Sassari, chi spara ai Cani?


maio

Maio, il povero Cocker spaniel

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo molto volentieri.

Speriamo davvero che venga identificato e sanzionato il delinquente che si diverte a sparare ai Cani.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

Toscana, oliveto

oliveto

A Sassari, nella zona di Monti Bianchinu – Eba Giara, si spara con armi da fuoco contro Cani domestici e di proprietà, un fatto gravissimo e un reato di maltrattamento sugli animali su cui sta indagando anche la Polizia.

Lo scorso 30 maggio di sera un Cocker spaniel, cane da compagnia e domestico,  con regolare microchip e collare identificativo con nome e numero di telefono del proprietario, si è allontanato da casa sicuramente attratto dal periodo del calore, non ha fatto rientro e dopo averlo chiamato e cercato, la mattina seguente alle 5 è stato trovato morto in un terreno a 30 di metri più su della sua abitazione,  sparato da un colpo di arma.

Un colpo -forse di carabina- nel costato, che il referto radiologico e veterinario ha individuato come arma da fuoco in quanto è stato trovato un foro di entrata e di uscita.

Vicini armati, cacciatori? Quale codice culturale ammette che un animale come un cane da compagnia possa essere sparato a morte a pochi metri dalla sua casa e dei proprietari?

In una zona dove si passeggia per fare sport, si corre con animali al seguito, si gode dell’immediata campagna vicino alla città, vige la crudele legge dell’uomo che sopraffa gli animali con le armi, in cui si spara a qualcosa che si muove, che si avvicina, con l’intento di uccidere.

Un gesto non solo di cattiveria contro gli animali, ma anche contro i proprietari e tutto il vicinato della zona visto il pericoloso uso di armi a poche decine di metri da altre case abitate e dalla strada principale Monti Bianchinu – Eba Giara, dove è stato è stato ritrovato il cane esanime. Un reato penale – quello previsto dall’articolo 544-ter – che probabilmente resterà impunito, un gesto di grave minaccia e intimidazione alla tranquillità della zona dove abitano decine di famiglie con animali domestici.

Sassari, Cattedrale di San Nicola

Sassari, Cattedrale di San Nicola

Si parla nei giornali della riqualificazione della valle di Rosello, della valle dell’Eba Giara oggi incolta e impraticabile per la cittadinanza, di parchi urbani a Sassari, dei sentieri rurali da poco inaugurati e fruiti quotidianamente dai cittadini, ma in quella stessa zona evidentemente vigono le regole crudeli del mondo agropastorale, del non rispetto degli animali, del gesto violento di uccidere deliberatamente e senza spiegazioni, di sparare con armi dai terrazzi di casa, a pochi metri da altre abitazioni, che evidentemente oggi non è capace di dinamiche di relazione in equilibrio con la realtà di una zona rurale convertita in agro – residenziale.

In una zona residenziale alle porte della città esiste forse un mondo sommerso fatto di chi usa il territorio secondo le proprie leggi incivili, incurante della gravità del gesto, delle sue conseguenze penali e delle relazioni con gli abitanti della zona, un quartiere fatto di persone che possiedono animali da compagnia e che usano relazionarsi con rispetto reciproco.

Vittima del reato non è soltanto il povero Cane ignaro del suo destino, ma tutte le persone che credono nel valore della civiltà e del rispetto degli animali. Usare le armi contro altri essere viventi è vigliacco e crudele.

E’ stato compiuto un reato e chiediamo che possa essere fatta giustizia per individuare chi usa le armi contro gli animali a pochi chilometri dalla città di Sassari,  gesti di cattiveria gratuita e di grave pericolo per tutti coloro che vivono il territorio, evidentemente popolato da individui che si sentono legittimati ad uccidere con le armi contro animali innocenti.

Stefania Muresu    Fabian Volti

proprietari del Cane e abitanti della zona

 

cane e gatto

Cane e Gatto

(foto Stefania Muresu, da mailing list animalista, E.R., S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. giugno 7, 2018 alle 8:15 am

    Terribile!

  2. giugno 7, 2018 alle 9:50 am

    troppe carabine, pochi controlli, con un normale fucile a pallettoni si sarebbe trovato il colpo.. così rimarrà impunito? Non ci siamo, è facile uccidere anche i vicini, oltre i loro cani, in questo modo.

  3. Ari
    giugno 7, 2018 alle 10:00 am

    Agghiacciante. Oltre essere un reato vero e proprio è anche da vigliacchi.

  4. Mauro
    giugno 7, 2018 alle 6:41 pm

    L’essere umano puo’ arrivare a gesti di una crudelta’ immane. Il problema e’ che quando questi gesti efferati vengono fatti nei confronti degli animali le autorita’ non si sforzano piu’ di tanto per trovare e punire gli autori perche’ tanto…….sono solo animali.

  5. settembre 19, 2018 alle 1:21 pm

    Chiunque sia una volta scovato va ricoverato in un reparto psichiatrico.
    Alla mia Jane piacerebbe tanto rimanere qualche minuto da sola con questo idiota

  6. luglio 16, 2019 alle 2:50 pm

    e c’è chi li impicca.

    A.N.S.A., 16 luglio 2019
    Due cani impiccati a Budoni per vendetta.
    Denunciati dai carabinieri un 31enne e un 35enne nuoresi. (http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/07/16/due-cani-impiccati-a-budoni-per-vendetta_db97662b-d955-4faa-90f0-be49423f0abd.html)

    Due cani meticci, a prevalenza pastore tedesco, sono stati trovati impiccati con una corda di nylon alla rete di recinzione in un terreno nelle campagne di Budoni, sulla costa del Nuorese. A fare la raccapricciante scoperta è stato il proprietario dell’appezzamento: quando si è recato sul posto per accudire i suoi animali li ha trovati morti.

    I Carabinieri della stazione di Budoni, intervenuti subito dopo la chiamata dell’uomo, hanno già individuato i responsabili: si tratta di un 31enne e di un 35enne, entrambi residenti in una frazione vicina. Per loro è scattata una denuncia. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, i due si sarebbero vendicati sui meticci perchè avrebbero azzannato un agnello di loro proprietà. Sul posto sono intervenuti anche i veterinari della Asl di Olbia che hanno constatato la morte per asfissia dei due cani.

  7. settembre 9, 2019 alle 10:20 pm

    vita da cani alla Giara.

    A.N.S.A., 9 settembre 2019
    Canile lager scoperto sulla Giara.
    Denuncia di una turista, carabinieri hanno avviato indagini: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/09/09/canile-lager-scoperto-sulla-giara_615af3b6-f468-41e4-a21f-639aa236efb1.html

    _________________

    da La Nuova Sardegna, 9 settembre 2019
    Orrore sulla Giara: un lager per cani accanto all’oasi dei cavallini.
    La brutta scoperta di due turisti francesi che, nell’impossibilità di comunicare con le guardie del parco, hanno raccontato la storia su Fb. Un allevatore è stato denunciato. (Luciano Onnis): http://www.lanuovasardegna.it/cagliari/cronaca/2019/09/09/news/vergogna-sulla-giara-un-lager-per-cani-accanto-all-oasi-dei-cavallini-1.17878715

    ______________

    da L’Unione Sarda, 9 settembre 2019
    LA DENUNCIA. Gesturi, scoperto un canile lager sulla Giara.
    I carabinieri hanno aperto un’inchiesta, dopo il racconto di una turista francese: https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/medio-campidano/2019/09/09/gesturi-scoperto-un-canile-lager-sulla-giara-136-925910.html

  8. G.Maiuscolo
    settembre 10, 2019 alle 9:16 am

    Povere creature…in mano a certe bestie; bestie sì…
    😦

  9. Mara machtub
    settembre 11, 2019 alle 7:53 am

    Chiamarli bestie equivale a nobilitarli e non lo meritano proprio. Si chiamano bastardi vigliacchi e spero che la loro vita termini, quando sarà ora, fra i tormenti che meritano.

  10. G.Maiuscolo
    settembre 11, 2019 alle 8:33 am

    Sì…chiamarle bestie equivale a nobilitarle, come no…
    Non era nelle mie intenzioni, Mara, nobilitare …un bel niente. Un solenne bel niente.
    Ognuno, ha la facoltà di usare le epressioni che gradisce. C’è ancora la libertà di farlo, finché dura…
    Sono sicuramente dei bastardi vigliacchi ma augurare che “la loro vita termini fra tormenti”, francamente, non mi permetterei.
    …A ciascuno il suo.
    Con cordialità

    • Mara machtub
      settembre 11, 2019 alle 9:10 am

      “…A ciascuno il suo”
      Esatto. Io sono quella cattiva, specie con i cattivi.

  11. G.Maiuscolo
    settembre 11, 2019 alle 9:54 am

    Cattiva..sì…sì.
    Mancu tui chi du narasa, ci creisi… ( Neanche tu credi a quel che dici); anzi a quel che scrivi…

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: