Home > biodiversità, energia, grandi foreste > Energia pulita? No, disastro ambientale e sociale, in Germania e Liberia.

Energia pulita? No, disastro ambientale e sociale, in Germania e Liberia.


Liberia, foresta di Gobar

L’ennesimo esempio dell’utilizzo delle migliori finalità ambientaliste per fare le peggiori speculazioni per soli interessi privatistici.  Delinquenti verdi, in Germania e Liberia.

Gruppo d’Intervento Giuridico

 

 

 

 

da www.salvaleforeste.it, 15 dicembre 2011

Vattenfall: legname africano in Germania per salvare il clima? (http://www.salvaleforeste.it/201112151619/vattenfall-legname-africano-in-germania-per-salvare-il-clima.html)L’impresa energetica Vattenfall importa alberi africani per produrre “energia verde” in Germania. Sembra fantascienza, ma è parte di un accordo con la municipalità di Berlino. La Vattenfall Europe e il Senato berlinese hanno sottoscritto un accordo nel 2009, chiamato “Accordo per la Protezione del Clima” volto all’abbattimento del 20% delle emissioni di CO2 – e fin qui tutto bene – espandendo l’impiego delle biomasse. E qui iniziano i problemi, perché evidentemente i boschi della Germania non hanno tutto questo surplus di legname, e la Vattenfall ha iniziato a importarso dalla Liberia. Con tutti i problemi che ne seguono. E la biomassa mostra il suo volto contraddittorio come “energia pulita”.        

Capriolo (Capreolus capreolus)

 
di Klaus Schenck, Rainforest Rescue
Vattenfall è una multinazionale energetica – il quinto produttore europeo – di proprietà dello stato svedese. La sua affiliata Vattenfall Europe, con sede a Berlino, è uno dei principali fornitori sul mercato energetico tedesco. La produzione di energia della Vattenfall ci è principalmente basata sul carbone (65% – l’impresa controlla miniere di lignite nella Germania orientale) e uranio (26%). Ma l’azienda ha anche investito nelle cosiddette energie  “pulito” le fonti di energia, come le biomasse. Secondo quanto riportato dal suo sito web, la Vattenfall possiede oltre 40  centrali elettriche in Europa, alimentate in tutto o in parte da biomassa, e si definisce “uno dei leader mondiali del settore“.  E difatti consuma più di tre milioni di tonnellate di biomassa all’anno, di cui il 60% è costituito da rifiuti domestici e industriali, e il 30% da sottoprodotti dell’industria forestale.
Per anni, Vattenfall è stata considerata una delle “pecore nere” del mercato energetico tedesco, a causa del suo alto consumo di carbone e per lo sfruttamento delle sue miniere di lignite, così come i suoi impianti nucleari. L’impresa è stata oggetto di ripetute proteste da parte dei cittadini e delle associazioni ambientaliste, come quando era prevista la costruzione di una nuova centrale a carbone a Berlino. In quella occasione, l’impresa ha cambiato i suoi piani e ha annunciato nel marzo 2009 che avrebbe invece costruito due centrali a biomassa e due centrali a gas naturale. Il Senato di Berlino e gli ambientalisti sono stati soddisfatti della decisione e si sono congratulati con l’azienda.
L’8 ottobre 2009, Vattenfall Europe e il Senato di Berlino hanno firmato l’accordo per la protezione del clima volto a una riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020 a Berlino. In questo accordo, l’impiego di biomasse svolge un ruolo chiave. L’impresa costruirà a Berlino una delle centrali a biomasse più più grandi d’Europa, con una capacità totale di 190 megawatt (MW), oltre a un impianto di dimensioni più ridotte (32 MW) e attuerà la co-combustione (per 260 MW) nelle quattro centrali a carbone già esistenti.
Nei mesi successivi però, sono emersi maggiori dettagli circa i piani dell’impresa e sono stati sollevati i primi dubbi sono stati sollevati su sulla provenienza della biomassa. Nel maggio 2010 la Vattenfall ha dichiarato che i suoi impianti a Berlino richiederanno 1,3 milioni di tonnellate di biomassa legnosa all’anno, più di tre volte l’importo inizialmente annunciato (400.000 tonnellate l’anno). A questo punto è stato chiaro che è impossibile trovare tutta questo biomassa nella regione.
Tra Berlino e lo stato del Brandeburgo, che circonda la città, ci sono già 42 impianti a biomasse, che, assieme alle imprese del legno e alle cartiere, consumano quasi tutta la biomassa legnose disponibile. La Vattenfall sostiene che di utilizzare principalmente prodotti di scarto, come gli alberi di Natale, i residui di potatura degli alberi nei parchi urbani, ecc, L’impresa ha anche suggerito la creazione di piantagioni di alberi a crescita rapida, e ha identificato circa 300.000 ettari intorno a Berlino per questo scopo. Va ricordato che a sud della città ci sono già grandi piantagioni di monocoltura industriale di pino, erroneamente classificati come foreste.
Ma alla fine di febbraio 2010, i media hanno riferito di un accordo firmato da Vattenfall con la Buchanan Renewables in Liberia, per l’importazione di un milione di tonnellate di trucioli di legno di albero della gomma. Il 9 giugno 2010, l’associazione tedesca Rettet den Regenwald ha lanciato una petizione, firmata da 21.433 persone. Ma una settimana dopo, la Vattenfall ha annunciato di aver acquisito per 20 milioni di euro una quota del 20% delle azioni della Buchanan Renewables, mentre l’impresa statale svedese di investimento Swedfund ne ha acquisito un’ulteriore quota del 10%. Nei mesi successivi sono aumentate le voci critiche. Vattenfall e il Senato di Berlino hanno contratto la società di consulenza IFEU e il Forest Stewardship Council (FSC) per valutare la possibilità di certificare il progetto, ma è risultato impossibile. Lo studio ha confermato numerosi problemi, limiti e conflitti del progetto.
Il 15 aprile 2011, Vattenfall Europe e il Senato di Berlino hanno firmato un Accordo sulla Sostenibilità nel rifornimento di biomassa. Il documento però è non contiene dati concreti o misure che definiscono come questa presunta “sostenibilità” sarà garantita. Vattenfall e i suoi partner sostengono che i due terzi degli alberi di caucciù in Liberia sono vecchi e improduttivi e debbono essere sostituiti. La raccolta di legname questo avrebbe generato reddito per la popolazione e le entrate valuta pregiata per il paese.
Inoltre, il trasposto di  questa biomassa per 6.000 km dalla Liberia alla Germania, rischia di creare nuove emissioni di gas a effetto serra.
La Buchanan Renewables è stata fondata nel 2008 da investitori nord americani, tra i quali il miliardario canadese John McCall MacBain. Inizialmente, l’azienda ha raccolto alberi da piccole aziende agricole dei contadini. Molti di loro avevano piantato gli alberi della gomma lungo i confini dei loro campi per delimitarli: una pratica comune in un paese dove poche persone hanno titoli di loro proprietà scritti. Il prelievo degli alberi da parte dell’impresa ha creato numerosi episodi di malcontento tra la popolazione locale. L’attività è di prelievo stata condotta sulla base di accordi verbali poco chiari, e si sono moltiplicati i conflitti sui volumi degli alberi abbattuti, per il mancato pagamento, o a causa della distruzione di campi vicini.
Negoziare con centinaia di singoli piccoli agricoltori – ciascuno proprietario di pochi alberi – non è un compito facile, e rendere difficile per acquisire la grande quantità di legname che era stata prevista. La Buchanan Renewables ha quindi avviato il prelievo meccanizzato delle piantagioni industriali di alberi della gomma della multinazionale giapponese Bridgestone / Firestone, nei pressi di Kakata, la più grande piantagione di caucciù del mondo.

Merlo (Turdus merula)

La situazione in Liberia.
Dissanguata da anni di dittatura e due guerre civili, la Liberia è attualmente uno dei paesi più poveri del mondo. L’economia dipende in larga misura le esportazioni di ferro, gomma e legname. Circa 260.000 ettari di terreno sono destinati alla piantagione industriale del caucciù. Le associazioni locali come SAMFU e perfino le Nazioni Unite hanno descritto le disastrose condizioni lavorative nelle piantagioni e i loro impatti sociali, in particolare quelli gestiti da Bridgestone / Firestone. Tra le accuse, figurano quelle di  lavoro minorile, violenza e una generale l’assenza di legalità. Inoltre, circa 200.000 ettari di foresta pluviale vengono abbattuti ogni anno per fare spazio alle piantagioni.
La fonte primaria di energia per le famiglie in Liberia è biomassa legnosa, sotto forma di legna da ardere e carbonella. Secondo lo United Nations Development Programme (UNDP), il 99,5% delle famiglie cucina con legna da ardere. Le foreste pluviali, le principali fonti sono le mangrovie e alberi della gomma quando sono invecchiati e devono essere sostituiti. Il combustibile viene venduto da una rete di migliaia di raccoglitori informali di legna da ardere e piccoli venditori. Gli attivisti locali riferiscono come negli ultimi due anni si sia verificato stato un brusco aumento dei prezzi di legna da ardere e carbonella, dovuti alla concorrenza con la le Buchanan Renewables.
Il Ministero dell’Energia della Liberia, nel redarre un piano d’azione per le energie rinnovabili e l’efficienza ha messo in guardia circa “la scarsità di legna da ardere sta diventando un serio problema nella maggior parte della Liberia, soprattutto in Montserrado County [intorno alla capitale, Monrovia]. A livello nazionale, la Liberia viene prelevato ben al di sopra del livello di sostenibilità annuale senza esaurire lo stock attuale e degradare l’ambiente. (…) L’uso di biomassa legnosa come fonte di energia aumenterà in relazione alla crescita della popolazione rurale e alla povertà. Se questa richiesta non viene soddisfatta in modo sostenibile, essa porterà alla deforestazione, al degrado ambientale e, probabilmente, alla desertificazione in Liberia “.
La fornitura di energia elettrica è quasi inesistente in Liberia. Chi che se lo può permettere, ha un generatore a gasolio, un metodo  altamente inefficiente e inquinante per produrre elettricità. Tuttavia, ci sono piani del governo per ricostruire la rete elettrica di alimentazione. Nel gennaio 2009, le energie Buchanan Renewables è aggiudicata la concessione per costruire e gestire una centrale elettrica a biomasse da 34 MW per la fornitura di energia elettrica nella capitale, Monrovia. Secondo il contratto di concessione, il costo stimato del progetto è stato 149 milioni di dollari. La biomassa da utilizzare per il progetto era di legno da vecchi alberi della gomma. Tuttavia, quasi tre anni dopo, i lavori di costruzione deve ancora cominciare, e la Liberia resta senza elettricità. D’altra parte, dal 2009, Buchanan Renewables ha iniziato a esportare in Europa trucioli di legno dell’albero della gomma.
Il progetto di Vattenfall in Liberia è il primo di questo genere in Germania, ma è istruttivo: l’utilizzo su larga scala delle biomasse può difficilmente essere soddisfatte da fonti locali, e questo porta direttamente ai mercati globali e grandi piantagioni industriali. L’espansione massiccia dell’impiego di biomasse è una scorciatoia ben poco verde, che al tempo stesso mette fuori mercato le soluzioni realmente sostenibili, come il risparmio energetico e l’efficienza. Invece di aprire la strada a una vera economia verde, la crisi energetica e il cambiamento climatico sono stati utilizzati per aumentare il controllo delle grandi imprese sulla terra, sull’acqua, sulla biodiversità, sull’agricoltura … e sulla vita.

bosco e girasoli

(foto da www.ecoblog.it, S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: