Home > difesa del territorio, giustizia, paesaggio, pianificazione, sostenibilità ambientale > In Tribunale la “casetta dell’onorevole”, a Castiadas.

In Tribunale la “casetta dell’onorevole”, a Castiadas.


Castiadas, cartello sequestro preventivo

Castiadas, cartello sequestro preventivo

Il 10 ottobre 2014 si aprirà davanti al Tribunale di Cagliari il dibattimento penale relativo alla realizzazione di una villona nelle campagne di Castiadas a carico dell’on.Eugenio Murgioni, già consigliere regionale (prima P.d.L., poi F.d.I.) e già sindaco (fino a poco tempo fa vice-sindaco) di Castiadas per rispondere delle accuse (falso, abuso d’ufficio, abusi edilizi) formulate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari (p.m. Daniele Caria). Indagato anche il responsabile dell’Ufficio tecnico comunale Giuseppe Farris. Così ha deciso il G.U.P. del Tribunale di Cagliari Giampaolo Casula al termine dell’udienza preliminare. La villa, senza dubbio di sensibili dimensioni, è stata realizzata nel corso di questi ultimi anni fra campagne e macchie mediterranee nella località Sitò – Genna Spina del Comune di Castiadas ed è risultata parzialmente non autorizzata sotto il profilo paesaggistico. Con ordinanza G.I.P. del Tribunale di Cagliari del 17 ottobre 2012 (procedimento penale n. 12824/2009) era stata nuovamente posta sotto sequestro preventivo su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari.  Già nel giugno 2010 il G.I.P. Simone Nespoli aveva concesso, sempre su richiesta della Procura della Repubblica di Cagliari, il sequestro preventivo dell’immobile, in seguito (ottobre 2010) dissequestrato in sede di appello dal Tribunale del riesame di Cagliari. La struttura residenziale, all’apparenza molto ben rifinita e pregevole, risulterebbe autorizzata come semplice “casa agricola”, secondo le segnalazioni pervenute alle Associazioni ecologiste.

Castiadas, villa posta sotto sequestro preventivo

Castiadas, villa posta sotto sequestro preventivo

In proposito le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra avevano inoltrato una specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale e di adozione degli opportuni provvedimenti (2 dicembre 2009) alle varie amministrazioni pubbliche competenti (fra cui il Servizio Governo del territorio e tutela paesaggistica di Cagliari, la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di Cagliari, il Corpo forestale e di vigilanza ambientale e la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari). Numerose altre contestazioni sarebbero state mosse – dopo le indagini del Corpo forestale e di vigilanza ambientale – nei confronti dell’on. Murgioni, fra cui quelle concernenti ipotesi di reato di falso, di violazione di norme di tutela paesaggistica e urbanistiche. Da quanto acquisito risulta che l’ultima variante in corso d’opera (per la quale è stata rilasciata concessione edilizia n. 15 del 4 marzo 2009) abbia comportato modifiche nei prospetti e nelle falde del tetto (dichiarazione del responsabile del Servizio urbanistica del Comune di Castiadas n. 3178 del 19 novembre 2009) rispetto alle precedenti concessioni edilizie, mai precedute da autorizzazioni paesaggistiche.    In merito la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di Cagliari “con nota n. 4249 del 22/12/2009 ha già inoltrato formale richiesta di chiarimenti” al Comune di Castiadas “ed è tuttora in attesa di riscontro”. Singolarmente le prime autorizzazioni di tipo urbanistico (n. 10 del 27 febbraio 2022, n. 51 del 17 novembre 2005, n. 12 del 6 aprile 2007) non sono state precedute da autorizzazioni paesaggistiche pur essendo presente in zona la macchia mediterranea in quanto “l’area in esame non risultava sottoposta a tutela paesaggistica, in quanto esterna alla perimetrazione bosco/macchia mediterranea” indicata dal piano urbanistico comunale – P.U.C. (allegato 6, tavola B2). Il prossimo 10 ottobre 2014 sarà l’occasione per fare chiarezza sulle accuse.

Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

  L'Unione Sarda, 24 maggio 2014 (foto per conto GrIG)

Annunci
  1. luglio 31, 2014 alle 10:09 pm

    A.N.S.A., 31 luglio 2014
    Fondi Sardegna: arrestato Murgioni (Fp).
    Procura Cagliari contesta spese non giustificate per 40mila euro. (http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2014/07/31/fondi-sardegna-arrestato-murgioni-fp_1d531140-72c6-4fc6-ba3e-35dcec408750.html)

    CAGLIARI, 31 LUG – L’ex consigliere regionale di Fortza Paris, Eugenio Murgioni, 60 anni, è stato arrestato dai carabinieri per peculato nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Cagliari sullo scandalo dei fondi ai gruppi della XIII legislatura. Non eletto alle Regionali del febbraio scorso, è stato fermato al termine del Consiglio comunale di Castiadas, dove è consigliere, e trasferito nel carcere di Buoncammino. La Procura gli contesta spese non giustificate per 43mila euro quando era nel Gruppo Misto.

    ____________________________________________

    da L’Unione Sarda, 31 luglio 2014
    Fondi gruppi, arrestato ex consigliere Murgioni. Contestate spese per un valore di 43mila euro: http://www.unionesarda.it/articolo/politica_italiana/2014/07/31/fondi_ai_gruppi_arrestato_eugenio_murgioni_contestate_spese_per_un_valore_di_40mila_euro-1-380456.html

    ____________________________________________

    da La Nuova Sardegna, 31 luglio 2014
    Fondi dei gruppi regionali, arrestato Eugenio Murgioni.
    La procura di Cagliari contesta all’ex consigliere di Fortza Paris spese non giustificate per 40mila euro: http://lanuovasardegna.gelocal.it/cagliari/cronaca/2014/07/31/news/fondi-dei-gruppi-regionali-arrestato-eugenio-murgioni-1.9687872

  2. agosto 4, 2014 alle 10:02 pm

    da Sardinia Post, 4 agosto 2014
    Murgioni ai domiciliari. Un ‘premio’ dopo l’interrogatorio di 4 ore: http://www.sardiniapost.it/politica/fondi-gruppi-murgioni-domiciliari-era-arrestato-giovedi/

  3. settembre 19, 2014 alle 5:09 pm

    da CagliariPad, 19 settembre 2014
    L’ex consigliere Murgioni pronto a restituire 43mila euro.
    La procura gli contesta circa 43 mila euro di fondi destinati al Gruppo consiliare, ma spesi secondo l’accusa per ragioni non istituzionali. I legali hanno chiesto anche la revoca dei domiciliari: http://www.cagliaripad.it/news.php?page_id=11398

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: