Home > "altri" animali, caccia > Il Consiglio di Stato sospende il calendario venatorio sardo.

Il Consiglio di Stato sospende il calendario venatorio sardo.


Merlo (Turdus merula)

 

Su ricorso di varie associazioni ambientaliste e animaliste il Consiglio di Stato, con ordinanza Sez. V, 21 dicembre 2011, n. 9460, ha disposto la sospensiva di buona parte del calendario venatorio regionale sardo riformando l’ordinanza cautelare T.A.R. Sardegna, Sez. II, 14 novembre 2011, n. 452.

Pur trattandosi di provvedimento cautelare, il peso di questo accoglimento è notevole visto il petitum del ricorso. Il calendario venatorio regionale sardo, infatti, prevede la caccia a merli e allodole fino a fine gennaio (un mese in più di quanto consentito dalla legge n. 157/1992 e s.m.i.) ed è stato emanato in assenza del parere dell’Istituto Superiore perla Protezione Ambientale – I.S.PR.A.   meno sensato appare il rilievo dell’assenza del prescritto “silenzio venatorio” per il martedi, visto che i giorni individuati per l’esercizio della caccia sono il giovedi e la domenica (oltre ai festivi, con esclusione di Natale e Capodanno). Soprattutto non  teneva in alcun conto della Guida ISPRA redatta ai sensi dell’art. 42 della legge Comunitaria 2009 (“Guida per la stesura dei calendari venatori ai sensi della legge 157/92, così come modificata dalla legge comunitaria 2009, art. 42”).

La tesi sostenuta nel ricorso (anche dall’Avvocatura di Stato) è centrata sull’individuazione della Guida I.S.PR.A. quale indicazione di criteri minimi statali per il mantenimento o il ripristino dello stato di consevazione favorevole degli uccelli selvatici (art. 1 bis della legge 157/1992 e s.m.i.) e della tutela dei loro periodi biologicamente più importanti anche attraverso il divieto assoluto di caccia (art. 18, comma 1 bis, della legge 157/1992 e s.m.i.).

L’1 febbraio 2012 è stata fissata l’udienza per la discussione sul merito del ricorso, ma è stato subito convocato il Comitato regionale faunistico per deliberare su una nuova proposta di calendario venatorio

Gruppo d’Intervento Giuridico

 

Pettirosso (Erithacus rubecula)

 

 

 

A.N.S.A., 22 dicembre 2011

Caccia: calendario sardo sospeso da Consiglio di Stato. Accolto ricorso delle associazioni ambientaliste: http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/sardegna/2011/12/22/visualizza_new.html_17390807.html

 

  1. dicembre 22, 2011 alle 5:10 PM

    Io saprei dove infilare i loro fucini a tutti i cacciatori italiani e del mondo!

  2. mara
    dicembre 22, 2011 alle 5:26 PM

    E anzichè sospendere il calendario… sospendere tutti i cacciatori????

    • urby man
      dicembre 28, 2011 alle 10:02 PM

      non capite un c…o dovete stare zitti ambientalisti di m…a

      • dicembre 28, 2011 alle 10:44 PM

        ancora una volta pubblichiamo – volutamente – un “simpatico” commento di un cacciatore.
        Ecco, questo è il livello di parecchi appartenenti al mondo venatorio. Sordi a ogni previsione di legge, ancora più sordi a ogni semplice previsione di buon senso.
        A questa gente si permette di prendere in mano un fucile carico.
        Naturalmente sono conservati gli estremi informatici di queste “gesta”. 😉

  3. massimo podda
    dicembre 24, 2011 alle 12:20 am

    poveri illusi sempliciotti la caccia è convivialita divertimento fascino ecc ecc. voi servi della gleba non potete capire asini maleducati

    • dicembre 24, 2011 alle 11:12 am

      pubblichiamo questo commento di Massimo Podda solo per far comprendere qual’è il livello di parte del mondo venatorio: si qualifica da solo e qualifica da solo quelli come lui.
      Inoltre, avere un fucile carico in mano non li migliora certo.

  4. massimo podda
    dicembre 24, 2011 alle 12:24 am

    Buffera solo momentanea… la caccia è nuovamente aperta… crepate ambientalisti dei miei stivali, che non sapete neanche cosa voglia dire proteggere l’ambiente e la fauna.

    • dicembre 24, 2011 alle 11:10 am

      vedi, Massimo, l’unica “buffera” è quella che hai provocato tu sulla lingua italiana 😉
      Buon Natale e, soprattutto, buona caccia!

  5. dicembre 24, 2011 alle 11:08 am

    da L’Unione Sarda di oggi, 24 dicembre 2011, si apprende che il Comitato faunistico regionale ha deliberato il nuovo calendario venatorio 2011-2012.
    Alcune importanti novità:

    * chiusura anticipata della stagione venatoria al 30 gennaio 2012;
    * chiusura anticipata della caccia al Tordo, Beccaccia, Beccaccino, Cesena, Merlo.

    La stagione venatoria 2011-2012 è, così, “amputata”. 😛

    da L’Unione Sarda, 24 dicembre 2011
    Caccia, chiusura anticipata: è bufera. Doppiette in rivolta per la decisione: http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/247721

    • mara
      dicembre 24, 2011 alle 11:20 am

      BUONA CACCIA! a massimo podda

  6. Angelo
    dicembre 26, 2011 alle 12:03 PM

    da sardo…avrei piacere che ….i “personaggi” come il quì presente commentatore e i suoi compari tutori dell’ambiente e della fauna si estinguessero…ma adesso che ci penso ogni stagione sono smpre meno..uno scivolone..uno scambio di preda e il gioco è fatto….che vergogna che fate al popolo sardo!!!!

  7. lorenza
    dicembre 26, 2011 alle 1:52 PM

    massimo podda che per essere qualcuno deve avere in mano un fucile….mi fa pena

  8. dicembre 30, 2011 alle 2:44 PM

    ecco la “chiusura” della stagione venatoria 2011-2012.

    Decreto Assessore Difesa Ambiente R.A.S. n. 44 del 23 dicembre 2011 “Prosecuzione attività venatoria gennaio 2012”: http://www.regione.sardegna.it/documenti/1_5_20111229102337.pdf (pag. 19)

  9. gennaio 2, 2012 alle 10:30 PM

    ridicoli, soltanto ridicoli.

    da L’Unione Sarda on line, 2 gennaio 2011
    Cagliari, la “rivolta delle doppiette”. In piazza contro modifica del calendario. Cacciatori in piazza, mercoledì 4 gennaio a Cagliari, per protestare in seguito alla modifica del calendario venatorio della Sardegna: http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/248324

  10. mara
    gennaio 2, 2012 alle 11:08 PM

    Sciopero dei cacciatori è una notizia bellissima! E se nella fausta occasione i piccioni in piazza seppellissero le doppiette con una defecatio collettiva? Basterebbe un passa-parola volante…

  11. Massimo Podda
    gennaio 5, 2012 alle 9:11 am

    ciao gruppodin, guarda il primo commento di sig. cordialdo, lui si che è un signore eh… o la signora mara che vuole seppellire di …. i cacciatori, o meglio sig. angelo che augura a noi cacciatori sardi di morire in incidenti di caccia.
    Signori, vi commentate da soli….

    Saluti Massimo Podda.

    PS a vostra disposizione se volete vivere una giornata di caccia vi porto volentieri, così capite prima di parlare.

  12. lulli
    gennaio 5, 2012 alle 10:40 am

    i cacciatori non si rendono proprio conto di quanta paura, rabbia ed esasperazione creano quando sei a fare una gita in un bosco e capiti in mezzo a una battuta di caccia, a me è successo e dentro una foresta demaniale dove la caccia non ci dovrebbe essere proprio! allora il pensiero più gentile che ti viene in mente verso questi “gentiluomini” con il fucile carico è quello di prenderli tutti a calci nel sedere. Massimo, non te la prendere ma prova a metterti nei panni di tutti quelli che a caccia non ci vanno e siamo l’enorme maggioranza!

  13. Martincross
    gennaio 17, 2012 alle 9:56 PM

    Cari ambientalisti che idee sbagliate avete sulla caccia non capite proppio niente di cosa voglia dire praticare la caccia…… mi fatte solo ridere…. oltre tutto son convinto che se vi porterebbero un bel vassoio con un po di tordi bollitti pronti con le foglie di mirto non li mangiate vero! ma và! siete solo buoni a criticare un arte che esiste da generazioni e generazioni….

    • gennaio 17, 2012 alle 10:11 PM

      che se li portavano, a noi, “i tordi bolliti con le foglie di mirto”, te li tiravamo in sa conca 😛
      anche la faida esiste da generazioni e generazioni e non per questo è da chiamare “arte” e da glorificare.
      Martincross, non te la prendere se non ti diamo retta e, soprattutto, non sparare pallettoni anche sulla lingua italiana…

  14. Martincross
    gennaio 17, 2012 alle 11:58 PM

    oh gopà io comunque dico che a parole, dirette tutti di no ma se ve li metto davanti son convinto che vi mangerete anche il becco……. Vi ricordo che la caccia esiste dalla creazione della vita sulla terra, e che esiste preda e predatore non capisco perchè voi vogliate cambiare le cose non stiamo mica uccidendo specie in via di estinzione……. e poi io pallettoni non ne sparo uso solo cartucce a palla unica sono un cacciatore che rispetta le leggi e l ambiente…..

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: