Home > beni culturali, coste, difesa del territorio, escursioni guidate, paesaggio > Escursioni di primavera sulla Sella del Diavolo!

Escursioni di primavera sulla Sella del Diavolo!


Cagliari, la Sella del Diavolo si protende verso il Golfo degli Angeli

Cagliari, la Sella del Diavolo si protende verso il Golfo degli Angeli

Purtroppo fra le tante vittime della crisi economica quest’anno c’è anche la Settimana della Cultura, ma noi naturalmente non ci fermiamo.

Le associazioni ecologiste Amici della TerraGruppo d’Intervento Giuridico propongono due escursioni di primavera sul sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo (Cagliari) per sabato 13 e domenica 14 aprile 2013, con partenza alle ore 10.00 dal Piazzale di Cala Mosca.

Ai partecipanti sarà distribuito un piccolo dono.

Il sentiero naturalistico ed archeologico della Sella del Diavolo, operativo da ben dieci anni e promosso delle associazioni ecologiste Amici della TerraGruppo d’Intervento Giuridico, è uno dei pochi “gioielli” naturalistici e culturali di Cagliari ad esser fruibile tutto l’anno.

Sono ormai oltre 10 mila gli escursionisti accompagnati dalle guide ecologiste a conoscere questo splendido gioiello ambientale e culturale del Mediterraneo.

Cagliari, Sella del Diavolo, escursione durante le Giornate europee del Patrimonio

Cagliari, Sella del Diavolo, escursione durante le Giornate europee del Patrimonio

Non solo.  Spesso e volentieri è stato inserito in manifestazioni pubbliche nazionali e internazionali, quali la Settimana della Cultura e le Giornate europee del Patrimonio, con la partecipazione di centinaia di escursionisti, nonché decine e decine di escursioni guidate per scuole e studenti di ogni ordine e grado, sempre con grande successo di pubblico e mai con il benché minimo incidente di qualsiasi natura.

Infatti, il sentiero dai pallini verdi non conduce alle aree di demanio marittimo oggetto dell’ordinanza della Capitaneria di Porto di Cagliari n. 47 del 30 luglio 1987 , integrata dalla successiva n. 48 del 4 agosto 1987, che inibisce l’accesso al litorale posto alla base della Sella del Diavolo a causa di frane.

Cagliari, Sella del Diavolo, studenti tedeschi e cagliaritani in escursione

Cagliari, Sella del Diavolo, studenti tedeschi e cagliaritani in escursione

A breve (si spera) saranno posti in essere modesti interventi per limitare l’accesso ai punti effettivamente pericolosi del promontorio, alla cui individuazione le associazioni ecologiste Amici della TerraGruppo d’Intervento Giuridico hanno offerto la massima collaborazione.

Il sentiero è stato predisposto a proprie spese dalle associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico grazie alla collaborazione del Comando Militare autonomo della Sardegna e del Comando Militare Marittimo autonomo in Sardegna, titolari dell’area demaniale militare della Sella del Diavolo.

Cagliari, Poetto e Marina Piccola dalla Sella del Diavolo

Cagliari, Poetto e Marina Piccola dalla Sella del Diavolo

Si ricorda che, fra le numerosissime escursioni guidate svolte, sono ormai parecchie quelle dedicate a studenti dei vari gradi di istruzione e di tante nazionalità, in base al programma escursionistico curato dal prof. Antonello Fruttu e dalle guide volontarie: chi fosse interessato (al pari di gruppi e comitive) può contattarci all’indirizzo di posta elettronica grigsardegna5@gmail.com.

L’appuntamento per le escursioni è sempre presso il piazzale di Cala Mosca ed è sufficiente portare un paio di calzature comode e robuste ed un po’ di voglia di camminare.

Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra

tutto quello che avete sempre voluto sapere, ma mai osato chiedere sulla Sella del Diavolo lo trovate qui: http://selladeldiavolo.wordpress.com.

pannello del sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo

pannello del sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo

(foto S.D., archivio GrIG)

  1. max
    aprile 9, 2013 alle 10:06 am

    colgo l’occasione x chiedere un parere autorevole ( lo dico sinceramente) a deliperi; e’ possibile che in italia ( ma x certi versi ancor + x le regioni a statuto speciale e trentino a.a.-sud tirol docet) la regione sardegna ( da sempre) non sia in grado di attrarre con una politica di marketing turistico tramite strategie e tecniche di comunicazione che vadano al di la’di quella bella pubblicita’ anche su quotidiani nazionali di 3/4 anni fa’) almeno 6 mesi l’anno, attuando anche convenzioni con i trasporti?
    la sardegna e’un microcontinente circondato da isole dove c’e’ solo l’imbarazzo della scelta sotto il profilo enogastroculturambientpaesagnaturaleclimatecc.
    e bisogna accontentare tutti; i naif , i “normali” ed anche i cafoni arricchiti che magari portano soldi ai quali occorre fornire hotel e servizi adeguati equamente distribuiti su tutto il territorio ( cioe’non solo in gallura x capirci mentre nel sulcis si mangiano il carbone o l’alluminio).
    sappiamo tutti che si possono fare le cose x bene ( quando si va in trentino a.a.-sud tirol si vedono splendidi hotel inseriti in un contesto incantevole).
    xche’ tutto questo non e’ possibile in sardegna? coasa impedisce di varare una legge regionale che approvi l’edificazione di hotel ( solo hotel) e che preveda l’utilizzo solo di materiali locali, con architettura quanto + compatibile con l’ambiente anche sotto il profilo storico, con maestranze locali durante e dopo . tutto questo genera inconfutabilmente benessere xche’ crea INDOTTO. xche’ in sardegna pare che cosi’ non sarebbe o sara’?
    la prego mi informi.
    grazie

  2. Shardana
    aprile 10, 2013 alle 4:18 PM

    Mi scusi conte Mac,in sardegna più che di un’operazione di marketing ci vorrebbe un’operazione di pulizia….pulizia in tutti i sensi a partire dalla gran parte di esponenti della classe politica che oramai collusi in ogni tipo di abominio e abuso ci stanno trascinando in un vortice di disperazione dal quale sarà difficile uscire…La sardegna cade a pezzi e invece di percorsi alternativi a quello distruttivo,che ha lasciato solo fame ,cancro e discariche tossiche si parla ancora di fabbriche dei veleni.La sardegna è che ci piaccia o no,una discarica a cielo aperto,finiamola di pubblicizzarla come un paradiso e impieghiamo la gente nel ripulir la.Eserciti di operatori ecologici contro gli eserciti della guerra.SCIRARINDI

  3. aprile 14, 2013 alle 10:14 PM

    da Sardegna Oggi, 8 aprile 2013
    Il 13 e 14 aprile un week end di escursioni sulla Sella del Diavolo: http://www.sardegnaoggi.it/Costume/2013-04-08/21349/Il_13_e_14_aprile_un_week_end_di_escursioni_sulla_Sella_del_Diavolo.html

  1. aprile 9, 2013 alle 6:52 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: