Home > coste, difesa del territorio > Il Presidente della Regione Toscana risponde su Rimigliano.

Il Presidente della Regione Toscana risponde su Rimigliano.


Toscana, paesaggio agrario

Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana, ha risposto (e-mail del 7 novembre 2011) alla richiesta di informazioni a carattere ambientale e adozione degli opportuni interventi inoltrata dal Gruppo d’Intervento Giuridico (27 luglio 2011) in merito al progetto turistico-edilizio che interessa la storica Tenuta di Rimigliano, in Comune di San Vincenzo (LI).

All’inizio di ottobre 2011 c’è stata l’approvazione definitiva della relativa variante urbanistica da parte del Consiglio comunale di San Vincenzo, ma le incongruenze e i vizi del procedimento sono decisamente parecchi.

La Toscana ha goduto negli ultimi decenni d’una fama – meritata – di rilevanti capacità di buon governo del territorio.  Capacità frutto di pratiche e di equilibri secolari, ammirati in tutto il mondo.   Gli ultimi anni, però, han portato anche qui avidità, cemento, mattoni.  E si rischia di perdere ambienti, identità e atmosfere che attirano milioni di turisti ogni anno.  Il Governatore della Toscana sa bene – come tutti noi – che la vicenda della Tenuta di Rimigliano è proprio una specie di prova del nove per comprendere dove sta andando il buon governodel territorio toscano.  

Toscana, litorale

Il Presidente Rossi assicura “grande scrupolo” nell’esame della documentazione del caso che deve pervenire dal Comune e nella valutazione dell’eventuale presenza degli “estremi per adire alla conferenza paritetica interistituzionale, prevista dalla legge regionale Toscana n. 1/2005 e s.m.i. qualora vi siano contrasti fra atti di pianificazione regionali e comunali.

Lo ringraziamo davvero per questa sua sentita attenzione e nei prossimi giorni faremo pervenire a lui e a tutte le amministrazioni pubbliche coinvolte un argomentato ricorso contenente le nostre specifiche osservazioni e richieste ecologiste.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Cinghiale (Sus scrofa)

Al Presidente del Gruppo d’Intervento Giuridico onlus,

Gentile signor Stefano Deliperi,

ho letto la lettera che mi ha inviato relativamente alla tenuta di Rimigliano.

Si tratta di un progetto che prevede un intervento estremamente delicato su un’area di grande valenza e pregio, che ha ricadute su un’ampia fascia costiera ed un rilievo che va certamente oltre l’ambito locale.La Regionene ha seguito attivamente l’iter, anche con la presenza e l’azione del garante della comunicazione per ciò che attiene il rapporto con i cittadini, oltre che attraverso una serie di incontri con gli amministratori locali e con i tecnici degli enti interessati. In questa mia risposta non voglio certo ripercorrere quanto accaduto finora, anche perchè ritengo che lei ne sia a conoscenza, quanto sottolineare chela Regionefin qui si è mossa cercando di mantenersi all’interno del ruolo che la legge le assegna, e al tempo stesso esercitando fino in fondo tutte le sue prerogative. Oggi che la variante è stata approvata, il suo iter naturale la porterà, in seguito alla pubblicazione sul Bollettino Unico della Regione Toscana, alla nostra attenzione. Al momento siamo in attesa di ricevere dall’Amministrazione comunale la documentazione relativa, approvata con il voto consiliare. La esamineremo con grande scrupolo e valuteremo se vi sono gli estremi per adire alla conferenza paritetica interistituzionale. La ringrazio di avermi reso partecipe della sua opinione in merito e le invio i miei più cordiali saluti,

Enrico Rossi

Ambrogio Lorenzetti, Allegoria del Buon Governo, Siena (1338-1339)

(foto E.R., archivio GrIG)

  1. Mara
    novembre 8, 2011 alle 10:19 am

    Non sembra già un miracolo una risposta così celere e cortese?

  2. novembre 9, 2011 alle 2:55 PM

    su Ogni Sette, 8 novembre 2011
    RIMIGLIANO. Il Presidente della Regione Toscana risponde al Gruppo d’Intervento Giuridico: http://www.ognisette.it/news/rimigliano.-il-presidente-della-regione-toscana-risponde-al-gruppo-d2019intervento-giuridico

    da Il Tirreno, 9 novembre 2011 (http://iltirreno.gelocal.it/piombino/cronaca/2011/11/09/news/rimigliano-rossi-attende-gli-atti-del-consiglio-5259999)
    Rimigliano, Rossi attende gli atti del Consiglio. Il presidente della Regione conferma che esaminerà la documentazione. (Paolo Federighi)

    SAN VINCENZO. «Al momento siamo in attesa di ricevere dall’amministrazione la documentazione approvata col voto consiliare. La esamineremo con scrupolo e valuteremo se vi sono gli estremi per adire alla conferenza paritetica interistituzionale». Questo è quanto ha risposto il presidente della Regione Enrico Rossi, alla richiesta di informazioni a carattere ambientale e adozione degli opportuni interventi inoltrata dal Gruppo d’intervento giuridico (Grig) il 27 luglio scorso, in merito alprogetto turistico-edilizio che interessa la storica Tenuta di Rimigliano. Secondo Stefano Deliperi, legale rappresentante del Grig, le incongruenze e i vizi del procedimento di variante al regolamento urbanistico per la Tenuta (approvata lo scorso 3 ottobre) sarebbero molti. «La fama di buon governo del territorio in Toscana – dice Deliperi – sta scemando negli ultimi tempi, che hanno portato anche qui avidità, cemento, mattoni. Il governatore della Toscana sa bene, come tutti noi, che la vicenda della Tenuta è una prova del nove…». Rossi, nella sua risposta, spiega l’importanza dell’intervento relativo alla Tenuta: «Si tratta di un progetto – scrive – che prevede un intervento estremamente delicato su un’area di grande valenza e pregio, che ha ricadute su un’ampia fascia costiera ed un rilievo che va oltre l’ambito locale. La Regione ne ha seguito attivamente l’iter, anche con la presenza e l’azione del garante della comunicazione per ciò che attiene il rapporto con i cittadini, oltre che attraverso una serie di incontri con gli amministratori locali e con i tecnici degli enti interessati. La Regione fin qui si è mossa cercando di mantenersi all’interno del ruolo che la legge le assegna, e al tempo stesso esercitando fino in fondo tutte le sue prerogative. Oggi che la variante è stata approvata – prosegue Rossi – il suo iter naturale la porterà, in seguito alla pubblicazione sul Bollettino unico della Regione (Burt), alla nostra attenzione. Al momento siamo in attesa di ricevere dall’amministrazione la documentazione relativa, approvata con il voto consiliare».
    Da qui l’eventuale conferenza paritetica interistituzionale, qualora se ne ravvisasse la necessità col passaggio al voto del consiglio regionale. E’ uno strumento previsto dalla legge regionale toscana 1/2005 nei casi in cui esistano contrasti tra atti di pianificazione regionali e comunali. In essa, tecnici e politici discutono la via migliore da seguire per eliminare eventuali contrasti normativi. «Ringraziamo il presidente Rossi – afferma Deliperi – per questa sua sentita attenzione, e nei prossimi giorni faremo pervenire a lui e a tutte le amministrazioni pubbliche coinvolte un argomentato ricorso contenente le nostre specifiche osservazioni e richieste».

  3. novembre 9, 2011 alle 3:05 PM

    da La Nazione, 9 novembre 2011
    Il governatore: «Attendiamo i documenti del Comune su Rimigliano».

    Il presidente della Regione Enrico Rossi ha risposto alla richiesta di informazioni a carattere ambientale e adozione degli opportuni interventi inoltrata da Stefano Deliperi del Gruppo d’Intervento Giuridico (27 luglio 2011) in merito al progetto turistico-edilizio che interessa la storica Tenuta di Rimigliano. «Si tratta di un progetto che prevede un intervento estremamente delicato — spiega Rossi nella sua risposta — su un’area di grande valenza e pregio, che ha ricadute su un’ampia fascia costiera ed un rilievo che va certamente oltre l’ambito locale. La Regione ne ha seguito attivamente l’iter, anche con la presenza e l’azione del garante della comunicazione per ciò che attiene il rapporto con i cittadini, oltre che attraverso una serie di incontri con gli amministratori locali e con i tecnici degli enti interessati. In questa mia risposta non voglio certo ripercorrere quanto accaduto finora, anche perchè ritengo che lei ne sia a conoscenza, quanto sottolineare che la Regione fin qui si è mossa cercando di mantenersi all’interno del ruolo che la legge le assegna, e al tempo stesso esercitando fino in fondo tutte le sue prerogative».
    «Oggi che la variante è stata approvata — prosegue Rossi — il suo iter naturale la porterà, in seguito alla pubblicazione sul Bollettino Unico della Regione Toscana, alla nostra attenzione. Al momento siamo in attesa di ricevere dall’Amministrazione comunale la documentazione relativa, approvata con il voto consiliare. La esamineremo con grande scrupolo e valuteremo se vi sono gli estremi per adire alla conferenza paritetica interistituzionale».
    E nei prossimi giorni il Gruppo di Intervento Giuridico invierà alla Regione e a tutte le amministrazioni pubbliche coinvolte un «argomentato ricorso contenente le nostre specifiche osservazioni e richieste ecologiste».

  1. novembre 9, 2011 alle 10:23 am
  2. novembre 11, 2011 alle 2:51 PM
  3. novembre 11, 2011 alle 3:10 PM
  4. dicembre 1, 2011 alle 2:36 PM
  5. dicembre 1, 2011 alle 4:27 PM
  6. gennaio 16, 2012 alle 9:40 am
  7. febbraio 28, 2012 alle 3:40 PM
  8. febbraio 15, 2013 alle 1:09 PM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: