e non superiore a trenta giorni, per provvedere, salvo deroga motivata da ragioni di urgenza. Decorso inutilmente tale termine, il Presidente della Giunta regionale, sentiti gli enti inadempienti, nomina un commissario ad acta che provvede in via sostitutiva

  1. Maggio 13, 2013 alle 7:49 am

    Purtroppo, ci sono delle regioni, soprattutto alcune province, abitate ed amministrate da selvaggi!

  2. lucia
    Maggio 13, 2013 alle 10:50 am

    Grazie!!! Da veneta amante della natura, vi sostengo e apprezzo il vostro instancabile operato.
    Lucia

  3. Maggio 13, 2013 alle 4:59 PM

    Comunicato stampa del 13 maggio 2013

    Caccia nei parchi, ricorso contro la legge della Regione Veneto (http://www.andreazanoni.it/it/news/comunicati-stampa/caccia-nei-parchi-ricorso-contro-la-legge-della-regione-veneto-.html)

    L’eurodeputato Andrea Zanoni denuncia ai ministri dell’ambiente e degli affari regionali l’incostituzionalità della legge regionale del Veneto che autorizza la caccia nei parchi. “La tragedia sfiorata nel Parco Colli è il risultato delle armi portate in una zona protetta. Ci sono altri modi di contenimento dei danni da animali: ecologici e non cruenti”

    “La tragedia sfiorata nel Parco Colli sul Monte Castello, a Calaone (PD), la dice lunga su cosa vuol dire la nuova legge regionale sulla gestione della fauna selvatica che di fatto da il via libera alla caccia nei parchi con la scusa di contenere la popolazione animale”. E’ l’attacco di Andrea Zanoni, eurodeputato ALDE e vice presidente dell’Intergruppo Benessere degli Animali al Parlamento europeo, che ha scritto una lettera al ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Graziano Delrio, e al ministro dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare, Andrea Orlando, per chiedere di ricorrere alla Corte Costituzionale contro la legge regionale Veneto n. 6 del 23 aprile 2013 “Iniziative per la gestione della fauna selvatica nel territorio regionale precluso all’attività venatoria” che amplia le ipotesi di “piani di abbattimento” della fauna selvatica all’interno dei “territori preclusi all’esercizio della attività venatoria”, comprese le aree naturali protette nazionali e regionali.

    “I sei operatori del Parco Colli che l’altra notte erano in sopralluogo per uccidere i cinghiali nel parco, sono stati mancati per un soffio da una fucilata sparata da un ignoto cacciatore, forse un bracconiere, sul quale stanno adesso indagando le forze dell’ordine – racconta Zanoni – Ecco cosa vuol dire portare le armi in un’area protetta. Non ci sono armi buone o cattive, sono tutte armi pericolose che dai parchi dovrebbero stare lontane. Trovo aberrante e disumano il fatto che le autorità uccidano i cinghiali in primavera, ovvero in presenza di mamme con i cuccioli che rischiamo di rimanere orfani, condannandoli ad una morte atroce di stenti per fame e sete, o vittime dei predatori”.

    L’eurodeputato non ha dubbi: “Un parco regionale dovrebbe bandire tutte le armi dal suo territorio e per contenere davvero la popolazione di una determinata specie animale dovrebbe adottare metodi ecologici (vedi articolo 19 L.157/92) diversi da quelli cruenti che altro non sono che un regalo alla lobby dei cacciatori e un potenziale fattore di rischio”.

    Per questo, Zanoni, con l’associazione ambientalista Gruppo d’Intervento Giuridico, chiede ai ministri dell’Ambiente e delle Politiche regionali di valutare “uno specifico ricorso governativo alla Corte costituzionale ai sensi dell’articolo 127 della Costituzione contro la legge regionale Veneto n. 6 del 2013 per lesione delle competenze legislative statali costituzionalmente garantite”.

    “La maggioranza del Consiglio Regionale del Veneto ha approvato questa legge, il che vuol dire che nel caso si verificassero incidenti più gravi di quello sfiorato l’altra notte, qualcuno dovrà assumersene anche la responsabilità politica”, conclude Zanoni.

    BACKGROUND

    La legge regionale Veneto 23 aprile 2013, n. 6 “Iniziative per la gestione della fauna selvatica nel territorio regionale precluso all’attività venatoria” prevede disposizioni tese a sostenere e ampliare le ipotesi di “piani di abbattimento” della fauna selvatica all’interno dei “territori preclusi all’esercizio della attività venatoria”, comprese (in quanto non esplicitamente escluse) le aree naturali protette nazionali e regionali di cui alla legge n. 394/1991 in violazione delle competenze statali in materia di tutela dell’ambiente ai sensi dell’art. 117, comma 1°, lettera s, cost. L’art. 2, comma 2°, di tale legge, prevede una procedura sostitutiva degli Enti di gestione delle aree naturali protette, unici titolari delle competenze in tema di “eventuali prelievi faunistici ed abbattimenti selettivi necessari per ricomporre squilibri ecologici” (artt. 11, comma 4, e 22, comma 6, della legge n. 394/1991): “agli enti titolari delle funzioni di gestione faunistica che non provvedono ad adottare gli atti di propria competenza relativi all’attuazione della presente legge, il Presidente della Giunta regionale, previa comunicazione al Consiglio delle autonomie locali, assegna un congruo termine, non inferiore a quindici e non superiore a trenta giorni, per provvedere, salvo deroga motivata da ragioni di urgenza. Decorso inutilmente tale termine, il Presidente della Giunta regionale, sentiti gli enti inadempienti, nomina un commissario ad acta che provvede in via sostitutiva”.

    Il divieto di caccia in via generale in tutte le aree naturali protette nazionali e regionali è previsto dagli artt. 11, comma 3, lettera a (primo periodo), e 22, comma 6, della legge n. 394/1991, nonché dall’21, comma 1, lettera b, della legge n. 157/1992, mentre gli “eventuali prelievi faunistici ed abbattimenti selettivi necessari per ricomporre squilibri ecologici … devono avvenire in conformità al regolamento del parco o, qualora non esista, alle direttive regionali per iniziativa e sotto la diretta responsabilità e sorveglianza dell’organismo di gestione del parco e devono essere attuati dal personale da esso dipendente o da persone da esso autorizzate scelte con preferenza tra cacciatori residenti nel territorio del parco, previ opportuni corsi di formazione a cura dello stesso Ente” (artt. 11, comma 3, lettera a (primo periodo), e 22, comma 6, della legge n. 394/1991 e s.m.i.)

    Ufficio Stampa Eurodeputato Andrea Zanoni

    Email stampa@andreazanoni.it

    Tel (Bruxelles) +32 (0)2 284 56 04

    Tel (Italia) +39 0422 59 11 19

    Blog http://www.andreazanoni.it

    Twitter Andrea_Zanoni

    Facebook Andrea Zanoni

    Youtube AndreaZanoniTV

  4. Maggio 13, 2013 alle 5:32 PM

    Gea Press, 13 maggio 2013
    Veneto – La legge “caccia nei Parchi”, potrebbe finire alla Corte Costituzionale.
    Ricorso del Gruppo d’Intervento Giuridico al Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie: http://www.geapress.org/brevi/veneto-la-legge-caccia-nei-parchi-potrebbe-finire-alla-corte-costituzionale/44643

    _____________________

    da Ecologica Piazza Grande, 13 maggio 2013
    Veneto – La legge “caccia nei Parchi”, potrebbe finire alla Corte Costituzionale: http://ecologica.piazzagrande.info/natura/veneto-la-legge-caccia-nei-parchi-potrebbe-finire-alla-corte-costituzionale/2013/05/13

  5. Stefano
    Maggio 21, 2013 alle 12:03 PM

    Zanone parla parla e intanto gli altri agiscono, fortuna che c’è il Gruppo di Intervento che si sporca le mani e non solo onorevoli capaci solo di fare il cappello al lavoro altrui

  1. Maggio 14, 2013 alle 12:16 PM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: