Home > coste, difesa del territorio, mare, paesaggio, sostenibilità ambientale > Che fanno quelle ruspe di notte sulla spiaggia di Portovesme?

Che fanno quelle ruspe di notte sulla spiaggia di Portovesme?


Portoscuso, spiaggia di Portovesme, ruspe al lavoro (4 luglio 2016)

Portoscuso, spiaggia di Portovesme, ruspe al lavoro (4 luglio 2016)

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, dietro varie segnalazioni di cittadini, ha inoltrato (7 luglio 2016) una richiesta di informazioni ambientali riguardo i lavori svolti con mezzi meccanici (ruspe) nella serata del 4 luglio 2016 sulla spiaggia di Portovesme, in Comune di Portoscuso (CI).

Coinvolti il Comune di Portoscuso, la Regione autonoma della Sardegna (Servizio Demanio e Patrimonio), la Guardia costiera.

Nessun cartello “inizio lavori”, nessuna indicazione di alcun genere sul posto.

La spiaggia è parte del demanio marittimo (art. 822 e ss. cod. civ.) ed è tutelata con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) e con vincolo di conservazione integrale (legge regionale n. 23/1993).

Che ci facevano quelle ruspe di notte sulla spiaggia di Portovesme?

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Giglio di mare (Pancratium maritimum)

Giglio di mare (Pancratium maritimum)

(foto per conto GrIG, S,D., archivio GrIG)

Annunci
  1. Riccardo Pusceddu
    luglio 8, 2016 alle 10:08 am

    Ottimo lavoro! Bisogna sempre stare vigili contro questi barbari, legalizzati e non!

  2. Carlo Forte
    luglio 8, 2016 alle 4:17 pm

    Ma non c’è una capitaneria a due passi?

    • Terrae
      luglio 9, 2016 alle 4:53 pm

      Lontano dal cuore, lontano dagli occhi.
      Però se le ruspe fossero entrate in spiaggia passando sotto le telecamere dell’incrocio nei pressi della loro caserma e di quella dei VVUU, allora …

  3. Terrae
    luglio 9, 2016 alle 4:44 pm

    Una piccola parata casereccia per celebrare il giorno dell’indipendenza degli States?

    O forse è colpa della calcatreppola che si attacca alle ciabatte?

    Però … di notte! Col rischio di schiacciare l’ultimo dei bagnanti!

    E di chi erano le ruspe? Non è che sono tante in circolazione. Giusto?

    GrIG, chiedi anche notizie della “sistemazione” del piazzale di Sa cala de su zurfuru fatta lo scorso anno.

  4. Terrae
    luglio 15, 2016 alle 12:09 pm

    Vedo che non c’è nessun aggiornamento. Ne deduco (e presumo) che nessuno degli enti coinvolti da GrIG si sia fatto sentire in merito.

    Dunque, questa mattina alle 10:30 una ruspa sostava (nel senso che non l’ho vista in movimento) nell’arenile di Portovesme.

    Dal lungomare di Portoscuso la spiaggia appare come spianata.

    Non ho avuto modo di vedere se, in spiaggia o nei pressi, ci fossero o meno cumuli di sabbia e/o altri materiali oltre le canoniche alghe del Cidonio.

  5. Carlo Forte
    luglio 15, 2016 alle 3:44 pm

    Il SUD OVEST….SORDO è ostaggio,mi dispiace,ma ne ha di tempo il GRIG

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: