Home > difesa del territorio, Italia, paesaggio, rifiuti, sostenibilità ambientale > In vigore il nuovo regolamento sulle rocce e terre da scavo.

In vigore il nuovo regolamento sulle rocce e terre da scavo.


Maremma, bosco

Entra in vigore il 6 ottobre 2012, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale n. 221 del 21 settembre 2012, il decreto del Ministero dell’ambiente, della tutela del territorio e del mare 10 agosto 2012, n. 161, concernente il Regolamento recante la disciplina dell’utilizzazione delle terre e rocce da scavo.

Argomento borderline del diritto ambientale, a cavallo fra disciplina di gestione dei rifiuti e normativa in tema di difesa del suolo, costituisce da tempo oggetto di confronti anche particolarmente aspri.

Auspichiamo che sia stata fatta definitiva chiarezza in materia e pubblichiamo una scheda in proposito.  In seguito aggiungeremo commenti e approfondimenti.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

dalla Rivista telematica di diritto ambientale Lexambiente, 8 ottobre 2012

Il nuovo statuto delle terre e rocce da scavo.  Pasquale Giampietro

San Vito, Bruncu Molentinu – Bruncu su Tiriaxiu, cantiere minerario

 

 

 

da www.lavoripubblici.it, 24 settembre 2012

Terre e rocce da scavo: In Gazzetta il decreto con il Regolamento sull’utilizzazione. 

(a cura di Gabriele Bivona)       Sulla Gazzetta ufficiale n. 221 del 21 settembre 2012 è stato pubblicato il Decreto del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare 10 agosto 2012, n. 161 recante “Regolamento recante la disciplina dell’utilizzazione delle terre e rocce da scavo”; il decreto entrerà in vigore il prossimo 6 ottobre.
Il decreto è stato emanato in riferimento alle previsioni contenute nell’articolo 49 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 convertito dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, con la precisazione che il provvedimento è stato emanato dopo che la Commissione Europea – Direzione generale per le imprese non ha formulato alcuna osservazione ed ha ritenuto, quindi, implicitamente che il provvedimento non ha contenuti tali da pregiudicare la concorrenza ed il mercato.

Con il decreto ministeriale, oggetto della presente notizia, viene stabilito il fondamentale principio che il materiale da scavo è un sottoprodotto se sono rispettate le seguenti quattro condizioni:

  • il materiale da scavo deve essere generato durante la realizzazione dell’opera;
  • il materiale da scavo deve essere riusato nell’esecuzione della stessa o di un’altra opera;
  • il materiale da scavo deve essere idoneo ad essere utilizzato direttamente;
  • il materiale da scavo deve soddisfare i requisiti di qualità ambientale.

Stintino, cantiere edilizio Sos Appentados

Ricordiamo che la nozione di sottoprodotto è antitetica a quella di rifiuto e genera la possibilità che il materiale possa essere riutilizzare nell’ambito del cantiere senza doverlo trattare come uno scarto.
Lo schema di decreto consta dei seguenti 15 articoli:

  • Art. 1 – Definizioni
  • Art. 2 – Finalità
  • Art. 3 – Ambiti di applicazione ed esclusione
  • Art. 4 – Disposizioni generali
  • Art. 5 – Piano di utilizzo
  • Art. 6 – Situazioni di emergenza
  • Art. 7 – Obblighi generali
  • Art. 8 – Modifica del piano di utilizzo
  • Art. 9 – Realizzazione del piano di utilizzo
  • Art. 10 – Deposito in attesa di utilizzo
  • Art. 11 – Trasporto
  • Art. 12 – Dichiarazione di avvenuto utilizzo D.A.U .
  • Art. 13 – Gestione dei dati
  • Art. 14 – Controlli e ispezioni
  • Art. 15 – Disposizioni finali e transitorie
  • Art. 16 – Clausola di riconoscimento reciproco

e dei seguenti 9 allegati:

  • Allegato 1 – Caratterizzazione ambientale dei materiali da scavo
  • Allegato 2 – Procedure di campionamento in fase di progettazione
  • Allegato 3 – Normale pratica industriale
  • Allegato 4 – Procedure di caratterizzazione chimico-fisiche e accertamente delle qualità ambientali
  • Allegato 5 – Piano di utilizzo
  • Allegato 6 – Documento di trasporto
  • Allegato 7 – Dichiarazione di avvenuto utilizzo D.A.U .
  • Allegato 8 – Procedure di campionamento in fase esecutiva e per i controlli e le ispezioni
  • Allegato 9 – Materiali di riporto di origine antropica

Castiadas, cantiere ristrutturazione e ampliamento Hotel Villa Rey (2007)

Di notevole importanza l’articolo 5 del decreto che tratta il piano di utilizzo che deve essere presentato all’Autorità competente almeno 90 giorni prima dell’inizio dei lavori per la realizzazione dell’opera.

L’Autorità competente è l’ente che autorizza la realizzazione dell’opera oppure, per le opere soggette a valutazione ambientale, il ministero dell’Ambiente o la Regione.

Al comma 2 dell’articolo 3 del decreto viene, però, precisato che sono comunque esclusi i rifiuti provenienti direttamente dall’esecuzione di interventi di demolizione di edifici o altri manufatti preesistenti e ciò per evitare che materiali pericolosi non vengano smaltiti secondo le più restrittive previsioni di cui alla parte quarta del decreto legislativo n. 152 del 2006.

In conformità a quanto disposto all’articolo 4 del decreto, conformemente a quanto previsto dai piani di utilizzo, il materiale da scavo potrà essere riutilizzato nel corso dell’esecuzione della stessa opera, nel quale è stato generato, o di un’opera diversa, per la realizzazione di reinterri, riempimenti, rimodellazioni, rilevati, ripascimenti, interventi a mare, miglioramenti fondiari o viari oppure altre forme di ripristini e miglioramenti ambientali. Ma anche in processi produttivi, in sostituzione di materiali di cava.

Così come disposto all’articolo 5, il piano di utilizzo è presentato dall’impresa almeno novanta giorni prima dell’inizio dei lavori per la realizzazione dell’opera e la trasmissione (il modello è allegato al decreto stesso) può avvenire, a scelta del proponente, anche solo per via telematica.

Costa Paradiso, cantiere edilizio in fortissima pendenza

Il piano ha una durata limitata ed una volta scaduto viene meno la qualifica di sottoprodotto del materiale da scavo con conseguente obbligo di gestire il materiale come rifiuto e quindi di smaltirlo. Tale effetto si produce anche nel caso di violazione degli obblighi assunti dall’impresa nel piano.
Nel caso di situazioni di emergenza dovute a causa di forza maggiore, così come disposto dall’articolo 6 del decreto, la sussistenza dei requisiti può essere attestata mediante una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà e l’avvenuto utilizzo del materiale in conformità al piano di utilizzo è attestato dall’esecutore mediante una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà.

Con le disposizioni transitorie contenute all’articolo 15, viene previsto che entro i centottanta giorni dalla data di entrata in vigore del regolamento, i progetti per i quali e’ in corso una valutazione di impatto ambientale relativa all’utilizzabilità del materiale da scavo, possono essere assoggettati alla disciplina del piano di utilizzo.

(foto per conto GrIG, E.R., archivio GrIG)

  1. icittadiniprimaditutto
    settembre 27, 2012 alle 8:31 am

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. capitonegatto
    settembre 27, 2012 alle 10:10 am

    Mettete la foto aggiornata dell’hotel villa rey : non e’ piu la stessa, e c’e’ da sperare che la spiaggia antistante non venga facocitata da ombrelloni e gazebo. Vedere la spiaggia di campolongu ( Villasimius ) come e’ ridotta.

  3. ottobre 5, 2012 alle 2:57 PM

    da Il Fatto Quotidiano, 5 ottobre 2012
    Terre e rocce da scavo: il Governo tecnico pensa alle grandi opere. (Luca Baschenis Begnis): http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/10/05/terre-e-rocce-da-scavo-governo-tecnico-pensa-alle-grandi-opere/373001/

  4. ottobre 14, 2012 alle 5:52 PM

    da Lexambiente, 8 ottobre 2012
    Il nuovo statuto delle terre e rocce da scavo. (Pasquale Giampietro): http://lexambiente.it/rifiuti/179/8630-rifiuti-il-nuovo-statuto-delle-terre-e-rocce-da-scavo.html

  5. marilena rosso
    novembre 19, 2012 alle 11:01 am

    BUONGIORNO
    SONO PROPRIETARIA DI UN TERRENO AGRICOLO CON ALBERI DI ULIVI ( DA SECOLI !!) IN REGIONE LIGURIA. NECESSITO DELLA COSTRUZIONE DI CIRCA 70 MQ DI FABBRICATO USO RICOVERO ATTREZZI. DOPO TANTI ANNI FINALMENTE SONO IN POSESSO DI AUTORIZZ COMUNALE PER INIZIO LAVORO ( SCADENZA 31/12/13 ).
    SONO INTERESSATO DALLA NUOVA NORMA? SE SI, COME POSSO FARE PER L’INCROCIO DELLE DATE?? PREPARARE GLI ESAMI DEL TERRENO , TUTTE LE RELAZIONI ( MOLTO COSTOSE !!) PRESENTARE IL TUTTO ENTRO 90 DALL INIZIO LAVORI…. L’INIZIO LAVORI DEVO PRESENTARLO IN COMUNE ENTRO NOVEMBRE 12. NON CI CAPISCO …MI SEMBRA TUTTO ECCESSIVO. INOLTRE, SPERO CHE LA LEGGE TENGA IN CONSIDERAZIONE I PICCOLI CANTIERI ” PRIVATI” CON DESTINAZIONE ANCHE AGRICOLA !! LA RINGRAZIO SE PUO’ LEGGERMI E RISPONDERMI. GRAZIE MARILENA

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: