Home > "altri" animali, aree urbane, biodiversità, società > Approvato il regolamento comunale sulla gestione faunistica e la tutela degli animali di Cagliari.

Approvato il regolamento comunale sulla gestione faunistica e la tutela degli animali di Cagliari.


mangiatoia per piccoli uccelli

mangiatoia per piccoli uccelli

 

 

Con la deliberazione Consiglio comunale n. 9 del 5 marzo 2013 è stato approvato il “Regolamento per la tutela e la gestione degli animali” di Cagliari.

Un buon passo avanti per la tutela dei diritti degli altri animali.

Positivi il recepimento delle fondamentali sensibilità di tutela degli altri animali (art. 1-2 del regolamento), i divieti di maltrattamento e di utilizzo per l’accattonaggio (artt. 8-9 del regolamento), nonché della pratica dell’abbandono (art. 11 del regolamento) e dei bocconi avvelenati (art. 13 del regolamento).

I cani hanno diritto alla loro passeggiata quotidiana (art. 14 del regolamento), potranno accedere ai mezzi del trasporto pubblico (a certe condizioni, art. 18 del regolamento) e ai parchi e aree pubblici (art. 19 del regolamento).

Non potranno esser tenuti più di 8 ore al giorno i cani alla catena, a patto che sia connessa a un collegamento scorrevole (art. 15 del regolamento), mentre sarà possibile la creazione di cimiteri per gli altri animali (art. 36 del regolamento).

Gatto (Felis silvestris catus)Tuttavia alcune disposizioni appaiono piuttosto discutibili: infatti non sarebbe consentito, per esempio, dar da mangiare nemmeno occasionalmente a un cane affamato o dissetarlo in una calda giornata estiva, men che meno mettere una piccola mangiatoia invernale per l’avifauna selvatica (“è vietato … gestire e dare da mangiare a tutte le specie di animali che vivono liberi sul territorio comunale ad esclusione delle colonie feline, compatibilmente con quanto previsto nel seguente regolamento, nonché alle specie faunistiche di particolare interesse ecologico che vivono o soggiornano in parchi, in aree verdi ed in alberate comunali, nei singoli casi in cui è presente una cartellonistica comunale derogatoria”, art. 9 del regolamento).  Per i gatti è necessario esser un gattaio o gattaia patentati (art. 30 del regolamento). In tutti questi casi, altrimenti, s’incorre in sanzioni amministrative da 25 a 500 euro.

Divieti poco sensati, non isolati in Italia, mentre già nel 1877 il Comune di Trieste obbligava i negozianti a tener durante l’estate una ciotola d’acqua fresca per i cani randagi.

Parecchie luci, quindi, ma anche qualche brutta ombra.

Gruppo d’Intervento giuridico onlus

Merlo (Turdus merula)

Merlo (Turdus merula)

 

 

 

qui la deliberazione Consiglio comunale n. 9 del 5 marzo 2013

qui il Regolamento per la tutela e la gestione degli animali di Cagliari

Comune di Trieste, avviso ciotole acqua per cani (1877)

Comune di Trieste, avviso ciotole acqua per cani (1877)

(foto da mailing list animalista, L.A.C., S.D., archivio GrIG)

 

  1. marzo 15, 2013 alle 3:05 PM

    da La Nuova Sardegna, 15 marzo 2013
    REGOLAMENTO COMUNALE. Per nutrire i gatti randagi bisogna avere il patentino.

    CAGLIARI. Vietato dare da mangiare o da bere a cani o uccellini in strada? Secondo gli ambientalisti del Gruppo di intervento giuridico la norma del nuovo regolamento comunale di Cagliari che dispone il divieto di gestire e nutrire tutte le specie di animali che vivono liberi sul territorio comunale ad esclusione delle colonie feline e le specie faunistiche di particolare interesse ecologico, riguarda anche il migliore amico dell’uomo e i volatili. Per i gatti è necessario esser un gattaio o gattaia patentati. Disposizioni piuttosto discutibili, spiegano gli ecologisti mentre già nel 1877 il comune di Trieste obbligava i negozianti a tener durante l’estate una ciotola d’acqua fresca per i cani randagi. Bene invece secondo il Gruppo d’intervento giuridico i divieti di maltrattamento e utilizzo per l’accattonaggio, il diritto alla passeggiata quotidiana e all’accesso ai mezzi di trasporto pubblico. I cani non potranno esser tenuti più di 8 ore al giorno i cani alla catena e sarà possibile la creazione di cimiteri per gli altri animali.

    ________________________________________

    da CagliariPad, 14 marzo 2013
    “Vietato dare da mangiare e da bere ai randagi”, protestano gli ecologisti: “Divieto insensato”.
    Norme troppo restrittive nel regolamento per la tutela e la gestione degli animali approvato dal Comune. Deliperi: “Un importante passo avanti, con alcune disposizioni discutibili”: http://www.cagliaripad.it/news.php?page_id=1705

    _____________________________________

    da Casteddu online, 14 marzo 2013
    Vietato dare da bere in strada ai cani assetati: ambientalisti perplessi. (Jacopo Norfo): http://www.castedduonline.it/vietato-dare-da-bere-strada-cani-assetati-ambientalisti-perplessi

    _____________________________________

    da Cagliari Globalist, 14 marzo 2013
    Approvato il regolamento comunale sulla tutela degli animali di Cagliari. Con la deliberazione Consiglio comunale n. 9 del 5 marzo 2013 è stato approvato il “Regolamento per la tutela e la gestione degli animali” di Cagliari: http://cagliari.globalist.it/Detail_News_Display?ID=55248&typeb=0&Approvato-il-regolamento-comunale-sulla-tutela-degli-animali-di-Cagliari-

  2. elena romoli
    marzo 15, 2013 alle 4:32 PM

    Bella notizia e significativo indice di civiltà! Avanti così.. 🙂

  3. Paolo Fiori
    marzo 15, 2013 alle 5:31 PM

    come ho già detto nella mia pagina fb, attuerò la disobbedienza civile…..

  4. teresa
    marzo 17, 2013 alle 3:15 PM

    Non capisco il senso del divieto di dare da bere agli animali randagi(lo capirei solo nel caso si lasciassero recipienti sporchi o altro negli spazi pubblici).Se mi dovesse capitare di incontrare animali assetati o affamati non esiterei ad accudirli(…e che faccio,li lascio crepare?),la norma mi sembra assurda,fuori da ogni logica.Anzi direi che sarebbe una cosa civile se ci fossero in vari punti della città delle ciotole di materiale lavabili e ben ancorate in modo che il vento o altro non le sposti,con cibo e acqua per bestiole senza casa(ho visto una cosa del genere a Istanbul)

  5. marzo 19, 2013 alle 4:11 PM

    che ordinanze stupide!….e crudeli!

  6. marzo 19, 2013 alle 10:15 PM

    bravo il Sindaco Zedda! 😉

    Sul regolamento per la tutela degli animali
    da Massimo Zedda (Note) il Martedì 19 marzo 2013 alle ore 17.42: http://www.facebook.com/notes/massimo-zedda/sul-regolamento-per-la-tutela-degli-animali/575598649117478
    __________________________________

    da CagliariPad, 19 marzo 2013
    Zedda ascolta gli animalisti: “Ora cibo e acqua per i randagi”.
    Il sindaco, dopo le proteste dei giorni scorsi, propone modifiche all’articolo 9: “Il regolamento prevede grande attenzione e cura per gli animali, ma c’è una parte da correggere e da chiarire”: http://www.cagliaripad.it/news.php?page_id=1790

    ______________________________________

    da Casteddu online, 19 marzo 2013
    Divieto di sfamare i randagi, Zedda sull’art. 9: “Abbiamo sbagliato”. (Maurizio Bistrusso): http://www.castedduonline.it/cagliari/divieto-sfamare-animali-zedda-sullart-9-abbiamo-sbagliato

    • marzo 20, 2013 alle 1:04 PM

      da La Nuova Sardegna, 20 marzo 2013
      COMUNE. Zedda: «Tutela degli animali Sì, abbiamo sbagliato».

      CAGLIARI. «Abbiamo sbagliato». Il sindaco Massimo Zedda, commenta così una controversa aggiunta all’articolo 9 del regolamento per la tutela degli animali approvato dal consiglio comunale che vieta di gestire e dare da mangiare a tutte le specie che vivono libere sul territorio comunale ad esclusione delle colonie feline e delle specie faunistiche di particolare interesse ecologico che vivono in parchi e aree verdi della città. «Sarà mia cura – annuncia Zedda sulla sua pagina Facebook – chiedere ai consiglieri della commissione Affari generali prima e Statuto poi di riportare in aula l’articolo 9 e modificare il punto contestato. Condivido le critiche all’articolo 9 del regolamento sugli animali. Tengo a precisare, prima di tutto, che il regolamento prevede grande attenzione e grande cura per gli animali. C’è una parte da correggere ma anche alcune cose da chiarire. In primo luogo parliamo appunto di un regolamento e non di un’ordinanza».

  7. marzo 20, 2013 alle 1:08 PM

    per informazione di tutti: la Commissione permanente Affari generali del Comune di Cagliari ha la seguente composizione e competenze (http://www.comune.cagliari.it/portale/it/consiglio_commissioni.page):

    AFFARI GENERALI, ATTIVITA’ ISTITUZIONALI E INFORMATICA
    Affari Generali – Decentramento – Assistenza Zooiatrica – Servizi Demografici – Informatica – Statistica – Pari Opportunità – Cimiteri – U.R.P. – Comunicazione Istituzionale – Affari Istituzionali: Movimento Giunta e Movimento Consiglio.
    Presidente: Filippo Petrucci
    Vice Presidente: Pierluigi Mannino
    Componenti: Gennaro Fuoco – Giorgio Cugusi – Matteo Lecis Cocco Ortu; Pierluigi Mannino – Pier Giorgio Meloni – Marco Murgia – Filippo Petrucci – Anselmo Piras – Guido Portoghese – Sandro Vargiu

  1. marzo 16, 2013 alle 3:38 PM
  2. marzo 16, 2013 alle 3:38 PM
  3. marzo 22, 2013 alle 6:05 PM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: