Home > corsi e seminari di diritto ambientale, Gruppo d'Intervento Giuridico, società > Oltre 1.500 partecipanti ai corsi e seminari di diritto ambientale.

Oltre 1.500 partecipanti ai corsi e seminari di diritto ambientale.


Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, seminari di diritto ambientale

Lo scorso venerdi 17 novembre 2017 si è concluso il ciclo dei Seminari autunnali 2017 di diritto ambientale promossi dalle associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra:

Abbiamo, così, raggiunto un altro piccolo-grande traguardo: sono, infatti, più di 1.500 le persone che complessivamente hanno frequentato i corsi e seminari di diritto ambientale promossi dal GrIG e dagli Amici della Terra nelle varie edizioni tenute nel corso degli anni a Cagliari, a Sassari e a Oristano.

Sassari, Seminario usi civici (2012), un momento del dibattito

Dalla prima edizione del 1993 ne abbiamo fatto di strada!

Sia per il miglioramento della propria formazione, sia per cultura personale che per “imparare” a difendere il proprio ambiente e la propria salute, liberi professionisti, funzionari e amministratori pubblici, studenti, semplici cittadini sono davvero tanti quelli che hanno acquisito basi e approfondimenti di un settore di così grande interesse, trasversalità e continua evoluzione come il diritto ambientale.

Grazie a tutti quanti han permesso di raggiungere questo importante risultato nella diffusione della conoscenza del diritto ambientale.

Naturalmente non ci fermiamo qui…

Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, seminari di diritto ambientale

(foto GrIG, archivio GrIG)

Annunci
  1. M.A.
    novembre 20, 2017 alle 7:34 pm

    Salve Grig, complimenti per l’iniziativa. Ideologicamente, nelle tematiche inerenti la gestione faunistica stiamo su due sponde opposte, però non nego che le varie discussioni avvenute in questo blog siano stati spunti di crescita e sviluppo e/o conferma di nuove tesi.
    Chissà in qualità di uditore magari anche io un giorno parteciperò ai vostri seminari, magari su queste tematiche a me care. E’ proprio quando due idee si scontrano, in maniera civile e pacata che si offrono spunti per migliorarsi.
    Riguardo la gestione faunistica sai che questo tema sarà un tema centrale nell’ecologia in virtù anche dei cambiamenti climatici. Sono e sarò sempre del parere che l’attività venatoria è un potenziale aiuto per questo settore, ancor più in ecosistemi chiusi, come la nostra Isola esenti da altri predatori. So bene che la caccia è stata ed è tutt’ora mal vista in virtù dell’aspetto ludico-hobbistico complici le mode alimentari/religiose del momento, unica tra tutte le attività ad avere una così pesante avversione, assai maggiore della pesca , la caccia in mare, che essendo meno normata causa maggiori devastazioni agli ecosistemi marini, anche per i suoi risvolti industriali. Di ciò è stata complice anche la politica di cui della caccia hanno sempre fatto una passerella elettorale e negli anni un tema ideologico con varie sfumature sui cui racimolare voti. Dall’arte venatoria di Mussolini con cui inneggiava e spronava all’uso delle armi, al comunisti italiani, da cui sono nati poi i più importanti movimenti anti caccia, per ritornare oggi sulle sponde dell’estrema destra. Tutti questi discorsi sono stati affrontati tra di noi.
    Oggi però vorrei porre l’attenzione su questo tema:

    https://www.theatlantic.com/science/archive/2017/11/new-zealand-predator-free-2050-rats-gene-drive-ruh-roh/546011/

    Questo articolo mi ha fatto rabbrividire. In Australia continente da cui sono nate le maggiori patologie per il controllo della specie, si stanno studiando nuovi sistemi di controllo in questo caso per il controllo dei roditori. L’uomo sta superando se stesso, in male. Questo secondo me è ecoterrorismo, così come lo è stato il controllo con lotte biologiche e la distruzione di milioni e milioni di animali. Pensiamo ai conigli selvatici.
    Nell’articolo si evince la potenzialità letale dell’uomo che gioca a fare a Dio modificando i DNA. Queste nuove forme di controllo che superano i virus creati in laboratorio come la MEV o la Mixomatosi per il controllo dei conigli, si basano su dei cambiamenti genetici della specie che indurrà quella determinata specie a creare della prole solo di un sesso, oppure a scatenare determinate sensibilità alimentari utilizzati ad hoc per estirpare determinate scomode all’uomo dalla faccia della Terra. Determinati modelli interessano tutti gli Stati a livello globale perchè da determinati tipi di scelte, e grazie al libero commercio, le scelte deleterie di uno Stato potrebbero avere delle ripercussioni in altri tipi di ecosistemi. Ad esempio i virus immessi in Australia contro il coniglio europeo hanno avuto esiti devastanti
    specialmente negli ecosistemi mediterranei. Pensiamo al drastico calo della lince iberica che rischia l’estinzione nonostante gli sforzi economici unanimi che stanno sostenendo le ass. ambientaliste e venatorie per le ricerche scientifiche mirate al recupero delle colonie del coniglio, tutte con scarsi risultati.
    Della gestione del patrimonio faunistico, dovrebbe stare bene attento anche l’uomo, perchè secondo il mio modo di vedere, è vero che oggi la fauna selvatica appare quel patrimonio da utilizzare in vetrina per sponsorizzare determinati settori turisti del green o la stessa attività venatoria, ma attenzione specialmente nella nostra Isola, ha rappresentato un bacino alimentare non indifferente che ha sfamato nella storia milioni e milioni di persone. Nell’era tecnologica, specialmente nel mondo occidentale si è dimenticato tutto e troppo in fretta ma se cambiano i tempi e se si conosceranno tempi molto più grigi di questo, colpa di scelte scellerate che hanno rovinato un patrimonio faunistico per interessi o ideologie non si potrà contare più nemmeno su un bene primario.
    Le dichiarazioni del primo ministro Venezuelano al suo popolo sull’allevare conigli per poter mangiare della carne, mi ha fatto venire dei brividi. In quali campagne se non si ha più erba se viviamo sul cemento? con quale mangime se non si hanno soldi per comprarlo, e soprattutto con quali prospettive se abbiamo inventato nella storia dei virus letali che li hanno sterminati?

    • novembre 20, 2017 alle 8:50 pm

      sembrano apprendisti stregoni, preoccupanti 😉

      • M.A.
        novembre 20, 2017 alle 9:32 pm

        No Grig, si tratta di tecniche di ingegneria genetica, o meglio del DNA ricombinante. Attraverso lo studio del DNA si possono identificare e modificare sequenze geniche di un organisno che inducono per esempio fertilità o meno, o addirittura si potrà pilotare una specie e creare della progenie di un unico sesso per far si che da una generazione all’altra ci sia una riduzione spaventosa degli individui. Molto simile ai temi della bioetica dell’eugenetica, dove negli USA in determinate cliniche si può già scegliere il fenotipo di un figlio in un depliant. Tecniche che vedono l’uomo superare di gran lunga la Natura, tecniche ben più devastanti di un virus che può o meno con la selezione naturale far sviluppare una qualche forma di resistenza. Qui siamo di fronte alla follia umana, frutto dell’impotenza dell’uomo nei confronti della natura e il non voler sottostare alle sue regole e la sua smania/perversione nel tentare di superarla e bypassarla. Dal punto di vista ecologico queste nuove forme tecnologiche, dovrebbero farci riflettere tutti. Non è fantascienza Grig.

      • novembre 21, 2017 alle 6:32 am

        sí, infatti. Siamo alla follìa, da apprendisti stregoni…

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: