Home > "altri" animali, caccia > Approvato dal Comitato faunistico regionale il calendario venatorio sardo 2011-2012.

Approvato dal Comitato faunistico regionale il calendario venatorio sardo 2011-2012.


Questa mattina il Comitato faunistico regionale ha approvato il calendario venatorio regionale 2011-2012. Successivamente dovrà esser promulgato con specifico decreto assessoriale e poi pubblicato sul B.U.R.A.S.

Il nostro rappresentante nel Comitato faunistico regionale, Paolo Fiori, ha proposto la sospensione della caccia alla Pernice sarda e alla Lepre in virtù dei dati forniti dall’I.S.P.R.A. e dall’Università di Pavia che danno le due specie in costante declino (in particolar modo la Lepre).  Tuttavia, la proposta non è stata accolta. Rispetto al calendario venatorio regionale 2010-2011 sembra un calendario “meno peggiore”, ma faremo valutazioni più approfondite.

Gruppo d’Intervento Giuridico, Lega per l’Abolizione della Caccia, Amici della Terra

da www.regione.sardegna.it, 6 luglio 2011

Caccia: approvato calendario venatorio 2011/2012.

Tra le novità nelle prescrizioni approvate dal Comitato anche la possibilità d’uso del fucile a canna rigata, mentre rimane l’obbligo per i cacciatori e i battitori dell’uso del giubbino ad alta visibilità durante l’esercizio dell’attività venatoria con l’obiettivo di cercare di evitare gli incidenti durante la caccia.
CAGLIARI, 6 LUGLIO 2011 – Il Comitato Regionale Faunistico, presieduto dall’assessore regionale della Difesa dell’Ambiente, Giorgio Oppi ha approvato nella seduta odierna il calendario Venatorio 2011/2012.
Di seguito, le specie cacciabili e i relativi periodi di caccia:
– Tortora, nei giorni 1 e 4 settembre alla posta e senza l’uso del cane per l’intera giornata.
– Pernice sarda e lepre sarda, nei giorni 18 e 25 settembre, 2 e 9 ottobre 2011, anche in forma vagante e con l’uso del cane sino alle ore 14 con la limitazione di 2 capi.
– Coniglio selvatico, volpe, allodola, alzavola, beccaccia, beccaccino, cesena, codone, colombaccio, cornacchia grigia, fischione, folaga, frullino, gallinella d’acqua, germano reale, ghiandaia, merlo, mestolone, moretta comune, moriglione, pavoncella, porciglione, quaglia, tordo bottaccio, tordo sassello, tortora nei giorni 18 e 25 settembre, 2 e 9 ottobre 2011 anche in forma vagante e con l’uso del cane per l’intera giornata, dal 13 ottobre 2011 al 31 gennaio 2012 nei giorni di domenica, giovedì e festivi infrasettimanali, anche in forma vagante e con l’uso del cane.
– Cinghiale, nei giorni 6, 13, 20 e 27 novembre 4, 8, 11, 18 e 26 dicembre 8, 15, 22, 29, gennaio anche con il sistema della battuta e con l’uso della munizione a palla unica.
Per quanto riguarda la caccia al tordo ci potrebbe essere una contrazione del periodo legata alle date che stabilirà la Conferenza Stato Regioni.

Coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus)

Tra le novità nelle prescrizioni approvate dal Comitato anche la possibilità d’uso del fucile a canna rigata, mentre rimane l’obbligo per i cacciatori e i battitori dell’uso del giubbino ad alta visibilità durante l’esercizio dell’attività venatoria con l’obiettivo di cercare di evitare gli incidenti durante la caccia.

decreto Ass.re reg.le Difesa Ambiente n._15556/DEC/ A/14_del_11.7.2011 -_Calendario venatorio regionale_2011-12

(vignetta di Vauro, foto L.A.C.)

  1. Pietro da Arzachena (SS)
    luglio 12, 2011 alle 7:53 pm

    cito: “Il nostro rappresentante nel Comitato faunistico regionale, Paolo Fiori, ha proposto la sospensione della caccia alla Pernice sarda e alla Lepre in virtù dei dati forniti dall’I.S.P.R.A. e dall’Università di Pavia che danno le due specie in costante declino (in particolar modo la Lepre).”

    dati ISPRA de chè?????
    Ma a chi la volete dare a bere!!!!! Non vi sono dati ISPRA sulla Lepre e e Pernice Sarda.
    Sono dati campati in aria. Ad oggi non vi è mai stato un censimento della pernice e la lepre quindi sia va per supposizioni o come nel vostro caso, per odio viscerale contro i cacciatori.
    Volevate solo mettere verdura in faccia alla gente, ma non ci siete riusciti.
    Datevi all’ippica!!!!!!

  2. paolo
    luglio 13, 2011 alle 6:17 am

    Il documento dell’Università di Pavia di aggiornamento della carta faunistica della Regione Sardegna, portato all’attenzione del comitato faunistico regionale, testualmente dice: “La situazione attuale della pernice sarda e della lepre sarda appare alquanto compromessa, in particolare per la seconda specie, in gran parte del territorio della regione. Lo studio effettuato ha evidenziato come, rispetto alle precedenti indagini, le specie siano in sostanziale diminuzione e in alcune province in modo molto marcato. Si propone, perciò, la sospensione dell’attività venatoria o in subordine l’inizio della stagione venatoria alla prima domenica di ottobre e termine alla fine dello stesso mese”.
    Anche il documento ISPRA, consegnato ai componenti del comitato, ribadisce che la pernice sarda è “rara” a livello europeo e stante così la situazione, il prelievo venatorio non dovrebbe essere consentito. Infatti, “la sola restrizione delle giornate di caccia da sola non è sufficiente, e in ogni caso il prelievo non dovrebbe essere consentito prima del primo ottobre”.
    Sulla base di questi dati, reali e non aria fritta, ho chiesto la sospensione del prelievo. Gli insulti del cacciatore fanno parte del bagaglio culturale di chi li profferisce; io non odio i cacciatori, con alcuni colleghi del comitato ho anche rapporti molto cordiali, tuttavia il cacciatore è l’unica specie del quale auspico l’estinzione.

  3. novembre 14, 2011 alle 11:02 pm

    legnata ai cacciatori e alla Regione autonoma della Sardegna 😛

    A.N.S.A., 14 novembre 2011
    Caccia: Tar Sardegna, stop doppiette per merli e allodole. Accolta richiesta sospensiva associazioni ambientaliste: http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/sardegna/2011/11/14/visualizza_new.html_639237583.html

    da L’Unione Sarda on line, 14 novembre 2011
    Sospesa la caccia a merli e allodole. Il Tar dà ragione agli ambientalisti: http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/242281

  4. francesco
    dicembre 31, 2011 alle 7:24 pm

    complimente anche quest’anno al comitato faunistico, per l’ennesima volta hanno dimostrato di essere incompetenti, vedrai che si andrà a finire con una commissione tecnica, come sta succedendo per la politica italiana……
    E’ incredibile crederci, che i rappresentanti di un comitato faunistico , non abbia mai letto la regolamentazione comunitaria…penso che sia stato tutta una manovra per far vedere che esistono gli ambientalisti…..Comunque vada, questi signori del comitato dovrebbero andare via perche si possa pensare che non sanno nemmeno leggere e noi cacciatori siamo in unn certo senso amministrati da incompetenti……..Aggiungo e finisco…sarei curioso di sapere i nominativi dei rappresentanti di questo comitato faunistico…..giurerei che la maggior parte fanno parte di associazioni ambientalistiche…quindi cosa ne puo uscire fuori…inoltre hanno tolto altre giornate di caccia…..visto che vogliono adeguarsi alla normativa comunitaria…applichiamola del tutto e dateci le giornate di cacciacome previsto in tutte le regioni……applicano norme piu restrittive senza nemmeno sapere il perche…io penso che lo facciano per far vedere che hanno studiato…ma se non sanno nemmno leggere….e comunque spero che la commissione europea sanzioni la regione sardegna e poi i signori assessori ci facciano sapere da dove hanno intenzione di prendere i soldi…..io so da dove li denono prendere li devono prendere dalle tasche del comitato faunistico……vergogna…..facciamo ridere la comunità europea……..
    Saluti a tutti e in bocca al lupo….e auguro a tutti voi un buon anno e speriamo di non trovare per l’anno nuovo questo comitato faunistico……

    • dicembre 31, 2011 alle 7:39 pm

      Francesco, i componenti “ambientalisti” del Comitato regionale faunistico sono solo 3 su 20, gli esponenti delle associazioni venatorie + altri cacciatori (rappresentanti di associazioni degli agricoltori, amministrazioni pubbliche) sono una decina. Vedi un po’ tu chi ha “peso” maggiore nelle decisioni 😉
      Buon anno!

  5. mauro
    giugno 27, 2012 alle 9:47 am

    E poi si dice regione autonoma, prendiamo esempio dalla Sicilia…

  1. agosto 29, 2011 alle 4:35 pm
  2. settembre 18, 2011 alle 8:09 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: