Home > aree urbane, difesa del verde, società > Perché gli alberi di Natale “tagliati”?

Perché gli alberi di Natale “tagliati”?


Carloforte, trasporto dell'albero di Natale "tagliato" (2012)

Carloforte, trasporto dell’albero di Natale “tagliato” (2012)

Le tradizioni, comprese quelle poco ecologiche, sono dure a morire.

Anche nei centri dove si raggiungono risultati di eccellenza ambientale, come Carloforte.     Anche nel corso di iniziative positive, come quelle per l’abbellimento del proprio quartiere.

Che senso ha, infatti, festeggiare il Natale con alberi tagliati qui e là quando potevano esser addobbati con palline e strenne (e con criterio) quelli già presenti nelle alberature cittadine?

Mistero.  E, soprattutto, una buona occasione persa per un Natale di buon senso ed ecologico.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

Carloforte, albero di Natale "tagliato" (2012)

Carloforte, albero di Natale “tagliato” (2012)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carloforte, manifesto

Carloforte, manifesto

(foto per conto GrIG)

  1. icittadiniprimaditutto
    dicembre 21, 2012 alle 11:40 PM

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. max
    dicembre 22, 2012 alle 6:08 am

    se gli alberi provengono da vivai , poco male; la cosa riveste + carattere etico ( non si desidera far morire nessun essere vivente). se diversamente provengono da boschi c’e’ sicuramente anche un danno ambientale.
    personalmente sono x gli alberi artificiali che fungono bene allo scopo, durano quasi in eterno, non perdono gli aghi, non necessitano di smaltimento se non nella prox era glaciale e consentono di non fare quanto sopra descritto.

  3. MArio
    dicembre 24, 2012 alle 5:01 am

    questi sono peggio di Luffuetta?

  4. Danny
    dicembre 26, 2012 alle 6:37 PM

    Non è un mistero!
    Donati dall’ente foreste tra quelli che dovevano essere abbattuti.
    Strano! Questo articolo sa più di polemica che altro.

    • dicembre 26, 2012 alle 11:10 PM

      nessuna polemica, una semplice constatazione: per il Natale, la festa della vita, sono sempre meglio gli alberi “vivi”.
      A Carloforte come a New York, a Cagliari come a Milano. Come in ogni posto.

  5. Pino
    dicembre 27, 2012 alle 2:08 PM

    Se già tagliati dalla forestale meglio addobbati che bruciati, a Carloforte come a New York.

    • dicembre 27, 2012 alle 2:37 PM

      opinione rispettabilissima, ma in ogni caso finiscono bruciati, no?
      Proviamo a ricordarci il vero senso del Natale…

      • Pino
        dicembre 27, 2012 alle 3:33 PM

        A me del Natale non interessa niente, sono ateo. Mi piace però essere pragmatico, se la forestale in un discorso di “tagli programmati” si ritrova con dei pini tagliati e’ lodevole chi ne prolunga la vita addobbandoli. Se proprio volete prendervela con qualcuno prendetevela con la forestale. Buone festività di fine anno a tutti voi.

      • dicembre 27, 2012 alle 4:14 PM

        veramente non vogliamo proprio prendercela con nessuno, Pino. Rileggi l’articolo e i commenti e te ne renderai conto da solo. Buon anno, che sia ricco di felicità.

  6. Mario
    dicembre 3, 2015 alle 8:48 PM
  7. Carlo Forte
    dicembre 4, 2015 alle 10:26 am

    Vorrei vederli questi “risultati di eccellenza”……….non sulla carta ma nella vita quotidiana.Buon SOL INVICTUS a tutti

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: