17 marzo 1861 – 17 marzo 2020.


Il Regno di Sardegna nel 1860

Il 17 marzo 1861 veniva proclamato il Regno d’Italia, dal 1946 la Repubblica Italiana.

Con la legge 17 marzo 1861, n. 4671, nasceva l’Italia unita.

Nasceva come annessione progressiva al Regno di Sardegna delle varie Province in forza dei plebisciti conseguenti alla II guerra d’indipendenza e alla spedizione dei Mille (1859-1860).

Da allora molta acqua è passata sotto i ponti, giorni belli e momenti difficili, come quelli attuali.

Quelli del 17 marzo 2020, per capirci.

Ancora una volta non sarà facile, nulla sarà regalato, ma ancora una volta il Bel Paese ritornerà più grande di prima.

Gli Italiani, nonostante tutto, sono sempre grandi, anche nelle sventure, nonostante le miserie di tanti.

Auguri di cuore a tutti noi.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Cagliari, Piazza Martiri, manifestazione spontanea per l’Unità d’Italia (17 marzo 2011)

(carta geografica d’epoca, foto S.D., archivio GrIG)

  1. Occhio nudo
    marzo 17, 2020 alle 7:05 am

    Fatta l’Italia, bisogna fare gli italiani. Quello che stiamo vivendo, probabilmente, è il primo momento in cui ci sentiamo per la prima volta italiani, uniti nonostante tutto. Niente sarà più come prima. Auguri a tutti noi, ne abbiamo bisogno.

  2. marzo 17, 2020 alle 11:06 am

    A.N.S.A., 17 marzo 2020
    Coronavirus: varato il decreto. Tweet di Conte: “Gli italiani sanno rialzarsi”.
    Tutte le misure per fronteggiare l’emergenza. Il premier: ‘Lo Stato c’è e non lascia soli i cittadini, nessuno deve sentirsi abbandonato’. (https://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2020/03/15/coronavirus-gualtieri-ore-decisive-per-il-decreto-italia-piu-forte-del-virus-_b39e0f90-d6c6-4850-9a12-88650a0e6f5d.html)

    “159 anni fa veniva proclamata l’Unità d’Italia. Da allora il nostro Paese ha affrontato mille difficoltà, guerre mondiali, il regime fascista. Ma gli italiani, con orgoglio e determinazione, hanno sempre saputo rialzarsi e ripartire. A testa alta”. Così su twitter questa mattina il premier Giuseppe Conte in occasione dell’anniversario dell’Unità d’Italia.

    Ieri il governo ha varato il decreto ‘cura-Italia’, vale 25 miliardi, ne attiva 350. Misure per medici, lavoratori, famiglie e imprese.

    “E’ una manovra economica poderosa: non abbiamo pensato e non pensiamo di combattere un’alluvione con gli stracci. Stiamo cercando di costruire una diga per proteggere imprese famiglie lavoratori”: ha detto il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa dopo il Cdm.
    “Il governo è vicino alle imprese, i professionisti, le famiglie, alle donne e gli uomini, i giovani che stanno facendo enormi sacrifici per tutelare il bene più alto. Nessuno deve sentirsi abbandonato e questo decreto lo dimostra”, aggiunge Conte. “Abbiamo appena concluso i lavori del Consiglio dei ministri: è un passaggio importante.

    “Possiamo parlare di modello italiano non solo per la strategia di contrasto – ha rilevato il presidente del consiglio – ma anche di un modello italiano per la strategia” di risposta economica all’epidemia del Coronavirus.

    “L’Ue ci segua – ha detto ancora Conte -. I primi segnali sono importanti. L’Italia promotrice di un messaggio a tutte le istituzioni Ue”.

    “Siamo consapevoli che non basterà” il decreto anti-Coronavirus, ha aggiunto ancora, ma “il governo risponderà presente anche domani; dovremo predisporre misure per il tessuto economico e sociale fortemente intaccato” dall’emergenza “con un piano di ingenti investimenti con una rapidità che il nostro paese non ha mai conosciuto prima”.

    Scadenze fiscali spostate al 20 marzo – Sono differiti al 20 marzo i versamenti in scadenza oggi. Lo confermano fonti dell’Agenzia delle entrate in riferimento al decreto legge in uscita. Il decreto inoltre introduce ulteriori sospensioni dei termini e misure fiscali a sostegno di imprese, professionisti e partite Iva colpite dagli effetti dell’emergenza sanitaria.

    600 euro su base mensile a autonomi – “E’ riconosciuto un indennizzo di 600 euro, su base mensile, non tassabile, per lavoratori autonomi e le partite Iva. L’indennizzo va ad una platea di quasi 5 milioni di persone”. Lo prevede, secondo quanto si legge nella nota di Palazzo Chigi, il decreto Cura Italia approvato dal Cdm. L’indennizzo di seicento euro, quindi, non è inteso come una tantum e potrebbe non valere solo per il mese di marzo.

    Laurea in Medicina diventa abilitante – Laurea in Medicina definitivamente abilitante alla professione medica. E’ quanto stabilisce il Cura Italia approvato oggi. “Questo significa liberare immediatamente sul Sistema sanitario nazionale l’energia di circa diecimila medici fondamentale per far fronte alla carenza che lamentava il nostro Paese. Cogliamo questo momento di difficoltà per adeguarci per sempre e con positività anche alle esigenze di una società che cambia”, commenta il ministro dell’Università Gaetano Manfredi.

    Detenzione domiciliare per i detenuti che hanno pene da scontare sino a 18 mesi. Se la pena è superiore a 6 mesi sarà applicato il braccialetto elettronico. Lo prevede il decreto varato oggi dal governo e l’obiettivo è quello di alleggerire la presenza di detenuti nelle carceri per gestire meglio l’emergenza Coronavirus e attenuare il problema del sovraffollamento. Saranno esclusi detenuti i responsabili di gravi reati, i delinquenti abituali e professionali e quelli che sono stati coinvolti nelle violenze dei giorni scorsi dentro le carceri.

    Proroga 6 mesi indizione referendum – Il decreto Cura Italia dispone “la proroga di sei mesi del termine per l’indizione del referendum confermativo della legge costituzionale sulla riduzione del numero dei parlamentari”.

    Locali-personale da cliniche private – Il decreto Cura Italia prevede “il finanziamento dell’aumento dei posti letto in terapia intensiva e nelle unità di pneumologia e malattie infettive (anche in deroga ai limiti di spesa) mentre le strutture private devono mettere a disposizione il personale sanitario in servizio, i locali e le proprie apparecchiature (per un costo di 340 milioni)”.

    ———-

    SINTESI D.L. CURA ITALIA: https://www.ansa.it/documents/1584369957253_cura.pdf

    ___________________________________________

    da Il Fatto Quotidiano, 17 marzo 2020
    Coronavirus, la diretta – Conte: “159 anni fa l’Unità d’Italia. Mai come adesso serve stare uniti per sconfiggere questo nemico invisibile”: https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/03/17/coronavirus-la-diretta-conte-159-anni-fa-lunita-ditalia-mai-come-adesso-serve-stare-uniti-per-sconfiggere-questo-nemico-invisibile/5739109/

  3. marzo 17, 2020 alle 2:48 pm

    A.N.S.A., 17 marzo 2020
    Coronavirus: Colle: ‘Clima difficile, serve unità’. Conte: ‘Gli italiani sanno rialzarsi’.
    In arrivo un nuovo pacchetto di norme per chi entra in Italia. Tutte le misure per fronteggiare l’emergenza. Il premier: ‘Lo Stato c’è e non lascia soli i cittadini, nessuno deve sentirsi abbandonato’: https://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2020/03/15/coronavirus-gualtieri-ore-decisive-per-il-decreto-italia-piu-forte-del-virus-_b39e0f90-d6c6-4850-9a12-88650a0e6f5d.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: