Home > difesa del territorio, giustizia, paesaggio > Nuovamente sotto sequestro preventivo la “casetta dell’onorevole” a Castiadas.

Nuovamente sotto sequestro preventivo la “casetta dell’onorevole” a Castiadas.


Castiadas, cartello sequestro preventivo

Castiadas, cartello sequestro preventivo

Con ordinanza G.I.P. del Tribunale di Cagliari del 17 ottobre 2012 (procedimento penale n. 12824/2009) è stata nuovamente posta sotto sequestro preventivo su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari (p.m. Daniele Caria) la  villona dell’on. Eugenio Murgioni, consigliere regionale (PdL) e già sindaco (fino a poco tempo fa vice-sindaco) di Castiadas (CA).

La villa, senza dubbio di sensibili dimensioni, è stata realizzata nel corso di questi ultimi anni fra campagne e macchie mediterranee nella località Sitò – Genna Spina del Comune di Castiadas ed è risultata parzialmente non autorizzata sotto il profilo paesaggistico

Infatti, l’ultima variante in corso d’opera (per la quale è stata rilasciata concessione edilizia n. 15 del 4 marzo 2009) ha comportato modifiche nei prospetti e nelle falde del tetto (dichiarazione del responsabile del Servizio urbanistica del Comune di Castiadas n. 3178 del 19 novembre 2009) rispetto alle precedenti concessioni edilizie, mai precedute da autorizzazioni paesaggistiche.

Castiadas, villa posta sotto sequestro preventivo

Castiadas, villa posta sotto sequestro preventivo

In merito la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di Cagliari “con nota n. 4249 del 22/12/2009 ha già inoltrato formale richiesta di chiarimenti” al Comune di Castiadas “ed è tuttora in attesa di riscontro”.

Singolarmente le prime autorizzazioni di tipo urbanistico (n. 10 del 27 febbraio 2022, n. 51 del 17 novembre 2005, n. 12 del 6 aprile 2007) non sono state precedute da autorizzazioni paesaggistiche pur essendo presente in zona la macchia mediterranea in quanto “l’area in esame non risultava sottoposta a tutela paesaggistica, in quanto esterna alla perimetrazione bosco/macchia mediterranea” indicata dal piano urbanistico comunale – P.U.C. (allegato 6, tavola B2).

Castiadas, cantiere villa in costruzione (2009)

Castiadas, cantiere villa in costruzione (2009)

Già nel giugno 2010 il G.I.P. Simone Nespoli aveva concesso, sempre su richiesta della Procura della Repubblica di Cagliari, il sequestro preventivo dell’immobile, in seguito (ottobre 2010) dissequestrato in sede di appello dal Tribunale del riesame di Cagliari.

Ora il nuovo provvedimento di sequestro preventivo.

La struttura residenziale, all’apparenza molto ben rifinita e pregevole, risulterebbe autorizzata come semplice “casa agricola”, secondo le segnalazioni pervenute alle Associazioni ecologiste.

Numerose altre contestazioni sarebbero state mosse – dopo le indagini del Corpo forestale e di vigilanza ambientale – nei confronti dell’on. Murgioni, fra cui quelle concernenti ipotesi di reato di falso, di violazione di norme di tutela paesaggistica e urbanistiche e di ricettazione riguardo lastre di granito che parrebbero provenienti dalle storiche carceri di Castiadas.

Indagato anche il responsabile dell’Ufficio tecnico comunale Giuseppe Farris.

Cisto (Cistus)

Cisto (Cistus)

In proposito le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra avevano inoltrato una specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale e di adozione degli opportuni provvedimenti (2 dicembre 2009) alle varie amministrazioni pubbliche competenti (fra cui il Servizio Governo del territorio e tutela paesaggistica di Cagliari, la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di Cagliari, il Corpo forestale e di vigilanza ambientale e la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari).

Si attendono gli ulteriori sviluppi.

Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico

macchia meditarranea (ginestre, olivastri, cisto)

macchia meditarranea (ginestre, olivastri, cisto)

(foto per conto GrIG, S.D., archivio GrIG)

  1. gennaio 16, 2013 alle 2:38 PM

    e asfodeli, o mi sbaglio? scusate ma è una vita che non li vedo dal vivo…

    • sergio
      gennaio 18, 2013 alle 12:09 PM

      Si, asfodeli e sulla destra anche un’euphorbia.

      • gennaio 18, 2013 alle 3:26 PM

        vi riferite alla foto in chiusura dell’articolo? Sì, c’è anche l’Asfodelo e un’Euforbia. In Sardegna ci sono in molte parti dell’Isola, per fortuna.

  2. gennaio 16, 2013 alle 2:59 PM

    DA ABBATTERE!!!

    • Giovanni
      gennaio 17, 2013 alle 10:47 am

      e anche immediatamente!

  3. gennaio 16, 2013 alle 3:03 PM

    da Casteddu online, 16 gennaio 2013
    Sequestrata la super villa di Eugenio Murgioni, altri due gli indagati: http://www.castedduonline.it/sequestrata-super-villa-eugenio-murgioni-altri-due-indagati

    da CagliariPad, 16 gennaio 2013
    “Da casa agricola a villona tra le campagne di Castiadas”, sequestrata la tenuta di Murgioni.
    Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento giuridico e Amici della Terra denunciano gli interventi fatti “parzialmente senza autorizzazione paesaggistica” dall’ex sindaco del paese del Sarrabus, ora consigliere regionale Pdl: http://www.cagliaripad.it/news.php?page_id=925

  4. gennaio 17, 2013 alle 3:03 PM

    da La Nuova Sardegna, 17 gennaio 2013
    Murgioni e la villa abusiva: il pm chiederà il giudizio. (http://www.regione.sardegna.it/documenti/1_231_20130117085547.pdf) Castiadas, chiusa l’inchiesta giudiziaria per ricettazione, falso e abusi edilizi Sequestrato l’edificio, indagati anche il progettista e il capo dell’ufficio tecnico. (Mauro Lissia)

    CASTIADAS. È ancora una volta sotto sequestro preventivo la megavilla da ventidue stanze costruita dal consigliere regionale ed ex sindaco di Castiadas, Eugenio Murgioni, a Sitò-Genna Spina: la Corte di Cassazione ha annullato la revoca del provvedimento firmato dal gip Simone Nespoli su richiesta del pm Daniele Caria a giugno del 2010 da parte dei giudici del riesame. Di conseguenza circa un mese fa i forestali hanno apposto i sigilli a tutti gli ingressi, Murgioni non potrà più entrare nella casa dove sostiene di abitare. Il difensore Leonardo Filippi ha già ricorso ancora ai giudici della Cassazione contro il sequestro. Nel frattempo il pm Caria ha chiuso l’inchiesta e si prepara a chiedere il rinvio a giudizio di Murgioni con le accuse di ricettazione, falso in atti pubblici e abusi edilizi. Con Murgioni sono indagati anche il progettista della villa Sandro Lobina e il responsabile dell’ufficio tecnico di Castiadas Giuseppe Farris: l’accusa è di concorso nei reati di falso e abusi edilizi, niente a che fare con la ricettazione. L’indagine sulla sua residenza di campagna era nata da un esposto anonimo cui è seguita una richiesta di documenti presentata dal Gruppo di Intervento giuridico, poi trasmessa anche alla Procura. Al centro dell’indagine un’autocertificazione firmata da Murgioni e documenti in base ai quali l’ufficio tecnico comunale avrebbe dato il via libera alla costruzione della casa. Non una casa qualsiasi ma un buen retiro d’alto bordo: oltre duecento metri quadrati per ognuno dei due piani, con telecamere di sicurezza a circuito chiuso, rifiniture extralusso e materiali preziosi, forse anche lastroni prelevati dal vecchio carcere di Castiadas. Stando al rapporto del Corpo Forestale per costruire la residenza Murgioni avrebbe beneficiato di norme del piano urbanistico riferite a quell’area approvate dalla sua stessa giunta comunale. Non solo: per poter godere delle agevolazioni fiscali sulla prima casa Murgioni avrebbe dichiarato in un’autocertificazione di abitarci. Nello stesso documento il consigliere regionale precisa che si tratta di un’abitazione «non di lusso». Murgioni avrebbe poi beneficiato della legge che agevola la costruzione di piccoli edifici per gli agricoltori dichiarandosi produttore vitivinicolo, malgrado la norma riguardi solo chi ricava due terzi del proprio reddito personale dall’attività agricola. Murgioni avrà ora venti giorni di tempo per farsi interrogare dal magistrato e per produrre documenti e memorie difensive.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: