Home > coste, difesa del territorio, giustizia, paesaggio, pianificazione > Un onorevole abuso edilizio sulle coste di Sorso?

Un onorevole abuso edilizio sulle coste di Sorso?


rustico edilizio

rustico edilizio

 

Il vice-presidente del Consiglio regionale della Sardegna Antonello Peru (F.I.) è indagato per abusivismo edilizio, la sua villa (oggetto delle ristrutturazioni e ampliamenti che hanno dato origine all’indagine penale) è stata posta sotto sequestro preventivo, mentre all’esponente del centro-destra isolano è stato irrogato il divieto di soggiorno a Sorso, il suo paese d’origine, per evitare che possa inquinare le prove. Indagati anche il comandante della Polizia locale di Sorso, Enrico Cabras, il dirigente dell’Ufficio tecnico, Maurizio Loriga, l’ingegnere dello stesso ufficio, Marco Del Rio, il direttore dei lavori Alessandra Piras e l’impresario della società che ha eseguito i lavori, Angelo Antonio Dedola.

La villa sorge nella fascia costiera di massima salvaguardia dei mt. 300 dalla battigia marina e i lavori sarebbero stati autorizzati in base al solito piano per l’edilizia (legge regionale Sardegna n. 4/2009), farlocco piano casa, vero e proprio piano per la speculazione immobiliare.

Il prossimo 14 agosto 2015, alla vigilia del compleanno, l’interrogatorio di garanzia dell’on. Peru davanti al G.I.P. del Tribunale di Sassari.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

Sardegna, macchia mediterranea sul mare

Sardegna, macchia mediterranea sul mare

 

A.N.S.A., 10 agosto 2015

Vicepresidente Consiglio sardo nei guai. Per abusi edilizi, divieto dimora in villa mare ‘ritoccata’. (Fabrizio Fois)

CAGLIARI, 10 AGO – Una villa anni Settanta sul litorale di Sorso a meno di 300 metri dal mare, una concessione edilizia per ristrutturazione e un esposto per presunte irregolarità edilizie che ha portato a un’indagine e al sequestro dell’immobile. E a un clamoroso divieto di dimora per il suo illustre proprietario, il vice presidente del Consiglio regionale della Sardegna, Antonello Peru (Forza Italia), che oggi si ritrova iscritto nel registro degli indagati insieme ad altre cinque persone per concorso in abuso d’ufficio e in abuso edilizio. Reati che per l’accusa sarebbero stati commessi nel corso dei lavori per la ristrutturazione della casa a Marritza, sul litorale tra Sorso e Castelsardo, dove Peru risiede da poco tempo. L’esponente azzurro è anche componente della commissione Urbanistica e Ambiente e nelle ultime elezioni è stato il più votato del centrodestra e il secondo più votato in assoluto.

Nei giorni scorsi i militari del nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Sassari hanno eseguito nei suoi confronti la misura coercitiva del divieto di dimora a Sorso per quattro mesi decisa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sassari, Giuseppe Grotteria. Secondo la Procura sassarese, che ha chiesto e ottenuto anche il sequestro preventivo dell’immobile, l’intervento sarebbe stato eseguito attraverso la “demolizione e nuova costruzione in difformità dal permesso rilasciato”. Non solo: Peru, infatti, avrebbe anche “abusato della sua posizione politica”. “Sono molto sereno e fiducioso nel lavoro della magistratura – dice il vicepresidente all’ANSA – Io ho una concessione edilizia per ristrutturazione e ampliamento di un immobile e ho fatto esattamente questo: una ristrutturazione e un ampliamento del 10%. Oggi l’immobile è identico al millesimo a quello che è previsto nella concessione. A me – osserva – contestano la demolizione della casa e non l’ho assolutamente demolita totalmente. E questo è documentato”.

Peru spiegherà la sua posizione il prossimo 14 agosto nell’interrogatorio di garanzia davanti al Gip. Pronta l’istanza di revoca del provvedimento da parte dei legali dell’esponente politico, gli avvocati Luigi Esposito e Marco Enrico. Certo il ricorso immediato al Tribunale del riesame per la prescrizione che tanto il leader azzurro quanto i suoi difensori considerano spropositato rispetto all’entità delle accuse e alla loro fondatezza. “Ho utilizzato la norma prevista dalla legge 4 del 2009 (Piano casa, ndr). Ho ampliato, eliminando gli archi, come mi ha prescritto la soprintendenza e l’ufficio tutela del paesaggio – sottolinea l’esponente di Fi – Ho chiesto la concessione nell’aprile 2012, è stata rilasciata dopo luglio 2013 e ho iniziato i lavori a maggio 2014, dopo la vendita di una casa e quindi non mi interessavano i tempi. Dopo l’esposto pensavo che la mia posizione fosse archiviata. Invece – sottolinea – mi sono ritrovato con il divieto di dimora e con una contestazione di abuso edilizio totale”.

Gli altri indagati sono il comandante della Polizia locale di Sorso, Enrico Cabras, il dirigente dell’ufficio tecnico, Maurizio Loriga, l’ingegnere dello stesso ufficio, Marco Del Rio, il direttore dei lavori Alessandra Piras e l’impresario della società che ha eseguito i lavori, Angelo Antonio Dedola.

 

 

macchia meditarranea (ginestre, olivastri, cisto)

macchia meditarranea (ginestre, olivastri, cisto)

da La Nuova Sardegna, 10 agosto 2015

Il gip allontana Antonello Peru da Sorso.

Il leader di Fi: «Questa non me l’aspettavo».

 

da L’Unione Sarda, 10 agosto 2015

Abusi edilizi: il consigliere viene allontanato da casa.

 

 

mare e coste (foto Benthos)

mare e coste (foto Benthos)

(foto Benthos, J.I., S.D., archivio GrIG)

 

  1. Fabrizio De Andrè
    agosto 12, 2015 alle 11:19 am

    Gli abusi sono tutti onorevoli e le forze del disordine come sempre coinvolte,gli danno man forte.Peccato che non gli succeda mai nulla e a pagare non è mai nessuno.

  2. agosto 12, 2015 alle 1:07 PM

    condivido preoccupazioni abuso edilizio

  3. Terrae
    agosto 12, 2015 alle 10:25 PM

    A buso duro

  4. Arpia
    agosto 13, 2015 alle 11:14 PM

    Il solito sistema che non funziona se chi doveva controllare e controllato sono la faccia della stessa medaglia, difficile che le cose siano pulite e regolari! Positivo il fatto che alla fine si sia mossa la faccenda , cosa faranno una multa e una bacchettata?! Per tanti pare convenga rischiare perche’ le punizioni se arrivano sono irrisorie in particolare per chi e’ in mezzo all’ambiente e sa’ come navigare nel sistema. Io direi che se e’ uno che prende denaro pubblico per le sue mansioni dovrebbe avere un trattamento speciale e non lo dico in senso positivo.

  5. Fabrizio De Andrè
    agosto 14, 2015 alle 11:33 am

    Il sistema funziona troppo bene Arpia e lo dimostra il fatto che corrotti,corruttori viaggiano in tandem.Anch’io sono per il trattamento speciale,ma sono così altolocati e protetti……

  6. Arpia
    agosto 14, 2015 alle 10:54 PM

    Lo stesso nome appare per la Asl di Sassari! Sempre meglio diversificare nell’investire le proprie energie! La cosa peggiore e che si accende e spegne la luce su uno ma e’ una epidemia, non esistono ne cure ne vaccini!

  7. settembre 15, 2015 alle 9:52 PM

    da La Nuova Sardegna, 15 settembre 2015
    Inchiesta sulla villetta di Peru a Sorso: annullato il divieto di dimora per il consigliere regionale.
    L’esponente di Forza Italia è indagato per abuso d’ufficio e abusi edilizi legati alla ristrutturazione della casa, ancora sotto sequestro. Il tribunale del riesame ha revocato le misure interdittive anche per gli altri indagati: http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari/cronaca/2015/09/15/news/inchiesta-abusi-edilizi-tribunale-riesame-annulla-divieto-dimora-antonello-peru-villetta-sorso-1.12097804

    ________________________________________________________

    da L’Unione Sarda, 15 settembre 2015
    Abusi edilizi nella villa al mare: revocato l’obbligo di dimora per Antonello Peru: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2015/09/15/abusi_edilizia_nella_villa_al_mare_revocato_l_obbligo_di_dimora_p-68-435044.html

  8. settembre 25, 2015 alle 10:02 PM

    da La Nuova Sardegna, 25 settembre 2015
    Inchiesta su abusi edilizi, la casa di Peru a Sorso non sarà dissequestrata.
    Il tribunale ha respinto la richiesta degli avvocati. Il vicepresidente del consiglio regionale, indagato per irregolarità nella ristrutturazione della villetta a Marritza, aveva ottenuto la revoca del divieto di dimora: http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari/cronaca/2015/09/25/news/abusi-edilizi-inchiesta-casa-antonello-peru-sorso-respinta-richiesta-dissequestro-tribunale-sassari-1.12154460?ref=hfnsssea-1

    _______________________________________________________

    da Sardinia Post, 25 settembre 2015
    Presunti abusi edilizi, respinta la richiesta di dissequestro della casa di Peru (Fi): http://www.sardiniapost.it/cronaca/presunti-abusi-edilizi-respinta-la-richiesta-di-dissequestro-della-casa-di-peru-fi/

  9. novembre 16, 2017 alle 2:56 PM

    e ciò fa capire il livello di questo Consiglio regionale della Sardegna.

    da Il Fatto Quotidiano, 16 novembre 2017
    Regione Sardegna, consigliere arrestato e ancora indagato per associazione a delinquere rieletto vicepresidente.
    Ai domiciliari il 5 aprile 2016 con l’accusa di associazione a delinquere, tornato in libertà (con obbligo di dimora a Sassari) quattro mesi dopo, reintegrato in Consiglio regionale a ottobre 2016, il forzista Antonello Peru è riuscito a riprendersi il posto di numero due nell’Assemblea regionale. Anche con i voti del centrosinistra. Lui: “Dato politico. Per il resto c’è il mio avvocato: mandatemi un’email”. (Vincenzo Bisbiglia, Monia Melis): https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/11/16/regione-sardegna-consigliere-arrestato-e-ancora-indagato-per-associazione-a-delinquere-rieletto-vicepresidente/3980387/

  10. gennaio 10, 2018 alle 10:07 PM

    da Sardinia Post, 10 gennaio 2018
    Presunti abusi su villa Antonello Peru, al via il processo a Sassari: http://www.sardiniapost.it/cronaca/presunti-abusi-villa-antonello-peru-al-via-processo-sassari/

  11. Carlo Forte
    gennaio 11, 2018 alle 3:34 PM

    Gli abusi edilizi sono sempre “molto onorevoli” in Sardegna e molto tolleraiGira che ti rigira alla fine legalizzati……non tutti,ma alla fine si sta su.

  12. novembre 4, 2021 alle 7:35 PM

    da La Nuova Sardegna, 4 novembre 2021
    Villa abusiva al mare: il pm di Sassari chiede 7 anni per Antonello Peru. Al consigliere regionale contestata anche la concussione. Sollecitate condanne a due anni per altri cinque imputati (Nadia Cossu) (https://www.lanuovasardegna.it/sassari/cronaca/2021/11/03/news/villa-abusiva-al-mare-il-pm-chiede-7-anni-per-antonello-peru-1.40883041)

    SASSARI. Il peso della carica pubblica «utilizzato per fini privati» con una «spendita continua della propria posizione per acquisire potere e fare in modo che venissero assecondate le sue richieste». Sono alcuni passaggi della discussione del pubblico ministero Maria Paola Asara nel processo a carico di Antonello Peru e altri sei imputati nato a conclusione dell’inchiesta sui presunti abusi edilizi nella villa al mare del consigliere regionale di Sorso che all’epoca dei fatti era anche vicepresidente del consiglio regionale.

    Ieri mattina, al termine della requisitoria, la pm ha chiesto per Peru – al quale è contestato il reato più pesante, ossia la concussione – una condanna complessiva a sette anni di reclusione. Il consigliere regionale (difeso dagli avvocati Luigi Esposito e Marco Enrico) deve rispondere infatti anche di falsità ideologica e materiale in concorso. Chiesta anche la confisca della villa di Marritza «perché da considerarsi profitto dei reati commessi».

    Pene più lievi sono state chieste per gli altri imputati accusati a vario titolo di abuso d’ufficio (reato prescritto), falsità ideologica e materiale, rivelazione di segreti d’ufficio, favoreggiamento. In particolare la Asara ha sollecitato la condanna a due anni e sei mesi per Alessandra Piras (architetto, compagna di Peru, difesa dagli avvocati Mariano Mameli e Pasquale Ramazzotti), a due anni per Enrico Cabras (all’epoca comandante della polizia municipale, difeso dall’avvocato Loredana Martinez) e per Marco Del Rio e Maurizio Loriga (rispettivamente ingegnere responsabile del servizio vigilanza e dirigente dell’ufficio tecnico comunale, assistiti dall’avvocato Gabriele Satta). Chiesti infine due anni e sei mesi per Marcello Cherchi (ingegnere strutturista, anche lui difeso da Satta). Mentre nei confronti di Angelo Antonio Dedola (titolare dell’impresa che eseguì i lavori, assistito dall’avvocato Sergio Milia), è stata chiesta l’assoluzione perché l’unico reato che gli era stato contestato è prescritto.

    Il pubblico ministero ieri ha depositato una memoria scritta di oltre 130 pagine e nella breve requisitoria orale davanti al collegio presieduto dal giudice Mauro Pusceddu (a latere Giulia Tronci e Sergio De Luca) si è concentrato in particolare sulla figura di Antonello Peru e sulla sua condotta successiva all’esposto presentato da un cittadino, vicino di casa dell’onorevole, che aveva segnalato attività edilizie sospette a Marritza («un immobile demolito e interamente ricostruito»), a poche decine di metri dalla battigia (quindi zona sottoposta a vincolo paesaggistico). A quel punto c’era stato un sopralluogo della polizia locale. «Ed ecco che Peru – ha ricordato ieri la Asara – come viene a saperlo chiama il comandante Cabras che si mette a disposizione del politico per fargli sapere chi è l’autore dell’esposto. L’imputato vuole vendicarsi di chi ha avuto l’ardire di fare quella segnalazione. Circostanza che emerge dalle intercettazioni».

    E proprio nell’aver «costretto indebitamente» l’allora comandante della polizia locale di Sorso «a porsi a sua disposizione, pilotando in senso a lui favorevole la definizione del procedimento penale (quello per l’abuso edilizio)» starebbe il reato di concussione. In seguito, avendo saputo che Cabras «di sua iniziativa si era discostato dalle indicazioni impartitegli dal direttore dei lavori Alessandra Piras non inviando una relazione tecnica alla Procura della Repubblica, lo minacciò di fargli perdere il posto di lavoro». Per la Asara a quel punto «si creò un apparato (quello che coinvolge gli altri imputati ndc) con la finalità di mettere una pezza nell’abuso edilizio già esistente».

  1. dicembre 10, 2019 alle 11:02 PM

Rispondi a sabina rocca Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: